L'analisi dello spostamento della deformazione meccanica miocardiale (DIAMOND) rivela l'eterogeneità segmentale della funzione cardiaca nel pesce zebra embrionale

Developmental Biology

Your institution must subscribe to JoVE's Developmental Biology section to access this content.

Fill out the form below to receive a free trial or learn more about access:

 

Summary

L'obiettivo di questo protocollo è quello di descrivere in dettaglio un nuovo metodo per la valutazione della funzione cardiaca segmentale nel pesce zebra embrionale in condizioni fisiologiche e patologiche.

Cite this Article

Copy Citation | Download Citations | Reprints and Permissions

Chen, J., Packard, R. R. S. Displacement Analysis of Myocardial Mechanical Deformation (DIAMOND) Reveals Segmental Heterogeneity of Cardiac Function in Embryonic Zebrafish. J. Vis. Exp. (156), e60547, doi:10.3791/60547 (2020).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

I pesci zebra sono sempre più utilizzati come organismo modello per le cardiomiopatie e la rigenerazione. Gli attuali metodi di valutazione della funzione cardiaca non riescono a rilevare in modo affidabile la meccanica segmentale e non sono facilmente fattibili nel pesce zebra. Qui presentiamo un metodo semiautomatizzato e open source per la valutazione quantitativa della funzione cardiaca segmentale quadridimensionale (4D): analisi dello spostamento della deformazione meccanica miocardiale (DIAMOND). I pesci zebra embrionali transgenici sono stati immagini in vivo utilizzando un sistema di microscopia a fluorescenza a fogli luminosi con sincronizzazione del movimento cardiaco 4D. I cuori digitali 3D acquisiti sono stati ricostruiti a end-systole e end-diastole, e il ventricolo è stato segmentato manualmente in set di dati binari. Poi, il cuore fu riorientato e isotropicalemente rieseguito lungo il vero asse corto, e il ventricolo fu diviso uniformemente in otto porzioni (I-VIII) lungo l'asse corto. A causa dei diversi piani e matrici di ricampionamento in end-systole e end-diastole, è stata applicata una matrice di trasformazione per la registrazione dell'immagine per ripristinare la relazione spaziale originale tra le matrici di immagini sistoliche e diastolice ricampionate. Dopo la registrazione dell'immagine, il vettore di spostamento di ogni segmento da end-systole a end-diastole è stato calcolato in base allo spostamento dei centriidi di massa in tre dimensioni (3D). DIAMOND mostra che i segmenti miocardici basali adiacenti al canale atrioventricolare subiscono la più alta deformazione meccanica e sono i più suscettibili a lesioni cardiache indotte da doxorubicina. Nel complesso, DIAMOND fornisce nuove informazioni sulla meccanica cardiaca segmentale negli embrioni di pesce zebra oltre la tradizionale frazione di espulsione (EF) in condizioni fisiologiche e patologiche.

Introduction

Tossicità cardiaca indotta dalla chemioterapia e conseguente insufficienza cardiaca sono uno dei motivi principali per l'interruzione della chemioterapia1. Pertanto, la valutazione funzionale cardiaca svolge un ruolo cruciale nell'identificazione della tossicità cardiaca e, cosa ancora più importante, nella previsione di lesioni cardiache precoci dopo la chemioterapia2. Tuttavia, gli attuali approcci per la valutazione funzionale cardiaca incontrano limitazioni. Metodi come la frazione di espulsione sinistra ventricolare (LVEF) forniscono solo la meccanica cardiaca globale e spesso ritardata dopo la lesione3,4. L'imaging tissue Doppler fornisce informazioni segmentali sulla deformazione miocardiale, ma soffre di una significativa variabilità intraosservato e intereconomica, in parte a causa della dipendenza dell'angolo del fascio ultragrafico5. Il tracciamento delle macchie bidimensionali (2D) utilizza la modalità B dell'ecocardiografia, che teoricamente elimina la dipendenza dell'angolo, ma la sua precisione è limitata dal movimento fuori piano6. Pertanto, manca un approccio rigoroso per quantificare la funzione cardiaca segmentale sia nella ricerca che negli ambienti clinici.

In questo contesto, abbiamo sviluppato un metodo di quantificazione 4D per l'analisi della funzione cardiaca segmentale che abbiamo chiamato analisi di spostamento della deformazione meccanica miocardiale (DIAMOND), per determinare i vettori di spostamento dei centriidi di massa miocardiale nello spazio 3D. Abbiamo applicato DIAMOND per la valutazione in vivo della funzione cardiaca e della tossicità cardiaca indotta da doxorubicina con il pesce zebra (Danio rerio) come modello animale, scelto a causa del loro miocardio rigenerante e dei geni dello sviluppo altamente conservativi7. Abbiamo ulteriormente confrontato lo spostamento segmentale di DIAMOND con la determinazione della frazione di espulsione globale (EF) e la deformazione 2D a seguito del trattamento doxorubicina. Integrando lo spostamento DIAMOND con la microscopia fluorescente a fogli di luce 4D (LSFM) acquisita dei cuori embrionali di pesce zebra, DIAMOND mostra che i segmenti miocardiali basali adiacenti al canale atrioventricolare subiscono la più alta deformazione meccanica e sono i più suscettibili a lesioni cardiache doxorubicina acute8.

   

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

Tutti i metodi qui descritti sono stati approvati dall'UCLA Institutional Animal Care and Use Committee (IACUC) e sono stati effettuati esperimenti nel rispetto dei protocolli approvati dall'Ufficio UCLA per la ricerca animale.

1. Allevamento Tg(cmlc2:mCherry) pesce zebra e raccolta di embrioni

  1. Seguire le procedure di alloggio, allevamento e raccolta degli embrioni come descritto nelle pratiche di allevamento e allevamento precedentemente stabilite. Per i dettagli, vedere Messerschmidt etal.
  2. Trattare gli embrioni raccolti con 0,003% 1-fenil-2-thiourea (PTU) in E3 medio 18 h dopo la fecondazione per mantenere la trasparenza degli embrioni per l'imaging LSFM.

2. Trattamento Doxorubicina per indurre lesioni cardiache

  1. A 3 giorni dopo la fecondazione (dpf), trattare gli embrioni con doxorubicina ad una concentrazione di 10 M nel mezzo di acqua di pesce E3. Dopo un trattamento da 24 h a 4 dpf, sostituire il mezzo doxorubicina con un mezzo E3 fresco.
    AVVISO: La doxorubicina è un farmaco chemioterapico. Sono necessari adeguati dispositivi di protezione personale (PPE) e i rifiuti devono essere smaltiti in contenitori di rifiuti bioperrischi.

3. modulazione del percorso di notch

  1. Trattare gli embrioni di pesce zebra con l'inibitore della via di Notch (2S)-N-[(3,5-difluorofenigliyl)acetyl]-L-alanyl-2-phenyl]glicine 1,1-dimethylethyl ester (DAPT) ad una concentrazione di 10 m nell'acqua di pesce E3 a media acquatica da 3 a 6 dpf.
  2. Microiniettare gli effetti a valle di Notch Notch dominio intracellulare (NICD) e Neuregulin-1 (Nrg-1) mRNA a concentrazioni di 10 pg/nL e 5 pg/nL, rispettivamente, negli embrioni di pesce zebra a 1 cellula8,10.
    NOTA: La microiniezione viene eseguita al microscopio con il supporto di una pompa ad aria per controllare con precisione il volume iniettato. La microiniezione di mRNA nella cellula viene eseguita quando l'uovo fecondato si trova alla prima fase cellulare. Per informazioni dettagliate sulla preparazione e la sequenza degli mRNA, vedere Chen et al.8. Per informazioni dettagliate sulla microiniezione e la preparazione degli aghi per iniezione, vedere Rosen etal.

4. Sincronizzazione dell'imaging LSFM e post-imaging

  1. Per le tecniche di imaging LSFM e l'algoritmo di sincronizzazione post-imaging, vedere i dettagli nelle pubblicazioni precedenti9,11.
    NOTA: In breve, il nostro sistema utilizza un laser a onde continue come sorgente di illuminazione per l'immagine di tutte le linee di pesci zebra transgenici. Il modulo di rilevamento è composto da due telecamere scientifiche per semiconduttori di ossido di metallo (sCMOS) e da due set di filtri per l'imaging a doppio canale. Il modulo di rilevamento è perpendicolarmente installato sul piano di illuminazione. Ogni fotogramma LSFM viene acquisito entro un tempo di esposizione di 20 msec, mentre la potenza di risoluzione nella sezione trasversale è di 0,65 m e la dimensione del gradino tra i fotogrammi consecutivi è di 2 m. Un laser da 589 nm è stato utilizzato per eccitare i segnali fluorescenti mCherry.

5. Ricostruzione del cuore sistolico e diastolico 3D

  1. Aprire la cartella creata dall'algoritmo post-sincronizzazione, quindi aprire la cartella "Output". Selezionare il piano centrale del cuore e caricare l'intera cartella in ImageJ. Trovare la prima fase diastolica e sistolica e registrare il numero del fotogramma.
  2. Aprire la cartella "Output/Per stato" e trovare le cartelle con gli stessi numeri dei numeri di fotogramma appena registrati. Convertire le immagini nella cartella in file 3D TIFF (formato file immagine con tag) e denominarle "diastole.tif" e "systole.tif".

6. Segmentazione del ventricolo

  1. Aprire il software di analisi delle immagini (vedere Tabella dei materiali). Fare clic su File . Aprire i datie caricare "diastole.tif" e "systole.tif". Immettere la dimensione voxel in base alle impostazioni di imaging.
    NOTA: Per il sistema LSFM utilizzato, la dimensione tipica del voxel è 0,65 m x 0,65 m x 2 m.
  2. Fate clic sul pannello "SEGMENTATION" e segmentate manualmente la parte venttricale del cuore. Lo strumento incorporato "Soglia" che può selezionare tutte le regioni al di sopra di una certa intensità può facilitare questo processo. Il ventricolo è la camera più spessa con una fluorescenza più forte.
    NOTA: Assicurarsi di rimuovere il canale atrioventricolare e il tratto di deflusso nel ventricolo segmentato, perché questo influisce sull'analisi dello spostamento.
  3. Al termine della segmentazione, fare clic sul pannello "Progetto". Fare clic con il pulsante destro del mouse sul "diastole . Labels.tif" e "systole. Labels.tif" tabulazioni nella console e fare clic su "Esporta dati come" per salvare i dati come file TIFF 3D.

7. Creazione di parallele rettangolari per la registrazione delle immagini

  1. Eseguire "prepImage_1.m" nell'ambiente di programmazione (vedere Tabella dei materiali). Aprire "prepImage_1.m", "ImPath" in modo che la cartella contenga i file TIFF originali e segmentati, e cambia "slice" in linea 4 al numero di fette dei file tif 3D.
  2. Dopo aver eseguito il codice, verranno generati cinque nuovi file TIFF 3D ("test.tif", "diastole_200.tif", "systole_200.tif", "diaLabel.tif" e "sysLabel200.tif") e due nuove cartelle ("resample_dia" e "resample_sys").

8. Ricampionare i cuori 3D sistolici e diastolici lungo il piano dell'asse corto

  1. Importare tutti e cinque i file TIFF 3D nel software di analisi delle immagini (vedere Tabella dei materiali).
    NOTA: la dimensione del voxel è invariata.
  2. Vai al pannello MULTIPLANAR. Scegliere "diastole_200.tif" come dati primari. Allineare l'asse X (la linea verde nel piano XY) con l'asse lungo verticale del ventricolo e allineare l'asse z (la linea rossa nel piano Y) con l'asse lungo orizzontale del ventricolo.
    NOTA: L'asse lungo verticale viene determinato individuando l'asse più lungo che collega l'apice e il tratto di deflusso nel piano XY, e l'asse lungo orizzontale viene determinato individuando l'asse più lungo che collega l'apice e il tratto di deflusso nel piano Y. Ruotare l'asse posizionando il cursore all'estremità dell'asse.
  3. Scegliete in senso antiorario tre punti casuali dal piano Obliquo Yà (il piano dell'asse corto) in senso antiorario e registrate le relative coordinate di posizione 3D.
    NOTA: Assicurarsi che i punti siano scelti in senso antiorario.
  4. Ripetere i passaggi 8.2 e 8.3 per "systole_200.tif".
  5. Fare clic sul pannello "PROGETTO". Creare un oggetto "Slice" per "diastole_200.tif" facendo clic con il pulsante destro del mouse sull'oggetto "diastole_200.tif" e cercando"Slice". Fate clic con il pulsante sinistro del mouse sull'oggetto Slice appena creato e nel pannello Proprietà ( Properties) Opzioni,selezionare" Imposta piano " e scegliere tre punti in "Definizione piano". Immettere le coordinate dei tre punti del punto 7.3.
  6. Ripetere il passaggio 8.5 per "systole_200.tif".
    NOTA: l'oggetto slice creato deve avere il nome "Slice 2".
  7. Fare clic con il pulsante destro del mouse su "diastole_200.tif" e cercare "Ricampiona immagine trasformata" e creare l'oggetto. Nel pannello Proprietà, scegliete "Sezione" come"Riferimento"e fate clic su Applica. Questo dovrebbe generare un oggetto denominato "diastole_200.transformed".
  8. Fare clic con il pulsante destro del mouse su "diastole_200.transformed" e cercare "Ricampiona" e creare l'oggetto. Scegliete "Voxel Size" come "Mode" e modificate "Voxel Size" in modo che sia x , 1, y , 1 e z 1 nel pannello Proprietà.
  9. Fare clic su "Applica". Questo dovrebbe generare un oggetto denominato "diastole_200.resampled". Fare clic con il pulsante destro del mouse su "diastole_200.resampled" e salvarlo come file TIFF 3D.
  10. Ripetere lo stesso passaggio per "diaLabel.tif" e "test.tif". Salvare "diaLabel.resampled" e "test.resampled" come file TIFF 3D. Ripetere lo stesso passaggio per "systole_200.tif", "sysLabel.tif" e "test.tif" utilizzando "Slice 2" come riferimento e salvare "systole_200.resampled", "sysLable.resampled" e "test2.resampled" come file TIFF 3D.
    NOTA: Assicurarsi che in questo passaggio siano presenti in totale sei file TIFF salvati.

9. Divisione del cuore rieseguito

  1. Importare tutti e sei i file ricampionati dal passaggio 8 a ImageJ. Selezionare una fetta di "systole_200.resampled" in cui il canale atrioventricolare è chiaramente visualizzato. Registrare il numero della sezione.
    1. Utilizzare l'opzione "Immagine Proprietà Transform . Ruota" funzione di ImageJ in modo che il canale atrioventricolare sia verticale. Applicare la stessa rotazione a tutti i file. Chiudere tutte le finestre e salvare tutte le modifiche.
    2. Spostare "diastole_200.resampled", "diaLabel.resampled" e "test.resampled" nella cartella "resample_dia" e spostare "systole_200.resampled", "sysLable.resampled" e "test2.resampled" nella cartella "resample_sys".
  2. Aprire "divider_2_8_pieces.m". Modificare "ImPath" in linea 5 e "ImPath" nella riga 395 nella directory dell'immagine. Modificare la variabile "Middle" nella linea 22 e la linea 411 in base ai numeri di taglio in cui il canale atrioventricolare è chiaramente visualizzato in "systole_200.resampled" e "diastole_200.resampled".
  3. Eseguire il codice, e nelle finestre richieste fare clic una volta al centro del ventricolo e fare clic una volta al centro del canale atrioventricolare. Questa operazione deve essere eseguita due volte sia per le immagini sistole che per le immagini diastole.

10. Registrazione delle matrici di immagini sistolice e diastolice

  1. Aprire "register_3.m" e modificare "ImPath" nella riga 4 per il percorso della cartella dell'immagine. L'esecuzione di questo codice potrebbe richiedere 5-20 min a seconda della potenza di calcolo del sistema.
    NOTA: Le parallelepipe parallele create artificialmente nel passaggio 7 vengono utilizzate per la registrazione rigida 3D che mantiene la distanza tra due punti e angoli sottoscritti da tre punti. Quando la parallelepiped rettangolare end-diastole (rosso) viene registrata nel parallelepiped rettangolare end-systole (verde), la conseguente discrepanza di screpolature 3D consente la derivazione di una matrice univoca di trasformazione rigida costituita dalla rotazione e dalla traslazione dalla matrice end-sastole alla matrice end-systole (Figura 1H). Eseguiamo la registrazione e regolarizzato minimizzazione dell'energia per disturbare la matrice dopo la trasformazione utilizzando una cassetta degli attrezzi di elaborazione delle immagini (vedere Tabella dei materiali). Per una descrizione matematica dettagliata, vedere Chen etal.

11. Uscita dei vettori di spostamento

  1. Aprire "displacement_4.m" e modificare "ImPath" in linea 4 per il percorso della cartella dell'immagine.
  2. Eseguire "displacement_4.m", che genera un file "vector8.txt" nella cartella "vectors". Una volta aperto il file "vector8.txt", ci sarà una matrice 8 x 4. Ogni riga della matrice ha quattro numeri, che sono le magnitudini del componente X, il componente Y, il componente s e la grandezza SUM del vettore di spostamento di un segmento specifico del ventricolo.
    NOTA: Il vettore di spostamento viene ottenuto calcolando lo spostamento del centroide di massa di ciascun segmento nello spazio 3D. Calcoliamo Equation CK le coordinate centroide di massa 3D (PS e PD)(dove k indica rispettivamente la coordinata X, Y, o z) di ogni segmento (I-VI) nel set di dati di segmentazione dalla sistole alla diastole ( Figura1J). Definiamo la Equation CK centroide di massa nello spazio 3D come segue:
    Equation 1
    where Cx = X, Cy = Y, and Cz = Z, Mi = the mass of each segment (I ≤ i ≤ VI), m = the number of voxels of each segment, and ρ = the density function as the segmented region is 1 whereas the rest is 0. La norma L2 dei vettori di sotto-spostamento lungo gli assi X, Y e z e il vettore di spostamento della somma vengono calcolati durante il ciclo cardiaco. Nella matrice sono presenti un totale di otto righe. La prima fila e l'ottava fila contengono il canale atrioventricolare e vengono quindi ignorate nella nostra analisi. I segmenti da I a VI sono rappresentati dalla seconda riga alla settima riga.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

Il processo mediante il quale DIAMOND è stato sviluppato per valutare la funzione cardiaca segmentale 3D è presentato nella Figura 1. In seguito all'acquisizione e alla ricostruzione dell'immagine LSFM in 3D del cuore di pesce zebra embrionale (Figura 1A), il vero piano dell'asse corto è stato determinato come piano perpendicolare agli assi lunghi verticali e orizzontali, entrambi determinati in un visualizzatore multiplano (Figura 1B). Il cuore è stato poi ricampionamentato lungo il piano dell'asse corto (Figura 1C) e diviso in otto segmenti uguali costituiti da angoli pari in base a una linea di divisione virtuale (linea tratteggiata rossa) che collega il centro della cavità ventricolare endocardiale al centro del canale atrioventricolare (Figura 1E). Le rappresentazioni 3D dei segmenti identificati sono illustrate in una vista trasversale (Figura 1F) e rispetto ai dati non elaborati (Figura 2). I segmenti VII e VIII sono stati rimossi dall'analisi perché comprendono il canale atrioventricolare e quindi contengono meno miocardio rispetto ad altri segmenti. I diversi piani di ricampionamento per le matrici end-systole (HS) e end-diastole (HD) conducono a sistemi di coordinate distinti per le matrici end-systolic e end-diastolici, che devono essere registrati per ripristinare la loro relazione spaziale originale (Figura 1G). Il sistema di coordinate della matrice end-systolic è stato scelto come riferimento per la coerenza. Per determinare la matrice di trasformazione (Tm) dalla matrice end-diastolic a quella end-systolic, è stata virtualmente creata una matrice di tre parallelepiped, che è asimmetrica in 3D e ha la stessa dimensione della matrice di immagini originale. I parallelepipedsono sono stati ricampionati due volte, prima nel piano dell'asse corto della matrice end-systole e quindi nel piano dell'asse corto della matrice end-diastole, portando a diversi parallelepipedi trasformati per end-systole (verde) e end-diastole (rosso) (Figura 1H).

I parallelepipedi verdi e rossi sono stati poi registrati insieme da un algoritmo di registrazione del corpo rigido e Tm è stato calcolato e applicato alla matrice end-diastole per ripristinare le coordinate (Figura 1I). Questo processo consente il successivo tracciamento nello spazio 3D dei vettori di spostamento dei centriidi di massa da qualsiasi segmento del ventricolo durante il ciclo cardiaco (Figura 1J). Lo spostamento DIAMOND dei segmenti ventricolari I-VI può essere monitorato durante più punti temporali nel ciclo cardiaco (Figura 1K), che può essere semplificato per l'analisi quantitativa a due punti temporali che vanno dalla fine della sistole alla fine della diastole (Figura 1L). I segmenti generati da DIAMOND possono essere visualizzati nella Figura 2, dove ogni colore rappresenta un segmento cardiaco.

Con DIAMOND, abbiamo scoperto l'eterogeneità segmentale della funzione cardiaca e la suscettibilità alla lesione miocardiale indotta da doxorubicina nel pesce zebra. A seguito di un trattamento di 24 h con 10 doxorubicin M da 3 a 4 dpf (Figura 3A), abbiamo confrontato lo spostamento DIAMOND di segmenti ventricolari tra gruppi di controllo e chemioterapia trattati (Figura 3B) e 48 h dopo il trattamento (Figura 3C). Tutte le figure DIAMOND seguono lo stesso schema grafico dei ventricoli ricampionati lungo l'asse corto (Figura 1E). I dati sono presentati come percentuali normalizzando la norma L2 del vettore di spostamento al perimetro interno del cuore, con i componenti X (verde), Y (blu) e z (arancione) illustrati come i loro contributi ponderati. A 4 dpf, la norma L2 media dei vettori di spostamento segmentale nei pesci di controllo variava da 6,6 a 11,3 m, o dal 3,8 al 6,6% dopo la normalizzazione. I nostri risultati indicano che in condizioni di controllo, i segmenti basali I e VI subiscono i più grandi spostamenti e sono quelli più suscettibili a lesioni cardiache indotte da doxorubicina(Figura 3B, 29% di diminuzione da 6.6–4.7%, n - 10 controllo e n - 8 doxorubicina, p < 0.01). A 6 dpf, la norma L2 media dei vettori di spostamento segmentale nel pesce di controllo variava da 6,8-14 m, o dal 3,9–8% dopo la normalizzazione. A 6 dpf, i segmenti basali I e VI hanno recuperato lo spostamento DIAMOND per controllare i livelli, suggerendo una rigenerazione segmentale (Figura 3C, n , 10 controllo e n - 8 doxorubicin). Parallelamente, è stato osservato un peggioramento del ceppo basale 2D da -53 a -38% a 4 dpf in seguito al trattamento doxorubicina, seguito da un ritorno ai livelli di controllo a 6 dpf, corroborando i risultati di spostamento DIAMOND (Figura 3D, 3E). È stata osservata anche una diminuzione parallela della frazione di espulsione globale in risposta alla doxorubicina a 4 dpf con recupero a 6 dpf(Figura 3F, 3G).

Abbiamo poi applicato DIAMOND durante il trattamento doxorubicina e modulazione della via di Notch utilizzando l'inibitore di Notch DAPT e il salvataggio utilizzando gli effetti a valle di Notch NICD e NRG1 mRNA (Figura 4A). La microiniezione di mRNA NICD e NRG1 ha salvato la diminuzione dello spostamento DIAMOND e dell'EF dopo una lesione indotta dalla chemioterapia acuta a 4 dpf(Figura 4B, 4D). L'esposizione all'inibitore di Notch DAPT insieme alla doxorubicina ha portato ad una diminuzione più diffusa nello spostamento DIAMOND, oltre ai segmenti basali I e VI (Figura 4B). Inoltre, l'inibizione della via di Notch dopo lesioni provocate dalla chemio ha ulteriormente ostacolato il recupero dello spostamento DIAMOND dei segmenti basali e dell'EF a 6 dpf. L'inibizione è stata salvata dagli effetti a valle di Notch NICD e NRG1 (Figura 4C, 4E).

Figure 1
Figura 1: sviluppo dello spostamento 4D DIAMOND. (A) Le immagini raw sono state catturate mediante microscopia fluorescente a fogli di luce. (B e C) Il cuore 3D ricostruito è stato ricampionato lungo la vera vista piana dell'asse corto. (D) Illustrazione schematica del cuore embrionale del pesce zebra. (E e F) Illustrazioni 2D e 3D della divisione del ventricolo in otto segmenti esclusi i segmenti VII e VIII. (G) I diversi sistemi di coordinate di end-systole e end-diastole dopo il ricampionamento. (H) È stato creato un gruppo di parallelepipedi rettangolari per la generazione di una matrice di trasformazione (Tm). (I) Sistemi di coordinate end-systolic e diastolici registrati applicando Tm. (J) Vettore di spostamento del centroide di massa segmentale da fine sistema alla fine della diastole. (K) Spostamento DIAMOND di segmenti ventricolari I-VI tracciati durante più punti temporali nel ciclo cardiaco. (L) Spostamento DIAMOND dei segmenti ventricolari I-VI dalla fine della sistole alla fine della diastole. Questa cifra di Chen et al.8 è riprodotta con il permesso dell'American Society for Clinical Investigation (ASCI). Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 2
Figura 2: segmentazione DIAMOND del cuore embrionale del pesce zebra rispetto ai dati grezzi in 3D. Il cuore del pesce zebra embrionale è stato diviso in sei segmenti (volumi) qui raffigurati in colori diversi per il calcolo degli spostamenti DIAMOND (a sinistra). Il vettore di spostamento di ogni segmento calcolato da DIAMOND rappresenta la sua funzione cardiaca segmentale. L'atrio e il tratto di deflusso sono stati rimossi durante la segmentazione. Barra di scala : 50 m. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 3
Figura 3: DIAMOND svela l'eterogeneità segmentale nella funzione cardiaca e la suscettibilità alle lesioni indotte dalla chemioterapia. (A) Programma sperimentale di trattamento della doxorubicina. (B e C) Confronto segmentale dei vettori di spostamento DIAMOND normalizzati al perimetro miocardico interno tra il controllo e i gruppi trattati con doxorubicina a 4 e 6 dpf (test t,sp < 0,01, n - 8–10 per gruppo). (D ed E) Valutazione della deformazione nella base ventricolare raffigurante una lesione e un modello di rigenerazione simili ai vettori di spostamento DIAMOND (Sezionep < 0,05, n - 6-8 per gruppo). (F e G) Diminuzione della frazione di espulsione in risposta a doxorubicina a 4 dpf con recupero a 6 dpf, seguendo un modello simile agli spostamenti segmentali di DIAMOND a livello ventricolare globale (test t,s< 0.01, barre di errore SEM, n - 6–10 per gruppo). Questa cifra di Chen et al.8 è riprodotta con il permesso dell'ASCI. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 4
Figura 4: Meccanica DIAMOND per la valutazione del recupero miocardico mediato da Notch a seguito di lesioni doxorubicine. (A) Programma sperimentale. (B e C) gli effetti a valle NICD e NRG1 Notch hanno salvato la riduzione dello spostamento DIAMOND nei segmenti I e VI a 4 dpf. A 6 dpf, l'inibizione della segnalazione di Notch da parte di DAPT ha compromesso il ripristino della funzione cardiaca segmentale (ANOVA,s.p < 0.01 Dox contro controllo; ,p < 0,05,p < 0.01, Dox - DAPT vs controllo, n - 6-10 per gruppo). (D ed E) La frazione di espulsione corrobora la meccanica DIAMOND a livello globale (ANOVA,p < 0,05,s< 0,01, barre di errore SEM, n - 5-11 per gruppo). Questa cifra di Chen et al.8 è riprodotta con il permesso dell'ASCI. Fare clic qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

Una strategia rigorosa per la quantificazione della funzione miocardiale segmentale è fondamentale per valutare la meccanica cardiaca al di là della tradizionale EF, nota per essere un indicatore insensibile e ritardato della lesione miocardiale1,4,12. Quindi, c'è stato un crescente interesse per i marcatori dei primi cambiamenti miocardici, e un corpo crescente di letteratura supporta i parametri di deformazione miopidea come indicatore precoce per prevedere la disfunzione ventricolare4,13. La misurazione ecocardiografica della deformazione ventricolare sinistra (LV) fornisce un metodo stabilito di misurazione della deformazione miopideale13. Tuttavia, l'imaging del ceppo basato su Doppler sui tessuti soffre di una serie di carenze dovute alla dipendenza dall'angolo e alla variabilità intraosservato e interosservatorio14. L'ecocardiografia di tracciamento dello Speckle (STE) è in grado di risolvere la deformazione dei tessuti 2D e 3D indipendente dall'angolo, ma la precisione del tracciamento delle macchie 2D è influenzata dal movimento del piano6, mentre il tracciamento delle macchie 3D richiede una risoluzione spaziale superiore per risolvere i modelli di interferenza ecografica positiva (punti) in 3D e ad alta risoluzione temporale per tenere traccia delle macchie tra i fotogrammi15. Nel presente protocollo, descriviamo lo spostamento DIAMOND come un nuovo parametro di deformazione miocardiale per la quantificazione in vivo della funzione cardiaca segmentale 4D nel pesce zebra. Rispetto a EF e alla deformazione 2D come standard di riferimento, DIAMOND fornisce informazioni aggiuntive sulla deformazione segmentale senza essere influenzato dal movimento attraverso il piano. Integrando DIAMOND con l'LSFM 4D, la nostra tecnica è in grado di valutare il vettore di spostamento di un segmento di cuore di larghezza di 20-30 m, che attualmente è impossibile anche per il sistema STE 3D più avanzato, che ha una risoluzione millimetrico-gamma16.

   

Per applicare DIAMOND, è fondamentale avere una comprensione completa della struttura anatomica del cuore embrionale del pesce zebra. Durante la segmentazione dell'immagine, è essenziale che il canale atrioventricolare e il tratto di deflusso siano correttamente identificati e segmentati dal resto del miocardio quando l'utente sta eseguendo la fase 6 del protocollo. Inoltre, gli assi orizzontali e lunghi verticali del ventricolo devono essere determinati con precisione per ricavare il vero piano dell'asse corto per il ricampionamento dell'immagine nel passaggio 8.

Il principale fattore limitante del tasso di applicazione di DIAMOND è la segmentazione manuale del ventricolo, che diventa dispendioso in termini di tempo quando potrebbe essere necessario valutare più fasi durante il ciclo cardiaco. Con l'avanzamento dell'apprendimento automatico e delle reti neurali, un metodo di segmentazione cardiaca automatizzato17,18,19,20 potrebbe essere integrato con DIAMOND per fornire il monitoraggio della funzione cardiaca segmentale durante l'intero ciclo cardiaco. Ulteriori applicazioni di DIAMOND includono anche l'integrazione con l'ecocardiografia, micro-CT, o micro-RM, adatto in modelli animali più grandi per la valutazione multiscala di lesioni cardiache e rigenerazione21. Tuttavia, il metodo richiederà prima l'adattamento alla presenza di fibre miocardiche che portano a deformazioni cardiache più complesse tra cui la torsione nei mammiferi22,23.

Nel complesso, DIAMOND fornisce un nuovo metodo per valutare la funzione cardiaca segmentale nel pesce zebra embrionale in condizioni fisiologiche e patologiche e può essere utilizzato come piattaforma per lo screening in vivo ad alto throughput di percorsi associati a tossicità cardiaca indotta dalla chemioterapia.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Gli autori hanno dichiarato che non esiste alcun conflitto di interessi.

Acknowledgments

Il presente lavoro è stato finanziato dall'American Heart Association concede 16SDG30910007 e 18CDA34110338, e dalle sovvenzioni HL083015, HL111437, HL118650 e HL129727.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
Amira6 FEI Image analyzing software
DAPT Millipore Sigma D5942-5MG
Doxorubicin hydrochloride Millipore Sigma D1515-10MG
Ethyl 3-aminobenzoate methanesulfonate Millipore Sigma E10521-10G Tricaine
MATLAB MathWorks Programming environment
MATLAB Image Processing Toolbox MathWorks Image processing toolbox

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Ewer, M. S., Ewer, S. M. Cardiotoxicity of anticancer treatments. Nature Reviews Cardiology. 12, (9), 547-558 (2015).
  2. Thavendiranathan, P., Wintersperger Bernd, J., Scott, F. D., Thomas D, M. H. Cardiac MRI in the Assessment of Cardiac Injury and Toxicity From Cancer Chemotherapy. Circulation: Cardiovascular Imaging. 6, (6), 1080-1091 (2013).
  3. Mickoleit, M., et al. High-resolution reconstruction of the beating zebrafish heart. Nature Methods. 11, (9), 919-922 (2014).
  4. Thavendiranathan, P., et al. Use of Myocardial Strain Imaging by Echocardiography for the Early Detection of Cardiotoxicity in Patients During and After Cancer Chemotherapy. A Systematic Review. 63, (25), Part A 2751-2768 (2014).
  5. Collier, P., Phelan, D., Klein, A. A Test in Context: Myocardial Strain Measured by Speckle-Tracking Echocardiography. Journal of the American College of Cardiology. 69, (8), 1043-1056 (2017).
  6. Hanekom, L., Cho, G. Y., Leano, R., Jeffriess, L., Marwick, T. H. Comparison of two-dimensional speckle and tissue Doppler strain measurement during dobutamine stress echocardiography: an angiographic correlation. European Heart Journal. 28, (14), 1765-1772 (2007).
  7. Poss, K. D., Wilson, L. G., Keating, M. T. Heart regeneration in zebrafish. Science. 298, (5601), 2188-2190 (2002).
  8. Chen, J., et al. Displacement analysis of myocardial mechanical deformation (DIAMOND) reveals segmental susceptibility to doxorubicin-induced injury and regeneration. JCI Insight. 4, (8), e125362 (2019).
  9. Messerschmidt, V., et al. Light-sheet Fluorescence Microscopy to Capture 4-Dimensional Images of the Effects of Modulating Shear Stress on the Developing Zebrafish Heart. Journal of Visualized Experiments. (138), e57763 (2018).
  10. Rosen, J. N., Sweeney, M. F., Mably, J. D. Microinjection of Zebrafish Embryos to Analyze Gene Function. Journal of Visualized Experiments. (25), e1115 (2009).
  11. Lee, J., et al. 4-Dimensional light-sheet microscopy to elucidate shear stress modulation of cardiac trabeculation. The Journal of Clinical Investigation. 126, (5), 1679-1690 (2016).
  12. Lenneman, C. G., Sawyer, D. B. Cardio-Oncology: An Update on Cardiotoxicity of Cancer-Related Treatment. Circulation Research. 118, (6), 1008-1020 (2016).
  13. Geyer, H., et al. Assessment of Myocardial Mechanics Using Speckle Tracking Echocardiography: Fundamentals and Clinical Applications. Journal of the American Society of Echocardiography. 23, (4), 351-369 (2010).
  14. Castro, P. L., Greenberg, N. L., Drinko, J., Garcia, M. J., Thomas, J. D. Potential pitfalls of strain rate imaging: angle dependency. Biomedical Sciences Instrumentation. 36, 197-202 (2000).
  15. Seo, Y., Ishizu, T., Aonuma, K. Current Status of 3Dimensional Speckle Tracking Echocardiography: A Review from Our Experiences. Journal of Cardiovascular Ultrasound. 22, (2), 49-57 (2014).
  16. Amzulescu, M. S., et al. Improvements of Myocardial Deformation Assessment by Three-Dimensional Speckle-Tracking versus Two-Dimensional Speckle-Tracking Revealed by Cardiac Magnetic Resonance Tagging. Journal of the American Society of Echocardiography. 31, (9), 1021-1033 (2018).
  17. Wolterink, J. M., Leiner, T., Viergever, M. A., Išgum, I. Reconstruction, Segmentation, and Analysis of Medical Images. Zuluaga, M. A., et al. Springer International Publishing. 95-102 (2016).
  18. Avendi, M. R., Kheradvar, A., Jafarkhani, H. A combined deep-learning and deformable-model approach to fully automatic segmentation of the left ventricle in cardiac MRI. Medical Image Analysis. 30, 108-119 (2016).
  19. Packard, R. R. S., et al. Automated Segmentation of Light-Sheet Fluorescent Imaging to Characterize Experimental Doxorubicin-Induced Cardiac Injury and Repair. Scientific Reports. 7, (1), 8603 (2017).
  20. Jay Kuo, C. C., Chen, Y. On data-driven Saak transform. Journal of Visual Communication and Image Representation. 50, 237-246 (2018).
  21. Natarajan, N., et al. Complement Receptor C5aR1 Plays an Evolutionarily Conserved Role in Successful Cardiac Regeneration. Circulation. 137, (20), 2152-2165 (2018).
  22. Zhukov, L., Barr, A. H. IEEE Visualization VIS 2003. 597-602 (2003).
  23. Nielles-Vallespin, S., et al. In vivo diffusion tensor MRI of the human heart: Reproducibility of breath-hold and navigator-based approaches. Magnetic Resonance in Medicine. 70, (2), 454-465 (2013).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Usage Statistics