Intervista: Bioreattori e nobilitati-Modified 3D-Ponteggi per la ricerca sulle cellule staminali

Biology

Your institution must subscribe to JoVE's Biology section to access this content.

Fill out the form below to receive a free trial or learn more about access:

Welcome!

Enter your email below to get your free 10 minute trial to JoVE!





We use/store this info to ensure you have proper access and that your account is secure. We may use this info to send you notifications about your account, your institutional access, and/or other related products. To learn more about our GDPR policies click here.

If you want more info regarding data storage, please contact gdpr@jove.com.

 

Summary

In passato in molti sistemi di coltura in vitro - principalmente colture monostrato - spesso sofferto lo svantaggio che le cellule differenziate primarie ha avuto un relativamente breve durata e de-differenziato durante cultura. Come conseguenza, la maggior parte del loro organo-specifiche funzioni sono state perse rapidamente. Pertanto, al fine di riprodurre condizioni migliori per queste cellule in vitro, le modifiche e gli adattamenti sono stati fatti per colture monostrato convenzionale.

Cite this Article

Copy Citation | Download Citations

Weibezahn, K. Interview: Bioreactors and Surfaced-Modified 3D-Scaffolds for Stem Cell Research. J. Vis. Exp. (15), e792, doi:10.3791/792 (2008).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

Un editoriale Nature nel 2003 ha posto la domanda "Good-bye, biologia piatto?" Che cosa implica questa domanda? In passato, molti sistemi di coltura in vitro, soprattutto colture monostrato, spesso sofferto lo svantaggio che le cellule differenziate primarie ha avuto un relativamente breve durata e de-differenziato durante cultura. Come conseguenza, la maggior parte del loro organo-specifiche funzioni sono state perse rapidamente. Pertanto, al fine di riprodurre condizioni migliori per queste cellule in vitro, le modifiche e gli adattamenti sono stati fatti per colture monostrato convenzionale.

L'ultima generazione di CellChips - micro-contenitori termoformati - una tecnologia specifica è stata sviluppata, che offre la possibilità aggiuntiva di modificare tutta la superficie dei contenitori formato 3D. Questo consente una superficie-patterning su scala submicron con distinte molecole di segnalazione. Sensori ed elettrodi di segnale possono essere incorporati. Le applicazioni spaziano dalla ricerca di base in biologia cellulare alla tossicologia e farmacologia. Utilizzando polimeri biodegradabili, le applicazioni cliniche diventare una possibilità. Inoltre, l'ultima generazione di micro-chip termoformati è stato ottimizzato per consentire la produzione di massa a basso costo.

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Usage Statistics