La valutazione simultanea di Emodinamica cerebrale e Light Scattering proprietà del

Neuroscience

Your institution must subscribe to JoVE's Neuroscience section to access this content.

Fill out the form below to receive a free trial or learn more about access:

Welcome!

Enter your email below to get your free 1 hour trial to JoVE!





We use/store this info to ensure you have proper access and that your account is secure. We may use this info to send you notifications about your account, your institutional access, and/or other related products. To learn more about our GDPR policies click here.

If you want more info regarding data storage, please contact gdpr@jove.com.

 

Summary

La valutazione simultanea dell'emodinamica cerebrale e delle proprietà di scattering della luce del tessuto cerebrale in vivo è dimostrata usando un sistema di diffusione multispectrale a riflessione diffusa.

Cite this Article

Copy Citation | Download Citations

Nishidate, I., Mustari, A., Kawauchi, S., Sato, S., Sato, M. Simultaneous Evaluation of Cerebral Hemodynamics and Light Scattering Properties of the In Vivo Rat Brain Using Multispectral Diffuse Reflectance Imaging. J. Vis. Exp. (123), e55399, doi:10.3791/55399 (2017).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

Introduction

La formazione di riflessioni diffusive multispectrali è la tecnica più comune per ottenere una mappa spaziale di segnali ottici intrinseci (IOS) nel tessuto corticale. IOS osservati nel cervello in vivo sono principalmente attribuiti a tre fenomeni: varianti di assorbimento e dispersione della luce dovute all'emodinamica corticale, variazione dell'assorbimento a seconda della riduzione o ossidazione dei citocromi nei mitocondri e variazioni nelle proprietà di dispersione della luce indotte da alterazioni morfologiche 1 .

La luce nel visibile (VIS) ad infrarosso vicino (NIR) gamma spettrale è efficacemente assorbita e dispersa dal tessuto biologico. Lo spettro di riflessione diffusa del cervello in vivo è caratterizzato da spettri di assorbimento e dispersione. I coefficienti di dispersione ridotti μ s ' del tessuto cerebrale nella gamma di lunghezze d'onda VIS-NIR portano ad una mostra monotona di spettro di dispersioneing grandezze più piccole a lunghezze d'onda più lunghe. Il ridotto coefficiente di diffusione spettro μ s '(λ) può essere approssimata essere nella forma della funzione di legge di potenza 2, 3 come μ s' (λ) = a × λ -b. La potenza della dispersione b è correlata alla dimensione del scatterers biologici nel tessuto 2, 3 vivente. Alterazioni morfologiche del tessuto e riduzione della vitalità del vivente tessuto corticale possono influenzare la dimensione dei diffusori biologici 4, 5, 6, 7, 8, 9.

Un sistema ottico per l'imaging multispettrale riflettanza diffusa può essere facilmente costruito da un li incandescenzafonte combattere, componenti ottici semplici, e un dispositivo monocromatico carica-(CCD). Pertanto, vari algoritmi e sistemi ottici per l'imaging multispettrale riflettanza diffusa sono stati utilizzati per valutare l'emodinamica corticali e / o morfologia tissutale 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16, 17, 18.

Il metodo descritto in questo articolo è usato per visualizzare sia la proprietà di diffusione della luce di tessuto cerebrale di ratto in vivo usando un sistema di imaging riflettanza multispettrale diffusa convenzionale emodinamica e. I vantaggi di questo metodo rispetto tecniche alternative sono la capacità di valutare le variazioni spazio-temporali in entrambi emodinamica cerebrale e tessuto corticalemorfologia, così come la sua applicabilità a vari modelli animali disfunzione cerebrale. Pertanto, il metodo sarà opportuno per le indagini di lesione traumatica cerebrale, crisi epilettiche, ictus e ischemia.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

La cura degli animali, la preparazione e i protocolli sperimentali sono stati approvati dal Comitato di Ricerca sugli Animali dell'Ateneo di Tecnologia e Tecnologia di Tokyo. Per questa metodologia, il ratto è alloggiato in un ambiente controllato (24 ° C, 12 h ciclo luce / scuro), con alimenti e acqua disponibile ad libitum.

1. Costruzione di un sistema di immagini riflessione diffusa multispettrale convenzionale

  1. Montare nove filtri di interferenza ottica a banda stretta con lunghezze d'onda centrali di 500, 520, 540, 560, 570, 580, 600, 730 e 760 nm ai fori filtranti della ruota filtro motorizzata.
  2. Costruire un sistema di imaging multispectral utilizzando una sorgente luminosa a banda larga a banda larga, una ruota filtrante motorizzata con l'insieme di filtri a interferenza a banda stretta, una guida leggera, una lente di raccolta, un obiettivo di zoom video e una fotocamera CCD monocromatica. La disposizione dei componenti ottici, mostrata in Figura 2 , può essere indicata per la thè procedura costruzione.
    NOTA: L'angolo di illuminazione è di circa 45 ° rispetto alla superficie del campione.
  3. Attivare la sorgente luminosa lampada alogena per illuminare la superficie del campione attraverso un filtro di interferenza, la guida di luce, e la lente di collezione.
  4. Aprire il software operativo della camera CCD.

2. Preparazione animale

NOTA: In questo protocollo, il ratto non è stato utilizzato per i futuri esperimenti ed è stato sacrificato subito dopo le misurazioni di immagini multispettrali.

  1. Collegare la porta di ingresso di una camera di induzione per la luce di uscita di una macchina di anestesia con un tubo. Collegare la porta di uscita della camera di induzione alla porta di ingresso della macchina per anestesia con un secondo tubo.
  2. Posizionare il topo nella camera di induzione e indurre l'anestesia con isoflurano 5,0%. Mantenere l'anestesia ad una profondità tale per cui il ratto non risponde al pizzichi punta. Lower al 2,0% isoflurano mediante una manopola sulla macchina per anestesia.
  3. Fissare la testa ratto in un telaio stereotassico. Allegare un boccaglio per l'anestesia al telaio stereotassico.
  4. Collegare la luce di ingresso del boccaglio alla luce di uscita della macchina di anestesia con un tubo. Collegare la porta di uscita del boccaglio alla porta di ingresso della macchina per anestesia con un tubo.
  5. Radere la regione testa al di là del sito di incisione prospettico utilizzando tosatrici fino a quando appare la superficie della pelle.
  6. Eseguire un'incisione longitudinale di circa 20 mm, lungo la linea mediana della testa con un bisturi chirurgico (Figura 1 (a)) ed esporre il tessuto connettivo sottocutaneo (Figura 1 (b)).
  7. Rimuovere il tessuto connettivo sottocutaneo utilizzando una curette tagliente o una pinza e tirarlo su entrambi i lati della testa per esporre l'osso del cranio (Figura 1 (c)).
  8. Scavare un fosso ellissoidale con l'osso del cranio all'interno della Sutur cranicaes (sutura coronale, sutura sagittale, e sutura lambdoidea) utilizzando un trapano ad alta velocità (Figura 1 (d)).
  9. Lentamente e omogeneamente scavare l'osso del cranio all'interno del fosso di usare il trapano ad alta velocità.
  10. Premere leggermente sulla superficie del cranio assottigliato con la punta della pinza per stimare lo spessore e forza ossea dopo appare un vaso sanguigno cerebrale. Se la regione cranio assottigliata deprime facilmente, interrompere la riduzione delle ossa del cranio con il trapano ad alta velocità.
  11. Tagliare la linea di confine ellissoidale del cranio assottigliata frammentario usando la punta della pinza o piccole forbici chirurgiche.
  12. Rimuovere il cranio assottigliato dalla superficie del cervello lentamente e delicatamente con la pinza.
  13. bagnare delicatamente la finestra del cranio con soluzione salina fisiologica e coprire con una lastra di vetro trasparente spessore di circa 0,1 mm.

3. Regolando la frazione di ossigeno inspirato

NOTA: Il Condi respiratoriazione può essere modificato regolando la frazione di ossigeno inspirato (FiO2).

  1. Utilizzando un tubo, collegare la prima porta di un connettore tubo a forma di Y (connettore 1) alla prima porta di un altro connettore tubo a forma di Y (connettore 2).
  2. Collegare la luce di ingresso del boccaglio alla seconda porta del connettore del tubo 1.
  3. Utilizzando un tubo, collegare la terza porta del connettore tubo 1 ad un dispositivo di monitoraggio ossigeno concentrazione.
  4. Con un tubo, collegare la seconda porta del connettore tubo 2 all'apertura di uscita di una macchina per anestesia.
  5. Utilizzando un tubo, collegare la terza porta del connettore tubo 2 verso l'uscita di un dispositivo di miscela di gas.
  6. Collegare una luce di ingresso del dispositivo di miscela di gas ad alta pressione 95% O 2 - 5% di CO 2 bombola di gas utilizzando un tubo.
  7. Collegare l'altra apertura di entrata del dispositivo di miscela di gas ad alta pressione 95% N 2 - 5% bombola di CO 2 utilizzando un tubo.
  8. Modificare le portate di gas of O 2 e N 2 utilizzando le manopole rotanti sul dispositivo miscela di gas.
  9. Controllare e regolare la FiO 2 utilizzando il dispositivo di ossigeno del monitor concentrazione.

4. Acquisizione della riflettanza immagini multispettrali Diffuse

  1. Acquisizione di immagini di riferimento
    NOTA: I componenti ottici utilizzati in questo esperimento, come la sorgente luminosa, fibra ottica, e rilevatori hanno le loro caratteristiche spettrali. Pertanto, l'intensità della luce passata attraverso questi componenti dovrebbe essere registrata come immagine di riferimento. L'immagine di riferimento è un'immagine presa con diffusore bianco standard illuminato con la luce dalla sorgente luminosa.
    1. Mettere il diffusore bianco standard sulla scena orizzontalmente.
    2. Fuoco l'obiettivo della videocamera sulla superficie del diffusore bianco ruotando la ghiera zoom sulla canna.
    3. Regolare il tempo di integrazione della fotocamera selezionando il valore appropriato dalladiscesa dei tempi di integrazione nel software operativo della telecamera in modo che la maggior quantità di luce produce un segnale che è circa il 75% dei conteggi massimi. Osservando l'istogramma dei valori di pixel, regolare il tempo di integrazione finché il livello di intensità del segnale è di circa il 75% dei conteggi massimi.
    4. Selezionare il comando "Salva" dal menu File per salvare l'immagine in un file.
    5. Modificare la posizione del filtro ruotando la ruota portafiltri.
    6. Salvare un'immagine alle altre lunghezze d'onda secondo il procedimento sopra descritto. Il nome del file deve identificare il campione e la lunghezza d'onda utilizzata (ad esempio, W500, W520, W540 ... W760).
  2. Acquisizione di immagini di esempio
    Nota: Le immagini di intensità della luce riflessa diffusamente di cervello di ratto esposto a nove lunghezze d'onda vengono acquisite e memorizzate sul disco rigido di un personal computer utilizzando le stesse condizioni di acquisizione.
    1. Posizionare delicatamente la rSul palco e regolare lentamente il livello della scena in modo che la fotocamera possa concentrarsi sulla superficie del cervello del ratto.
    2. Selezionare il comando "salva" dal menu file per salvare un'immagine in un file.
    3. Cambiare la posizione del filtro ruotando la ruota del filtro.
    4. Salvare un'immagine alle altre lunghezze d'onda secondo il processo descritto in precedenza. Il nome del file deve identificare il campione e la lunghezza d'onda ( es. R500, R520, R540 ... R760).
  3. Acquisizione di immagini scure
    NOTA: La telecamera CCD può generare un'intensità luminosa in risposta ad un segnale elettrico. Tuttavia, c'è qualche uscita minore dovuta al rumore nei circuiti elettrici e nei rivelatori, anche se la luce non entra nel rilevatore; Questo è chiamato rumore corrente scuro. Per misurare con precisione l'intensità spettrale della luce, il componente della corrente scura dovrebbe essere registrato come un'immagine scura e quindi sottratta dal segnale misurato. L'immagine scura è un'immagineN con il percorso della luce bloccato.
    1. Spegnere la sorgente luminosa della lampada alogena.
    2. Bloccare il percorso della luce al sistema di telecamere CCD utilizzando una piastra di schermatura.
    3. Selezionare il comando "salva" dal menu file per salvare un'immagine in un file. Il nome del file deve identificare il campione ( ad esempio, Dark).

5. Visualizzazione del contenuto di emoglobina e del parametro di scattering della luce

NOTA: Un insieme di immagini a riflessione diffusa multispettrale viene salvato sul disco rigido di un personal computer e analizzato in modalità non in linea. Viene quindi eseguita un'analisi multipla di regressione supportata da una simulazione di Monte Carlo 19 delle immagini a riflessione diffusa multispectrale a nove lunghezze d'onda (500, 520, 540, 560, 570, 580, 600, 730 e 760 nm) per visualizzare la dimensione bidimensionale Mappe di concentrazione dell'emoglobina ossigenata, concentrazione dell'emoglobina deossigenata, concentrazione totale di emoglobina, saturazione cerebrale di ossigeno regionale e scatTering potere. L'algoritmo dettagliato è stato pubblicato nelle letterature 17, 18.

  1. Sottrarre l'immagine scura sia l'immagine di riferimento e l'immagine campione a ciascuna lunghezza d'onda.
  2. Normalizzare l'immagine campione l'immagine di riferimento per ogni lunghezza d'onda λ. Il trattamento dell'immagine normalizzata come il diffuso immagine riflettanza R.
  3. Calcolare l'assorbanza (densità ottica) immagine A prendendo il logaritmo del reciproco del diffuso immagine riflettanza R ad ogni lunghezza d'onda λ:
    equazione 1 (1)
  4. Generare una matrice tridimensionale impilando le immagini assorbanza nell'ordine della loro lunghezza d'onda, dove x - piano y mostra le informazioni strutturali ottenute per la superficie del cervello e z -axis mostra le informazioni spettrali.
  5. PeRformare un'analisi multipla di regressione per lo spettro di assorbanza A ( λ ) ad ogni coordinata xy.
  6. Utilizzare lo spettro di assorbanza A ( λ ) come variabile dipendente e gli spettri di coefficiente di estinzione molare dell'emoglobina ossigenata ε HbO ( λ ) e dell'emoglobina deossigenata ε HbR ( λ ) come variabili indipendenti per la fase 5.5 (valori pubblicati per ε HbO ( λ ) E ε HbR ( λ ) sono fornite nella tabella 1 ).
  7. Controllare le mappe bidimensionali (immagini) dei tre coefficienti di regressione multipla un HbO , un HbR e un 0 .
  8. Generare una matrice tridimensionale impilando le immagini dei coefficienti di regressione multipla nell'ordine un HbO , un HbR e un 0 , dove il y mostra le informazioni strutturali ottenute per la superficie del cervello e la z -axis propone i molteplici coefficienti di regressione.
  9. Calcolare la concentrazione ossigenata emoglobina C HbO, il deossigenato concentrazione di emoglobina C HBr, e la potenza di dispersione b dal set di regressione multipla coefficienti a HbO, un HBr, e uno 0 ad ogni xy coordinate utilizzando le seguenti formule empiriche (ha valori di β HbO, i, β HBr, i, e β 0, i (i = 0,1,2,3) sono fornite nella Tabella 2):
    equazione 2 (2)
    equazione 3 (3)
    equazione 4 (4)
  10. Controllare le mappe bidimensionali (immagini) della concentrazione di emoglobina ossigenata C HbO, la concentrazione di emoglobina deossigenata C HBr, e il potere di scattering b.
  11. Calcolare una mappa bidimensionale del totale concentrazione di emoglobina C HbT sommando C HBO e C HBr in ogni x - coordinata y.
  12. Calcolare una mappa bidimensionale della saturazione dell'ossigeno cerebrale regionale RSO 2 dividendo la concentrazione di emoglobina ossigenata C HbO dalla totale concentrazione di emoglobina C HbT in ogni x - coordinata y.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

Immagini spettrali rappresentative di riflettanza diffusa acquisito da cervelli di ratto in vivo sono mostrati in Figura 3. Le immagini a 500, 520, 540, 560, 570, e 580 nm visualizzare chiaramente una fitta rete di vasi sanguigni nella corteccia cerebrale. Il deterioramento del contrasto tra vasi sanguigni e il tessuto circostante osservata nelle immagini a 600, 730 e 760 nm riflette il minor assorbimento della luce da parte dell'emoglobina a lunghezze d'onda più lunghe e NIR.

La figura 4 mostra immagini rappresentative stimato di un cervello di ratto esposto per la concentrazione di emoglobina ossigenata, concentrazione di emoglobina deossigenata, concentrazione totale di emoglobina, saturazione di ossigeno cerebrale regionale, e la potenza di scattering. Come previsto dalle immagini riflettanza diffusa a lunghezze d'onda più corte in figura 3, la concentrazione totale di emoglobina nel sangue vesSel regione è superiore a quella della regione tissutale circostante. D'altra parte, le concentrazioni di emoglobina ossigenate nelle arteriole sono superiori a quelle venule dovute all'emoglobina nel sangue arterioso che è molto più ossigenata che nel sangue venoso. Pertanto, la distribuzione di arteriole e venule può essere chiaramente distinta nell'immagine stimata della saturazione dell'ossigeno regionale.

Immagini rappresentative rappresentative di un cervello ratto esposto durante i cambiamenti in FiO 2 per la riflessione diffusa a 500 nm r (500), concentrazione dell'emoglobina ossigenata C HbO , concentrazione dell'emoglobina deossigenata C HbR , concentrazione dell'emoglobina totale C HbT , saturazione cerebrale regionale di ozono rSO 2 e la potenza di dispersione b sono mostrati in Figura 5 . Il valore di rSO 2 è aumentato in condizioni iperossichee diminuito notevolmente dopo l'induzione delle condizioni anossiche. Il valore di b era leggermente aumentato nel periodo dall'insorgenza di anossia fino arresto respiratorio, mentre continuamente diminuita durante il periodo da 5 minuti a 30 minuti dopo l'inizio di anossia. Queste variazioni del valore di b indicavano cambiamenti morfologici, come il gonfiore e restringimento di strutture cellulari e subcellulari, indotte dalla perdita di vitalità del tessuto cerebrale in.

Figura 1
Figura 1: Passi nella esposizione chirurgica della corteccia cerebrale di ratto. Si prega di cliccare qui per vedere una versione più grande di questa figura.

figura 2
Figura 2: schema dell'apparato sperimentale per amministrare anestesia e modifica la frazione di ossigeno inspirato. Si prega di cliccare qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 3
Figura 3: rappresentativa multispettrale riflettanza diffusa Immagini a 500, 520, 540, 560, 570, 580, 600, 730 e 760 nm, ottenuto da un In Vivo cervello di ratto. Si prega di cliccare qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 4
Figura 4: Rappresentante stimate immagini di un cervello di ratto esposto. <> (A) Concentrazione di emoglobina ossigenata C HbO , (b) concentrazione dell'emoglobina deossigenata C HbR , (c) concentrazione dell'emoglobina totale C HbT , (d) saturazione cerebrale regionale rSO2 e (e) potenza di dispersione b . Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figura 5
Figura 5: Risultati rappresentativi di un cervello del ratto esposto durante i cambiamenti in FiO 2 . Immagini del tessuto corticale in vivo durante i cambiamenti in FiO 2 per riflessione diffusa a 500 nm r (500), concentrazione di emoglobina ossigenata C HbO , concentrazionedi deossigenato emoglobina C HBr, concentrazione di emoglobina totale C HbT, regionale ossigeno cerebrale saturazione RSO 2, e spargendo potenza b. Si prega di cliccare qui per vedere una versione più grande di questa figura.

<tr>
Lunghezza d'onda λ nm ε HbO (λ) ε HBR (λ)
500 113,03,712 mila 112.6548
520 130,69,296 mila 170,58,384 mila
540 287.4744 251.5968
560 176,11,128 mila 290.4552
570 240.2784 243.3888
580 270.5616 199,908
600 17.28 79,25,688 mila
730 2.106 5,95,188 mila
760 3,1644 8,36,201 mila

Tabella 1: I valori di ε HBO e ε HbO utilizzato per l'analisi di regressione multipla. I coefficienti di estinzione molare di emoglobina ossigenata ε HbO e deossigenata HBr emoglobina ε per ogni lunghezza d'onda λ.

io β HbO, i β HBr, i β b, i
0 -8,3302 -5,85271 -,76587
1 4405.877 -143,23 53,34,134 mila
2 2740.622 3798.067 124.4656
3 -4,40454 -2,81699 -1,36919

Tabella 2: I valori di β HbO, i, β HBr, i, e p 0, i (i = 0,1,2,3) utilizzato nella empirica Formule per C HBO, C HBr, e b. Si noti che le unità di C e C HbO HBr derivati da queste formule empiriche sono la concentrazione volumetrica, in cui viene adottata la concentrazione dell'emoglobina del sangue intero con una lettura ematocrito del 44% per la concentrazione volumetrica 100% di emoglobina. Le formule empiriche per l'emoglobina ConcPossono essere ricavate dagli spettri di riflessione diffusa calcolati dalla simulazione Monte Carlo di trasporto leggero 19 . Il processo dettagliato per la derivazione delle formule empiriche è stato descritto nella letteratura 17 , 18 .

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

Il passo più critico in questo protocollo è la rimozione della regione sottile di cranio per rendere la finestra cranica; Questo deve essere eseguito attentamente per evitare sanguinamenti imprevisti. Questo passo è importante per ottenere immagini di riflessione diffusa multispettrale di alta qualità con alta precisione. L'uso di uno stereomicroscopio è raccomandato per la procedura chirurgica, se possibile. Piccoli pezzi di spugna di gelatina sono utili per l'emostasi.

Il sistema ottico descritto in questo articolo passa una luce monocromatica attraverso un filtro di interferenza situato di fronte alla sorgente luminosa. Ciò può essere modificato posizionando la ruota del filtro davanti all'obiettivo della videocamera o alla telecamera CCD. In questo caso, tuttavia, il piano focale può essere variabile se vengono utilizzati filtri di interferenza con spessori diversi e ciò provocherà un deterioramento della qualità dell'immagine. È necessario rimuovere la lastra di vetro dalla finestra cranica se si inserisce un elettrodo di registrazioneNel tessuto corticale per misurazioni elettrofisiologiche, come le misurazioni del potenziale di campo elettrico locale. In questo caso, il sistema di imaging può rilevare riflessi speculari indesiderati dalla superficie corticale. Questo problema può essere evitato utilizzando un set di piastre di polarizzazione con un allineamento Nicols incrociato.

L'apparato convenzionale di imaging multispettrale dimostrato in questo articolo è un po 'più lungo da utilizzare, poiché le posizioni del filtro nella ruota vengono modificate meccanicamente. Ciò significa che il sistema di imaging cattura ogni immagine di riflessione diffusa sequenzialmente ad un diverso punto di lunghezza d'onda. A causa di questa limitazione, questo sistema è inadeguato per catturare IOS veloci, come le modifiche dello spettro di riflessione dovute alle attività neuronali 20 . Anche se l'emoglobina ossigenata e l'emoglobina deossigenata sono i principali cromofori del tessuto cerebrale vivo, gli altri cromofori, come citocromo c ossidasi, flavinAdenina dinucleotide e nicotinamide adenina dinucleotide, contribuiscono anche al coefficiente di assorbimento nella regione di lunghezza d'onda visibile. Pertanto, i valori stimati di C HbO , C HbR , C HbT , rSO2 e b possono essere influenzati dai cromofori minori. Inoltre, questo approccio integra tutte le informazioni lungo la direzione di profondità perché si basa su riflessi diffusi. Pertanto, il sistema di imaging non effettua misurazioni definite in profondità.

È vantaggioso che l'algoritmo utilizzato per il presente sistema possa essere applicato anche alle immagini di riflessione diffusa multispettrale acquisite da altre tecniche di imaging rapido spettrale, ad esempio un filtro sintonizzabile acousto-ottico 21 , un array di lenti a più aperture con filtri di interferenza 22 e Le immagini di ricostruzione spettrale da un'immagine RGB 17 , 23. Utilizzando l'algoritmo proposto e tecniche spettrali rapide insieme è un approccio promettente per valutare imaging rapido IOS, nonché per l'impiego in situazioni cliniche.

La maggior parte del cervello multispettrale tecniche di imaging ad oggi sono principalmente focalizzata sulla emodinamica corticali e metabolismo dei tessuti, come il volume di sangue cerebrale, saturazione di ossigeno cerebrale regionale, e metabolismo cerebrale di ossigeno 10, 11, 12, 13, 14. Diversi approcci esistenti valutare l'ampiezza di scattering sotto l'ipotesi che la potenza di diffusione è costante 15, 16. Tuttavia, alterazioni morfologiche dei tessuti a causa di cambiamenti patofisiologici e una riduzione della vitalità nel vivere tessuto corticale possono influenzare la dimensione di dispersori biologici 4, 5, 6, 7, 8, 9. Pertanto, è importante stimare il parametro di dispersione b quantitativamente per valutare le morfologie del tessuto del cervello. Il significato della presente tecnica rispetto ai metodi esistenti è la sua capacità di misurare simultaneamente le variazioni spazio-temporali di emodinamica cerebrale e morfologia tessuto corticale.

In termini di applicazioni future, questo algoritmo può essere utilizzato per monitorare la funzione del cervello, organi vitali, e la vitalità nel tessuto corticale di vari modelli animali malattia del cervello, come la lesione traumatica cerebrale, crisi epilettiche, ictus e ischemia.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
150-W halogen-lamp light source Hayashi Watch Works Co., Ltd, Tokyo, Japan LA-150SAE
Light guide Hayashi Watch Works Co., Ltd, Tokyo, Japan LGC1-5L1000
Collecting lens Hayashi Watch Works Co., Ltd, Tokyo, Japan SH-F16
Interference filters l@ 500 nm Edmund Optics Japan Ltd, Tokyo, Japan #65088
Interference filters l@ 520 nm Edmund Optics Japan Ltd, Tokyo, Japan #65093
Interference filters l@ 540 nm Edmund Optics Japan Ltd, Tokyo, Japan #65096
Interference filters l@ 560 nm Edmund Optics Japan Ltd, Tokyo, Japan #67766
Interference filters l@ 570 nm Edmund Optics Japan Ltd, Tokyo, Japan #67767
Interference filters l@ 580 nm Edmund Optics Japan Ltd, Tokyo, Japan #65646
Interference filters l@ 600 nm Edmund Optics Japan Ltd, Tokyo, Japan #65102
Interference filters l@ 730 nm Edmund Optics Japan Ltd, Tokyo, Japan #65115
Interference filters l@ 760 nm Edmund Optics Japan Ltd, Tokyo, Japan #67777
Motorized filter wheel  Andover Corporation, NH, USA FW-MOT-12.5
8-bit monochromatic CCD camera THE IMAGINGSOURCE, Germany DMK21BU618.H
Video zoom lens Edmund Optics Japan Ltd, Tokyo, Japan VZMTM300i
Spectralon white standard with 99% diffuse reflectance Labsphere Incorporated, North Sutton, NH, USA SRS-99-020

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Bonhoeffer, T., Grinvald, A. Optical Imaging based on intrinsic signals: the methodology. Brain mapping; the methods. Toga, A. W., Mazziotta, J. C. Academic Press. San Diego. 55-97 (1996).
  2. Mourant, J. R., et al. Mechanisms of light scattering from biological cells relevant to noninvasive optical-tissue diagnostics. Appl. Opt. 37, (16), 3586-3593 (1998).
  3. Abookasis, D., et al. Imaging cortical absorption, scattering, and hemodynamic response during ischemic stroke using spatially modulated near-infrared illumination. J. Biomed. Opt. 14, (2), 024033 (2009).
  4. Lipton, P. Ischemic cell death in brain neuron. Physiol. Rev. 79, (4), 1432-1568 (1999).
  5. Jarvis, C. R., Anderson, T. R., Andrew, R. D. Anoxic depolarization mediates acute damage independent of glutamate in neocortical brain slices. Cereb. Cortex. 11, (3), 249-259 (2001).
  6. Joshi, I., Andrew, R. D. Imaging anoxic depolarization during ischemia-like conditions in the mouse hemi-brain slice. J. Neurophysiol. 85, (1), 414-424 (2001).
  7. Polischuk, T. M., Jarvis, C. R., Andrew, R. D. Intrinsic optical signaling denoting neuronal damage in response to acute excitotoxic insult in the hippocampal slice. Neurobiol. Dis. 4, (6), 423-437 (1998).
  8. Jarvis, C. R., Lilge, L., Vipond, G. J., Andrew, R. D. Interpretation of intrinsic optical signals and calcein fluorescence during acute excitotoxic insult in the hippocampal slice. NeuroImage. 10, (4), 357-372 (1999).
  9. Obeidat, A. S., Jarvis, C. R., Andrew, R. D. Glutamate does not mediate acute neuronal damage after spreading depression induced by O2/glucose deprivation in the hippocampal slice. J. Cereb. Blood Flow Metab. 20, (2), 412-422 (2000).
  10. Dunn, A. K., Devor, A., Dale, A. M., Boas, D. A. Spatial extent of oxygen metabolism and hemodynamic changes during functional activation of the rat somatosensory cortex. Neuroimage. 27, (2), 279-290 (2005).
  11. Jones, M., Berwick, J., Johnston, D., Mayhew, J. Concurrent optical imaging spectroscopy and laser-Doppler flowmetry: the relationship between blood flow, oxygenation, and volume in rodent barrel cortex. Neuroimage. 13, (6), 1002-1015 (2001).
  12. Jones, M., Berwick, J., Mayhew, J. Changes in blood flow, oxygenation, and volume following extended stimulation of rodent barrel cortex. Neuroimage. 15, (3), 474-487 (2002).
  13. Zhou, C., et al. Diffuse optical correlation tomography of cerebral blood flow during cortical spreading depression in rat brain. Opt. Express. 14, (3), 1125-1144 (2006).
  14. Bouchard, M. B., Chen, B. R., Burgess, S. A., Hillman, E. M. C. Ultra-fast multispectral optical imaging of cortical oxygenation, blood flow, and intracellular calcium dynamics. Opt. Express. 17, (18), 15670-15678 (2009).
  15. Jones, P. B., et al. Simultaneous multispectral reflectance imaging and laser speckle flowmetry of cerebral blood flow and oxygen metabolism in focal cerebral ischemia. J. Biomed. Opt. 13, (4), 044007 (2008).
  16. Kawauchi, S., et al. Diffuse light reflectance signals as potential indicators of loss of viability in brain tissue due to hypoxia: charge-coupled-device-based imaging and fiber-based measurement. J. Biomed. Opt. 18, (1), 015003 (2013).
  17. Yoshida, K., et al. Multispectral imaging of absorption and scattering properties of in vivo exposed rat brain using a digital red-green-blue camera. J. Biomed. Opt. 20, (5), 051026 (2015).
  18. Nishidate, I., et al. Evaluation of Cerebral Hemodynamics and Tissue Morphology of In Vivo Rat Brain Using Spectral Diffuse Reflectance Imaging. Appl. Spectrosc. (2016).
  19. Wang, L. -H., Jacques, S. L., Zheng, L. -Q. MCML-Monte Carlo modeling of photon transport in multi-layered tissues. Comput. Methods Programs Biomed. 47, (2), 131-146 (1995).
  20. Tsytsarev, V., Premachandra, K., Takeshita, D., Bahar, S. Imaging cortical electrical stimulation in vivo: Fast intrinsic optical signal versus voltage-sensitive dyes. Opt. Lett. 33, (9), 1032-1034 (2008).
  21. Arnold, T., Biasio, M. D., Leitner, R. Hyper-spectral video endoscope for intra-surgery tissue classification using auto-fluorescence and reflectance spectroscopy. Proc. SPIE. 8087, 808711 (2011).
  22. Basiri, A., et al. Use of a multi-spectral camera in the characterization of skin wounds. Opt. Express. 18, (4), 3244-3257 (2010).
  23. Nishidate, I., Maeda, T., Niizeki, K., Aizu, Y. Estimation of melanin and hemoglobin using spectral reflectance images reconstructed from a digital RGB image by the Wiener estimation method. Sensors. 13, (6), 7902-7915 (2013).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Usage Statistics