Protocollo sperimentale per produzione di biodiesel con isolamento di Alkenones come coprodotti da Commercial

Environment
 

Summary

Metodi dettagliati sono presentati per la produzione di biodiesel con il co-isolamento alkenones come coprodotti preziosi microalghe commerciale Isochrysis.

Cite this Article

Copy Citation | Download Citations

O'Neil, G. W., Williams, J. R., Wilson-Peltier, J., Knothe, G., Reddy, C. M. Experimental Protocol for Biodiesel Production with Isolation of Alkenones as Coproducts from Commercial Isochrysis Algal Biomass. J. Vis. Exp. (112), e54189, doi:10.3791/54189 (2016).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

La necessità di sostituire i combustibili derivati ​​dal petrolio con alternative da fonti rinnovabili ecosostenibili e più è di crescente importanza. biocarburanti derivati ​​da biomassa hanno guadagnato una notevole attenzione a questo proposito, tuttavia biocarburanti di prima generazione da colture commestibili come l'etanolo di mais o di soia biodiesel sono in genere caduto in disgrazia. Vi è quindi grande interesse per lo sviluppo di metodi per la produzione di combustibili liquidi da fonti non commestibili domestici e superiori. Qui si descrive una procedura dettagliata per la produzione di un biodiesel purificato dalla microalga Isochrysis marino. Inoltre, una suite unica di lipidi polinsaturi conosciuti come alkenones a catena lunga sono isolati in parallelo, come coprodotti potenzialmente preziose per compensare i costi di produzione di biodiesel. Quantità Multi-chilogrammo di Isochrysis vengono acquistati da due fonti commerciali, uno come pasta umida (80% di acqua) che viene prima essiccati prima della lavorazione, e il otlei una polvere macinata secca (95% secco). I lipidi sono estratti con esano in un Soxhlet per produrre un olio algale ( "olio esano algale") contenente sia i grassi tradizionali (cioè, trigliceridi, 46-60% w / w) e alkenones (16-25% w / w). Saponificazione dei trigliceridi nel olio algale permette la separazione delle risultanti acidi grassi liberi (FFA) da lipidi neutri alkenone contenenti. FFAs vengono poi convertiti in biodiesel (ad esempio, acidi grassi esteri metilici, fames) per esterificazione l'acido-catalizzata mentre alkenones sono isolate e purificate dai lipidi neutri di cristallizzazione. Abbiamo dimostrato che il biodiesel da entrambe le biomasse commerciali Isochrysis hanno profili FAME simili ma non identici, caratterizzato da elevati contenuti di acidi grassi polinsaturi (circa il 40% w / w). I rendimenti di biodiesel sono stati costantemente più elevato quando a partire dalla pasta umida Isochrysis (12% w / w contro 7% w / w), che possono essere ricondotti a minori quantità di esano alghe oil ottenuto dal prodotto Isochrysis polvere.

Introduction

C'è stata recentemente una grande rinascita di interesse per biocarburanti da alghe, in particolare per la produzione di combustibili liquidi come il biodiesel 1 e altri oli derivati ​​da biomassa. 2 vantaggi proposte comprendono la prevenzione di alcuni alimenti rispetto a controversie di carburante 3 e produttività riferito superiori e le capacità di CO 2 di mitigazione di colture agricole tradizionali. 4 Questo segue i quasi 20 anni United States Department of Aquatic Specie Programma di Energia (ASP) ha iniziato nel 1978 con lo scopo di indagare carburante per il trasporto dalle alghe. Come indicato nella relazione di Sheehan, 5 il programma si è concluso nel 1996, soprattutto a causa dei costi prospettati non erano competitivi con il petrolio greggio in quel momento ($ 18,46 al barile (159 L)). Mentre il costo del petrolio è aumentato drammaticamente da allora (87,39 $ al barile nel 2014) 6, che è collegato alla rinascita nella ricerca di biocarburanti algali, alcuni have sostenuto che comunque biocarburanti algali si rivelerà troppo costoso. 7 Come una strategia per compensare i costi di produzione di biocarburanti, la nozione di coprodotti a valore aggiunto è emerso sia tra i critici 7,8 e 9,10 proponenti e funzioni come una delle ragioni principali per perseguire biocarburanti algali del Dipartimento dell'energia degli Stati Uniti (DOE) "National algali biocarburanti Technology Roadmap". 11

Qui si descrive un metodo per la coproduzione di due flussi di combustibile separati da microalghe commerciale Isochrysis. Ci siamo concentrati su Isochrysis in parte perché è già prodotto industrialmente, raccolti per scopi di maricoltura, e anche perché Isochrysis è uno dei pochi specie di alghe che oltre ai lipidi tradizionali (ad esempio, acidi grassi) biosynthesize una classe unica di composti noto come polinsaturi alkenones catena lunga. 12 strutture Alkenone sono caratterizzati da l catene idrocarburiche ong (36-40 atomi di carbonio), da due a quattro non-metilene legami interrotti -double trans, e un metile o etile chetone (Figura 1). Alkenone insaturazione è sensibile alla temperatura crescente alghe, 13,14 tale che la proporzione del biinsaturo alkenone metil C37 (il cosiddetto "indice di insaturazione") può essere utilizzato come proxy temperature superficiali ultimi 15 -. 20 Alkenones sono pensato di risiedere in corpi lipidici citoplasmatici e può essere più abbondante di trigliceridi (TAG). 21,22 sotto azoto o la limitazione di fosforo, fino al 10-20% di carbonio delle cellule in fase stazionaria è accumulato come alkenones. 23,24 Dal punto di vista evolutivo, alkenones potrebbe essere stata favorita rispetto TAG perché la loro geometria trans legame -double fornisce una forma più stabile di immagazzinamento di energia. 21

189fig1.jpg "/>
Figura 1. Strutture di polinsaturi alkenones a catena lunga alkenone Comune metile. 37: 3 isolati da Isochrysis esemplificando lunghezze di catena lunga di idrocarburi (36 - 40 atomi di carbonio), trans non metilene interrotti doppi legami, e che termina in un metile o etil chetone. Nomenclatura è simile agli acidi grassi dove #: # si riferisce a numero di atomi di carbonio:. Numero di doppi legami prega di cliccare qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Noi sosteniamo che alkenones rappresentano una promettente materie prime rinnovabili di carbonio da un'alga comune con una storia di coltivazione industriale. 25 biodiesel prodotto direttamente dall'estratto lipidico totale di Isochrysis contiene una quantità significativa (10-15% w / w) di alkenones e contaminazione da questi composti ad alta fusione si traduce in scarse proprietà del combustibile di flusso freddo. Tuttavia, utilizzando tegli tecniche saponificazione / estrazione qui descritte, alkenones può essere rimosso e recuperato migliorando così la qualità biodiesel mentre produce una corrente di prodotto secondario. Recentemente abbiamo dimostrato la conversione di alkenones ad un combustibile liquido mediante cross-metatesi con 2-butene (butenolysis). 26 La reazione butenolysis impiega un rutenio commerciale di metatesi-iniziatore, avviene rapidamente a bassa temperatura, e pulito fornisce una miscela prevedibile di carburante idrocarburi gamma. Questa reazione viene effettuata in parallelo con la sintesi di biodiesel da acidi grassi, che rappresentano i primi passi verso un approccio di "bioraffineria" 27 per la produzione di biocarburanti Isochrysis commercialmente valido.

Protocol

1. Le microalghe e biomassa Preparazione

Nota: Il marine microalghe Isochrysis sp. "T-iso" utilizzato in questo studio può essere acquistato (vedi elenco dei materiali). Quantità Multi-chilogrammo di Isochrysis possono essere acquistati come una pasta umida congelata (Iso -paste) contenente circa 80% di acqua e il 20% della biomassa, ed è verde scuro quasi nero / colore con un odore pungente odore del mare. Isochrysis può anche essere acquistato come un luogo asciutto (95% secco) di colore giallo-marrone in polvere (Iso -powder) con un odore simile.

  1. Al fine di asciugare la pasta Isochrysis, aprire un pacchetto di 1 kg, tagliando un 1 - 2 pollici buco in un angolo del packaging in plastica con le forbici.
  2. Comprimere circa 300 g di questa Isochrysis pasta attraverso il foro in 150 mm x 75 mm cristallizzando piatto per creare un sottile strato (~ 20 mm).
  3. Lasciare la pasta ad asciugare a temperatura ambiente fino a quando diventa secca e squamosa (tipicamente, 48 -96 ore).
    Nota: tempi di asciugatura effettivi possono variare e dipendono dalla temperatura. Tuttavia, nessuna differenza è stata notata nei rendimenti o la qualità dei prodotti con tempi di asciugatura ancora più lunghi (fino a due settimane). Il processo di essiccazione può essere resa più uniforme e / o accelerata posizionando il piatto di cristallizzazione su una piastra calda (30 - 40 ° C).
  4. Raschiare la biomassa secca dal piatto cristallizzare con una spatola e raccogliere in una estrazione di cellulosa ditale (lunghezza: 123 millimetri, 43 millimetri ID). Registrare il peso della biomassa Isochrysis secca.

2. Soxhlet Estrazione di Dry Isochrysis biomassa

  1. Caricare un Isochrysis -aventi tenore di estrazione della cellulosa ditale (tipicamente 50 - 60 g di biomassa secca) in un apparato per estrazione Soxhlet.
  2. Riempire il pallone di Soxhlet con esano (400 ml), attivare la sorgente acqua condensatore e calore, e consentire l'Soxhlet pedalare per 24 - 48 ore (finché il colore del solvente va dal verde scuro altenue giallo).
  3. Spegnere il fuoco e lasciare l'apparato per raffreddare a temperatura ambiente, poi staccare il pallone dalla estrazione Soxhlet.
  4. Rimuovere le esani usando un evaporatore rotante e registrare il peso del materiale esani-estraibili ( "olio esano algale" (h-AO)).

3. saponificazione del olio algale e separazione di acidi grassi e lipidi neutri

  1. Al residuo h-AO nello stesso pallone a fondo rotondo da passaggio 2.4 con metanolo: diclorometano (2: 1, volume = 10 x massa di olio algale).
  2. Aggiungere un ancoretta e allegare un refrigerante a ricadere (Coil: 500 mm di lunghezza).
  3. Aggiungere H 2 O (volume = 2,67 x massa di olio algale) e KOH (50% w / w olio algale) e riscaldare il contenuto sotto agitazione a 60 ° C per 3 ore.
  4. Dopo raffreddamento a temperatura ambiente, rimuovere i solventi organici (metanolo e diclorometano) su un evaporatore rotante.
  5. Trasferire la miscela acquosa restante versando in un 1-L Imbuto separatore. Aggiungere esano (equivalenti in volume, a soluzione acquosa), scuotere l'imbuto separatore, e permettono gli strati si separino.
  6. Scolate lo strato acquoso inferiore in una beuta, e versare la fase organica superiore in un Erlenmeyer separata.
  7. Ripetere le fasi 3.5 e 3.6 finché lo strato organico è incolori (tipicamente 1-2 più volte).
  8. Concentrare gli estratti organici riuniti su un evaporatore rotante per isolare i lipidi neutri come verdastro solido (mp ≈ 60 -. 70 ° C).
  9. Acidificare fase acquosa con HCl (6 M, fino a pH ~ 2 come indicato dalla carta pH).
  10. Estrarre il acidi grassi liberi (FFA) dalla fase acquosa acidificata con esani (Equivolume alla fase acquosa) utilizzando un 1 L separatore imbuto come descritto ai punti 3.5 e 3.6.
  11. Rimuovere le esani su un evaporatore rotante per ottenere le FFAs come verde residuo scuro quasi nero oleoso (liquido a temperature> 30 ° C).

4.Acido-catalizzata esterificazione degli acidi grassi liberi e produzione di una Biodiesel verde

  1. Trasferire i FFAs utilizzando metanolo: cloroformio (1: 1, 6 x volume di olio algale) per sciogliere prima i FFAs e poi versando in un pallone di reazione ad alta pressione a parete spessa dotata di un ancoretta.
  2. Aggiungere H 2 SO 4 concentrato (20% w / w olio algale), sigillare il pallone e scaldare la miscela a 90 ° C sotto agitazione per 1 ora.
  3. Dopo raffreddamento a temperatura ambiente, trasferire il composto versando in un imbuto separatore.
  4. Aggiungere H 2 O (2 x volume di olio algale), agitare l'imbuto separatore, e permettono separare le fasi.
  5. Drain lo strato inferiore in un pallone a fondo tondo pre-pesato e concentrarsi su un evaporatore rotante. Registrare la massa del biodiesel risultante.
  6. Analizzare il profilo degli acidi grassi mediante gascromatografia con rilevatore a ionizzazione di fiamma (GC-FID) 28 (gascromatografo dotato di DB-88 [(88% cyanopropyl) methylarylpolysiloxane] colonna (30 mx spessore 0,25 mm di diametro x 0.20 micron film).
    Nota: grassi comune esteri metilici degli acidi sono verificate in confronto tempo di ritenzione con i campioni autentici ottenuti in commercio. Inoltre, il gas spettrometria cromatografia di massa (GC-MS; gascromatografo accoppiato ad un rivelatore selettivo di massa) viene effettuata in condizioni identiche di programma di temperatura e di colonna per analizzare componenti quali C18: 4 per le quali non standard autentici sono disponibili con i risultati applicati di GC quantificazione.

5. Biodiesel decolorazione

  1. Riscaldare il biodiesel di colore verde scuro a 60 ° C in un pallone a fondo tondo dotato di un ancoretta.
  2. Aggiungere montmorillonite in polvere K 10 (MK10) (10-20% w / w del biodiesel) e mescolare per 1 ora.
  3. Rimuovere il fondo rotondo dal fuoco e lasciare che la soluzione per raffreddare a temperatura ambiente.
  4. Preparare un apparato di filtrazione consistente in un pallone a fondo tondo e divertente filtronel contenente un filtro di carta di cellulosa (Ash 0,007%).
  5. Versare il biodiesel decolorato raffreddato attraverso l'imbuto filtro con una quantità minima di esani per lavare il pallone a fondo tondo.
  6. Scollegare l'imbuto filtrante dal pallone a fondo tondo (questo contiene ora una soluzione esano del biodiesel decolorato) e rimuovere le esano con un evaporatore rotante per permettersi un arancio / rosso biodiesel.
  7. Conservare i campioni a 4 ° C durante la quale alcuni assestamento di materiale insolubile (~ 10% w / w) si verificherà.
  8. Rimuovere il materiale insolubile per decantazione o filtrazione come descritto al punto 5.4 e 5.5 per produrre un biodiesel omogenea chiara per l'analisi.

6. Isolamento e purificazione di Alkenones dai lipidi neutri

  1. Sciogliere i lipidi neutri (dal punto 3.8) in una quantità minima di diclorometano (circa 50 ml per 10 g di lipidi neutri) e aggiungere la soluzione con una pipetta alla sommità di una colonna cromatografica (O.D 60 mm, ID 55 mm, lunghezza 18 ") contenente gel di silice (230-400 mesh, 100 g).
  2. Eluire la soluzione attraverso la silice con pressione (~ 5 psi) diclorometano (circa 150 ml) come solvente e raccogliere l'eluente in un pallone da 250 ml a fondo tondo.
  3. Rimuovere il diclorometano con un evaporatore rotante per dare un solido di colore arancione.
  4. Ricristallizzare pieno con esano aggiungendo circa 100 ml di esano bollente seguiti da importi supplementari incrementali di esano bollente fino a che la soluzione risulti omogenea (volume totale ~ 150 ml). Poi, lentamente raffreddare la soluzione a temperatura ambiente per promuovere la cristallizzazione.
  5. Raccogliere le alkenones cristallizzato utilizzando un apparato di filtrazione come descritto nel passaggio 5,4 utilizzando una piccola quantità di freddo (0 ° C) esani per risciacquare il matraccio.

Representative Results

Prima della lavorazione, la pasta Isochrysis (pasta Iso) è stato essiccato. Questo è comodamente effettuata su scala ingrandita aggiungendo il -paste Iso ad un grande piatto solido e permettendo al materiale di aria secca a temperatura ambiente. Durante l'essiccazione, alcune forme acqua aggregati (generalmente di colore rossastro) che può essere rimosso per decantazione o pipettamento per accelerare il processo di essiccazione. Dopo circa 48 - 96 ore, la Isochrysis ormai secco può essere raschiato del piatto cristallizzare e ottenuto come / materiale friabile verde nero con un odore alghe simile (Figura 2). I rendimenti di biomassa secca erano generalmente del 20% w / w della pasta come pubblicizzato. Al contrario, il prodotto in polvere Isochrysis (polvere Iso) era un giallo-marrone, finemente macinato, polvere secca (95% secco) che è stato utilizzato direttamente senza ulteriore trattamento (Figura 2).

figura 2 "src =" / files / ftp_upload / 54189 / 54189fig2.jpg "/>
Figura 2. Confronto di pasta Isochrysis. Isochrysis commerciale (80% wet) si sviluppa lungo la parte inferiore di un piatto di cristallizzazione e lasciato asciugare a temperatura ambiente per 48-96 ore prima della lavorazione. Il Isochrysis essiccato risultante viene ottenuto come un materiale friabile di colore scuro (a destra) che è diverso in apparenza rispetto alla polvere secca commerciale Isochrysis (a sinistra). Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Estrazione sia del Iso polvere -paste o Iso essiccato mediante Soxhlet con esano ha dato, dopo la rimozione dei esani, oli algali (H-AO) che erano simili in apparenza come verde scuro / vicino-nero solidi (mp. ~ 50 -60 ° C). I rendimenti di h-AO, quando a partire dalla pasta ( "Iso-pasta-hao") Erano in genere il 20% w / w della biomassa Isochrysis secca, in linea con i nostri risultati precedenti, 26 mentre i rendimenti di h-AO per estrazione Soxhlet della polvere Isochrysis commerciale (" Iso-polvere-hao ") erano il 15% w / w (Tabella 1).

Prodotto (g) Iso -paste Iso -powder-1 Iso -powder-2
biomassa secca 30 20 20
Esano algale Oil 5.86 2.87 3.11
FFAs 3.52 1.34 1.38
lipidi neutri 2.34 1.38 1.61
Alkenones 0.94 0.63 0.74
Note: Iso-polvere-1 e Iso-polvere-2 rappresentano i risultati di due campioni di polvere Isochrysis che sono state elaborate in parallelo. Per altri rapporti con i rendimenti di questi prodotti da ISO-incolla vedere i riferimenti 26, 32, e 33.

Tabella 1. Rese di prodotto a partire dalla biomassa Isochrysis commerciale.

Acilgliceroli in h-AO sono stati convertiti in sali carbossilati idrosolubile corrispondenti (cioè, saponi) dopo l'aggiunta di KOH acquoso in metanolo / CH 2 Cl 2. lipidi neutri tra cui alkenones sono stati poi estratti da questa miscela acquosa con il partizionamento selettiva con esano. Dopo la rimozione dei lipidi neutri, reacidification dei saponi poi prodotto corrispondenti acidi grassi liberi (FFA) che potrebbero essere simile estratti dal aqfase ueous con esano. I recuperi di massa complessivi per FFAs combinati e lipidi neutri sia da Iso-pasta-hao o Iso -powder-hao erano costantemente nei pressi quantitativa. Tuttavia, il rapporto dei prodotti (cioè, lipidi neutri + FFA) era diverso. Dal Iso-pasta-hao abbiamo ottenuto il 60% (w / w) FFAs e il 40% (w / w) lipidi neutri (Tabella 1). Al contrario, Iso-polvere-hao dimostrato arricchito in lipidi neutri (media = 54% di lipidi neutri + 46% FFA) come indicato nella tabella 1.

L'esterificazione degli FFAs con H 2 SO 4 e metanolo poi prodotto esteri metilici di acidi grassi (FAME, cioè biodiesel) come verde scuro vicino liquido oleoso nero in più del 90% di resa (Figura 3). Decolorazione riscaldando oltre montmorillonite K10 29 (MK10) argilla poi ha dato un prodotto di colore giallo / arancio, di aspetto simile ad altri bi commercialecombustibili odiesel (vedi elenco dei materiali) (Figura 3). I risultati dell'analisi FAME di biodiesel Isochrysis decolorata sono riportati nella Tabella 2.

Figura 3
Figura 3. Confronto di Isochrysis e soia carburanti biodiesel. Verde Isochrysis biodiesel (al centro) è prodotto da esterificazione degli acidi grassi liberi estratto e purificato. Decolorazione produce un prodotto (a destra) con proprietà simili a biodiesel commerciale (a sinistra). Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

FAME A Iso -paste Iso -powder
14:00 16,4 19.4
14:01 - 0.3
15:00 traccia 0.3
16:00 10.1 8.8
16: 1 Δ9 7.6 5.5
16:02 ND 0.3
16:03 ND 0.5
18:00 Traccia 0.2
18: 1 B 12.1 14.3
18:02 8.1 7.1
18: 3 C 8.5 13.5
18:04 19.8 10.4
18:05 ND 3
20:05 ND -
22:05 ND 2
22:06 6.9 11
Σ D 89.8 96,2
Note: Un nomenclatura acido grasso è #carbons:. # Cis obbligazioni -double B Combinato 18: 1 Δ9 + 18:.. 1 Δ11 C combinata Δ6,9,12 e Δ9,12,15 isomeri D Il restante materiale è circa il 50 : 50 altre FAMEs e componenti non-FAME (Total ~ 95% FAME). ND = non rilevato.

Tabella 2. Composizione FAME di biodiesel prodotto da -Past commerciale Iso e Iso -powder Isochrysis biomassa.

Lipidi neutri sono stati ottenuti da una miscela solida verdastro al 40% w / w dalla Iso -paste-Hao e il 54% (avg.) Dalla Iso-polvere-hao (Tabella 1). Filtraggio dei lipidi neutri disciolti attraverso silice usandoDCM dato dopo la rimozione del solvente, un rossiccio / arancione solido che può essere ricristallizzato con esani permettersi alkenones analiticamente puro come solido bianco. Questa procedura ha portato al 16% (w / w) resa isolata di alkenones da Iso-pasta-hao e la resa del 25% da Iso -powder-hao (Tabella 1).

Discussion

Isochrysis è uno di soltanto un ristretto numero di specie di alghe allevamento industriale, raccolte come componente primaria di mangimi crostacei, e quindi rappresentativo della scala necessaria per la produzione di biocarburanti. La disponibilità delle alghe utilizzate e metodi standard utilizzati in questo studio, rendono il protocollo presentato ampiamente accessibili ad altri gruppi per ulteriori indagini. Passaggi critici includono aria asciugare le alghe (al contrario di liofilizzazione di 33), estrazioni di solventi, di saponificazione, e esterificazione. Attraverso queste operazioni si può esaminare rese di lipidi e altri coprodotti dalla varie Isochrysis disponibili 30. Si prevede che questi possono differire a causa delle diverse tensioni e metodi di coltivazione, 31 e possono anche essere influenzato dalla natura del prodotto e ogni ulteriore trasformazione (ad esempio, essiccazione o congelamento) utilizzato dal fornitore. Come abbiamo dimostrato qui, il protocollo di sviluppareed può essere efficacemente applicato a diversi tipi di Isochrysis prodotti, che vanno da un impasto umido per una polvere macinata secca. I rendimenti di biodiesel erano comunque inferiore dalla biomassa polvere (7% w / w secco vs biomassa 12% w / w dalla pasta secca), che corrisponde con minori quantità di olio algale (h-AO) estratto. Questo può suggerire che un'alternativa protocollo di estrazione 32 diverso da un apparecchio Soxhlet può essere più adatto per prodotti secchi Isochrysis polvere. La polvere Isochrysis utilizzato in questo studio è pubblicizzato come contenente 23-25% di lipidi, che simile a quello che abbiamo ottenuto sperimentalmente dalla pasta secca Isochrysis. 33,34,26

Nonostante i diversi colori della biomassa a partire secca, la pasta Iso-Hao e Iso -powder-hao erano essenzialmente indistinguibili, sia di colore verde scuro / vicino solidi neri con punti di circa 50 ° C di fusione. È interessante notare che il rapporto di FFAs al labbro neutraids all'interno dei due estratti in esano era diverso. Dopo la saponificazione e separazione dei lipidi neutri, abbiamo ottenuto 60% (w / w) FFAs e 40% (w / w) lipidi neutri dal Iso -paste-hao. La Iso-polvere-hao ha prodotto in media il 46% (w / w) FFAs e il 54% (w / w) lipidi neutri. I risultati suggeriscono che oi partire biomassa polvere possono contenere una maggiore quantità di lipidi neutri relativi a derivati ​​FA rispetto alla pasta Isochrysis, o che Soxhlet estrazione di polvere Isochrysis è alquanto selettivo per lipidi neutri.

Non solo le rese di prodotti ottenuti dai due Isochrysis commerciale biomasse diversa, ma anche i profili degli acidi grassi del biodiesel risultante. Questo è importante, in quanto le proprietà del carburante di un biodiesel sono direttamente dipendenti dalla natura e il contenuto dei singoli FAMEs. 35 per essere commercializzato, tutto il biodiesel deve essere conforme agli standard descritti nei documenti ASTMD6751 o EN 14214 rispettivamente negli Stati Uniti o in Europa. Le specifiche includono intervalli per lubrificante e viscosità cinematica, e valori minimi per numero di cetano e stabilità ossidativa. Altre importanti raccomandazioni sono legati alla proprietà di scorrimento a freddo sotto forma di una nuvola di punti (CP) o un filtro Punto di intorbidimento (CFPP). Abbiamo precedentemente riportato i risultati della sperimentazione di carburante completo di biodiesel preparata dalla pasta di Iso. 36 Dato che il profilo fama di biodiesel prodotto dalla -powder Iso in questo studio è simile a quelli precedentemente testato, possiamo prevedere alcune proprietà del carburante essere simili per entrambi i carburanti biodiesel. Per esempio, gli acidi grassi polinsaturi (PuFAMEs, più di due doppi legami) rappresentano circa il 40% di entrambe le miscele FAME (35,2% e 39,9%, Tabella 2). Ciò comporta una scarsa stabilità ossidativa e favorevole freddo flusso. 35 Vi sono, tuttavia, lievi differenze nei profili FAME dei due biodiecombustibili Sel. Biodiesel prodotto dalla polvere Isochrysis conteneva quantità maggiori di 14: 0 (19,4 mg / g vs 16,4 mg / g), 18: 3 (13,5 mg / g vs. 8,5 mg / g), e 22: 6 (11,0 mg / g vs. 6,9 mg / g) FAMEs, ancora minori quantità di 18: 4 (10,4 mg / g vs 19,8 mg / g). La portata dell'impatto di queste differenze sulle varie proprietà del carburante contenute nelle norme ASTM resta ancora da esplorare.

Il biodiesel iniziale ottenuto da entrambi commerciale Isochrysis alghe erano allo stesso modo di colore verde scuro, che può essere spiegato con la presenza di clorofilla. 36 clorofilla ei suoi derivati ​​sono stati segnalati per avere un effetto negativo sulla stabilità degli oli vegetali e dei loro carburanti biodiesel corrispondenti. 36,29 sulla base del metodo di Issariyakul e Dalai per decolorante olio di canola greenseed in connessione con la produzione di biodiesel, 29 mescolando il biodiesel verde oltre il 10% (w / w) MK10 a 60 ° C per 1 ora determinato un drammaticoriduzione del contenuto di pigmento mediante ispezione visiva (rif. figura 2). recuperi di massa dal processo di decolorazione sono stati in media del 90%.

I rendimenti di alkenones purificati da Iso-pasta-hao e isobutano lipidi neutri polvere-hao erano paragonabili al 40% e il 46% w / w rispettivamente (Tabella 1). Dal momento che i lipidi neutri rappresentano una proporzione maggiore di materiale contenuto nel Iso-polveri-hao (54% w / w contro il 40% w / w), alkenone resa dalla Iso-polvere-hao supera la Iso-rendimento alkenone pasta-hao di circa il 10% (25% w / w vs. 16% w / w). Tuttavia, considerando che i rendimenti del Iso-polvere-hao si erano inferiori Iso-pasta-hao (15% vs. 20% w / w), i rendimenti complessivi di alkenones da entrambe le biomasse Isochrysis secchi sono più simili (0,2 x 0,4 x 0,4 = 3,2% w / w dalla pasta Isochrysis essiccati e 0,15 x 0,54 x 0,46 = 3,7% da Isochrysis polvere).

Acknowledgements

Questo lavoro è stato sostenuto dalla National Science Foundation (CHE-1.151.492), il Nord-Ovest avanzata Renewables Alliance (borsa di studio di J. Wilson-Peltier), e attraverso una donazione privata da parte di amici di WHOI. Ringraziamo Kevin R. Steidley e Kim Ascherl (USDA / ARS / NCAUR) per un'eccellente assistenza tecnica.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
Isochrysis Reed Mariculture Iso, Raw, Unprocessed, 20%dw Live culture paste, 20% w/w biomass
Isochrysis Necton, S.A AADISS004 PhytoBloom Prof Isochrysis (Freeze-dried)
Hexanes Fisher Chemical H291-4 ACS Certified
Methanol Fisher Chemical A452-4 HPLC Grade
Dichloromethane Fisher Chemical D37-4 Certified/Stabilized
Soxhlet Apparatus Sigma Aldrich 64826
Extraction Thimble Sigma Aldrich 64842
Büchner Funnel Chemglass CG-1406-25
High Pressure Reaction Vessel Chemglass CG-1880-12
Whatman Filter Paper GE Life Sciences 1442-042 Grade 42, Ash 0.007%, circle, 42.5 mm
Biodiesel (B100) Bellingham Shell The biodiesel (B100) in Figure 3 was purchased at a local filling station: Bellingham Shell, Bellingham, WA 98226
Isochrysis Aquacave In addition to Reed and Necton, Isochrysis can also be purchased from Aquacave (Gurnee, IL) at: www.aquacave.com (accessed September 30, 2015).
Isochrysis Brine Shrimp Direct Isochrysis can also be purchased from Brine Shrimp Direct (Ogden, UT) at: www.brineshrimpdirect.com (accessed September 30, 2015).

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Ahmad, A. L., Mat Yasin, N. H., Derek, C. J. C., Lim, J. K. Microalgae as a sustainable energy source for biodiesel production: A review. Renew. Sustain. Energy Rev. 15, (1), 584-593 (2011).
  2. Vardona, D. R., Sharmab, B. K., Blazinaa, G. V., Rajagopalanb, K., Strathmann, T. J. Thermochemical conversion of raw and defatted algal biomass via hydrothermal liquefaction and slow pyrolysis. Bioresour. Technol. 109, 178-187 (2012).
  3. Tenenbaum, D. J. Food vs fuel: Diversion of crops could cause more hunger. Environ. Health Perspect. 116, 254-257 (2008).
  4. Pienkos, D. T., Darzins, A. The promise and challenges of microalgal-derived biofuels. Biofuels, Bioprod. Biorefin. 3, (4), 431-440 (2009).
  5. U.S. First Crude Oil Purchase Price. U.S Energy Information Administration. Available from: http://www.eia.gov/dnav/pet/hist/LeafHandler.ashx?n=PET&s=F000000__3&f=A (2015).
  6. Sheehan, J., Dunahay, T., Sheehan, J., Dunahay, T., Benemann, J., Roessler, P. A. A look back at the U.S. Department of Energy's Aquatic Species Program: Biodiesel from algae. Prepared by the National Renewable Energy Laboratory, report NREL/TP-580-24190. Available from: www.nrel.gov/docs/legosti/fy98/24190.pdf (1996).
  7. Petkov, G., Ivanova, A., Iliev, I., Vaseva, I. A critical look at the microalgae biodiesel. Eur. J. Lipid Sci. 114, (2), 103-111 (2012).
  8. van Beilen, J. B. Why microalgal biofuels won't save the internal combustion engine. Biofuels, Bioprod. Biorefin. 4, 41-52 (2010).
  9. Chisti, Y. Biodiesel from microalgae. Biotechnol. Adv. 25, (3), 294-306 (2007).
  10. Wijffles, R. H., Barbosa, M. J. An outlook on microalgal biofuels. Science. 329, 796-799 (2010).
  11. Ferrell, J., Sarisky-Reed, V. National Algal Biofuels Technology Roadmap. Fishman, D., Majumdar, R., Morello, J., Pate, R., Yang, J. United States Department of Energy. Available from: http://www1.eere.energy.gov/bioenergy/pdfs/algal_biofuels_roadmap.pdf (2010).
  12. Patterson, G. W., Tsitsa-Tsardis, E., Wikfors, G. H., Gladu, P. K., Chitwood, D. J., Harrison, D. Sterols and alkenones of Isochrysis. Phytochem. 35, (5), 1233-1236 (1994).
  13. Volkman, J. K., Eglinton, G., Corner, E. D. S. Long-chain alkenes and alkenones in the marine coccolithophorid Emiliania huxleyi. Phytochem. 19, 2619-2622 (1980).
  14. Conte, M. H., Thompson, A., Lesley, D., Harris, R. P. Genetic and physiological influences on the alkenone/alkenoate versus growth temperature relationship in Emiliania huxleyi and Gephyrocapsa Oceanica. Geochim. Cosmochim. Acta. 62, (1), 51-68 (1998).
  15. Brassell, S. C., Eglinton, G., Marlowe, I. T., Pflaumann, U., Sarnthein, M. Molecular stratigraphy: a new tool for climatic assessment. Nature. 320, 129-133 (1986).
  16. Marlowe, I. T., Brassell, S. C., Eglinton, G., Green, J. C. Long chain unsaturated ketones and esters in living algae and marine sediments. Org. Geochem. 6, 135-141 (1984).
  17. Prahl, F. G., Wakeham, S. G. Calibration of unsaturation patterns in long-chain ketone compositions for palaeotemperature assessment. Nature. 330, 367-369 (1987).
  18. Eglinton, G., Bradshaw, S. A., Rosell, A., Sarnthein, M., Pflaumann, U., Tiedemann, R. Molecular record of secular sea surface temperature changes on 100-year timescales for glacial terminations I, II and IV. Nature. 356, 423-426 (1992).
  19. Müller, P. J., Kirst, G., Ruhland, G., von Storch, I., Rosell-Melé, A. Calibration of the alkenone paleotemperature index U37K′ based on core-tops from the eastern South Atlantic and the global ocean (60°N-60°S). Geochim. Cosmochim. Acta. 62, (10), 1757-1772 (1998).
  20. Volkman, J. K., Barrerr, S. M., Blackburn, S. I., Sikes, E. L. Alkenones in Gephyrocapsa oceanica: Implications for studies of paleoclimate. Geochim. Cosmochim. Acta. 59, (3), 513-520 (1995).
  21. Eltgroth, M. L., Watwood, R. L., Wolfe, G. V. Production and cellular localization of neutral long-chain lipids in the haptophyte algae Isochrysis Galbana. and Emiliania Huxleyi. J. Phycol. 41, 1000-1009 (2005).
  22. Volkman, J. K., Everitt, D. A., Allen, D. I. Some analyses of lipid classes in marine organisms, sediments and seawater using thin-layer chromatography-flame ionisation detection. J. Chromatogr. A. 356, 147-162 (1986).
  23. Epstein, B. L., D'Hondt, S., Quinn, J. G., Zhang, J., Hargraves, P. An effect of dissolved nutrient concentrations on alkenone-based temperature estimates. Paleoceanography. 13, (2), 122-126 (1998).
  24. Prahl, F. G., Sparrow, M. A., Wolfe, G. V. Physiological impacts on alkenone paleothermometry. Paleoceanogaphy. 18, (2), 1025-1031 (2003).
  25. Sachs, D., Sachs, J. P. Inverse relationship between D/H fractionation in cyanobacterial lipids and salinity in Christmas Island saline ponds. Geochim. Cosmochim. Acta. 72, (25), 793-806 (2008).
  26. O'Neil, G. W., Culler, A. R., Williams, J. R., Burlow, N. P., Gilbert, G. J., Carmichael, C. A., Nelson, R. K., Swarthout, R. F., Reddy, C. M. Production of jet fuel range hydrocarbons as a coproduct of algal biodiesel by butenolysis of long-chain alkenones. Energy Fuels. 29, (2), 922-930 (2015).
  27. Foley, P. M., Beach, E. S., Zimmerman, J. B. Algae as a source of renewable chemicals: opportunities and challenges. Green Chem. 13, 1399-1405 (2011).
  28. Razon, L. F., Bacani, F. T., Evangelista, R. L., Knothe, G. Fatty acid profile of kenaf seed oil. J. Am. Oil Chem. Soc. 90, (6), 835-840 (2013).
  29. Issariyakul, T., Dalai, A. K. Biodiesel production from greenseed canola oil. Energy Fuels. 24, 4652-4658 (2010).
  30. Nalder, T. D., Miller, M. R., Packer, M. A. Changes in lipid class content and composition of Isochrysis. sp. (T-Iso) grown in batch culture. Aquacult. Int. 23, 1293-1312 (2015).
  31. Mercer, P., Armenta, R. E. Developments in oil extraction from microalgae. Eur. J. Lipid Sci. Technol. 113, (5), 539-547 (2011).
  32. O'Neil, G. W., Carmichael, C. A., Goepfert, T. J., Fulton, J. M., Knothe, G., Lau, C. P. -L., Lindell, S. R., Mohammady, N. G. -E., Van Mooy, B. A. S., Reddy, C. M. Beyond fatty acid methyl esters: expanding the renewable carbon profile with alkenones from Isochrysis sp. Energy Fuels. 26, 2434-2441 (2012).
  33. O'Neil, G. W., Knothe, G., Williams, J. R., Burlow, N. P., Culler, A. R., Corliss, J. M., Carmichael, C. A., Reddy, C. M. Synthesis and analysis of an alkenone-free biodiesel from Isochrysis sp. Energy Fuels. 28, (4), 2677-2683 (2014).
  34. Knothe, G. Dependence of biodiesel fuel properties on the structure of fatty acid alkyl esters. Fuel Process. Technol. 86, 1059-1070 (2005).
  35. Valenzuela-Espinoza, E., Millán-Núñez, R., Protein Núñez-Cebrero, F. Protein, carbohydrate, lipid and chlorophyll a content in Isochrysis aff. galbana (clone T-Iso) cultured with a low cost alternative to the f/2 medium. Aquacult. Eng. 25, 207-216 (2002).
  36. Kulkarni, M. G., Dalai, A. K., Bakshi, N. N. Utilization of green seed canola oil for biodiesel production. J. Chem. Technol. Biotechnol. 81, 1886-1893 (2006).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Usage Statistics