Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
Click here for the English version

Bioengineering

Concentric Sistema Gel per studiare il ruolo biofisica di Matrix Microenvironment sulla migrazione Cell 3D

doi: 10.3791/52735 Published: April 3, 2015

Summary

Le proprietà meccaniche e microstruttura della matrice extracellulare influenzano fortemente la migrazione delle cellule 3D. Un metodo in vitro per studiare il comportamento di migrazione delle cellule spazio-temporale in ambienti biofisico variabili, sia a livello della popolazione e delle singole celle, è descritto.

Abstract

La capacità delle cellule di migrare è cruciale in un'ampia varietà di funzioni cellulari per tutta la vita di sviluppo embrionale e la guarigione della ferita al tumore e metastasi. Nonostante intensi sforzi di ricerca, i principi biochimici e biofisici fondamentali della migrazione cellulare non sono ancora pienamente compresi, soprattutto nelle fisiologicamente rilevanti (3D) microambienti tridimensionali. Qui, descriviamo un test in vitro per permettere l'esame quantitativo di comportamenti di migrazione delle cellule in 3D. Il metodo sfrutta la capacità mechanosensing della cellula e propensione a migrare nella matrice extracellulare precedentemente occupato (ECM). Usiamo l'invasione delle cellule del cancro al seno altamente invasivo, MDA-MB-231, in gel di collagene come sistema modello. La diffusione della popolazione cellulare e le dinamiche di migrazione delle singole cellule nel corso di settimane della cultura possono essere monitorati tramite live-cell imaging e analizzati per estrarre i dati spatiotemporally-risolti. Inoltre, Il metodo è facilmente adattabile per diverse matrici extracellulari, offrendo così un modo semplice ma potente per studiare il ruolo dei fattori biofisici del microambiente sulla migrazione delle cellule.

Introduction

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

La migrazione di cellule svolge un ruolo chiave nella varie risposte fisiologiche quali lo sviluppo embrionale, emostasi, e la risposta immunitaria, nonché in processi patologici come le malattie vascolari, infiammazione e cancro 1. Analisi dei fattori biochimici e biofisici sottostanti migrazione delle cellule è quindi di fondamentale importanza non solo per capire i principi fondamentali di funzioni cellulari, ma anche per avanzare varie applicazioni biomediche, come in ingegneria tissutale, anti-metastasi e sviluppo anti-infiammatori droga. Poiché osservazione in vivo è tecnicamente difficile, molti sforzi si è focalizzata sulla ricapitolazione in vitro della migrazione cellulare.

Metodi in vitro per studiare la migrazione delle cellule sono state in gran parte progettato per test su due superfici bidimensionali (2D), in particolare il graffio o ferita guarigione test 2. Tali saggi offrono semplice setup sperimentale, facile live-imaging cellulare, e fornire indicazioni utili in diversi meccanismi biochimici alla base delle migrazioni delle cellule. Tuttavia, questi test non rappresentano matrice (ECM) Architettura e rimodellamento extracellulare, che sono aspetti critici nella comprensione della migrazione vivo. Recentemente, è stato sempre più apprezzato che un modello di coltura 3D, spesso in matrici a base di collagene 3, fornisce una piattaforma che meglio assomiglia la situazione in vivo. Infatti, le cellule presentano dinamiche migratori che sono distinti da quelli sulle superfici 2D, soprattutto a causa della diversa dimensionalità dell'ambiente 4. Inoltre, le proprietà biofisiche e meccaniche della matrice influiscono sensibilmente migrazione cellulare 5, anche nel contesto di invasione delle cellule tumorali 6.

Qui vi presentiamo un metodo per studiare il comportamento di migrazione delle cellule 3D in ECM con proprietà biofisiche che possono essere facilmente variati condizioni di preparazione. Le cellule sonotesta di serie in un "gel interno" e sono autorizzati a fuggire in e invadere la "gel esterno" inizialmente acellulare. Il metodo si basa sulla capacità delle cellule di riconoscere la presenza e la propensione a migrare in regioni prive di cellule nel gel esterna, che è strettamente legato alla cella mechanosensing 7. In questo studio, ci avvaliamo di reti di collagene come il ECMs invasi dalle cellule del cancro al seno altamente invasive, MD-MBA-231. Le proprietà meccaniche e microstruttura di entrambi i gel interno ed esterno possono essere sintonizzati 8 e 9 caratterizzato per raggiungere condizioni fisiologicamente rilevanti. Ricostruzione e analisi delle tracce cellulari consentono esame quantitativa dettagliata del comportamento di migrazione spaziotemporale sia a livello della popolazione e livello di singola cellula. È importante sottolineare che la messa a punto del sistema di gel concentrica imita il vivo topologia tessuto affrontato da migrazione delle cellule, in particolare invadere le cellule tumorali, offrendo spunti importantiai meccanismi fisici di migrazione cellulare e metastasi.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Raccolta 1. Cella

  1. Ottenere MD-MBA-231 cellule dal 37 ° C, 5% CO 2 incubatore. Staccare le cellule dal tessuto piastra di coltura con 0,5% di soluzione di tripsina-EDTA. Usare 1 ml di soluzione di tripsina-EDTA per cellule coltivate in un pallone T25.
  2. Cellule pellet in un tubo da 15 ml per centrifugazione a 200 g per 4 minuti, aspirare il supernatante e risospendere le cellule in 5 ml di coltura.
  3. Conte densità cellulare, ρ, utilizzando un emocitometro.
    Nota: Per preparare il gel interno delle cellule testa di serie, la sospensione cellulare viene successivamente diluito 10 × per raggiungere la finale densità di semina delle cellule. Pertanto, è necessario 10 × sospensione cellulare concentrata.
  4. Calcolare il volume di terreno richiesta per ottenere una concentrazione di 10 × cellulare:
    Equazione 1
    Nota: Un finale densità di semina delle cellule, c finale, di circa 215; 10 6 cellule / ml è consigliato per MD-MBA-231 cellule ed è utilizzato in questo protocollo. Altri densità di semina possono essere esplorate anche per altri tipi di cellule.
  5. Cellule pellet ancora una volta in un tubo da 15 ml per centrifugazione a 200 g per 4 minuti, e aspirare il surnatante.
  6. Risospendere le cellule in quantità necessaria (V calcolati in fase di 1.3) di terreno privo di siero di coltura cellulare a fondo per ridurre al minimo aggregazione delle cellule.
    Nota: Il rosso fenolo è auto-fluorescente, e può interferire con l'imaging di fluorescenza / riflessione. Uso di mezzo privo di rosso fenolo può essere considerato per ottenere la migliore qualità dell'immagine.

2. Preparazione di collagene Solutions

  1. Ottenere la soluzione di riserva di collagene, 10 × tampone PBS, Milli-Q H 2 O, 0.1 M NaOH, e diversi microprovette. Tenere tutti sul ghiaccio per evitare premature collagene polimerizzazione, e mantenere condizioni sterili.
  2. Equilibrare un vetro- sterilepiatto fondo di pre-riscaldamento nella C incubatore 37 °.
    Nota: Tutti i volumi di questo protocollo sono stati ottimizzati per un piatto fondo di vetro con 12 millimetri pure. Se si utilizza un altro tipo piatto, regolare i volumi di conseguenza.
  3. Calcolare il volume richiesto di preparazione di 50 ml di 2,4 mg / ml soluzione di collagene per il gel interno (soluzione I) basata sulla concentrazione collagene magazzino.
    Nota: altre concentrazioni di collagene per il gel interno possono anche essere utilizzati.
  4. In un ambiente sterile (tipicamente una cappa di biosicurezza), aggiungere lentamente 5 ml di 10 × tampone PBS alla quantità necessaria di collagene soluzione madre (calcolata al punto 2.3) con dolce vorticoso. Fare attenzione ad evitare la formazione di bolle d'aria.
  5. Regolare il pH della miscela a 7,4 usando NaOH 0,1 M utilizzando calibrato pH-metro. Indicativamente, utilizzare circa 5 microlitri per portare il pH vicino a 7,4 (la quantità varia a seconda della concentrazione di magazzino e pH).
    Nota: Si noti che i volumi coinvolti in questopasso è troppo piccolo per l'uso normale pH metro. Utilizzare uno dei seguenti trucchi:
    1. Preparare le soluzioni di collagene per più campioni. Regolare il pH in massa con pH normale metro e distribuire le soluzioni di collagene attraverso i campioni.
    2. In alternativa, regolare il pH di una soluzione di collagene in volume più grande (i. E., Il volume che consente l'utilizzo di pH normale metro). Notare la quantità di NaOH necessaria per portare il pH a pH finale. Scale giù i volumi e utilizzare la quantità appropriata di NaOH per l'esperimento. Confermare il valore del pH utilizzando carta tornasole.
    3. Altrimenti, utilizzare un elettrodo di pH micro per regolare più accuratamente il pH di piccole quantità.
  6. Portare la soluzione ad un volume di 45 microlitri con H 2 O. Eseguire tutti i passi sul ghiaccio per evitare premature collagene polimerizzazione.

3. La formazione di Concentric Gel Cultura

  1. Prendete il piatto fondo di vetro pre-riscaldato (vedi punto 2.2) da the incubatore.
  2. Aggiungere 5 ml di sospensione cellulare concentrata 10 × (preparata al punto 1.5) di soluzione I. Risospendere accuratamente. Fare attenzione ad evitare la formazione di bolle d'aria. La miscela ha ora un volume di 50 microlitri e contiene la concentrazione finale collagene (2,4 mg / ml) e la densità delle cellule (c finale = 2 x 10 6 cellule / ml).
  3. Aggiungere 20 ml della soluzione di cellule contenenti lentamente al centro del pozzo, in modo da formare una cupola a forma di goccia (Figura 1A). Fare attenzione ad evitare la formazione di bolle in questa fase. Se si forma un bolla, con attenzione ma rapidamente cercare di rottura sia o aspirare utilizzando un puntale. Posizionare delicatamente il piatto di nuovo in incubatrice per lasciare il gel interno polimerizzare per 45 min.
  4. Preparare la soluzione O (per esterno, gel di collagene acellulare) circa 15 minuti prima della fine di questa fase di incubazione.
    Nota: La condizione gel esterno può variare in termini di concentrazione di collagene e polimerizzazione a pHottenere reti con diverse microstrutture 10. In questo protocollo, concentrarsi su un 1,5-4,0 mg / ml di gel di collagene polimerizzato ad un pH di 7,4.
    1. Sulla base della concentrazione di collagene magazzino, calcolare il volume richiesto necessario per preparare 200 ml di soluzione di collagene O alla concentrazione finale.
  5. Aggiungere 20 ml di 10 × tampone PBS lentamente la quantità richiesta di soluzione di collagene magazzino (calcolata al punto 3.4) con dolce vorticoso. Regolare il pH della miscela a pH finale con 0,1 M NaOH con l'uso di calibrato pH-metro. Vedere nota al punto 2.5 per quanto riguarda la regolazione del pH.
  6. Portare la soluzione ad un volume finale di 200 microlitri con H 2 O. Eseguire tutti i passi sul ghiaccio per evitare premature collagene polimerizzazione.
  7. Prendete il piatto dal incubatrice dopo 45 min polimerizzazione del gel interno (vedi punto 3.3). Aggiungere delicatamente 180 microlitri di soluzione di O sulla parte superiore del gel interno, in modo che la soluzione copre completamente i internagel e riempie il pozzo (Figura 1B).
    1. Eseguire attentamente questo passo senza agitazione la soluzione, che può portare ad orientamenti fibre non uniformi nel gel esterno. Fare attenzione a non toccare il gel interno con un puntale, e per evitare la formazione di bolle o sacche d'aria. Se si forma un bolla, con attenzione ma rapidamente cercare di rottura sia o aspirare utilizzando un puntale. Posizionare delicatamente il piatto di nuovo in incubatrice per lasciare il gel polimerizzarli esterno.
  8. Prendete il piatto dal incubatrice dopo 45 min di polimerizzazione. Il gel dovrebbe essere già abbastanza solidificato, a questo punto, anche se può ancora staccarsi dalla superficie inferiore se maneggiata.
    1. Versare delicatamente 2 ml di mezzo di coltura cellulare riscaldata al piatto (Figura 1C). Assicurarsi che il gel è completamente sommerso nel mezzo. Aggiornare la media ogni 2 - 3 giorni in tutta la durata della cultura.

4. Imaging Live-cell

  1. Eseguire immagini utilizzando un microscopio confocale invertito dotato di capacità di imaging live-cell-lungo termine. Include un built-in camera di incubazione con una temperatura (37 ° C) e controllo CO 2 (5%). Accendere il microscopio e riscaldare il palco, almeno 1 ora prima di avviare l'esperimento.
    Nota: Utilizzare lente obiettivo con lunga distanza di lavoro per ottimizzare l'osservazione e la localizzazione delle cellule in gel 3D.
  2. Incubare il gel in terreno contenente 5 ml di colorante fluorescente inseguitore cellule per 30 minuti per consentire la localizzazione precisa delle cellule del sistema 3D. Successivamente, rimuovere il colorante mediante lavaggio tre volte con 1 × PBS. Successivamente, aggiungere mezzo di coltura cellulare al piatto.
  3. Prendete il piatto dal termostato e posizionarlo sul palco microscopio (Figura 1D).
    Nota: l'imaging cellulare dal vivo può iniziare in linea di principio a destra dopo la polimerizzazione del gel esterno. Tuttavia, a questo punto, le cellule in i gel interni non sono ancora diffuse. Per esaminare la migrazione delle prime cellule che hanno invaso il gel esterna, live-cell imaging può iniziare 24 ore (a seconda del tipo di cellula) dopo l'inizio della coltura. Indicativamente, circa 12 - 14 giorni di coltura sono necessari per la maggior parte delle cellule del gel interno per immettere il gel esterno.
  4. Selezionare Volumi di View (UTP di) nelle regioni del gel esterno che circonda il gel interno. Dopo 24 ore di incubazione, la popolazione cellulare sarà diffuso, attraversato l'interfaccia tra i gel interno ed esterno, e ha iniziato a invadere il gel esterno.
    1. Per il Vov di includere le regioni gel immediatamente accanto all'interfaccia gel, regioni intermedie, e le regioni vicino alla periferia del gel esterno 7. Esclusione regioni più stretta di 50 micron dalla superficie inferiore e laterale, nonché dalla parte superiore del gel, per evitare possibili effetti di bordo. Ogni vov misura tipicamente 647 × 647 × 100 micron 3 (in x, Y e Z, rispettivamente), con intervallo di 5 micron di z impili.
  5. Assicurare modalità di imaging, i canali / filtri, tempi di esposizione, e le risoluzioni di immagine sono selezionati correttamente. Per l'imaging senza etichetta della rete di collagene, utilizzare la microscopia confocale riflettanza simultaneamente durante il time-lapse imaging live-cell.
  6. Prendere immagini di esempio, tracciare gli istogrammi di intensità, e regolare i guadagni e offset a osservare il segnale sufficiente e evitare la saturazione assicurando che l'istogramma si trova tra lo zero e l'intensità massima. Non modificare queste impostazioni più tutta la durata dell'esperimento.
  7. Prendere immagini time-lapse dei VOV di selezionati, con un intervallo di tempo, Δ t, di 10 minuti per 8 ore (o più se necessario).

5. Monitoraggio cellulare e analisi dei dati

  1. Effettuare immagine quantitative post-processing delle immagini impili z utilizzando appropria te software di elaborazione delle immagini.
    1. Segmento le immagini time-lapse per selezionare automaticamente le posizioni di cellule 3D in (x, y, z, t).
    2. Per ogni fotogramma, controllare manualmente la precisione di localizzazione e rimuovere i falsi positivi dovuti a detriti cellulari e sporgenze cellulari che potrebbero essere stati scambiati per le cellule. Rimuovere le cellule proliferative dall'analisi e le cellule sovrapposte o collegate dividere in oggetti distinti.
  2. Generare tracce cellulari temporizzata 3D dalle coordinate di cella (x, y, z, t) ottenuti nella fase precedente collegando la posizione di ogni cella nella sequenza temporale.
  3. Eliminare il rumore casuale e sistema rimuovendo tracce inferiori alla lunghezza di traccia soglia (tipicamente 20 min).
  4. Correggere per la deriva del campione sottraendo gli spostamenti netti complessivi dai binari se necessario.
  5. Calcolare spostamento delle cellule,iles / ftp_upload / 52735 / 52735eq2.jpg "width =" 80 "/>, e la distanza migrazione cellulare, Equazione 3 , Dalle traiettorie cella osservati, dove è un vettore che rappresenta la posizione 3D di una cella al tempo ed è il numero totale di punti temporali.
    1. Calcolare velocità cella come S = d / (n • Δ t), dove Δ t è l'intervallo di tempo tra i fotogrammi. Calcola direzionalità migrazione cellulare (o persistenza) con P = Δd / d. Questa semplice misura di persistenza implica che per P = 0 lo spostamento netto è zero e per P = 1 la traiettoria è una linea retta direzionale.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Il test gel concentrica qui presentato è stata effettuata utilizzando cellule di carcinoma mammario altamente invasive, MDA-MB-231, con 2,4 mg / ml di gel di collagene interna e una densità di semina cellulare di = 2 × 10 6 cellule / ml, come esempio. Come mostrato in Figura 2, tipicamente dopo alcuni giorni di coltura, le cellule violato l'interfaccia gel interno-esterno e ha iniziato ad invadere il gel esterno. La popolazione di cellule diffuse prevalentemente radialmente verso l'esterno.

Le condizioni di polimerizzazione del gel esterno possono essere modificati per studiare il ruolo delle proprietà meccaniche e densità della matrice sulle caratteristiche di migrazione cellulare. La Figura 3 mostra i movimenti delle singole celle in gel esterne di 1,5 mg / ml, 2,4 mg / ml, e 4,0 mg / ml di collagene, polimerizzato a pH 7,4. Immagini time-lapse confocale state acquisite al confine tra il gel interno ed esterno per 8 ore, e lo spostamento delle cellule nelle tre diverse concen collagenezioni è indicato in frecce bianche. A seconda della frequenza densità di semina delle cellule e la proliferazione, ~ 200 traiettorie delle singole celle possono tipicamente essere estratti e analizzati in ogni campione.

Abbiamo analizzato quantitativamente le traiettorie delle cellule nelle 3 diverse concentrazioni di collagene in termini di spostamento netto medio, la distanza percorsa, la persistenza direzionale, e la velocità media su 8 ore di immagini (Figura 4). È stato osservato che la media e la distanza di spostamento sono state maggiori in 4,0 mg / ml di concentrazione a 58 micron e 141,5 micron rispettivamente, anche se non vi era alcuna differenza significativa lo spostamento e la distanza tra le celle in 2,4 mg / ml e 4,0 mg / ml gel . In 1,5 mg / ml di gel, la media di spostamento e la distanza era più piccolo. Questa osservazione può apparire in contraddizione con le recenti notizie che dimostrano che l'efficienza invasione diminuisce in gel con l'aumento della concentrazione di collagene 11,12. Si noti, tuttavia, che gli spostamenti edistanze nel nostro test sono misurate da tutte le tracce delle singole celle all'interno prevalentemente radialmente verso l'esterno la migrazione della popolazione. Questi parametri sono quindi molto meno sensibili al più veloce movimento sottopopolazione cellulare e non sono completamente dominate da movimenti stocastici.

In tutti i casi, la distanza totale percorsa (Figura 4B) era superiore al netto spostamento (Figura 4A). Definire la persistenza semplicemente come il rapporto tra la distanza di spostamento, abbiamo ottenuto persistenza di ~ 0,4 in tutte le condizioni di gel (Figura 4C). Questo relativamente bassa persistenza riflette la migrazione direzionale intrinsecamente debole delle cellule nel nostro test. Prevediamo che la presenza di stimoli chemiotattici direzionali o gradienti biochimici aumenterà la persistenza, potenzialmente in collagene concentrazione-dipendente modo. Inoltre, abbiamo anche osservato che la velocità media di migrazione delle cellule non è cambiata significativamente wiconcentrazione th collagene (Figura 4D), probabilmente a causa della interazione tra rigidità matrice (che aumenta con la concentrazione di collagene) e la dimensione dei pori (che diminuisce con la concentrazione di collagene) 10, così come la variazione spazio-temporale delle caratteristiche di migrazione all'interno della popolazione cellulare 7. La velocità media varia tra 31 micron / he 37,5 micron / h, con una velocità di singola cellula minima di 7 micron / he una velocità massima di 114 singola cella micron / hr.

Figura 1
Figura 1. Schema delle fasi coinvolte nella creazione del concentrica test gel migrazione 3D. (A) formazione del gel di collagene interna al centro del pozzo nel piatto fondo di vetro, contenente le cellule. (B) Formazione del (acellulare) esterno gel di collagene che incapsula l'internogel. (C) immersione del gel in mezzo di coltura cellulare. Le cellule sono poi lasciati equilibrare e collegare alla matrice fibrosa circostante. Questa fase può richiedere alcune ore fino a 1 giorno dopo l'inizio di gel di polimerizzazione. (D) live-cell imaging, il monitoraggio della diffusione della popolazione cellulare nel gel esterno.

Figura 2
Figura 2. Diffusione della popolazione di cellule. (A) Dopo 12 giorni di coltura, MDA-MB-231 cellule aveva violato l'interfaccia gel interno-esterno (verde linea tratteggiata) e invaso verso l'esterno nel gel esterna originariamente acellulare (scala bar = 200 micron). Le aree più chiare sono le regioni occupate dalle cellule, mentre le aree più scure sono regioni privi di cellule in questa immagine a contrasto di fase. I rettangoli gialli rappresentano i VOV di di interesse, in cui è stata monitorata l'invasione delle cellule di cancro in 3D. Il cells migrati prevalentemente radialmente verso l'esterno, come indicato dalle frecce (B) Sovrapposizione immagine di fluorescenza confocale delle migrano MDA-MB-231 cellule (rosso, giallo quando sovrapposto verde pseudo-colore con collagene) di. immagine e riflettanza della matrice di collagene ( verde). Le frecce indicano la direzione di migrazione delle cellule individuali in un arco di tempo di 5 ore. Bar Scala = 50 micron. (C) Dalle immagini time-lapse, tracce di cellule possono essere ottenuti. Qui le tracce delle celle sono a colori per il tempo, come indicato dalla barra di colore (scala cronologica = 8 ore). Adattato da Sun et al 7,10. Cliccate qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 3
Figura 3. movimento delle cellule in diverse densità di gel di collagene. Cliccate qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 4
Figura 4. Analisi di traiettorie di migrazione delle cellule. Le traiettorie di migrazione dei singoli MD-MBA-231 cellule più di 8 ore sono stati quantificati in termini di (A) spostamento netto, (B) a distanza, (C) persistenza, e (D) Media velocità diverse concentrazioni gel di collagene esterno: 1,5 mg / ml, 2,4 mg / ml e 4,0 mg /ml. Time-lapse immagini sono state acquisite vicino all'interfaccia dei gel interno ed esterno. I dati sono media ± errore standard della media (SEM) ottenuto da più di 200 traiettorie cellulari in 3 esperimenti indipendenti in ogni condizione. Gli asterischi (*) indicano una differenza statisticamente significativa (p-value <0,01).

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Gli autori non hanno nulla da rivelare.

Acknowledgments

Gli autori ringraziano W. Sun e K. Jansen per le discussioni critiche, e per il sostegno da parte del Nano Biomeccanica Lab presso l'Università Nazionale di Singapore. NAK riconosce il sostegno di una Marie Curie IIF Fellowship.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
Cell culture incubator Fisher Scientific Pte Ltd Model: 371, S/No 318854-6055
Confocal microscope Nikon A1R Inverted confocal laser scanning microscope equipped with incubator chamber
Dulbecco's Modified Eagle's Medium (DMEM) Life Technologies 11965-092
Fetal Bovine Serum (FBS) Life Technologies 10082-147
Fluorescent CellTracker dye CMTMR Life Technologies C2927
Glass-bottom dish IWAKI Cell Biology 3931-035 35 mm diameter dish with 12 mm diameter glass-bottom well
Hemocytometer iN CYTO DHC-N01 (Neubauer Improved)
Microprocessor pH meter Hanna Instruments pH 211
Nutragen Collagen Advanced BioMatrix #5010-D Acid-solubilized bovine collagen type I (stock pH ~ 2)
Objective lens Nikon CFI Super Plan Fluor ELWD ADM 20XC, W.D. 8.2-6.9mm, NA 0.45.
Penicillin-Streptomycin Life Technologies 15140-122
pH meter Sartorius S/No 29153352 Basic pH Meter PB-11
Trypsin-EDTA Life Technologies 15400-054

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Horwitz, R., Webb, D. Cell migration. Curr Biol. 13, (19), R756-R759 (2003).
  2. Liang, C. C., Park, A. Y., Guan, J. L. In vitro scratch assay: a convenient and inexpensive method for analysis of cell migration in vitro. Nat. Protoc. 2, (2), 329-333 (2007).
  3. Provenzano, P. P., Eliceiri, K. W., Inman, D. R., Keely, P. J. Engineering three-dimensional collagen matrices to provide contact guidance during 3D cell migration. Curr. Prot. Cell Biol. 10, 10-17 (2010).
  4. Friedl, P., Sahai, E., Weiss, S., Yamada, K. M. New dimensions in cell migration. Nat. Rev. Mol. Cell Biol. 13, (11), 743-747 (2012).
  5. Grinnell, F., Petroll, W. M. Cell motility and mechanics in three-dimensional collagen matrices. Annu. Rev. Cell. Dev. Biol. 26, 335-361 (2010).
  6. Wirtz, D., Konstantopoulos, K., Searson, P. C. The physics of cancer: the role of physical interactions and mechanical forces in metastasis. Nat. Rev. Cancer. 11, (7), 512-522 (2011).
  7. Sun, W., Kurniawan, N. A., Kumar, A. P., Rajagopalan, R., Lim, C. T. Effects of migrating cell-induced matrix reorganization on 3D cancer cell migration. Cell. Mol. Bioeng. 7, (2), 205-217 (2014).
  8. Achilli, M., Mantovani, D. Tailoring mechanical properties of collagen-based scaffolds for vascular tissue engineering: the effects of pH, temperature and ionic strength on gelation. Polymers. 2, (4), 664-680 (2010).
  9. Kurniawan, N. A., Wong, L. H., Rajagopalan, R. Early stiffening and softening of collagen: interplay of deformation mechanisms in biopolymer networks. Biomacromolecules. 13, (3), 691-698 (2012).
  10. Sun, W., Lim, C. T., Kurniawan, N. A. Mechanistic adaptability of cancer cells strongly affects anti-migratory drug efficacy. J. R. Soc. Interface. 11, (99), 20140638 (2014).
  11. Guzman, A., Ziperstein, M. J., Kaufman, L. J. The effect of fibrillar matrix architecture on tumor cell invasion of physically challenging environments. Biomaterials. 35, (25), 6954-6963 (2014).
  12. Wolf, K., et al. Physical limits of cell migration: control by ECM space and nuclear deformation and tuning by proteolysis and traction force. J. Cell Biol. 201, (7), 1069-1084 (2013).
  13. Friedl, P., Gilmour, D. Collective cell migration in morphogenesis, regeneration and cancer. Nat. Rev. Mol. Cell Biol. 10, (7), 445-457 (2009).
  14. Vedula, S. R. K., Ravasio, A., Lim, C. T., Ladoux, B. Collective cell migration: a mechanistic perspective. Physiology. 28, (6), 370-379 (2013).
  15. Petrie, R. J., Doyle, A. D., Yamada, K. M. Random versus directionally persistent cell migration. Nat. Rev. Mol. Cell Biol. 10, (8), 538-549 (2009).
  16. Miron-Mendoza, M., Seemann, J., Grinnell, F. The differential regulation of cell motile activity through matrix stiffness and porosity in three dimensional collagen matrices. Biomaterials. 31, (25), 6425-6435 (2010).
  17. Mouw, J. K., et al. Tissue mechanics modulate microRNA-dependent PTEN expression to regulate malignant progression. Nat. Med. 20, (4), 360-367 (2014).
  18. Wolf, K., et al. Collagen-based cell migration models in vitro and in vivo. Semin. Cell Dev. Biol. 20, (8), 931-941 (2009).
  19. Wong, L. H., Kurniawan, N. A., Too, H. -P., Rajagopalan, R. Spatially resolved microrheology of heterogeneous biopolymer hydrogels using covalently bound microspheres. Biomech. Model. Mechanobiol. 13, (4), 839-849 (2014).
  20. Gupton, S. L., Waterman-Storer, C. M. Spatiotemporal feedback between actomyosin and focal-adhesion systems optimizes rapid cell migration. Cell. 125, (7), 1361-1374 (2006).
  21. Provenzano, P. P., Inman, D. R., Eliceiri, K. W., Trier, S. M., Keely, P. J. Contact guidance mediated three-dimensional cell migration is regulated by Rho/ROCK-dependent matrix reorganization. Biophys. J. 95, (11), 5374-5384 (2008).
  22. Wolf, K., et al. Multi-step pericellular proteolysis controls the transition from individual to collective cancer cell invasion. Nat. Cell Biol. 9, (8), 893-904 (2007).
  23. Jansen, K. A., Bacabac, R. G., Piechocka, I. K., Koenderink, G. H. Cells actively stiffen fibrin networks by generating contractile stress. Biophys. J. 105, (10), 2240-2251 (2013).
Concentric Sistema Gel per studiare il ruolo biofisica di Matrix Microenvironment sulla migrazione Cell 3D
Play Video
PDF DOI DOWNLOAD MATERIALS LIST

Cite this Article

Kurniawan, N. A., Chaudhuri, P. K., Lim, C. T. Concentric Gel System to Study the Biophysical Role of Matrix Microenvironment on 3D Cell Migration. J. Vis. Exp. (98), e52735, doi:10.3791/52735 (2015).More

Kurniawan, N. A., Chaudhuri, P. K., Lim, C. T. Concentric Gel System to Study the Biophysical Role of Matrix Microenvironment on 3D Cell Migration. J. Vis. Exp. (98), e52735, doi:10.3791/52735 (2015).

Less
Copy Citation Download Citation Reprints and Permissions
View Video

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
simple hit counter