Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
JoVE Science Education
Basic Methods in Cellular and Molecular Biology

A subscription to JoVE is required to view this content.
You will only be able to see the first 20 seconds.

 

Overview

Un saggio di immunoassorbimento enzimatico (ELISA) viene in genere eseguito per rilevare la presenza e/o la quantità di una proteina bersaglio di interesse all'interno di un campione sperimentale. Il rilevamento della proteina bersaglio è reso possibile dagli anticorpi, che rendono l'ELISA un test immunologico. Attraverso una serie di fasi di incubazione e lavaggio, questi anticorpi, che sono spesso collegati, o coniugati, a un enzima, rileveranno il rivestimento proteico del fondo di un pozzo su una piastra di microtitolazione. Se esposto a un substrato, l'enzima legato agli anticorpi causerà un cambiamento di colore, indicando così la presenza della proteina di interesse nel campione.

In questo video, viene spiegata la teoria alla base del funzionamento degli ELISA, inclusa una discussione sul legame degli anticorpi primari e secondari e sull'importanza delle fasi di blocco. La teoria è seguita dalla pratica, mentre il video progredisce verso una spiegazione della procedura passo-passo. Infine, vengono introdotte varianti dell'ELISA standard come il sandwich e gli ELISA competitivi e vengono spiegate le applicazioni reali di questo metodo, come nei test di gravidanza da banco.

Procedure

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

L'ELISA, o saggio immunoassorbente enzimatico, è un metodo ampiamente utilizzato per determinare la presenza o l'assenza di una specifica proteina bersaglio.

Attraverso una serie di fasi di lavaggio e legame, un anticorpo coniugato, o collegato, a un enzima riconoscerà una proteina bersaglio sul fondo di una piastra a 96 pozzetti. Quando il substrato viene aggiunto al campione, si verificherà una reazione enzimatica, causando un cambiamento di colore che consente l'identificazione e la quantificazione della proteina bersaglio.

Prima di discutere su come eseguire un ELISA, familiariamo con le apparecchiature e i reagenti di cui avrai bisogno.

L'impostazione per una reazione ELISA è in genere una piastra a fondo piatto a 96 pozzetti. I fondi piatti dei pozzi contribuiranno a facilitare una distribuzione uniforme del campione sperimentale, nonché gli anticorpi di cattura e rilevamento.

Gli ELISA rilevano la presenza di specifiche proteine bersaglio in soluzioni acquose sperimentali. Urina, mezzi di coltura cellulare e siero sono campioni sperimentali comuni.

In un ELISA, l'anticorpo che si lega direttamente alla proteina bersaglio è l'anticorpo primario. Ha un'alta affinità, cioè un'alta capacità di legarsi strettamente, per un epitopo - una regione specifica - della proteina bersaglio. L'anticorpo primario è di solito non etichettato o non coniugato.

Come accennato, gli anticorpi si legano principalmente alle loro proteine bersaglio attraverso un legame ad alta affinità a un epitopo specifico. Tuttavia, il campione sperimentale può contenere pezzi di cellule che esprimono siti di legame non specifici, siti che possono legare la regione costante o non specifica dell'epitopo degli anticorpi del rivelatore.

Pertanto, l'aggiunta di un buffer di blocco è essenziale in un ELISA per coprire eventuali siti di legame non specifici nei campioni sperimentali. Altrimenti potresti avere reazioni enzimatiche che si verificano in pozzi che non contengono proteine bersaglio, dandoti dati falsi positivi!

L'anticorpo secondario in un ELISA è l'anticorpo utilizzato per riconoscere l'anticorpo primario. Questo anticorpo è solitamente coniugato a un enzima. A volte l'anticorpo secondario ha un nome funky. Ad esempio, se l'anticorpo secondario prodotto, o allevato, in un asino per riconoscere un anticorpo primario allevato in una capra, l'anticorpo secondario sarebbe chiamato anticorpo anti-capra asino. Quando si tratta di nominare gli anticorpi secondari, il primo nome indica l'organismo che ha prodotto l'anticorpo secondario e il secondo nome rappresenta l'organismo che produce l'anticorpo primario.

Sarà inoltre necessario un substrato che si lega al sito attivo dell'enzima legato all'anticorpo secondario. La reazione chimica che si verifica durante questa reazione provoca un cambiamento di colore nel substrato altrimenti incolore. Questo cosiddetto saggio colorimetrico consente l'identificazione e la quantificazione della presenza della proteina bersaglio.

La reazione enzimatica continuerà finché c'è substrato disponibile. Pertanto, dopo un breve periodo di incubazione, una soluzione di arresto, che provoca l'ennesimo cambiamento di colore per indicare che la reazione è stata effettivamente interrotta, viene aggiunta ai pozzezze.

Un lettore di micropiasche verrà utilizzato per quantificare la concentrazione della proteina di interesse in ciascun pozzetto leggendo l'assorbanza, cioè la quantità di prodotto colorato, in ogni pozzetto. L'assorbanza è proporzionale alla quantità di proteina bersaglio presente.

Ora che hai tutta la tua attrezzatura pronta, eseguiamo un ELISA!

Per eseguire un ELISA standard, o diretto, prima rivestire i pozzetti della piastra a 96 pozzetti con la proteina bersaglio di interesse diluita nel tampone di rivestimento. Placca i tuoi controlli positivi e negativi anche in questo momento.

Dopo aver incubato la piastra rivestita abbastanza a lungo da dare alla proteina il tempo di assorbire completamente, o attaccare, al fondo della piastra, scaricare la soluzione di rivestimento in eccesso con un rapido movimento del polso.

Quindi bloccare qualsiasi possibile legame non specifico o segnale di fondo incubando ogni pozzo nel buffer di blocco.

Ora scarica il tampone di blocco e lava i pozzezze con una breve incubazione a temperatura ambiente in soluzione salina tamponata con fosfato, o PBS, e 1% BSA.

Mentre i pozzetto vengono risciacquati con PBS, preparare diluizioni di una concentrazione nota della proteina bersaglio per creare una curva standard. L'assorbanza dei pozzetto a curva standard, che contengono concentrazioni note della proteina bersaglio, verrà utilizzata per calcolare la concentrazione di proteina bersaglio nei pozzetto campione sperimentali sulla base di un confronto tra l'assorbanza dei pozzetto campione e l'assorbanza dei pozzetto a curva standard.

Ora è il momento di aggiungere il rilevamento o l'anticorpo primario!

La piastra viene quindi incubata, di solito a temperatura ambiente, per consentire una quantità sufficiente di anticorpi di legarsi alla proteina bersaglio per una successiva rilevazione e quantificazione della proteina.

Dopo questa incubazione, l'anticorpo in eccesso viene rimosso e i pozzi vengono brevemente lavati con PBS.

L'anticorpo secondario viene quindi aggiunto alla piastra e la piastra viene nuovamente incubata , in genere su una piattaforma rotante - per consentire all'anticorpo secondario di legarsi. Le fasi di lavaggio vengono ripetute come prima.

Quindi, aggiungi il substrato alla piastra per vedere quali pozzetti contengono la tua proteina bersaglio. Coprire la piastra per proteggere la reazione dalla luce, quindi dopo una breve incubazione, arrestare la reazione con la soluzione di arresto.

Infine, posizionare la piastra nel lettore di micropiasche per misurare l'assorbanza o la quantità di soluzione colorata, in ciascun pozzo. Dovrai selezionare quali pozzi vuoi che il lettore analizzi. Quando lo strumento ha finito di leggere la piastra, verrà visualizzata una lettura dell'assorbanza per ciascun pozzo.

È importante notare che ogni kit ELISA ha un limite di rilevamento. Cioè, solo le concentrazioni proteiche al di sopra e al di sotto dei limiti specifici possono essere determinate con precisione. Concentrazioni molto piccole di proteine sono di solito troppo vicine ai livelli di fondo di colorazione non specifica, mentre concentrazioni molto elevate possono indicare che l'eccesso di proteine o anticorpi non è stato adeguatamente lavato via in quel pozzo campione.

Allora perché potresti eseguire un ELISA? Diamo un'occhiata ad alcune applicazioni comuni.

Probabilmente il tipo più comune di ELISA eseguito è il sandwich ELISA.

In un SANDWICH ELISA, una piastra a 96 pozzetti viene rivestita prima con un anticorpo primario che riconosce la proteina bersaglio di interesse.

In questo esperimento, i mezzi di coltura cellulare raccolti da linee cellulari che producono anticorpi umani, sono stati placcati da un sistema automatizzato su piastre a 96 pozzetti pre-rivestite con un anticorpo primario che riconosce gli anticorpi umani.

Dopo aver lavato via il campione in eccesso con PBS, viene aggiunto un anticorpo secondario legato all'enzima, seguito da un substrato colorimetrico.

L'assorbanza viene quindi misurata allo stesso modo di un tipico ELISA. Ad esempio, in questo esperimento, questi dati ELISA saranno utilizzati per determinare quali linee cellulari producono l'anticorpo umano con la più alta affinità per – che è la migliore capacità di legarsi accuratamente – al suo antigene bersaglio.

Il test di gravidanza da banco è un tipo di sandwich ELISA.

Quando l'urina della donna potenzialmente incinta viene aggiunta al test, gli anticorpi primari enzimatici collegati al test legheranno l'ormone della gravidanza hCG se è presente. Se la donna è incinta, si verificherà una reazione substrato-enyzme quando gli anticorpi primari sono riconosciuti dagli anticorpi secondari legati al substrato nel sito del test e apparirà una linea colorata.

Un altro tipo di ELISA è l'ELISA competitivo, che può essere utilizzato per rilevare la presenza di anticorpi.

Se gli anticorpi di interesse sono presenti nel campione, si legheranno alla proteina bersaglio attaccata al fondo della piastra. Successivamente, quando gli anticorpi di rilevamento legati all'enzima vengono aggiunti alla piastra, gli anticorpi legati all'enzima troveranno poche o nessuna proteina da legare; saranno stati "superati" dagli anticorpi di interesse nel campione sperimentale.

In un ELISA competitivo, poi, i pozzeggi colorati indicano i campioni che in realtà non contengono l'anticorpo di interesse! I campioni di plasma del paziente vengono in genere eseguiti in un ELISA competitivo al fine di determinare se gli anticorpi per determinati agenti patogeni, come il virus HIV, sono presenti nel campione.

Hai appena visto l'introduzione di JoVE all'esecuzione di un ELISA. In questo video abbiamo recensito: cos'è un ELISA e come funziona; quali attrezzature e reagenti dovrai eseguire ed ELISA; e alcune diverse applicazioni del test. Grazie per aver guardato, e ricorda di non lasciare che il tuo substrato si sviluppi troppo!

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Nessun conflitto di interessi dichiarato.

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter