Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
JoVE Science Education
Environmental Microbiology

A subscription to JoVE is required to view this content.
You will only be able to see the first 20 seconds.

Enumerazione delle alghe tramite metodologia coltivabile
 
Click here for the English version

Enumerazione delle alghe tramite metodologia coltivabile

Overview

Fonte: Laboratori del Dr. Ian Pepper e del Dr. Charles Gerba - Università dell'Arizona
Autore dimostrativo: Bradley Schmitz

Le alghe sono un gruppo altamente eterogeneo di microrganismi che hanno un tratto comune, vale a dire il possesso di pigmenti fotosintetici. Nell'ambiente, le alghe possono causare problemi ai proprietari di piscine crescendo nell'acqua. Le alghe possono anche causare problemi nelle acque superficiali, come laghi e bacini idrici, a causa delle fioriture algali che rilasciano tossine. Più recentemente, le alghe vengono valutate come nuove fonti di energia attraverso i biocarburanti algali. Le alghe blu-verdi sono in realtà batteri classificati come cianobatteri. I cianobatteri non solo fotosintetizzano, ma hanno anche la capacità di fissare il gas di azoto dall'atmosfera. Altre alghe sono eucariotiche, che vanno da organismi unicellulari a organismi multicellulari complessi, come le alghe. Questi includono le alghe verdi, gli euglenoidi, i dinoflagellati, le alghe brune dorate, le diatomee, le alghe brune e le alghe rosse. Nei suoli, le popolazioni algali sono spesso 106 per grammo. Questi numeri sono inferiori ai numeri corrispondenti per batteri, actinomiceti e funghi, soprattutto perché la luce solare richiesta per la fotosintesi non può penetrare molto al di sotto della superficie del suolo.

Poiché le alghe sono fototrofiche, ottenendo energia dalla fotosintesi e carbonio per la biomassa dall'anidride carbonica, possono essere coltivate in mezzi di crescita costituiti interamente da nutrienti inorganici e senza un substrato di carbonio organico. La mancanza di substrato organico preclude la crescita di batteri eterotrofi. Utilizzando un mezzo di crescita inorganico, le alghe originariamente presenti nel suolo o nell'acqua possono essere quantificate con il metodo del numero più probabile (MPN). Il metodo MPN si basa sulla successiva diluizione di un campione, in modo tale che le alghe stesse siano diluite fino all'estinzione. La presenza di alghe in qualsiasi diluizione è determinata da un segno positivo di crescita nel mezzo, che è tipicamente una melma verde di alghe che deriva dalla fotosintesi. L'uso di tubi replicati ad ogni diluizione e una valutazione statistica del numero di tubi positivi per la crescita in una data diluizione consente di calcolare il numero di alghe presenti nel campione originale. Le tabelle MPN sono state sviluppate e pubblicate specifiche per un particolare progetto MPN, incluso il numero di repliche utilizzate ad ogni diluizione.

Procedure

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here
  1. Pesare un campione di 10 g di terreno che è stato raccolto umido dal campo o che ha aggiunto acqua in modo che rimanga umido per 2-3 giorni. Si noti che il terreno dovrebbe essere umido ma non saturo.
  2. Preparare una serie di diluizione 10 volte aggiungendo i 10 g di terreno in 95 ml di soluzione di Bristol modificata (Figura 1). Per creare la soluzione di Bristol modificata, sciogliere quanto segue in 1.000 ml di acqua: 0,25 g NaNO3, 0,025 g CaCl2, 0,075 g MgSO-4 · 7H2O, 0,075 g K2HPO4, 0,018 g KH2PO4, 0,025 g NaCl e 0,5 mg FeCl3.
  3. Continua la serie di diluizioni con l'aggiunta di 1 mL di Sospensione A a 9 mL della Soluzione bristol e ulteriori diluizioni sequenziali.
  4. Inoculare 5 tubi replicati contenenti ciascuno 9 mL di Soluzione di Bristol Modificata con 1 mL ciascuna delle diluizioni da 10-2 a 10-6 (Tabella 1).
  5. Incubare i tubi tappati per un massimo di 4 settimane in un'area esposta alla luce solare.
  6. Osservare i tubi per la crescita algale una volta ogni 7 giorni. I tubi con crescita algale appaiono verdi.

Figure 1
Figura 1. Come realizzare una serie di diluizione 10 volte.

Tubo Diluizione
B 10-2
C 10-3
D 10-4
E 10-5
F 10-6

Tabella 1. Tubi e diluizioni.

Le alghe sono organismi fotosintetici che vivono in una varietà di ambienti. Le alghe che vivono nel suolo possono essere coltivate in laboratorio e la loro concentrazione enumerata utilizzando semplici calcoli.

Le alghe sono un gruppo altamente eterogeneo di organismi che hanno un tratto comune, vale a dire il possesso di pigmenti fotosintetici, comunemente clorofilla. La stragrande maggioranza delle alghe sono microscopiche, tuttavia, la definizione esatta del gruppo è controversa e include anche le alghe, che sono tipicamente macroscopiche.

Nell'ambiente, le alghe possono causare problemi nelle acque superficiali come laghi o bacini idrici, formando fioriture algali che esauriscono i nutrienti dell'acqua, bloccando la luce che passa oltre la superficie dell'acqua e rilasciando tossine. La capacità di enumerare le alghe nei campioni consente agli scienziati di valutare la salute di un ecosistema e il potenziale rischio di crescita eccessiva delle alghe.

Le popolazioni algali nei suoli si verificano frequentemente a circa diecimila cellule per grammo. Questi numeri sono in genere inferiori alle corrispondenti concentrazioni di batteri, funghi o actinomiceti, poiché le alghe richiedono la luce solare per la fotosintesi, che non può penetrare molto al di sotto della superficie del suolo.

Questo video illustrerà come colturare le alghe dal suolo in laboratorio e come enumerare la concentrazione di alghe nel campione di terreno di partenza.

Le alghe hanno effetti benefici sugli ecosistemi. Le alghe blu-verdi, o cianobatteri, hanno la capacità di fissare il gas azoto dall'atmosfera, rendendole utili per aumentare l'azoto del suolo in ambienti semi-aridi e anche come potenziale strumento per la produzione di biocarburanti.

Altre alghe sono eucariotiche e vanno da organismi unicellulari a complessi organismi multicellulari, come le alghe. Questi includono alghe verdi, euglenoidi, dinoflagellati e diatomee, alghe brune e alghe rosse.

Le alghe sono fototrofiche, ottenendo energia dalla fotosintesi e carbonio per la biomassa dall'anidride carbonica. Di conseguenza, possono essere coltivati in mezzi costituiti interamente da nutrienti inorganici, senza un substrato di carbonio organico aggiunto. Questa mancanza di substrato organico impedisce la crescita di batteri eterotrofi, che dipendono dal carbonio organico esterno per la crescita.

Per la coltura delle alghe per l'enumerazione, i campioni di terreno vengono diluiti in serie dieci volte a 10-6 g di terreno per ml e coltivati in terreni di crescita. Per ogni diluizione vengono effettuate diverse repliche. Vengono quindi incubati in un'area ben illuminata per un massimo di 4 settimane per consentire la crescita delle algali.

La presenza di alghe in qualsiasi diluizione è determinata da un segno positivo di crescita nel mezzo, che apparirà tipicamente come una melma verde. Infine, vengono consultate tabelle MPN sviluppate empiricamente progettate per la crescita algale, consentendo all'utente di determinare la concentrazione algale originale in base alla crescita delle repliche di diluizione. Il metodo MPN si basa sulla diluizione seriale dei campioni in modo tale che le alghe siano diluite fino all'estinzione, il che significa che a una certa diluizione, non ne consegue alcuna crescita algale.

Ora che abbiamo familiarità con i concetti alla base della coltivazione e dell'enumerazione delle alghe dai campioni, diamo un'occhiata a come questo viene effettuato in laboratorio.

Per iniziare l'esperimento, prima pesare 10 grammi di terreno umido che è stato raccolto umido dal campo o è stato reidratato e rimasto umido per 2 o 3 giorni. Il terreno dovrebbe ma non saturo.

Quindi, preparare una serie di diluizione dieci volte aggiungendo prima i 10 grammi di terreno a 95 ml di soluzione di Bristol modificata, o MBS. Etichettare questo come sospensione A.

Dopo aver agitato vigorosamente, continuare la serie di diluizione aggiungendo 1 mL di sospensione A a 9 mL di MBS in una provetta. Continua questa serie di diluizione dieci volte altre 4 volte per dare diluizioni fino a 10-6 g per ml.

Successivamente, inoculare 5 tubi replicati, ciascuno contenente 9 mL di MBS con 1 mL di ciascuna delle diluizioni da 10-1 a 10-5. Ciò si traduce in 5 tubi di replica per ogni diluizione da 10-2 a 10-6. Tappare i tubi liberamente.

Infine, incubare i tubi per ben 4 settimane in un'area esposta alla luce solare. Osservare i tubi per la crescita algale una volta ogni 7 giorni. I tubi che mostrano la crescita delle algali appariranno verdi.

L'analisi del numero più probabile, o MPN, è un metodo matematico comunemente usato per enumerare i microrganismi cresciuti dalla diluizione di un substrato iniziale concentrato. Tenendo conto dei fattori di diluizione delle soluzioni e del numero di tubi che mostrano segni positivi di crescita ad ogni diluizione, il numero più probabile di organismi per grammo di campione di terreno originale può essere calcolato utilizzando una tabella MPN e una formula semplice.

Per calcolare MPN, alla più alta diluizione con il maggior numero di tubi a replica positiva viene assegnata l'etichetta di p1, in questo caso, le repliche del tubo C. Al contrario, alcuni dei tubi di D & E sono negativi senza segni di crescita algale.

Il numero di tubi nelle due diluizioni successive che mostrano una crescita positiva sono etichettati come p2 e p3. Qui, p2 = D e p3 = E.

Il valore per p1 può essere trovato guardando verso il basso la prima colonna nella tabella MPN. Lo stesso dovrebbe essere fatto con la colonna p2. Infine, il valore di p3,attraverso la parte superiore, viene utilizzato per intersecare i due definiti da p1 e p2, per dare un valore del numero più probabile di organismi per mL.

Successivamente, per calcolare la concentrazione di organismi per grammo nel campione di terreno originale, questo valore è diviso per la concentrazione di terreno nella diluizione a cui è stato assegnato p2. La seguente equazione viene utilizzata per definire il numero effettivo di organismi per grammo di suolo.

L'enumerazione delle algali e l'analisi MPN hanno una vasta gamma di applicazioni, alcune delle quali sono esplorate qui.

Questo metodo di coltivazione dell'enumerazione delle algali può essere utilizzato in una varietà di impostazioni. Può essere applicato a fiumi o laghi per determinare i livelli di alghe e valutare i rischi di fioriture algali dannose. In alternativa, può essere utilizzato per valutare la pulizia e la sicurezza delle acque più direttamente utilizzate dagli esseri umani, tra cui piscine, fontane d'acqua o altre fonti di acqua potabile. Idealmente, nei campioni di acqua potabile e nelle piscine, non sono presenti alghe.

L'analisi MPN per l'enumerazione può essere applicata anche ad altri microrganismi non algali. Ad esempio, la qualità dell'acqua può essere valutata utilizzando organismi indicatori come coliformi o E. coli. Qui, i campioni possono essere coltivati con mezzi contenenti sostanze chimiche che vengono alterate per produrre colore o fluorescenza in presenza degli organismi indicatori. Eseguendo più piccole repliche di questo esperimento in singole cellule, con campioni diluiti a una concentrazione nota, il rapporto tra cellule positive può essere riferito a una tabella MPN per l'organismo indicatore specifico e la concentrazione iniziale nei campioni determinata.

Le alghe possono anche essere coltivate per applicazioni commerciali. Ad esempio, alcuni tipi di biofertilizzanti utilizzano alghe blu-verdi, che possono agire come simbionti con le piante, aiutando il loro fissaggio e l'utilizzo di azoto, che è particolarmente utile per aiutare la crescita delle colture in aree con terreno povero. Allo stesso modo, le alghe possono essere coltivate per biocarburanti o come fonte di cibo ricco di nutrienti per il bestiame.

Hai appena visto l'introduzione di JoVE alla cultura e all'enumerazione delle algali. Ora dovresti capire come diluire i campioni di terreno per la crescita delle alghe, come colturare le alghe in laboratorio e come enumerare la concentrazione algale dei tuoi campioni di partenza. Grazie per l'attenzione!

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Results

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

La Figura 2 è un esempio di risultati rappresentativi.

p1 è scelto per essere il numero di tubi replicati della più alta diluizione (meno concentrati nel terreno) che ha il maggior numero di tubi positivi. Qui, le repliche del tubo B non contano, perché quelle del tubo C provengono da una diluizione più elevata. Al contrario, il numero di tubi del tubo D che mostrano un segno positivo di crescita è inferiore a quelli del tubo C. Quindi, p1 = 5.

p2 e p3 sono scelti per essere il numero di tubi nelle prossime due diluizioni più elevate che mostrano un segno positivo di crescita. Quindi, p2 = 3 e p3 = 1.

Il valore per p1 può essere trovato guardando verso il basso la prima colonna nella Tabella 2. Lo stesso viene fatto nella colonna p2. Quindi, il valore di p3 (attraverso la parte superiore) interseca i due definiti dai valori di p1 e p2. In questo esempio, il valore è 1,1 organismi per ml.

Dividete questo valore per la concentrazione di terreno nella diluizione a cui avete assegnato p2. In questo esempio, questo è tube D.

Equation 1

Quindi, in questo esempio, c'erano 1,1 x 104 cellule di alghe per g di terreno. Questo valore è abbastanza tipico del numero di alghe presenti nel suolo.

Figure 2
Figura 2. Risultato ipotetico di un esperimento di enumerazione delle alghe. I tubi ombreggiati indicano la presenza di alghe. I tubi non ombreggiati rappresentano l'assenza di alghe.

Numero più probabile per i valori indicati di p3
p1 p2 0 1 2 3 4 5
0
0
0
0
0
0
0
1
2
3
4
5
--
0.018
0.037
0.056
0.075
0.094
0.018
0.036
0.055
0.074
0.094
0.11
0.036
0.055
0.074
0.093
0.11
0.13
0.054
0.073
0.092
0.11
0.13
0.15
0.072
0.091
0.11
0.13
0.15
0.17
0.090
0.11
0.13
0.15
0.17
0.19
1
1
1
1
1
1
0
1
2
3
4
5
0.020
0.040
0.061
0.083
0.11
0.13
0.040
0.061
0.082
0.1
0.13
0.16
0.060
0.081
0.10
0.13
0.15
0.17
0.080
0.10
0.12
0.15
0.17
0.19
0.10
0.12
0.15
0.17
0.19
0.22
0.12
0.14
0.17
0.19
0.22
0.24
2
2
2
2
2
2
0
1
2
3
4
5
0.045
0.068
0.093
0.12
0.15
0.17
0.068
0.092
0.12
0.14
0.17
0.20
0.091
0.12
0.14
0.17
0.20
0.23
0.12
0.14
0.17
0.20
0.23
0.26
0.14
0.17
0.19
0.22
0.25
0.29
0.16
0.19
0.22
0.25
0.28
0.32
3
3
3
3
3
3
0
1
2
3
4
5
0.078
0.11
0.14
0.17
0.21
0.25
0.11
0.14
0.17
0.21
0.24
0.29
0.13
0.17
0.20
0.24
0.28
0.32
0.16
0.20
0.24
0.28
0.32
0.37
0.20
0.23
0.27
0.31
0.36
0.41
0.23
0.27
0.31
0.35
0.40
0.45
4
4
4
4
4
4
0
1
2
3
4
5
0.13
0.17
0.22

0.34
0.41
0.17
0.21
0.26
0.33
0.40
0.48
0.21
0.26
0.32
0.39
0.47
0.56
0.25
0.31
0.38
0.45
0.54
0.64
0.30
0.36
0.44
0.52
0.62
0.72
0.36
0.42
0.5
0.59
0.69
0.81
5
5
5
5
5
5
0
1
2
3
4
5
0.23
0.33
0.49
0.79
1.3
2.4
0.31
0.46
0.7
1.1
1.7
3.5
0.43
0.64
0.95
1.4
2.2
5.4
0.58
0.84
1.2
1.8
2.8
9.2
0.76
1.1
1.5
2.1
3.5
16
0.95
1.3
1.8
2.5
4.3
--

Tabella 2. Numeri più probabili da utilizzare con il disegno sperimentale in questo esercizio.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Applications and Summary

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

La metodologia MPN è utile, perché consente la stima di una popolazione funzionale basata su un'attribuzione correlata al processo. Nell'esempio, il processo funzionale era la fotosintesi intrapresa dalle alghe, che consentiva la crescita in assenza di carbonio organico. Ciò ha permesso di enumerare le popolazioni algali totali nel suolo.

MPN viene anche utilizzato per stimare il numero di un particolare tipo di agenti patogeni microbici nell'acqua, come la Salmonella, utilizzando la resistenza della Salmonella al verde malachite.

Un'ulteriore applicazione è la stima dei funghi micorrizici inoculando le diluizioni del suolo su un ospite vegetale e cercando la colonizzazione delle radici da parte dei funghi.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Transcript

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the English version.

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter