Un protocollo di stress cronico per indurre comportamenti simili alla depressione nei topi

* These authors contributed equally
Behavior

Your institution must subscribe to JoVE's Behavior section to access this content.

Fill out the form below to receive a free trial or learn more about access:

 

Summary

Questo articolo fornisce un protocollo semplificato e standardizzato per l'induzione del comportamento depressivo in topi cronicamente immobilizzati utilizzando un rimboschimento. Inoltre, vengono spiegati il comportamento e le tecniche fisiologiche per verificare l'induzione della depressione.

Cite this Article

Copy Citation | Download Citations | Reprints and Permissions

Son, H., Yang, J. H., Kim, H. J., Lee, D. K. A Chronic Immobilization Stress Protocol for Inducing Depression-Like Behavior in Mice. J. Vis. Exp. (147), e59546, doi:10.3791/59546 (2019).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

La depressione non è ancora pienamente compresa, ma sono stati segnalati vari fattori causali. Recentemente, la prevalenza della depressione è aumentata. Tuttavia, i trattamenti terapeutici per la depressione o la ricerca sulla depressione sono scarsi. Così, nel presente documento, proponiamo un modello murino di depressione indotta dalla restrizione del movimento. Lo stress cronico lieve (CMS) è una tecnica ben nota per indurre un comportamento depressivo. Tuttavia, richiede una procedura complessa costituita da una combinazione di varie sollecitazioni lievi. Al contrario, lo stress cronico di immobilizzazione (CIS) è un modello di stress cronico facilmente accessibile, modificato da un modello di ritenuta che induce il comportamento depressivo limitando il movimento utilizzando un restrainer per un certo periodo. Per valutare i comportamenti depressivi, il test di preferenza del saccarosio (SPT), il test di sospensione della coda (TST) e il test ELISA per misurare i livelli di corticosterone del marcatore di stress sono combinati nel presente esperimento. I protocolli descritti illustrano l'induzione della CSI e la valutazione dei cambiamenti nel comportamento e nei fattori fisiologici per la convalida della depressione.

Introduction

Disturbo depressivo maggiore (MDD) è la principale causa di disabilità mentale in tutto il mondo, con un'incidenza che sta aumentando più velocemente del previsto. Nel 2001, l'Organizzazione Mondiale della Sanità predisse che MDD sarebbe stata la seconda malattia più comune al mondo entro il 2020. Tuttavia, era già il secondo più comune nel 20131. Inoltre, gli antidepressivi attuali hanno molte limitazioni, tra cui l'efficacia ritardata, la resistenza ai farmaci, la ricaduta e vari effetti collaterali2,3. I ricercatori devono quindi sviluppare antidepressivi più efficaci. Tuttavia, la fisiopatologia ambigua di MDD rappresenta un ostacolo allo sviluppo di nuovi antidepressivi.

Lo stress a lungo termine è il principale fattore di rischio per MDD. Può indurre disfunzione nell'asse ipotalico-pituitario-surrenale (HPA), che è anche legato all'eziologia MDD4,5. Come descritto in precedenza, l'asse HPA svolge un ruolo fondamentale nella fisiopatologia psichiatrica indotta dallo stress, compresi i disturbi di depressione e ansia aumentando i livelli di corticosterone6,7,8, 9. Molti modelli animali sono stati basati sull'attivazione sostenuta dell'asse HPA, che si osserva nei pazienti con MDD4. Inoltre, alti glucocorticoidi indotti da stress cronico e glucocorticoidi sottocutanei iniettati sottocutaneamente causano comportamenti depressivi insieme alla morte delle cellule neurali, atrofia dei processi neuronali e neurogenesi adulta ridotta nel cervello dei roditori10 , 11.Un'altra importante area cerebrale associata alla depressione è la corteccia prefrontale mediale (mPFC). L'mPFC svolge un ruolo cruciale nel controllo delle sottoregioni cerebrali, come l'ipotalamo e l'amigdala, che controllano il comportamento emotivo e le risposte allo stress8,9. Ad esempio, le lesioni nella dorsale mPFC hanno indotto la disfunzione dell'asse HPA e migliorato la secrezione di corticosterone a causa dello stress di moderazione12,13. Uno studio recente ha anche dimostrato che lo stress da moderazione ripetuta ha aumentato i livelli di corticosterone, che potrebbe essere diminuito dal completamento della glutammina tramite il ciclo glutammato-glutammina tra neuroni e astrociti nel mPFC9.

Il primo paradigma di stress cronico utilizzato per studiare l'eziologia di MDD è stato suggerito da Katz14. ha quindi proposto un modello cronico di stress lieve (CMS) basato sui risultati di Katz. Hanno confermato che il modello aveva validità predittiva osservando che gli antidepressivi ripristinavano il comportamento anedonico indotto da CMS15,16. Tipicamente, il modello CMS consiste in una combinazione di varie sollecitazioni lievi, come il rumore lieve, inclinazione gabbia, biancheria da letto bagnata, alterato cicli luce-scuro, scosse gabbia, nuoto forzato, e sconfitta sociale. Il modello CMS è ampiamente utilizzato dai ricercatori; tuttavia, questo modello è di scarsa replicabilità e inefficiente di tempo ed energia. Pertanto, c'è una crescente domanda di un protocollo standardizzato e semplificato per l'induzione di comportamento depressivo e analisi fisiologica per valutare la depressione. Rispetto al modello CMS, il modello di stordimento cronico dell'immobilizzazione (CIS, noto anche come stress di contenimento cronico) è più semplice ed efficiente; pertanto, il modello CIS può essere ampiamente utilizzato negli studi di stress cronico17,18,19,20,21,22,23, 24.Inoltre, la CIS può essere utilizzata sia nei topi maschi che in quello femminile per sviluppare comportamenti depressivi25,26. Durante la CSI, gli animali vengono collocati in un cilindro di dimensioni corpo se pianeggianti per 1-8 ore al giorno per 2 o 4 settimane9,27,28. Di questi, condizione di stress di ritenuta per 2 ore al giorno per 2 settimane è sufficiente a causare comportamenti depressivi con dolore minimo nei topi9,28. In condizioni di contenimento, i livelli di corticosterone nel sangue sono stati rapidamente aumentatidi 9,28,29. Diversi studi hanno dimostrato che il modello CIS ha validità predittiva, confermando che i sintomi depressivi indotti da CIS vengono ripristinati dagli antidepressivi19,20,30,31. Qui, riportiamo le procedure dettagliate della CSI, così come alcuni esiti comportamentali e fisiologici dopo la CSI nei topi.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

Tutti i protocolli sperimentali e la cura degli animali sono stati condotti secondo le linee guida dell'University Animal Care Committee for Animal Research della Gyeongsang National University (GLA-100917-M0093).

1. Materiali

  1. plurale di "mouse"
    1. Utilizzare i maschi di C57BL/6 ceppo sfondo peso 22-24 g alla settimana postnatale 7. Abituato nella sala di riproduzione per 1 settimana prima degli esperimenti.
      NOTA: tutti i topi sono stati acquistati presso un'azienda animali di laboratorio.
    2. I topi di casa in un vivaio a temperatura controllata (22-24 gradi centigradi) in un ciclo di 12 ore luce/buio (luci accese alle 6:00), con normale chow di laboratorio e acqua disponibile ad libitum.
  2. Restrainer
    1. Utilizzare un serbatoio cilindrico, trasparente, acrilico (altezza 8,5 cm, diametro di 2,5 cm) fissato su un piedistallo quadrato per filtrare e produrre un comportamento depressivo (Figura 1A). Il diametro di questo cilindro è stato fatto per adattarsi al corpo in modo che il mouse non poteva girare e spostare avanti o indietro. Il restrainer può essere acquistato commercialmente o realizzato in laboratorio.
  3. Apparecchio di sospensione della coda
    1. Utilizzare una scatola di sospensione della coda di dimensioni ragionevoli fatta di acrilico traslucido (altezza 30 cm, larghezza : 20 cm, lunghezza : 20, Figura 1B). Per evitare interazioni tra gli animali, utilizzare partizioni rettangolari all'interno della scatola in modo che il pavimento e tre delle quattro pareti siano bloccati da piastre acriliche. Lasciare aperti i due lati rimanenti della scatola per consentire la registrazione video e fissare la barra orizzontale. La scatola può essere acquistata commercialmente o realizzata in laboratorio.
  4. Dispositivo di registrazione video e software di monitoraggio video
    1. Utilizzare una telecamera a circuito chiuso in bianco e nero (vedere Tabella deimateriali) collegata a un computer e un treppiede (o altri prodotti di supporto) per consentire la registrazione dell'esperimento comportamentale. La registrazione video è essenziale per consentire il punteggio comportamentale in questo esperimento, perché almeno due mouse vengono testati contemporaneamente.
    2. Assicurarsi che la risoluzione della fotocamera sia sufficientemente elevata da consentire l'analisi dei dati video utilizzando il software di tracciamento video (vedere Tabella deimateriali) installato nel computer collegato.

2. Induzione della depressione da parte della moderazione della CIS

NOTA: Maneggiare il mouse delicatamente, ma con fiducia. Sia la gestione ruvida e provvisoria è un altro fattore di stress nell'esperimento ed è una ragione importante per il topo lottare, mordere, e graffiare.

  1. Impostare la luce della stanza alle condizioni di luce (200 Lux) utilizzando un misuratore di lux digitale.
  2. Alloggiare il topo in una gabbia separata almeno una settimana prima del test e posizionare il topo nella sala prove per almeno 30 min prima dell'esperimento.
    NOTA: Maneggiare i topi almeno una volta al giorno per almeno 3 giorni consecutivi prima dell'esperimento, in modo che i topi acquisiscano familiarità con lo sperimentatore. Un periodo di adattamento prima dell'esperimento è necessario per garantire che i topi si acclimatano alla circostanza, come la sala prove.
  3. Tenere delicatamente la coda del mouse per evitare di tendere il mouse, quindi posizionarlo con attenzione su una superficie ruvida (superiore della barra di filo della gabbia o del coperchio della gabbia).
  4. Coprire il ristrainer con un piccolo asciugamano bianco, quindi posizionare delicatamente il mouse all'apertura del ristrainer in modo che il mouse entri nel ristrainer volontariamente.
    NOTA: In questo caso, il mouse è posizionato nella direzione opposta a quella con cui entra nel restrainer. Per condurre il mouse a entrare volontariamente nel sistema di ristrainer, il sistema è coperto da un piccolo asciugamano per rendere l'interno più scuro.
  5. Posizionare la chiusura per frenare il mouse il più stretto possibile, facendo attenzione a evitare danni al corpo, come la coda, i piedi e i testicoli.
  6. Restringere il mouse per 2 ore al giorno (dalle 9:00 alle 11:00) per 15 giorni consecutivi.
  7. Misurare il peso corporeo e l'assunzione di cibo ogni 48 ore al tempo durante l'esposizione al restrainer (cioè la quantità di assunzione di cibo durante le 48 h prima dell'inizio della moderazione di movimento).
    NOTA: Quando si misura il peso corporeo e l'assunzione di cibo, posizionare i topi di controllo nelle gabbie di casa nella sala prove durante la CSI. Assicurarsi che altri fattori ambientali siano gli stessi dei topi CIS.
  8. Confermare l'induzione della depressione eseguendo test comportamentali come il test di preferenza del saccarosio (SPT) e il test di sospensione della coda (TST) (fare riferimento ai passaggi 4 e 5).
  9. Confermare l'induzione della depressione misurando il corticosterone del marcatore di stress utilizzando il test ELISA (fare riferimento alla sezione 6).

3. Il test delle preferenze di saccarosio

  1. Prima di eseguire i test, abituare i topi alla presenza di due bottiglie da bere (una contenente 0,1 M di saccarosio e l'altra contenente acqua semplice) per 48 h. Commutare le posizioni delle due bottiglie dopo 24 h per ridurre qualsiasi confusione prodotta da una distorsione laterale.
  2. Il 3o maggio, privare i topi d'acqua per 24 ore.
  3. Il giorno dell'esperimento SPT, esporre i topi a due bottiglie da bere per 6 h. Dopo 3 h, cambiare la posizione delle bottiglie d'acqua.
  4. Registrare il volume (mL) della soluzione di saccarosio e dell'acqua consumata e quindi calcolare l'affinità degli animali per il saccarosio.
  5. In generale, calcolare la preferenza di saccarosio come percentuale del volume del consumo di saccarosio rispetto al consumo totale di liquidi durante il test.

4. Il test delle sospensioni posteriori

  1. Portare i topi indotti dalla CIS nella sala prove almeno 30 min prima di iniziare il TST.
  2. Impostare la luce della stanza alle condizioni di m (50 Lux).
  3. Per ottenere il file video con la massima risoluzione, posizionare la fotocamera il più vicino possibile al mouse (circa 40 cm dal mouse).
  4. Sospendere saldamente il mouse dalla barra orizzontale (30 cm dalla linea di fondo) utilizzando il nastro adesivo cellophane (la distanza dalla punta della coda è di 1 cm). Completare il processo di applicazione del nastro al mouse il prima possibile per ridurre al minimo altre fonti di sollecitazione.
  5. Una volta che il mouse è posizionato nel mezzo della casella di sospensione, avviare la registrazione e osservare le alterazioni comportamentali continuamente per 6 min.
    NOTA: Se il mouse tenta di arrampicarsi sulla coda, utilizzare un bastone o un tappo di salita per evitare che lo faccia.
  6. Alla fine dell'esperimento, spostare il mouse nella sua gabbia di casa e rimuovere con attenzione il nastro dalla coda.
  7. Analizzare il tempo accumulato di periodi immobili utilizzando il software di monitoraggio video.
    NOTA: La durata dell'immobilità è il parametro CIS più importante. Questo può essere calcolato come il tempo accumulato di periodi immobili, definito in termini di una soglia di movimento contenuta all'interno del dispositivo di filtraggio del livello del software.

5. Misurazione dei livelli di corticosterone nel sangue da parte di ELISA

NOTA: Il giorno dopo il test comportamentale, i topi vengono sacrificati per la raccolta del sangue.

  1. Anestesizzare il topo con 5% isoflurane in una camera di induzione fino all'anestesia. Assicurarsi che il mouse abbia tempo sufficiente nella camera di induzione (almeno 2 min) per evitare il risveglio durante l'intervento chirurgico.
  2. Raccogliere il sangue dal cuore utilizzando una siringa da 1 mL e conservare il sangue in vacutainer contenenti K3EDTA sul ghiaccio (alle 9 del mattino)
  3. Separare il plasma con la centrifugazione a 1.000 g per 15 min a 4 gradi centigradi.
  4. Quantificare i livelli di corticosterone al plasma utilizzando il kit ELISA (vedi Tabella deimateriali) secondo il protocollo del produttore.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

Nell'esperimento rappresentativo, tutti i dati sono stati acquisiti da 6-8 topi per gruppo. I materiali rappresentativi e il metodo per inserire il mouse volontariamente nel restrainer sono illustrati nella Figura 1.

Per eseguire il test comportamentale e il campionamento del sangue dopo l'induzione della CSI, i topi sono stati sottoposti alla procedura sperimentale come riassunto nella Figura 2A. Come illustrato nella Figura 2 e Figura 3, CIS induce comportamenti depressivi-come bene e rilascia il marcatore di stress corticosterone. Inoltre, questi indici sono stati recuperati con il completamento della glutammina (i topi sono stati alimentati diete con supplementa glutammina durante l'intero periodo sperimentale, 150 mg/kg) come mostrato nella Figura 3.

Figure 1
Figura 1: Configurazione di Restrainer. (A) Restrainer, (B) scatola di sospensione della coda, e (C) bottiglia d'acqua e ugello a sfera. (D) Il processo di inserimento del mouse nel restrainer per indurre CIS. Dal pannello sinistro, il mouse entra volontariamente nel restrainer dopo che il restrainer è coperto da un piccolo asciugamano. Il pannello di destra mostra che il mouse è entrato completamente nel restrainer. Questa cifra è stata modificata da Son et al.9 Il permesso di copyright è stato ottenuto dalla rivista per tutte le cifre riutilizzate. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 2
come illustrato nella Figura 2. Induzione dello stress cronico di immobilizzazione e valutazione dei comportamenti depressivi-like nei topi. (A) Procedura sperimentale. Il peso corporeo (B) e l'assunzione di cibo (C) nel gruppo di controllo (linea blu, n ) e nel gruppo CIS (linea rossa, n - 8). (D ed E) Preferenza del saccarosio e tempo di immobilità (n - 8 in entrambi i test). (F) Livelli di corticosterone nel sangue (n : 7/gruppo). I dati vengono visualizzati come media : SEM. -p < 0,05 come determinato da (B e C) ANOVA bidirezionale con test post-hoc Bonferroni o(D-F)non accoppiato dello Studente. CIS - stress cronico di immobilizzazione, SPT - prova di preferenza di saccarosio, TST - test delle sospensioni della coda, DC - decapitazione. Questa cifra è stata modificata da Son et al.9 Il permesso di copyright è stato ottenuto dalla rivista per tutte le cifre riutilizzate. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 3
come illustrato nella figura 3. Una dieta con glutammina-supplementato migliora i comportamenti depressivi-come. Peso corporeo (A) e assunzione di cibo (B) nel gruppo di controllo (linea blu, n - 7), gruppo CIS (linea rossa, n - 7) e gruppo integrato CIS - glutammina (linea verde, n - 7). Preferenza di saccarosio (C), tempo di immobilità (D) e livelli di corticosterone nel sangue (E) (n - 6-7/gruppo). I dati vengono visualizzati come media : SEM. -p < 0,05 come determinato da (A e B) ANOVA bidirezionale con test posthoco Bonferroni o dal test t di Student non accoppiato( C-E). Gln - glutammina. Questa cifra è stata modificata da Son et al.9 Il permesso di copyright è stato ottenuto dalla rivista per tutte le cifre riutilizzate. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

La complessità del cervello e l'eterogeneità di MDD rendono difficile creare modelli animali che riproducano completamente la condizione. Molti ricercatori hanno superato questa difficoltà utilizzando un approccio basato sull'endofenetipo32, in cui l'anedonia (mancanza di interesse per gli stimoli gratificanti) e la disperazione sono considerati comportamenti evolutivamente conservati e quantificabili nei modelli animali, che si vedono anche nei pazienti con depressione33. Nel presente documento, abbiamo presentato un metodo in cui la CSI era sufficiente a indurre anedonia e disperazione, dimostrando la rilevanza traslazionale tra CIS e MDD. Inoltre, molti studi hanno utilizzato CIS per identificare il meccanismo che suscita comportamenti depressivi e per valutare antidepressivi in grado di ripristinare il comportamento normale9,19,20,30, 31,34. Pertanto, la CSI può essere appropriata per studiare l'eziologia di MDD e può quindi essere utile nello sviluppo di nuovi antidepressivi.

Diversi fattori influenzano lo sviluppo di un comportamento depressivo durante la CSI. Il primo è la deformazione animale perché l'entità della risposta allo stress alla CSI può variare a seconda della varietà animale. Infatti, sono note diverse differenze legate alla deformazione in risposta a test comportamentali depressivi e antidepressivi35,36. A questo proposito, particolare attenzione dovrebbe essere prestata al comportamento di arrampicata sulla coda del ceppo C57BL comunemente usato37,38,39. In secondo luogo, i fattori di stress ambientale, come la luce, il rumore e l'alloggiamento, dovrebbero essere ridotti al minimo. Anche se lo stress da isolamento sociale può influenzare i risultati40,41, abbiamo condotto CIS su topi mono-ospitati perché l'isolamento ha più vantaggi che svantaggi. Ad esempio, può ridurre al minimo lo stress da sconfitta sociale perché la CIS spesso fa sì che i topi ospitati dal gruppo si attacchino a vicenda. Infatti, i topi di controllo attaccano anche i loro coinquilini, influenzando il comportamento di base nel TST e SPT. Un altro fattore da considerare prima di iniziare l'esperimento è il sesso. In questo articolo, abbiamo eseguito tutti gli esperimenti con i topi maschi, poiché i comportamenti emotivi e cognitivi sono influenzati dal ciclo mestruale nei topi femminili42,43,44. Inoltre, i roditori femminili sono relativamente più suscettibili a disturbi legati allo stress, come la depressione. Pertanto, se lo sperimentatore vuole usare topi femminili, il punto temporale di induzione del comportamento depressivo dovrebbe essere confermato e il protocollo CIS deve essere modificato. Inoltre, a tutti i topi dovrebbe essere concesso un periodo di assuefazione alla nuova circostanza, e lo sperimentatore dovrebbe evitare di aggiungere nuovi animali alla sala prove durante l'esperimento, perché i topi possono percepire nuovi segnali olfattivi e ultrasonici durante l'esperimento . Quando lo sperimentatore sposta i topi in un altro piano o in una lunga distanza, è necessario coprire la gabbia riproduttiva con un pezzo di stoffa nera. Infine, l'età è un fattore importante per determinare l'entità della risposta e del recupero allo stress45. Ci siamo concentrati sull'eziologia della MDD nell'adolescenza: sono stati usati topi di 8 settimane durante l'esperimento. Gli sperimentatori dovrebbero considerare se i fattori di cui sopra possono influenzare i risultati durante la progettazione della CSI.

Per convalidare l'induzione della CIS, devono essere eseguiti test che indicano depressione, come la misurazione del peso corporeo e dell'assunzione di cibo, la TST e la SPT, e un indicatore di stress fisiologico, come i cambiamenti nel corticosterone, devono essere studiati9, 46 per quanto , 47. Tuttavia, il metodo TST applicato in questo esperimento non è raccomandato nei ratti perché i ratti sono troppo pesanti per essere supportati dalle loro code. In questi casi, il TST deve essere sostituito con il nuoto forzato o test sul campo aperto39,48. In questo esperimento, la considerazione principale era la dimensione della scatola di sospensione. Utilizzando nastro adesivo cellophane, la coda del mouse è stata sospesa su una barra orizzontale situata al centro della scatola sul soffitto. Pertanto, la scatola dovrebbe essere sufficientemente grande da impedire al mouse di contattare la parete durante l'esperimento. L'SPT, un indicatore di anedonia, suggerisce un disturbo emotivo come la depressione. Nel presente esperimento, l'interesse dei topi in una bevanda dolce è stato valutato utilizzando il saccarosio.

Al fine di indurre un comportamento depressivo, abbiamo modificato la tecnica di ritenuta del modello CMS per stabilire la CSI, che è una tecnica semplificata e altamente riproducibile per eseguire esperimenti in depressione. Tuttavia, nell'utilizzare la CIS come modello di moderazione ripetitiva, vi è la possibilità che gli animali sperimentali possano adattarsi alla CSI e diventare insensibili ad essa. Inoltre, i test di locomozione potrebbero non essere appropriati in quanto un sistema di ritenuta prolungato potrebbe influenzare il movimento degli animali. Pertanto, la creazione di un set point di tempo di ritenuta in un giorno e giorni consecutivi è importante per ridurre al minimo altri fattori tranne la depressione. Inoltre, è necessario eseguire il test comportamentale e fisiologico per verificare l'induzione della depressione dopo l'esposizione alla CSI.

In conclusione, nonostante il crescente interesse dei ricercatori nella depressione, rimane difficile definire sistematicamente il meccanismo patologico, che può essere attribuito alla fisiopatologia diversificata e complessa della depressione. Di conseguenza, modelli animali semplificati per indurre la depressione, come la CSI, possono fornire prove importanti per stabilire il meccanismo di induzione della depressione e suggerire una buona piattaforma sperimentale per ottenere risposte terapeutiche per un problema mentale così complesso.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Gli autori non hanno nulla da rivelare.

Acknowledgments

Questa ricerca è stata sostenuta dal Basic Science Research Program attraverso la National Research Foundation of Korea (NRF) finanziata dal Ministero dell'Istruzione (NRF-2015R1A5A20088333 e NRF-2016R1D1A3B03934279) e la concessione di lnstitute of Health Sciences (IHS GNU-2016-02) presso la Gyeongsang National University.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
1 ml disposable syringes Sungshim Medical P000CFDO
Balance A&D Company FX-2000i
Ball nozzle Jeung Do B&P JD-C-88
CCTV camera KOCOM KCB-381
Corticosterone ELISA kits Cayman Chemical
Digital lux meter TES TES-1330A
Ethovision XT 7.1 Noldus Information Technology
Isoflurane HANA PHARM CO., LTD. Ifran solution
Mice Koatech C57BL/6 strain
Restrainer Dae-jong Instrument Industry DJ-428
Saccharose (sucrose) DAEJUNG 7501-4400
Small animal isoflurane anaesthetic system Summit
Acrylic bar The apparatus was made in the lab for TST test
Tail suspension box The apparatus was made in the lab
Timer Electronics Tomorrow TL-2530
Water bottle Jeung Do B&P JD-C-79

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Ferrari, A. J., et al. Burden of Depressive Disorders by Country, Sex, Age, and Year: Findings from the Global Burden of Disease Study 2010. PLoS Medicine. 10, (11), (2013).
  2. Trivedi, M. H., et al. Evaluation of outcomes with citalopram for depression using measurement-based care in STAR*D: implications for clinical practice. The American Journal of Psychiatry. 163, (1), 28-40 (2006).
  3. Gartlehner, G., et al. Second-Generation Antidepressants in the Pharmacologic Treatment of Adult Depression: An Update of the 2007 Comparative Effectiveness Review. Second-Generation Antidepressants in the Pharmacologic Treatment of Adult Depression: An Update of the 2007 Comparative Effectiveness Review. [Internet]. http://www.Diva-portal.org/smash/record.jsf?pid=diva2%3A810275&dswid=-7243 (2011).
  4. Checkley, S. The neuroendocrinology of depression and chronic stress. British Medical Bulletin. 52, (3), 597-617 (1996).
  5. Parker, K. J., Schatzberg, A. F., Lyons, D. M. Neuroendocrine aspects of hypercortisolism in major depression. Hormones and Behavior. 43, (1), 60-66 (2003).
  6. de Kloet, E. R., Joels, M., Holsboer, F. Stress and the brain: from adaptation to disease. Nature Reviews Neuroscience. 6, (6), 463-475 (2005).
  7. McEwen, B. S. Central effects of stress hormones in health and disease: Understanding the protective and damaging effects of stress and stress mediators. European Journal of Pharmacology. 583, (2-3), 174-185 (2008).
  8. Chiba, S., et al. Chronic restraint stress causes anxiety- and depression-like behaviors, downregulates glucocorticoid receptor expression, and attenuates glutamate release induced by brain-derived neurotrophic factor in the prefrontal cortex. Progress in Neuro-Psychopharmacology and Biological Psychiatry. 39, (1), 112-119 (2012).
  9. Son, H., et al. Glutamine has antidepressive effects through increments of glutamate and glutamine levels and glutamatergic activity in the medial prefrontal cortex. Neuropharmacology. 143, 143-152 (2018).
  10. Gregus, A., Wintink, A. J., Davis, A. C., Kalynchuk, L. E. Effect of repeated corticosterone injections and restraint stress on anxiety and depression-like behavior in male rats. Behavioural Brain Research. 156, (1), 105-114 (2005).
  11. Woolley, C. S., Gould, E., McEwen, B. S. Exposure to excess glucocorticoids alters dendritic morphology of adult hippocampal pyramidal neurons. Brain Research. 531, (1-2), 225-231 (1990).
  12. Diorio, D., Viau, V., Meaney, M. J. The role of the medial prefrontal cortex (cingulate gyrus) in the regulation of hypothalamic-pituitary-adrenal responses to stress. The Journal of Neuroscience. 13, (9), 3839-3847 (1993).
  13. Figueiredo, H. F., Bruestle, A., Bodie, B., Dolgas, C. M., Herman, J. P. The medial prefrontal cortex differentially regulates stress-induced c-fos expression in the forebrain depending on type of stressor. European Journal of Neuroscience. 18, (8), 2357-2364 (2003).
  14. Katz, R. J. Animal model of depression: Effects of electroconvulsive shock therapy. Neuroscience and Biobehavioral Reviews. 5, (2), 273-277 (1981).
  15. Willner, P., Towell, A., Sampson, D., Sophokleous, S., Muscat, R. Reduction of sucrose preference by chronic unpredictable mild stress, and its restoration by a tricyclic antidepressant. Psychopharmacology. 93, (3), 358-364 (1987).
  16. Slattery, D. A., Cryan, J. F. Modelling depression in animals: at the interface of reward and stress pathways. Psychopharmacology. 234, (9-10), 1451-1465 (2017).
  17. Joo, Y., et al. Chronic immobilization stress induces anxiety- and depression-like behaviors and decreases transthyretin in the mouse cortex. Neuroscience Letters. 461, (2), 121-125 (2009).
  18. Jung, S., et al. Decreased expression of extracellular matrix proteins and trophic factors in the amygdala complex of depressed mice after chronic immobilization stress. BMC Neuroscience. 13, (1), (2012).
  19. Seo, J. S., et al. NADPH Oxidase Mediates Depressive Behavior Induced by Chronic Stress in Mice. Journal of Neuroscience. 32, (28), 9690-9699 (2012).
  20. Seo, J. S., et al. Cellular and molecular basis for stress-induced depression. Molecular Psychiatry. 22, (10), 1440-1447 (2016).
  21. Bowman, R. E., Zrull, M. C., Luine, V. N. Chronic restraint stress enhances radial arm maze performance in female rats. Brain Research. 904, (2), 279-289 (2001).
  22. McLaughlin, K. J., Baran, S. E., Wright, R. L., Conrad, C. D. Chronic stress enhances spatial memory in ovariectomized female rats despite CA3 dendritic retraction: Possible involvement of CA1 neurons. Neuroscience. 135, (4), 1045-1054 (2005).
  23. Qin, M., Xia, Z., Huang, T., Smith, C. B. Effects of chronic immobilization stress on anxiety-like behavior and basolateral amygdala morphology in Fmr1 knockout mice. Neuroscience. 194, 282-290 (2011).
  24. Popoli, M., Yan, Z., McEwen, B. S., Sanacora, G. The stressed synapse: The impact of stress and glucocorticoids on glutamate transmission. Nature Reviews Neuroscience. 13, (1), 22-37 (2012).
  25. Bourke, C. H., Neigh, G. N. Behavioral effects of chronic adolescent stress are sustained and sexually dimorphic. Hormones and Behavior. 60, (1), 112-120 (2011).
  26. Eiland, L., Ramroop, J., Hill, M. N., Manley, J., McEwen, B. S. Chronic juvenile stress produces corticolimbic dendritic architectural remodeling and modulates emotional behavior in male and female rats. Psychoneuroendocrinology. 37, (1), 39-47 (2012).
  27. Sun, L., et al. Effects of Hint1 deficiency on emotional-like behaviors in mice under chronic immobilization stress. Brain and Behavior. 7, (10), 1-11 (2017).
  28. Kim, K. S., Han, P. L. Optimization of chronic stress paradigms using anxiety-and depression-like behavioral parameters. Journal of Neuroscience Research. 83, (3), 497-507 (2006).
  29. Kim, G., et al. The GABAB receptor associates with regulators of G-protein signaling 4 protein in the mouse prefrontal cortex and hypothalamus. BMB Reports. 47, (6), (2014).
  30. Jangra, A., et al. Honokiol abrogates chronic restraint stress-induced cognitive impairment and depressive-like behaviour by blocking endoplasmic reticulum stress in the hippocampus of mice. European Journal of Pharmacology. 770, 25-32 (2016).
  31. Hurley, L. L., Akinfiresoye, L., Kalejaiye, O., Tizabi, Y. Antidepressant effects of resveratrol in an animal model of depression. Behavioural Brain Research. 268, (5), 1-7 (2014).
  32. Gottesman, I. I., Gould, T. D. The endophenotype concept in psychiatry: etymology and strategic intentions. The American Journal of Psychiatry. 160, (4), 636-645 (2003).
  33. Cryan, J. F., Mombereau, C. In search of a depressed mouse: Utility of models for studying depression-related behavior in genetically modified mice. Molecular Psychiatry. 9, (4), 326-357 (2004).
  34. Son, H., Jung, S., Shin, J., Kang, M., Kim, H. Anti-Stress and Anti-Depressive Effects of Spinach Extracts on a Chronic Stress-Induced Depression Mouse Model through Lowering Blood Corticosterone and Increasing Brain Glutamate and Glutamine Levels. Journal of Clinical Medicine. 7, (11), 406 (2018).
  35. Crowley, J. J., Blendy, J. A., Lucki, I. Strain-dependent antidepressant-like effects of citalopram in the mouse tail suspension test. Psychopharmacology. 183, (2), 257-264 (2005).
  36. Ripoll, N., David, D. J. P., Dailly, E., Hascoët, M., Bourin, M. Antidepressant-like effects in various mice strains in the tail suspension test. Behavioural Brain Research. 143, (2), 193-200 (2003).
  37. Mayorga, A. J., Lucki, I. Limitations on the use of the C57BL/6 mouse in the tail suspension test. Psychopharmacology. 155, (1), 110-112 (2001).
  38. Cryan, J. F., Mombereau, C., Vassout, A. The tail suspension test as a model for assessing antidepressant activity: review of pharmacological and genetic studies in mice. Neurosci Biobehav Rev. 29, (4-5), 571-625 (2005).
  39. Can, A., Dao, D. T., Terrillion, C. E., Piantadosi, S. C., Bhat, S., Gould, T. D. The Tail Suspension Test. Journal of Visualized Experiments. (58), 2-7 (2011).
  40. Weiss, I. C., Pryce, C. R., Jongen-Rêlo, A. L., Nanz-Bahr, N. I., Feldon, J. Effect of social isolation on stress-related behavioural and neuroendocrine state in the rat. Behavioural Brain Research. 152, (2), 279-295 (2004).
  41. Hilakivi, L. A., Ota, M., Lister, R. Effect of isolation on brain monoamines and the behavior of mice in tests of exploration, locomotion, anxiety and behavioral “despair.”. Pharmacology, Biochemistry and Behavior. 33, (2), 371-374 (1989).
  42. Dalla, C., Pitychoutis, P. M., Kokras, N., Papadopoulou-Daifoti, Z. Sex differences in response to stress and expression of depressive-like behaviours in the rat. Current Topics In Behavioral Neurosciences. 8, (2), 97-118 (2011).
  43. Bangasser, D. A., Valentino, R. J. Sex differences in stress-related psychiatric disorders: Neurobiological perspectives. Frontiers in Neuroendocrinology. 35, (3), 303-319 (2014).
  44. Palanza, P. Animal models of anxiety and depression: How are females different? Neuroscience and Biobehavioral Reviews. 25, (3), 219-233 (2001).
  45. Novais, A., Monteiro, S., Roque, S., Correia-Neves, M., Sousa, N. How age, sex and genotype shape the stress response. Neurobiology of Stress. 6, 44-56 (2017).
  46. Kim, J. G., Jung, H. S., Kim, K. J., Min, S. S., Yoon, B. J. Basal blood corticosterone level is correlated with susceptibility to chronic restraint stress in mice. Neuroscience Letters. 555, 137-142 (2013).
  47. Jeong, J. Y., Lee, D. H., Kang, S. S. Effects of Chronic Restraint Stress on Body Weight, Food Intake, and Hypothalamic Gene Expressions in Mice. Endocrinology and Metabolism. 28, (4), 288 (2013).
  48. Gould, T. D., Dao, D. T., Kovacsics, C. E. Mood and anxiety related phenotypes in mice: characterization using behavioral tests. Human Press. New York, NY. (2009).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Usage Statistics