Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
JoVE Science Education
Environmental Microbiology

A subscription to JoVE is required to view this content.
You will only be able to see the first 20 seconds.

Rilevamento di microrganismi ambientali con la reazione a catena della polimerasi e l'elettroforesi su gel
 
Click here for the English version

Rilevamento di microrganismi ambientali con la reazione a catena della polimerasi e l'elettroforesi su gel

Overview

Fonte: Laboratori del Dr. Ian Pepper e del Dr. Charles Gerba - Arizona University
Autore dimostrativo: Bradley Schmitz

La reazione a catena della polimerasi (PCR) è una tecnica utilizzata per rilevare microrganismi presenti nel suolo, nell'acqua e negli ambienti atmosferici. Amplificando sezioni specifiche di DNA, la PCR può facilitare il rilevamento e l'identificazione di microrganismi bersaglio fino alla specie, al ceppo e al livello di sierovar / patovar. La tecnica può anche essere utilizzata per caratterizzare intere comunità di microrganismi nei campioni.

La coltura di microrganismi in laboratorio utilizzando mezzi di crescita specializzati è una tecnica consolidata da tempo e rimane in uso per la rilevazione di microrganismi in campioni ambientali. Molti microbi nell'ambiente naturale, mentre sono vivi, mantengono bassi livelli di attività metabolica e / o tempi di raddoppio e sono quindi indicati come organismi vitali ma non coltivabili (VBNC). L'uso di tecniche basate sulla coltura da solo non può rilevare questi microbi e, pertanto, non fornisce una valutazione approfondita delle popolazioni microbiche nei campioni. L'uso della PCR consente la rilevazione di microbi coltivabili, organismi VBNC e quelli che non sono più vivi o attivi, in quanto l'amplificazione delle sequenze genetiche non richiede generalmente il pre-arricchimento di microrganismi presenti nei campioni ambientali. Tuttavia, la PCR non può differenziare i suddetti stati di vitalità e attività. Se combinato con una o più tecniche basate sulla coltura, la vitalità di alcuni sottoinsiemi di microrganismi può ancora essere determinata.

Principles

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

La premessa di base della PCR è quella di utilizzare cicli ripetuti di variazioni di temperatura sequenziali per ottenere l'amplificazione esponenziale del DNA. La sintesi del DNA viene effettuata da enzimi della DNA polimerasi che sono ottenuti da batteri che vivono in sorgenti termali, come Thermus aquaticus (Taq). Queste polimerasi sono stabili al calore, consentendo loro di resistere alle alte temperature utilizzate durante la PCR.

La sequenza bersaglio, nota come amplicon, viene amplificata dal modello di DNA utilizzando due brevi tratti di nucleotidi noti come "primer". A causa dell'elevata specificità del legame degli acidi nucleici complementari, i primer consentono l'amplificazione mirata di sequenze di interesse molto specifiche. Progettando primer che amplificheranno solo una sequenza unica (o una combinazione unica di sequenze) da un organismo di interesse, la PCR può essere utilizzata per rilevare in modo differenziale la presenza del DNA di quell'organismo tra tutti i materiali genetici presenti in un campione ambientale complesso.

Per eseguire la PCR, viene utilizzata una macchina nota come termociclatore per scorrere automaticamente le diverse temperature richieste per la reazione. Ogni ciclo è diviso in tre fasi. La prima, nota come "denaturazione", è solitamente impostata sopra i 92 °C e dura circa 30 s. La denaturazione viene utilizzata per rompere le molecole di DNA in singoli filamenti, per consentire alla reazione di amplificazione di procedere.

La seconda fase, la "ricottura", è impostata 2-3 °C al di sotto della temperatura di fusione inferiore dei due primer, solitamente tra i 50-65 °C, e dura anche circa 30 s. La temperatura di fusione è la temperatura alla quale il 50% del DNA a doppio filamento si è separato in singoli filamenti, e quindi la fase di ricottura consente ai primer di legarsi ai loro siti bersaglio nel modello di DNA.

La terza fase di un ciclo PCR è "allungamento" o "estensione", quando la DNA polimerasi si lega al duplex primer-template e catalizza la sintesi del prodotto. Impostato a 72 °C per la Taq polimerasi, la durata di questa fase dipende dalla lunghezza dell'amplicon, solitamente 30 s / 500 bp. Dopo ogni ciclo, il DNA amplificato viene nuovamente denaturato e funge da nuovo modello, portando ad un aumento esponenziale della quantità di prodotti PCR.

Una volta completata la reazione, i prodotti PCR possono essere risolti per dimensione su un "gel" solitamente costituito dal polimero agarose, un processo noto come elettroforesi. Un campo elettrico viene applicato attraverso il gel e le cariche negative nella spina dorsale delle molecole di DNA le fanno migrare verso l'estremità positiva del campo. In generale, le molecole di DNA lineare che sono più grandi impiegheranno più tempo a viaggiare attraverso la matrice del gel.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Procedure

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

1. Raccolta dei campioni

  1. Raccogli il terreno usando una coclea o una pala fino a una determinata profondità. Se si raccoglie il terreno dalla rizosfera (la stretta regione del suolo circostante e influenzata dalle radici delle piante e dai loro microbi associati), raccogliere solo direttamente dalle radici delle piante colpendo il terreno in un barile di raccolta.
  2. Raccogliere il campione d'acqua immergendo una bottiglia di plastica sterile nell'acqua tenendo l'estremità del bastoncino di immersione.

2. Estrazione e preparazione degli acidi nucleici

  1. Raccogli organismi e virus dal campione ed estrai DNA e RNA da loro. Per i dettagli, si prega di fare riferimento al video Di JoVE Science Education sull'estrazione dell'acido nucleico della comunità.
  2. Conservare il DNA estratto in tubi di microfuga etichettati. Se il DNA deve essere conservato durante la notte o per periodi di tempo più lunghi, congelarlo a -20 °C e scongelare i tubi a temperatura ambiente quando sono pronti per l'uso.
  3. Se il materiale genetico da dosare è l'RNA (che si tratti del genoma dei virus a RNA o dell'RNA trascritto degli organismi cellulari), eseguire la trascrizione inversa (RT) sul campione per creare DNA complementare (cDNA) prima di procedere alla PCR. Per i dettagli, fare riferimento al video JoVE Science Education su RT-PCR.

3. Reazione a catena della polimerasi

  1. Posizionare l'enzima PCR(ad esempio, Taq polimerasi) sul ghiaccio e scongelare gli altri reagenti (tampone PCR, dNTP, primer) all'interno di una cappa "pulita" designata a temperatura ambiente. L'enzima viene immagazzinato a -20 °C ma non si congela mai. È sensibile alla temperatura e quindi deve essere mantenuto fresco e la sua esposizione alla temperatura ambiente ridotta al minimo
  2. Calcolare il volume di ciascun reagente necessario per fare un "master mix" di tutti i reagenti che sono costanti tra tutte le reazioni (Tabella 1). Assicurati di tenere conto dei controlli positivi(ad esempio,un modello noto per contenere la regione di destinazione) e negativi(ad esempio,nessun modello) nei calcoli. Aggiungere un ulteriore 10% al volume finale per tenere conto dell'errore di pipettaggio. I volumi di primer dipendono dai saggi per organismi specifici; fare riferimento alla letteratura pubblicata per i valori appropriati.
  3. Utilizzando un tubo di microfuga a bassa legatura, che riduce al minimo l'adesione delle molecole di reagente alle pareti di plastica, aggiungere i volumi calcolati di ciascun reagente per assemblare la miscela principale. Vortice delicato e centrifuga ogni reagente prima di aggiungerlo. Una volta preparata la miscela master, vortice per mescolare e raccogliere per centrifugazione
  4. Preparare strisce PCR a 8 tubi. Designare una provetta per ciascun campione, compresi i controlli positivi e negativi
  5. Erogare il volume appropriato di miscela PCR in ciascun tubo della striscia
  6. Aggiungere il volume appropriato di modello di DNA dai campioni, così come 5 μL del modello positivo e 5 μL di acqua di grado molecolare come controllo negativo, nei rispettivi tubi PCR.
  7. Posizionare saldamente il tappo sulla striscia a 8 tubi e centrifugare per alcuni secondi utilizzando una minicentrifuga
  8. Posizionare la striscia a 8 tubi in un termociclatore
  9. Impostare il programma PCR appropriato per l'esecuzione sul termociclatore. Un programma tipico è costituito dai seguenti
    1. Denaturazione a 94 °C per 3 min.
    2. 30-40 cicli di amplificazione: denaturazione a 94 °C per 30 s, ricottura a temperatura specifica del primer (di solito tra 50-60 °C) per 30 s ed estensione a 72 °C per 30 s / 500 bp.
    3. Estensione finale a 72 °C per 7-10 min.

4. Preparazione del gel di agarose

  1. In base al volume di gel desiderato e alla concentrazione di gel (Tabella 2), pesare la quantità appropriata di acarosio in polvere in un matraccio Erlenmeyer da 125 mL.
  2. Aggiungere il volume appropriato di tampone gel-running nel matraccio e ruotare il pallone a mano.
  3. Riscaldare la miscela tampone-agarose in un forno a microonde ad alta potenza per 1 minuto.
  4. Togliere il pallone dal microonde e ruotare a mano per assicurarsi che tutto l'agarose si sia sciolto. Se l'agarose non si è completamente dissolto, ripetere il microonde con incrementi di 30 secondi.
  5. Dopo aver fissato saldamente il tappo sul matraccio, raffreddarlo a 50 °C ruotando sotto l'acqua corrente fredda.
  6. Aggiungere 1 μL di bromuro di etidio (EtBr) alla miscela di agarose usando una micropippetta designata per EtBr. EtBr è un colorante che lega gli acidi nucleici a doppio filamento e l'arancione quando illuminato con luce UV. Si noti che EtBr è potenzialmente cancerogeno, quindi i dispositivi di protezione individuale (occhiali, camice da laboratorio, guanti resistenti all'EtBr) devono essere indossati.
  7. Versare il gel fuso in un vassoio di fusione del gel per elettroforesi. Assicurati che nessuna bolla sia intrappolata all'interno dell'agarose. Mettere un pettine nel gel e bloccare saldamente. Attendere circa 20-30 minuti affinché il gel si solidifichi.
  8. Una volta che il gel si è solidificato, rimuovere il pettine con attenzione senza causare strappi nel gel. Il pettine crea dei pozzi nel gel per il caricamento dei campioni.

5. Elettroforesi su gel

  1. Posizionare il gel di agarose solidificato nella camera di elettroforesi.
  2. Aggiungere il buffer di corsa appropriato nella camera fino a quando il gel non è appena immerso.
  3. Su un pezzo di Parafilm, punti di pipetta di carico del colorante concentrato. Includere anche una scala DNA di una gamma adatta per le dimensioni previste dei prodotti PCR. In alternativa, utilizzare un nuovo set di provette per microfughe, una per ogni campione.
  4. Una volta completata la PCR, recuperare quella striscia di 8 tubi dal termociclatore e centrifugare brevemente per raccogliere eventuali condensati. Aggiungere un volume appropriato di prodotto DNA al colorante di carico e pipettare su e giù per mescolare. Ad esempio, 2 μL di colorante di carico 10x vengono miscelati con 8 μL di campione per dare un volume finale di 10 μL, con il colorante a 1x.
  5. Pipettare ogni miscela colorante-campione nei pozzette designati nel gel di agarose, facendo attenzione a non forare i pozzette.
  6. Collegare gli elettrodi alla camera di elettroforesi. Il DNA è caricato negativamente, quindi "corre" verso l'elettrodo positivo. Pertanto, collegare l'elettrodo positivo al lato opposto della camera, dove sono stati caricati i pozzi. Impostare l'alimentatore su una tensione appropriata per il sistema tampone e le dimensioni della camera gel e impostarlo per funzionare. Piccole bolle dovrebbero essere visibili spostandosi verso l'alto i lati della camera se l'elettroforesi procede correttamente.
  7. Una volta che il fronte del colorante è avanzato abbastanza in basso nel gel, spegnere l'alimentatore. Trasportare con attenzione il gel nel transilluminatore o nell'imager visivo e accendere la luce UV per visualizzare le bande di DNA sul gel.
  8. Analizzare la dimensione della banda e le posizioni sul gel. Confrontare le posizioni delle bande dei campioni con il controllo positivo per determinare se il DNA dell'organismo di interesse è presente nel campione (Figura 1).
Componente Volume per tubo(μL) Volume per 5 tubi (μL) Concentrazione finale
10x buffer Ex Taq 5.0 25 1x
2,5 mM dNTPs 4.0 20 0,2 mM
Primer in avanti* 2.0 10 400 nM
Primer inverso* 2.0 10 400 nM
Molecolare H2O 31.75 158.75 -
Ex Taq 0.25 1.25 2,5 U
Miscela PCR 45 225

Tabella 1. Volumi di reagenti per miscela master PCR. *I volumi di primer variano a seconda del test dell'organismo. Regolare il volume di acqua di grado molecolare per rendere il volume finale 45 μL. I volumi di altri componenti non dovrebbero variare.

% raccomandata di Agarose Risoluzione ottimale per frammenti lineari di DNA (coppie di basi)
0.5 1,000-30,000
0.7 800-12,000
1.0 500-10,000
1.2 400-7,000
1.5 200-3,000
2.0 50-2,00

Tabella 2. Le dimensioni del frammento di DNA variano in modo ottimale da diverse percentuali di gel di agarose.

La reazione a catena della polimerasi, o PCR, è una tecnica biologica fondamentale che viene ampiamente applicata per rilevare e identificare i microrganismi presenti nel suolo, nell'acqua e in altri campioni ambientali.

Classicamente, i microrganismi vengono coltivati in laboratorio utilizzando mezzi di crescita specializzati. Tuttavia, molti microbi nell'ambiente naturale sono "non coltivabili" - sia perché hanno un'attività metabolica o un tasso di crescita molto bassi, sia perché hanno requisiti di crescita molto rigorosi che potrebbero non essere replicabili in un piatto di coltura. Le differenze nella coltivabilità tra i microbi significano anche che, quando i microrganismi di un campione ambientale vengono coltivati, la loro relativa abbondanza in coltura potrebbe non riflettere i loro livelli effettivi nell'ambiente.

L'avvento della PCR, che può amplificare in modo specifico anche piccole quantità di DNA presenti in un campione misto, permette di rilevare e identificare rapidamente specifici microbi di interesse, anche non coltivabili, all'interno del complesso assortimento di organismi presenti in un campione ambientale.

Questo video introdurrà i principi della PCR. Si discuterà poi di un protocollo generale per l'esecuzione della PCR su DNA isolato da un campione ambientale al fine di rilevare la presenza di un organismo di interesse. Infine, verranno esplorate diverse applicazioni dell'identificazione microbiche basata sulla PCR.

La premessa di base della PCR è quella di utilizzare cicli ripetuti di variazioni di temperatura sequenziali per ottenere l'amplificazione esponenziale del DNA, di solito con una macchina nota come termociclatore per passare automaticamente attraverso le diverse temperature. La sintesi del DNA viene effettuata da enzimi dna polimerasi che sono ottenuti da batteri che vivono in sorgenti termali, come Thermus aquaticus o "Taq". Queste polimerasi sono stabili al calore, consentendo loro di resistere alle alte temperature utilizzate durante la PCR.

La sequenza bersaglio, nota come amplicon, viene amplificata dal modello di DNA utilizzando due brevi tratti di nucleotidi noti come "primer". A causa dell'elevata specificità del legame degli acidi nucleici complementari, i primer consentono l'amplificazione mirata di sequenze di interesse molto specifiche. Progettando primer che amplifichino solo una sequenza unica, o una combinazione unica di sequenze, da un organismo di interesse, la PCR può essere utilizzata per rilevare in modo differenziale la presenza del DNA di quell'organismo tra tutti i materiali genetici presenti in un campione ambientale complesso.

Ogni ciclo di PCR è diviso in tre fasi. La prima, nota come "denaturazione", è solitamente impostata sopra i 92 °C e dura circa 30 s. La denaturazione viene utilizzata per rompere le molecole di DNA in singoli filamenti, per consentire alla reazione di amplificazione di procedere.

La seconda fase, la "ricottura", è impostata da 2 a 3 °C al di sotto della temperatura di fusione più bassa dei due primer, di solito tra 50 e 65 °C, e dura anche circa 30 s. La temperatura di fusione è la temperatura alla quale il 50% delle molecole di DNA a doppio filamento si sono separate in singoli filamenti, e quindi la fase di ricottura consente ai primer di legarsi ai loro siti bersaglio nel modello di DNA.

La terza fase di un ciclo PCR è "allungamento" o "estensione", quando la DNA polimerasi si lega al duplex primer-template e catalizza la sintesi dei nuovi filamenti. Impostata a 72 °C per la PCR polimerasi più comunemente usata, Taq, la durata di questa fase dipende dalla lunghezza dell'amplicon, di solito 30 s per 500 parti di base. Dopo ogni ciclo, il DNA amplificato viene nuovamente denaturato e funge da nuovo modello, portando ad un aumento esponenziale della quantità di prodotti PCR.

Una volta completata la reazione, i prodotti PCR possono essere risolti per dimensione su un "gel" solitamente costituito dal polimero agarose, un processo noto come elettroforesi. Un campo elettrico viene applicato attraverso il gel e le cariche negative nella spina dorsale delle molecole di DNA le fanno migrare verso l'estremità positiva del campo. In generale, le molecole di DNA lineare che sono più grandi impiegheranno più tempo a viaggiare attraverso la matrice del gel.

Ora che hai capito come funziona la PCR, diamo un'occhiata a come la reazione può essere utilizzata per identificare i microrganismi in un campione ambientale.

Per iniziare, calcola il volume di ciascun reagente necessario in base al numero di campioni da elaborare, più un ulteriore 10% per tenere conto degli errori di pipettaggio. Un modello di controllo positivo - che contiene la regione target - dovrebbe essere incluso per garantire che la reazione funzioni; così come un controllo negativo in cui non è incluso alcun modello di DNA, al fine di escludere la contaminazione in uno qualsiasi dei componenti della reazione. Mantenere l'enzima Taq polimerasi sul ghiaccio e scongelare il resto dei reagenti e i campioni di DNA a temperatura ambiente in una cappa a flusso laminare designata per prevenire la contaminazione.

Una volta che tutti i reagenti si sono scongelati, costituiscono il "master mix" del reagente aggiungendo il volume calcolato di ciascun reagente in un tubo microfugo a basso legame, che riduce al minimo le discrepanze nelle quantità di reagenti dovute all'adsorbimento delle molecole sulla superficie del tubo. Vortice delicato e centrifuga ogni reagente prima di aggiungerlo. Una volta preparata la miscela master, vortice per mescolare e raccogliere per centrifugazione.

Etichettare una striscia PCR a 8 tubi per designare una provetta per ogni campione, compresi i controlli. Erogare la quantità appropriata di miscela master PCR in ciascun tubo della striscia. Quindi, aggiungere ogni campione di DNA al rispettivo tubo.

Posizionare saldamente il tappo della striscia sul tubo della striscia e centrifugare brevemente in una mini-centrifuga con un adattatore per strisce. Quindi, posizionare il tubo nel termociclatore ed eseguire la reazione secondo il programma PCR appropriato.

Mentre la PCR viene eseguita, preparare un gel di agarose per l'elettroforesi dei prodotti PCR. Pesare una quantità appropriata di polvere di agarose per un gel con una concentrazione in grado di risolvere i prodotti PCR in base alle dimensioni previste. Aggiungere l'acarosio in un matraccio da 125 mL, quindi aggiungere il volume appropriato di tampone gel-running nel matraccio, in base al volume del gel fuso, e ruotare per mescolare. Microonde la soluzione di agarose ad alta potenza per 1 min. Una volta completato, verificare che l'agaroseo si sia completamente disciolto facendo roteare il pallone e ripetere il microonde con incrementi di 30 secondi, se necessario.

Fissare saldamente il tappo sul matraccio e raffreddare la soluzione di agarose a 50 °C facendo roteare il matraccio sotto l'acqua corrente fredda. Una volta raffreddato, aggiungere 1 μL di bromuro di etidio all'agarose. Poiché il bromuro di etidio è potenzialmente cancerogeno, assicurarsi di indossare dispositivi di protezione individuale come occhiali, un cappotto da laboratorio e guanti resistenti al bromuro di etidio.

Versare la soluzione di agarose in un vassoio di fusione in gel per elettroforesi, assicurandosi che nessuna bolla d'aria sia intrappolata all'interno dell'agarose. Posizionare un pettine con il numero richiesto di pozzedi nella soluzione. Lasciare il gel a temperatura ambiente per 20-30 minuti per solidificare. Una volta impostato il gel, rimuovere con attenzione il pettine, assicurandosi di non strappare il gel nel processo.

Posizionare il gel solidificato nella camera di elettroforesi. Aggiungere il tampone LB nella camera fino a quando il gel non è appena immerso. Su un pezzo di Parafilm, pipettare un "punto" di scala di DNA di una gamma adatta per le dimensioni previste dei prodotti PCR. Recuperare i tubi PCR con le reazioni completate dal termociclatore. Raccogliere la condensa nei tubi PCR mediante breve centrifugazione e aggiungere 8 μL di ciascun campione sul parafilm. Aggiungere 2 μL di colorante di carico 10x in ogni punto del prodotto PCR, in modo che la concentrazione finale del colorante sia 2x.

Caricare i campioni e la scala nei pozzeggi designati nel gel di acarosio, facendo attenzione a non colpire attraverso il gel. Una volta completato il caricamento, mettere sul coperchio la camera di elettroforesi e collegare gli elettrodi all'alimentazione. Poiché il DNA è caricato negativamente e migra verso l'elettrodo positivo, assicurarsi che i pozzi siano sul lato più vicino all'elettrodo negativo. Accendere l'alimentatore e impostarlo su una tensione appropriata per le dimensioni della camera di elettroforesi e del sistema tampone in uso. Impostare l'elettroforesi su "run". Piccole bolle che si muovono verso i lati della camera saranno osservate se l'elettroforesi procede correttamente.

Una volta che il fronte del colorante è avanzato abbastanza in basso nel gel, spegnere l'alimentatore. Trasportare con cura il gel a un imager di gel per visualizzare i prodotti elettroforati. Con uno scudo protettivo, accendi la luce UV e visualizza le bande di DNA sul gel. Analizzare la posizione delle bande per vedere se corrisponde al modello previsto che indica la presenza della specie di interesse nel campione ambientale.

Ora che hai visto come viene eseguita la PCR, diamo un'occhiata ai vari modi in cui viene applicata per rilevare microrganismi di interesse per l'ambiente.

Un uso del rilevamento microbico ambientale basato sulla PCR è quello di identificare organismi che causano malattie come l'"ameba mangia-cervello" Naegleria fowleri, un organismo unicellulare trovato in corpi idrici dolci e piscine non clorurate che possono attaccare il sistema nervoso umano, spesso fatalmente. La presenza di questo microbo mortale in campioni di acqua o nel liquido cerebrospinale di pazienti sospetti può essere testata eseguendo la PCR utilizzando primer che mirano a sequenze di DNA uniche nel genoma dell'ameba.

Un'altra applicazione per l'identificazione microbica basata sulla PCR è quella di testare la presenza di batteri patogeni nelle mosche catturate nelle vicinanze degli stabilimenti alimentari, come parte del monitoraggio della salute pubblica e delle indagini sui focolai di malattie.

Qui, i ricercatori hanno cercato la presenza di batteri patogeni come Salmonella e Listeria, isolando prima i batteri sia dalla superficie corporea che dal canale digestivo delle mosche, e quindi utilizzando condizioni di coltura specie-specifiche per arricchire queste specie di interesse. Dopo aver estratto il DNA da tutti i batteri che sono stati coltivati, sono stati utilizzati kit PCR di rilevamento specie-specifici disponibili in commercio per testare la loro identità.

Infine, diversi ceppi di batteri patogeni resistenti agli antibiotici come lo Staphylococcus aureus, che presentano importanti problemi di salute pubblica, possono essere identificati e differenziati con la PCR.

In questo esempio, i ricercatori hanno isolato e coltivato S. aureus da campioni clinici, quindi estratto il DNA dalle colonie batteriche ed eseguito la PCR. Le reazioni di amplificazione qui sono state "multiplexate", il che significa che più set di primer mirati a diverse regioni uniche del genoma batterico sono stati combinati nella stessa reazione. I singoli set di primer sono stati progettati in modo che i prodotti PCR derivino dal DNA solo di alcuni ceppi ma non di altri, in modo che in combinazione siano stati osservati modelli di bande di prodotto unici per ciascun ceppo.

Hai appena visto il video di JoVE sul rilevamento di microrganismi basati sulla PCR. Abbiamo esaminato i principi alla base della reazione a catena della polimerasi; un protocollo per l'esecuzione della PCR su DNA estratto da microrganismi ambientali; e infine, diverse applicazioni specifiche di questa tecnica per testare organismi di interesse in diversi tipi di campioni ambientali o clinici. Grazie per l'attenzione!

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Results

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Nella Figura 1, la scala del DNA (corsia 1) fornisce un riferimento per le dimensioni e la concentrazione approssimativa per le bande dei prodotti PCR. Il controllo negativo (corsia 2) non contiene alcun materiale genetico, mentre il controllo positivo (corsia 3) è amplificato da modelli noti per contenere il DNA bersaglio per indicare le dimensioni e la posizione delle bande bersaglio. I campioni 4, 6, 8 e 9 mostrano un modello di banda simile a quello del controllo positivo, indicando quindi che questi campioni contengono il materiale genetico bersaglio. Si può dedurre che l'organismo è presente negli ambienti da cui sono stati ottenuti questi campioni.

Figure 1
Figura 1. Visualizzazione di bande su gel di acarosio dopo elettroforesi.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Applications and Summary

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

La PCR può essere impiegata per determinare rapidamente la presenza o l'assenza di agenti patogeni nell'ambiente. Ad esempio, i primer specifici per l'ameba mangia-cervello, Naegleria fowleri, amplificheranno il DNA e produrranno forti bande su un gel se l'organismo è presente in un campione. Se un singolo organismo non è l'interesse principale, ma piuttosto geni associati alla produzione di tossine da una varietà di organismi, la PCR può anche essere utilizzata per determinare la presenza o l'assenza di questi materiali genetici specifici.

La PCR può anche essere utilizzata come procedura di conferma quando si analizzano i microbi ambientali in laboratorio. Se un metodo di coltura non è in grado di distinguere tra determinati organismi presenti in un campione ambientale, allora la PCR potrebbe essere utilizzata per distinguere specificamente tra i microbi candidati.

La PCR convenzionale può essere modificata in diversi modi per particolari scopi sperimentali. La PCR può essere utilizzata per analizzare modelli di RNA a singolo filamento accoppiandosi a una fase di trascrizione inversa (RT-PCR). Oltre a una determinazione della presenza rispetto all'assenza, la PCR quantitativa (qPCR) può misurare la concentrazione per il DNA specifico di interesse.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Transcript

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the English version.

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter