Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove
Click here for the English version

Chemistry

Preparazione di carbonio nanosheets a temperatura ambiente

doi: 10.3791/53505 Published: March 8, 2016

Introduction

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Nanostrutture di carbonio bidimensionali attraggono l'attenzione significativa a causa delle proprietà elettriche, termiche, meccaniche e sospeso riportati 1-5. Questi materiali sono tenuti a promuovere il progresso tecnico nei settori dei compositi polimerici 6, dispositivi di accumulo 7, e l'elettronica molecolare 8-10. Nonostante gli sforzi di ricerca intensi negli ultimi anni, tuttavia, l'accesso a grandi quantità di nanomateriali di carbonio ben definiti è ancora limitata, che impedisce loro implementazione su larga scala in applicazioni tecnologiche 11,12.

nanomateriali di carbonio sono accessibili da una top-down o bottom-up. Approcci tipici come le tecniche di esfoliazione 13 o processi ad alta energia su superfici 14-16 offrono la possibilità di ottenere materiali con un alto grado di perfezione strutturale e prestazioni molto buone. Tuttavia, l'isolamento e la purificazione di the prodotti rimane difficile, e la produzione su larga scala di materiali nanostrutturati definiti è difficile 12. D'altra parte, approcci bottom-up possono essere impiegati che si basano sull'uso di precursori molecolari, la loro disposizione in strutture definite, e una successiva carbonizzazione che produce le nanostrutture di carbonio 17-23. In questo caso, i precursori stessi sono più complessi e la loro preparazione richiede spesso più passaggi sintetici. Questi approcci possono offrire un alto grado di controllo sulle proprietà chimiche e fisiche dei materiali risultanti e possono fornire una accesso diretto ai materiali adatti. Tuttavia, la conversione dei precursori in nanomateriali di carbonio è generalmente effettuata a temperature superiori a 800 ° C, che porta ad una perdita di funzionalizzazione chimica incorporato 24-27.

Le limitazioni di cui sopra sono stati affrontati nel nostro gruppo impiegando oligoynes altamente reattive che CAn essere convertito in nanomateriali di carbonio a temperatura ambiente 28,29. In particolare, amphiphiles comprendente un gruppo testa idrofila e un segmento hexayne sono accessibili attraverso una sequenza di bromurazione e reazioni di cross-coupling Negishi palladio-mediata 30,31. La conversione di queste molecole precursori nella struttura di destinazione avviene a temperatura ambiente o inferiore su irraggiamento con luce UV. L'elevata reattività dei amphiphiles oligoyne rende l'uso di modelli morbidi, come l'interfaccia aria-acqua o interfacce liquido-liquido, possibile. Nelle inchieste precedenti, abbiamo preparato con successo vescicole da soluzioni di amphiphiles hexayne glicoside 28. La reticolazione di queste vescicole è stato ottenuto in condizioni blande per irradiazione UV dei campioni. Inoltre, abbiamo recentemente preparato monostrati auto-assemblati da hexaynes con un gruppo metilico testa carbossilato e una coda idrofoba alchil all'interfaccia aria-acqua in una vasca Langmuir. Il pacco densamenteEd precursori molecolari sono stati poi semplicemente convertiti in nanosheets carbonio autoportanti a temperatura ambiente per irraggiamento UV. Negli approcci relativi precursori molecolari definiti sono stati recentemente utilizzati per la preparazione di due-dimensionalmente nanosheets estese all'interfaccia aria-acqua 32-38.

Lo scopo di questo lavoro è quello di dare una concisa, guida pratica dei passaggi di sintesi e di fabbricazione complessivi che permettono la preparazione di nanosheets di carbonio da amphiphiles hexayne. L'attenzione si concentra su un approccio sperimentale e domande preparative.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Attenzione: Si prega di fare in modo di consultare le relative schede di sicurezza dei materiali (MSDS) prima che l'uso di composti chimici. Alcune delle sostanze chimiche utilizzate in queste sintesi sono altamente tossici e cancerogeni. nanomateriali preparati possono avere rischi aggiuntivi rispetto alla loro controparte di massa. E 'indispensabile utilizzare tutte le pratiche di sicurezza appropriate durante l'esecuzione di reazioni (cappa) e dispositivi di protezione individuale (occhiali, guanti, camice da laboratorio, pantaloni a figura intera, scarpe chiuse). Se non specificato altrimenti le seguenti procedure implicano tecniche standard Schlenk 39.

1. Preparazione del precursore molecolare 29,31

  1. Sintesi di 4-tritylphenyl 10 (trimetilsilil) deca-5,7,9-triynoate (1)
    Nota: I composti necessari per la successiva descritto passaggi sintetici possono essere semplicemente preparate seguendo le procedure di letteratura pubblicata 29,31. chromatograp strato sottilehy (TLC) e cromatografia su colonna sono effettuate secondo le procedure standard di laboratorio 39,40.
    1. Sciogliere 1,4-bistrimethylsilylbutadiene (7.82 g, 40.3 mmoli) in tetraidrofurano anidro (THF, 50 ml) in atmosfera inerte in un tubo Schlenk dotato di un setto. Mescolare il composto e raffreddare ad una temperatura di 0 ° C per immersione del pallone in un bagno di ghiaccio.
    2. Aggiungere lentamente litio metile complesso di bromuro di litio (17.9 ml, 2,2 M in Et 2 O, 39,3 mmol) di questa soluzione con una siringa. Rimuovere il bagno di raffreddamento e lasciare che la miscela si riscaldi a temperatura ambiente e lasciato sotto agitazione per 30 min.
    3. Immergere il tubo Schlenk in un bagno di ghiaccio e raffreddare la soluzione a una temperatura di 0 ° C. Aggiungere lentamente una soluzione di zinco cloruro (57,5 ml, 0,7 M in THF, 40.24 mmoli) alla soluzione agitata. Rimuovere il bagno di raffreddamento, lasciare che la soluzione si riscaldi a temperatura ambiente, e mescolare l'impasto per altri 30 min.
    4. In un pallone Schlenk, Disperse il catalizzatore di palladio PdCl 2 (dppf) DCM (1,60 g, 1,96 mmoli) in toluene anidro (300 ml) in atmosfera inerte, e aggiungere 4 tritylphenyl 6-bromohex-5-ynoate (10,0 g, 19,63 mmoli). Raffreddare la miscela ad una temperatura di 0 ° C per immersione del pallone Schlenk in un bagno di ghiaccio.
    5. Trasferire la soluzione nel tubo Schlenk contenente la acetylide zinco al pallone Schlenk contenente il derivato bromoacetylene e il catalizzatore di palladio impiegando una cannula di trasferimento. Lasciare l'agitazione della miscela e monitorare la reazione per TLC 39. Si consideri la reazione completa dopo TLC (DCM / n -heptane 2: 1; colorazione con soluzione p -anisaldehyde 39) indica che la derivata bromoacetylene (R f: 0,64) è consumato (dopo circa 16 ore).
    6. Diluire la miscela di reazione con etere etilico (Et 2 O) (300 ml) e trasferirlo in un imbuto separatore. Si lava la fase organica tre volte con saturasoluzione ted cloruro di ammonio (300 ml) e una volta con soluzione di cloruro di sodio satura (300 ml).
    7. Trasferire la fase organica dalla imbuto separatore per una beuta e asciugare la fase organica su solfato di sodio (100 g). Rimuovere il solfato di sodio per filtrazione e concentrare la fase organica sotto vuoto.
    8. Purificare il prodotto grezzo mediante cromatografia in colonna 40 (gel di silice; diclorometano / n -heptane 1: 1) per ottenere il prodotto desiderato 1 (R f: 0,33; 7,7 g, 71%) come solido marrone chiaro. Controllare la purezza di (1) da 1 H e 13 C {1} H spettroscopia NMR 29.
  2. Sintesi di 4-tritylphenyl octacosa-5,7,9,11,13,15-hexaynoate (2)
    Nota: La sintesi di 4-tritylphenyl octacosa-5,7,9,11,13,15-hexaynoate 2 viene effettuata in due fasi a partire dal 4 tritylphenyl 10 (trimetilsilil) deca-5,7,9-triynoate causa la scarsa stabilità osservata del triyne intermedio Bromide 41.
    1. Sciogliere 4-tritylphenyl 10- (trimetilsilil) deca-5,7,9-triynoate 1 (2.00 g, 3.63 mmol) in diclorometano secco (DCM, 15 ml) in atmosfera inerte in un pallone da 100 ml Schlenk munito di setto. Dopo la dissoluzione del composto, aggiungere acetonitrile secco (MeCN, 15 ml).
    2. Schermare il pallone Schlenk dalla luce con un foglio di alluminio e aggiungere N -bromosuccinimide (679 mg, 3,81 mmol) e argento fluoruro (484 mg, 3,81 mmol). Mescolare la miscela risultante per 8 ore a temperatura ambiente e monitorare l'andamento della reazione mediante TLC. Si consideri la reazione completa dopo TLC (DCM / n -heptane 1: 1; rilevamento con soluzione di p -anisaldehyde 39 come colorante) indica che il materiale di partenza (1) (R f: 0.33) è consumato (dopo circa 3 ore) .
    3. Diluire la miscela di reazione con DCM (30 ml) e le trasferisce in un imbuto separatore. Lavare l'organicoFase sei volte con una soluzione di cloruro di idrogeno acquoso 1 M (60 ml) e una volta con una soluzione di cloruro di sodio acquosa satura (60 ml).
    4. Trasferire la fase organica dalla imbuto separatore per una beuta e asciugare la fase organica su solfato di sodio (50 g). Filtrare la fase organica e concentrare il filtrato sotto vuoto a circa 10 ml, mentre accuratamente schermatura dalla luce.
    5. Aggiungere toluene anidro (20 ml) e concentrare la miscela nuovamente sotto vuoto ad un volume di circa 5 ml.
    6. Sciogliere 1-trimethylsilyloctadeca-1,3,5-triyne (2,28 g, 7,26 mmol) in THF secco (20 ml) in atmosfera inerte in un tubo 100 ml Schlenk dotato di un setto di gomma. Raffreddare la soluzione a una temperatura di 0 ° C per immersione del tubo Schlenk in un bagno di ghiaccio.
    7. Aggiungere lentamente litio metile complesso di bromuro di litio (3,22 ml, 2,2 M in Et 2 O, 7,08 mmol) e mantenere la temperatura della miscela a0 ° C per 45 min.
    8. A questa miscela, aggiungere lentamente una soluzione di cloruro di zinco (10,37 ml, 0,7 M in THF, 7,26 mmol). Dopo che l'aggiunta è completata, agitare la miscela risultante per ulteriori 45 min.
    9. In parallelo, disperdere il catalizzatore di palladio PdCl 2 (dppf) DCM (296 mg, 0,36 mmoli) in toluene anidro (100 ml) in atmosfera inerte in un pallone da 500 ml munito di Schlenk setto di gomma. Raffreddare la miscela ad una temperatura di 0 ° C per immersione del pallone in un bagno di ghiaccio.
    10. Aggiungere lentamente litio n-butil (0,29 ml, 2,5 M in esano n, 0,73 mmol) per la dispersione del catalizzatore di palladio in toluene secco. Rimuovere il bagno di ghiaccio dopo la completa aggiunta, agitare la miscela per 10 minuti a temperatura ambiente, e successivamente raffreddare ad una temperatura di 0 ° C.
    11. Aggiungere la soluzione toluenica concentrato contenente il 4-tritylphenyl 10-bromodeca-5,7,9-triynoate (10 ml, 3,63 mmoli) attraverso una siringa contemporaneamente alla acetiluro zinco cosìluzione (vedi sopra), che viene aggiunto attraverso una cannula di trasferimento dal tubo Schlenk. Schermare il pallone con la miscela di reazione dalla luce con un foglio di alluminio.
    12. Monitorare l'avanzamento della reazione mediante TLC (DCM / n -heptane 1: 1; rilevamento con soluzione di p -anisaldehyde 39 come colorante). Dopo il consumo totale di 4-tritylphenyl 10-bromodeca-5,7,9 triynoate (R f: 0,34; dopo circa 48 ore), diluire la miscela con Et 2 O (100 ml) e le trasferisce in un imbuto separatore. Si lava la fase organica tre volte con una soluzione acquosa satura di cloruro di ammonio (200 ml) e una volta con una soluzione di cloruro di sodio acquosa satura (200 ml).
    13. Trasferire la fase organica a una beuta e asciugare su solfato di sodio (80 g). Filtrare la fase organica e concentrare il filtrato sotto vuoto.
    14. Purificare il prodotto grezzo mediante cromatografia in colonna 40 (silica gel; DCM / n -heptane 1: 1) per isolare 4 tritylphenyl octacosa-5,7,9,11,13,15-hexaynoate (2) (R f: 0,43; 0,60 g, 23%) come solido marrone. Controllare la purezza di (2) 1 H e 13 C {1} H spettroscopia NMR 29.
  3. Sintesi di metile octacosa-5,7,9,11,13,15-hexaynoate (3)
    1. Sciogliere 4 tritylphenyl octacosa-5,7,9,11,13,15-hexaynoate (2) (208 mg, 0,289 mmoli) in DCM (15 ml) in atmosfera inerte in un pallone da 100 ml Schlenk, e aggiungere metanolo ( 10 ml).
    2. Schermare la boccetta dalla luce con un foglio di alluminio, e aggiungere metanolato di sodio (31 mg, 0,578 mmol).
    3. Mescolare la miscela risultante per 30 min a temperatura ambiente. Successivamente, diluire con DCM (15 ml), trasferire in imbuto separatore, lavata una volta con una soluzione di cloruro di idrogeno acquoso 1 M (30 ml), e una volta con soluzione di cloruro di sodio acquosa satura (30 ml).
    4. Trasferire la fase organica in una beuta e asciugare su solfato di sodio (30 g). Filtrare la fase organica e concentrare il filtrato sotto vuoto.
    5. Purificare il prodotto grezzo mediante cromatografia su colonna 40 (gel di silice; DCM / n -pentane 1: 1) per isolare metil octacosa-5,7,9,11,13,15-hexaynoate (3) (R f: 0.62) come soluzione gialla. Conservare il prodotto di questa reazione come soluzione diluita DCM (10 ml) per minimizzare la decomposizione.
    6. Trasferire circa 3 ml di soluzione madre di un marrone-vetro rotondo pallone a fondo e aggiungere CDCl 3 (5 ml). Concentrare la soluzione a circa 1 ml sotto vuoto, aggiungere CDCl 3 (5 ml), e concentrare la soluzione a circa 1 ml sotto vuoto. Eseguire 1 H e 13 C {1} H spettroscopia NMR con questa soluzione per controllare la purezza del (3) 29.
  4. Liofilizzazione delEstere metilico e preparazione di una soluzione madre
    1. Preparare una soluzione madre di concentrazione definita (c = 1 mm) per esperimenti presso l'interfaccia aria-acqua. Trasferire una frazione della soluzione diluita di metil octacosa-5,7,9,11,13,15-hexaynoate in DCM ad una tarato da 50 ml di vetro scuro pallone a fondo tondo e concentrare la soluzione a circa 1 ml sotto vuoto.
    2. Collegare il pallone di una linea di vuoto e immergere il pallone in azoto liquido per congelare la soluzione concentrata. Dopo che la miscela è completamente solidificato, applicare il vuoto (circa 5 x 10 -3 mbar) al pallone e rimuovere la beuta dal azoto liquido.
    3. Dopo completa rimozione del solvente residuo, pesare il pallone mentre schermatura dalla luce. Preparare una soluzione madre di concentrazione definita c = 1 mM per aggiunta della quantità appropriata di cloroformio. Schermare la soluzione di riserva dalla luce e conservarlo a una temperatura di -15 ° C.

    2. Film Formazione della Hexayne amphiphile al aria-acqua interfaccia

    Nota: Tutti gli esperimenti all'interfaccia aria-acqua sono svolte con il computer-interfacciato politetrafluoroetilene Langmuir depressioni con uno (o due) barriere. Le depressioni sono dotati di una microbilancia pressione superficiale con carta da filtro piatto Wilhelmy. Un termostato esterno viene utilizzato per mantenere la temperatura della sottofase acqua ultrapura a 20 ° C. Le depressioni Langmuir sono collocati in una scatola sigillata per evitare la contaminazione dell'interfaccia. Prima misure sono effettuate, la purezza della superficie nuda è controllato dalla compressione. Tutte le configurazioni Langmuir sperimentali utilizzate sono calibrati prima dell'uso impiegando un metodo di calibrazione a due punti: la superficie dell'acqua indispensabile per 0 mN / m nonché la transizione del secondo ordine da una inclinata a uno stato non ruotato di acido stearico 42, che non è sensibile alle variazioni di temperatura nel temperat usatogamma ure. Questo assicura misurazioni affidabili e comparabili.

    1. Misurazione della superficie di pressione-zona isoterma e la determinazione del Modulo di compressibilità
      1. Utilizzare una siringa per allargare con cautela 100 ml di soluzione diluita di magazzino (3) in DCM / cloroformio (c = 1 mmol / L) sulla superficie dell'acqua ultrapura in un trogolo Langmuir.
      2. Lasciare il trogolo Langmuir equilibrare per 15 min permettendo il solvente evapori.
      3. Comprimere il livello con un tasso di compressione costante di 5 Å / (molecola x min) riducendo la superficie del canale Langmuir con le barriere. Contemporaneamente misurare la pressione superficiale con la microbilancia pressione superficiale dotato di un filtro di carta targa Wilhelmy. Continuare la compressione dello strato fino a quando una diminuzione della pressione superficiale indica il crollo del film.
      4. Ripetere le misurazioni isoterme superficie di pressione della zona, come descritto nella 2.1.1-2.1.3 due voltecon un trogolo Langmuir pulita per garantire la riproducibilità dei risultati.
      5. Determinare il modulo di compressibilità dalla isoterma dello strato secondo la seguente relazione 43
        C s -1 = - A (∂ Π / ∂ A) T
        dove A è l'area molecolare medio e Π la pressione superficiale.
    2. Indagine della stabilità del livello al di sotto e sopra l'altopiano nel isoterma
      1. Distribuire una aliquota di 100 microlitri della soluzione diluita magazzino di (3) su acqua ultrapura in un trogolo Langmuir.
      2. Lasciare il trogolo Langmuir equilibrare per 15 min permettendo il solvente evapori.
      3. Comprimere il livello ad una pressione di superficie di 8 mN / m con un tasso di compressione costante di 5 Å / (molecola x min) riducendo la superficie del canale Langmuir con le barriere. Continuare la compressione dello strato fino alla sur misuratapressione faccia raggiunge 8 mN / m e impostare le barriere in modo che questa pressione superficiale è mantenuta ad un valore costante.
      4. Monitorare lo sviluppo della superficie, come le barriere dei trogolo Langmuir regolare nel corso di 45 min per mantenere una pressione costante di superficie 8 mN / m.
      5. Comprimere il livello ad una pressione superficiale di 23 mN / m con un tasso di compressione costante di 5 Å / (molecola x min) riducendo ulteriormente la superficie del canale Langmuir con le barriere. Impostare le barriere in modo che la pressione superficiale viene mantenuta costante a 23 mN / m.
      6. Monitorare lo sviluppo della superficie, come le barriere dei trogolo Langmuir regolare nel corso di 45 min per mantenere una pressione superficiale costante di 23 mN / m.
    3. Caratterizzazione dello strato da Infrared Spectroscopy Reflection assorbimento
      Nota: Per registrare infrarossi spettri (IR), uno spettrometro FT-IR equipaggiato con un liquido raffreddato con azoto mercurio tellururo di cadmio (MCT) rilevatore viene impiegato e quest'ultimo è collegato ad un'unità di riflessione aria / acqua esterna. Il raggio IR viene guidato fuori dello spettrometro e focalizzata sulla superficie dell'acqua ultrapura della vasca Langmuir termostatato. Luce di p -polarization con un angolo di incidenza di sotto (40 °) l'angolo di Brewster è stato utilizzato per le misurazioni. Il trogolo Langmuir per misure IR consiste di due scomparti: in uno scomparto, il sistema monostrato campione è diffuso, mentre l'altro compartimento contiene l'acqua ultrapura sottofase come riferimento. Un sistema di navetta controllato da computer viene usato per spostare la depressione, in modo che sia il campione o il vano di riferimento è illuminato. Per eliminare il segnale vapore acqueo dagli spettri, calcolare il secondo spettro riflessione assorbimento log (R / R 0), con lo spettro di riflettanza singolo raggio dal vano di riferimento (R 0) come sfondo per la riflettanza monotrave spettrodel monostrato (R) dal compartimento campione. Mantenere la pressione del vapore acqueo costante collocando l'intero apparato sperimentale in una confezione sigillata ermeticamente. In tutti gli esperimenti, utilizzare una velocità di risoluzione e scanner di 8 cm -1 e 20 kHz, rispettivamente. Utilizzare un polarizzatore griglia metallica a polarizzare il fascio incidente IR. Co-aggiungere gli spettri con p luce -polarized oltre 400 scansioni. Eseguire una baseline correzione per consentire un confronto degli spettri.
      1. Stendere una aliquota di 100 ml di soluzione diluita di magazzino (3) su acqua ultrapura in una vasca Langmuir che comprende una configurazione spettroscopia infrarossa di riflessione-assorbimento (IRRA).
      2. Lasciare il trogolo Langmuir equilibrare per 15 min permettendo il solvente evapori.
      3. Comprimere il livello ad una pressione superficiale di 1 mN / m con un tasso di compressione costante di 5 Å / (molecola x min) riducendo la superficie del canale Langmuir con le barriere. Monitorare il pre superficiessure mediante microbilancia pressione superficiale con carta da filtro piatto Wilhelmy e impostare le barriere del trogolo Langmuir in modo che sia mantenuta una pressione superficiale di 1 mN / m.
      4. Registrare uno spettro IR con p luce -polarized con un angolo di incidenza di 40 ° 44,45.
      5. Comprimere lo strato ad un tasso di compressione costante di 5 Å / (molecola x min) riducendo ulteriormente la superficie del canale Langmuir con le barriere in modo che la pressione di superficie di 3, poi 5, ed infine 8 mN / m si ottengono come indicato dalla microbilancia pressione superficiale. Record spettri con p luce -polarized con un angolo di incidenza di 40 ° per ciascuna di queste pressioni superficiali mantenendo costante quest'ultimo 44,45.

    3. carbonizzazione di un Hexayne amphiphile monostrato a temperatura ambiente

    Nota: Tutti gli esperimenti all'interfaccia aria-acqua sono eseguite come descritto sopra. irradi UVzione viene effettuata utilizzando un 250 W ioduri metallici gallio drogato lampada UV (UV-Light Technology, Birmingham, United Kingdom). Per carbonizations di film all'interfaccia aria-acqua, la scatola che racchiude il trogolo Langmuir viene accuratamente rimosso o aperto sul lato, e la lampada è posto a 50 cm di distanza dalla superficie dell'acqua assicurando che l'interfaccia aria-acqua è coperto in cono di luce UV. Durante illuminazione, la temperatura della sottofase viene mantenuta a 20 ° C utilizzando il termostato della vasca Langmuir. Tutti gli esperimenti carbonizzazione vengono eseguite ad una pressione di superficie di 8 mN / m. A questa pressione un imballaggio stretto delle amphiphiles è assicurata mentre, allo stesso tempo, il monostrato presenta un'elevata stabilità.

    1. Indagine di carbonizzazione da IRRA Spettroscopia e della misurazione Isoterma
      Nota: IRRA spettri sono registrati come descritto sopra 44,45.
      1. Stendere una aliquota di 100 ml di soluzione diluita di magazzino (3) su acqua ultrapura introgolo Langmuir che comprende una configurazione spettroscopia di riflessione-assorbimento infrarosso (IRRA).
      2. Lasciare il trogolo Langmuir equilibrare per 15 min permettendo il solvente evapori.
      3. Comprimere lo strato ad un tasso di compressione costante di 5 Å / (molecola x min) riducendo la superficie del canale Langmuir con le barriere in modo da ottenere una pressione di superficie di 8 mN / m misurata dalla microbilancia pressione superficiale dotato una carta da filtro piatto Wilhelmy. Impostare le barriere del trogolo Langmuir in modo che sia mantenuta una pressione di superficie di 8 mN / m.
      4. Registrare uno spettro IR con p luce -polarized con un angolo di incidenza di 40 ° 44,45.
      5. Rimuovere con cautela la scatola che contiene il trogolo Langmuir. Montare la lampada UV ad un basamento di supporto e posizionarlo circa 50 cm dalla superficie dell'acqua assicurando che l'interfaccia è coperto nel cono di luce UV.
      6. Dopo aver verificato che il monostrato è ancoracompressa ad una pressione di superficie di 8 mN / m misurata dalla microbilancia pressione superficiale, impostare le barriere del trogolo Langmuir modo che essi sono fissati nella posizione corrente.
      7. Esporre l'interfaccia aria-acqua ai raggi UV. Arrestare l'irradiazione ruotando la lampada se un totale di 40 min di irradiazione. Monitorare e registrare la variazione della pressione superficiale della microbilancia pressione superficiale dotato di un filtro di carta piastra di Wilhelmy tutto il corso della irradiazione.
      8. Racchiudere il trogolo Langmuir nella scatola sigillata per evitare una contaminazione dell'interfaccia. Lasciare la messa a punto di equilibrare per 30 min. Impostare le barriere del trogolo Langmuir per mantenere la pressione superficiale osservato dalla microbilancia pressione superficiale dopo l'irradiazione.
      9. Registrare uno spettro IR con p luce -polarized con un angolo di incidenza di 40 ° 44,45.
    2. Indagine della carbonizzato Film di Brewster Angle Microscopioy
      Nota: Brewster angolo di microscopia (BAM) esperimenti vengono eseguiti in un computer interfacciato Langmuir depressione misura accoppiato con un angolo di microscopio Brewster come descritto altrove 46,47. Le isoterme pressione di superficie sono misurati in continuo nel corso di esperimenti di microscopia. La risoluzione laterale è di circa 4 micron con il setup impiegato. software di elaborazione delle immagini semplice viene utilizzato per migliorare il contrasto delle micrografie.
      1. Distribuire una aliquota di 100 microlitri della soluzione diluita magazzino di (3) su acqua ultrapura nel trogolo Langmuir allineato con l'angolo del microscopio Brewster.
      2. Lasciare il trogolo Langmuir equilibrare per 15 minuti, consentendo il solvente evapori.
      3. Comprimere il livello ad una pressione di superficie di 8 mN / m con un tasso di compressione costante di 5 Å / (molecola x min) riducendo la superficie del canale Langmuir con le barriere. Monitorare la pressione superficiale mediante la pressione di superficieAssicurarsi microbilancia dotata di un filtro di carta piastra di Wilhelmy e impostare le barriere del trogolo Langmuir in modo che sia mantenuta una pressione di superficie di 8 mN / m.
      4. Registra micrografie BAM a questa pressione superficiale 46,47.
      5. Aprire con cautela la scatola che contiene il trogolo Langmuir. Montare la lampada UV ad un basamento di supporto e posizionarlo circa 50 cm dalla superficie dell'acqua assicurando che l'interfaccia è coperto nel cono di luce UV.
      6. Assicurarsi che il monostrato è ancora compressa ad una pressione di superficie di 8 mN / m e fissare la posizione delle barriere del trogolo Langmuir.
      7. Esporre l'interfaccia aria-acqua ai raggi UV. Arrestare l'irradiazione ruotando la lampada se un totale di 40 min. Monitorare e registrare la variazione della pressione superficiale in tutto il corso della irradiazione.
      8. Micrografie Record BAM dopo l'irradiazione 46,47.
      9. Utilizzare un ago di manipolare il nanosheet carbonio all'interfaccia aria-acqua,e utilizzare il BAM per monitorare il movimento del nanosheet carbonio. Applicando pressione al nanosheet carbonio porta ad una rottura del foglio.
      10. Registra BAM micrografie del foglio di rottura 46,47.
    3. Langmuir-Blodgett trasferimento di uno strato di uncarbonized e un carbonio Nanosheet dall'interfaccia aria-acqua ad un substrato solido
      Nota: Lo zaffiro (Al 2 O 3) substrati vengono pulite prima di trasferire da un trattamento base piranha e conservati in acqua ultrapura prima dell'uso 48. Un paio di pinzette attaccato ad un braccio meccanico viene posizionato verticalmente sopra una vaschetta Langmuir con una cavità opportunamente profondo per il trasferimento Langmuir-Blodgett (LB) di strati dall'interfaccia aria-acqua 49. Se il trasferimento di un non-carbonizzato nonché un campione carbonizzato destinato nello stesso esperimento, come descritto qui, due coppie di pinze devono essere attaccata al braccio meccanico ad altezze diverse in modo che un substrato cun essere rimosso mentre il secondo substrato rimane immerso nella sottofase. Il trasferimento Langmuir-Schäfer (LS) è stata effettuata manualmente con microscopia a trasmissione carbonio bucata elettroni (TEM) griglie come supporto 50.
      1. Installare due substrati di zaffiro con le due coppie di pinze, immergere i substrati nella sottofase, e pulire accuratamente l'interfaccia aria-acqua prima della diffusione.
      2. Aprire delicatamente una aliquota di 100 microlitri della soluzione diluita magazzino di (3) in DCM / cloroformio in acqua ultrapura nel trogolo Langmuir.
      3. Lasciare il trogolo Langmuir equilibrare per 15 min permettendo il solvente evapori.
      4. Comprimere il livello ad una pressione di superficie di 8 mN / m con un tasso di compressione costante di 5 Å / (molecola x min) riducendo la superficie del canale Langmuir con le barriere. Monitorare la pressione superficiale mediante microbilancia pressione superficiale dotato di un filtro di carta targa Wilhelmy e impostare le barrieretrogolo Langmuir in modo che sia mantenuta una pressione di superficie di 8 mN / m.
      5. Per trasferire il monostrato non carbonizzato ad un substrato di zaffiro, mantenere il monostrato ad una pressione di superficie di 8 mN / m come indicato dalla microbilancia pressione superficiale e tirare il braccio meccanico fino ad una velocità di 1,2 mm / min fino alla prima substrato viene completamente rimosso dalla sottofase. Il secondo substrato deve rimanere immerse nella sottofase.
      6. recuperare cautela il primo substrato che trasporta lo strato non carbonizzati dalla coppia di pinzette, conservarlo al riparo dalla luce ed impiegare per l'applicazione prevista quando necessario.
      7. Aprire con cautela la scatola che contiene il trogolo Langmuir. Montare la lampada UV ad un basamento di supporto e posizionarlo circa 50 cm dalla superficie dell'acqua, garantendo che l'interfaccia è coperto nel cono di luce UV.
      8. Assicurarsi che il monostrato è ancora compressa ad una pressione di superficie di 8 mn / m e fissare la position delle barriere.
      9. Esporre l'interfaccia aria-acqua ai raggi UV. Arrestare l'irradiazione ruotando la lampada se un totale di 40 min di irradiazione. Monitorare e registrare la variazione della pressione superficiale misurata dal microbilancia pressione superficiale in tutto il corso della irradiazione.
      10. Per trasferire il film carbonizzato ad un substrato di zaffiro, impostare le barriere del trogolo Langmuir modo che la pressione di superficie misurata dopo irradiazione viene mantenuta. Mantenendo costante dalle barriere del trogolo Langmuir la pressione superficiale, ritrarre il braccio meccanico che tiene il substrato dall'interfaccia ad una velocità di 1,2 mm / min fino a quando il substrato è completamente rimosso dalla sottofase.
      11. recuperare con cautela il substrato portando lo strato carbonizzato dal paio di pinzette.
      12. Mantenere una griglia TEM carbonio bucata con un paio di pinzette ed eseguire un trasferimento LS manuale dello strato carbonizzato dall'interfaccia aria-acqua 50. Let tegli campione lentamente secca in una leggera corrente di azoto ed eseguire microscopia elettronica a scansione (SEM) imaging.
      13. Record UV / Vis spettri di assorbimento dello strato non-carbonizzato e nanosheet carbonio su un UV spettrometro / Vis ad una velocità di scansione di 400 nm per minuto. Utilizzare un substrato di zaffiro vuoto come riferimento.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Il 13 C risonanza magnetica nucleare (NMR) spettro della molecola precursore preparato 3 visualizza i 12 atomi di carbonio sp -hybridized del segmento hexayne con i corrispondenti spostamenti chimici di δ = 82-60 ppm (Figura 1b). Inoltre, i segnali a δ = 173 ppm ea δ = 52 ppm sono assegnate al carbonile e metil carbonio dell'estere rispettivamente. I segnali tra δ = 33-14 ppm sono attribuiti ai carboni alifatici del residuo dodecil. Il corrispondente UV / Vis spettro di assorbimento del 3 mostra la struttura fine vibronico caratteristica di un hexayne (figura 1c).

Le proprietà filmogene del hexayne amphiphile (3) sono studiati misurando isoterma superficie di pressione-area e ricavando la moduli di compressibilità (Figura 2a-b). La compressione dello strato porta ad un aumento della pressione superficiale in una zona molecolare medio di 24 Å 2 e l'isoterma presenta una pendenza ripida. Inoltre, una regione altopiano fortemente inclinato si osserva tra le pressioni di superficie di 9 e 15 MN / m, corrispondenti a significare aree molecolari di 22 e 18 a 2, rispettivamente. Sopra il plateau, una seconda forte aumento della pendenza isoterma si osserva fino al crollo del film ad una pressione superficiale di 37 mN / m corrispondente ad un'area molecolare medio di 17 Å 2. Un grafico del modulo compressibilità contro la pressione superficiale mostra che il primo aumenta a valori di C s -1> 100 mN / m anche a pressioni superficiali a partire da 1-9 mN / m. Questo è seguito da una diminuzione del modulo nella zona piatta, ed un ulteriore aumento oltre i valori di C s -1> 300 mN / m finoal crollo del film. Controllo strato di (3) ad una pressione di superficie di 8 mN / m mostra alcuna variazione corrispondente superficie (figura 2c). Ad una pressione superficiale di 23 mN / m sopra il plateau isoterma, tuttavia, una significativa riduzione della superficie avviene nel corso di 45 min (figura 2d).

Il monostrato auto-assemblato a pressioni superficiali inferiori al plateau in isoterma è caratterizzata registrando infrarossi assorbimento riflessione (IRRA) spettri (Figura 3). Gli spettri IRRA a pressioni superficiali di 1-8 mN / m mostra bande larghe a 3.600 e 1.670 cm -1 che sorgono dal OH stretching e bending vibrazioni di acqua rispettivamente. Inoltre, una banda a 2.350 cm -1 è osservato che proviene da una compensazione insufficiente del segnale di anidride carbonica (Figura 3a). Next a questi segnali di fondo, le bande di visualizzazione spettri a 2.919 e 2.849 cm -1 corrispondente al asimmetrica e simmetrica CH 2 estende vibrazioni dei residui dodecil di amphiphile (3) (Figura 3b). Le posizioni di queste bande servono come indicatori qualitativi per l'ordine conformazionale dei residui alchilici in monostrati all'interfaccia aria-acqua 45,51. Inoltre, bande a 2.200 e 2.171 cm -1 si osservano che può essere assegnato alle C≡C di stretching vibrazioni del hexayne frazione (Figura 3c). Il IRRA spettri non cambiano sulla compressione dello strato di diverse pressioni superficie sottostante l'altopiano in isoterma.

Il processo di carbonizzazione è monitorato mediante spettroscopia IRRA e l'evoluzione della pressione superficiale viene seguita mediante microbilancia pressione superficiale (Figura 4). A Comparissulla della IRRA spettri prima e dopo irraggiamento UV mostra che la banda vibrazionale associato con le porzioni hexayne (C≡C)) a 2.200 e 2.172 cm -1 è completamente scomparso dopo 40 min di irradiazione (figura 4c). Allo stesso tempo, il metilene asimmetrico e stretching simmetrico vibrazioni 2,919 e 2,849 cm -1 diminuzione di intensità e passare a frequenze di 2,924 e 2,855 cm -1, rispettivamente (figura 4b). Inoltre, il gruppo OH della sottofase (OH)) a 3.600 cm -1 diminuisce significativamente in intensità nel corso di irradiazione (figura 4a). I dati della microbilancia mostrano pressione superficiale che, quando le barriere sono fissati dopo la compressione del monostrato a 8 mN / m e viene avviata l'irraggiamento UV, la pressione superficiale aumenta rapidamente oltre i valori di 27 mN / m nel corso del carbonization processo.

Films trasferite a substrati di zaffiro dopo carbonizzazione UV-indotta mostrano un ampio assorbimento featureless a lunghezze d'onda fino a 550 nm nel rispettivo UV / Vis spettro (figura 4e). Il picco di assorbimento principale delle nanosheets carbonio viene osservata a circa 260 nm, e il confronto con lo spettro del monostrato prima dell'irraggiamento conferma la completa conversione delle porzioni hexayne. Micrografie angolo di Brewster (Figura 5) e le immagini microscopia elettronica a scansione (SEM) servono come mezzi per visualizzare i nanosheets carbonio ottenuti (Figura 6). Mentre Brewster micrografie angolari di un monostrato di amphiphile (3) compressi a 8 mN / m mostra un film con imperfezioni o vuoti come indicato dalle regioni neri (Figura 5a), le immagini dello strato ottenuto dopo la carbonizzazione da irradiazione UV display un netto cambiamento nel tessuto del film (figura 5b, c). Dopo la rottura delle isole fogli rimangono galleggianti all'interfaccia aria-acqua (figura 5d). La microscopia elettronica mostra nanosheets dopo il trasferimento Langmuir-Schäfer per una griglia TEM carbonio bucata come supporto. I nanosheets sono meccanicamente sufficientemente stabili per attraversare i fori di dimensioni micrometriche in una griglia TEM (Figura 6a-d). Un lieve contrasto è osservata tra regioni coperte con il nanosheet carbonio e altri ad una tensione di accelerazione di 2,0 kV (Figura 6a; il punto nero visibile nell'immagine deriva dalla piccola distanza di lavoro porta ad un effetto shadowing a bassi ingrandimenti). Le immagini scattate nella stessa posizione evidenziare l'influenza della tensione di accelerazione, come nanosheet carbonio diventa opaca al fascio elettronico a circa 0,5 kV e il nanosheet carbonio mostra drappeggio e rughe al suo bordo (Figura 6b, c). Il film è altrimenti molto liscia e uniforme, in tutta la griglia di più lontano dalla zona di confine (Figura 6d, il difetto gli aiuti griglia di supporto nell'identificare il nanosheet carbonio).

Figura 1
Figura 1: (A) Sintesi del amphiphile hexayne (3) dalla bromurazione sequenziale 52,53 ed allungamento Pd-catalizzata 30,31 del segmento alkyne. Reagenti e condizioni: (i) 1,4-bis (trimetilsilil) buta-1,3-diyne, meli · bromuro di litio, ZnCl 2, PdCl 2 (dppf) · DCM, THF / toluene, 71%; ii) AgF, NBS, MeCN; quindi 1-trimethylsilyloctadeca-1,3,5-triyne 7, Meli · bromuro di litio, ZnCl 2, PdCl 2 (dppf) · DCM, THF / toluene, 23% in due fasi; (Iii) Naome, DCM, MeOH, quantitativa. (< strong> b) Il 13 C NMR del amphiphile hexayne (3) con dodici risonanze acetilene di carbonio (arancione) e (c) lo spettro corrispondente UV / Vis. Cliccate qui per vedere una versione più grande di questa figura.

figura 2
Figura 2: Studio del amphiphile hexayne (3) all'interfaccia aria-acqua (a) L'isoterma di pressione area superficiale e (b) la trama del modulo compressibilità del film indicano una transizione diretta da una fase gassosa-analogo a. una fase condensata. (C) uno strato è compresso a 8 mN / m e (d) 23 mN / m, e lo sviluppo della superficie è monitorato a pressione superficiale costante. om / files / ftp_upload / 53505 / 53505fig2large.jpg "target =" _ blank "> Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 3
Figura 3: infrarosso di riflessione di assorbimento (IRRA) spettri del film del hexayne amphiphile (3) (40 °, p luce -polarized) compressa alla superficie pressioni tra 1 mN / m (linea nera) e 8 mn / m (luce linea blu). (a) lo spettro completo con fasce prominenti 3.600 e 1.670 cm -1 dalla sottofase acqua così come il picco intorno 2,350 cm -1 dovuta alla compensazione anidride carbonica insufficiente. (B) La regione spettrale dei metilene allungamento vibrazioni e (c) le bande corrispondenti alla frazione hexayne. 05 / 53505fig3large.jpg "target =" _ blank "> Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 4
Figura 4: Ricerca di carbonizzazione di un film del reattivo, amphiphile ricche di carbonio 3. (A) spettri IRRA registrato prima (linea blu) e dopo 40 minuti (linea rossa) di irradiazione UV. (B) La regione spettrale dei metilene allungamento vibrazioni e (c) le bande corrispondenti alla frazione hexayne. (D) Con le barriere fissati ad una superficie costante, un aumento significativo della pressione superficiale si osserva durante la carbonizzazione. (E) UV / Vis spettri di film irradiati rispetto a un film non carbonizzati di (3) mostrano un assorbimento ampio e featureless a lunghezze d'onda fino a 600 nm.om / files / ftp_upload / 53505 / 53505fig4large.jpg "target =" _ blank "> Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Figura 5
Figura 5: Brewster angolo di microscopia (BAM) esperimenti con una pellicola di amphiphile 3 all'interfaccia aria-acqua prima e dopo la carbonizzazione tramite irradiazione UV (a) Micrografia di un monostrato di (3) compresso a 8 mN / m.. (B) Dopo l'irraggiamento UV, un netto cambiamento nella trama del film si osserva che (c) diventa più omogenea dopo aver lasciato il film di espandersi aprendo le barriere. (D) Rottura del foglio carbonizzato dalla manipolazione con un ago lascia isole galleggianti all'interfaccia aria-acqua. Clicca qui per visualizzare un grande version di questa figura.

Figura 6
Figura 6:. Microscopia elettronica a scansione (SEM) di una nanosheet carbonio dopo il trasferimento Langmuir-Schäfer ad una griglia TEM carbonio bucata come supporto (a) Una griglia parzialmente coperto ripreso in una tensione di accelerazione di 2,0 kV. (B - c) Il nanosheet carbonio diventa opaca al fascio elettronico a circa 0,5 kV. (D) dal bordo, un film liscio si diffonde uniformemente la griglia. Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

Il hexayne amphiphile desiderato (3) è semplicemente preparato mediante bromurazione sequenziale 52,53 e l'allungamento 30,31 del segmento alchino Pd-catalizzata, seguita da una reazione di deprotezione finale del tritylphenyl estere (2) (Figura 1a) 29. La sintesi successo è confermata dal 13 spettro C NMR (figura 1b) e UV-Vis spettro di assorbimento (figura 1c) 31,54. Questo dimostra la natura facile con cui omologhi oligoyne superiori possono essere preparate dal 30,31 metodologia sintetica sviluppata. Tuttavia, è importante mantenere la sensibilità dei derivati ​​oligoyne in mente, e la loro memorizzazione in soluzioni diluite è opportuno al fine di garantire l'integrità a lungo termine. Inoltre, i composti puliti devono essere trattati al buio a temperatura ambiente o inferiore per evitare la decomposizione prematura. Ciò è di importanza critica per ilbromotriyne intermedio che viene preparato in situ nella sintesi dell'estere hexayne (2), come questo composto dimerizza facilmente allo stato solido 41. Il amphiphile hexayne (3) forma reversibilmente film all'interfaccia aria-acqua (Figura 2a, b), subendo transizioni successive da una fase gassosa-analogo a due diverse fasi condensate separate da un plateau 55. Monitorare lo sviluppo della superficie nel tempo ad una pressione superficiale costante dimostrato che i film erano stabili a pressioni inferiori a plateau (figura 2c, d). La carbonizzazione del monostrato è stato quindi esaminato ad una pressione di superficie di 8 mN / m. Al fine di ottenere misurazioni riproducibili isoterma area di pressione superficiale, una configurazione pulita trogolo Langmuir è della massima importanza.

IRRA spettri bande di visualizzazione per le metilene stiramento vibrazioni simmetrici e asimmetrici a 2.919 e 2.849 cm -1 all-trans stato (Figura 3a, b) 45,51. Le bande a 2.200 e 2.171 cm -1 possono essere assegnati ai C≡C di stretching vibrazioni della frazione hexayne (Figura 3c). Dopo irradiazione UV del monostrato auto-assemblato, queste bande scompaiono completamente, indicando una conversione pressoché completa (figura 4a-c). Il metilene estende vibrazioni spostarsi verso frequenze di 2,924 e 2,855 cm -1 (figura 4b), indicando che le catene dodecil subiscono un cambiamento conformazionale a una non ordinata stato liquido-espanso, (gauche) 45,51. Un significativo aumento della pressione superficiale si verifica durante carbonizzazione ad una superficie costante, suggerendo una espansione laterale dello strato su di carbonizzazione (figura 4d). Monostrati prima e dopo la carbonizzazione sono poi transferred a substrati di zaffiro. Diverso dal hexayne (3) in soluzione e il monostrato non irradiati, UV / Vis spettro del film carbonizzato mostrato un ampio assorbimento featureless a lunghezze d'onda fino a 550 nm, fornendo prova conclusiva della vasta di carbonizzazione (Figura 4e) . Il divario banda ottica di circa 2,2 eV suggerisce quindi la presenza di domini almeno di dimensioni nanometriche di carbonio grafitico, secondo gli studi di ridotta grafene materiali di ossido 56,57.

Brewster micrografie angolo di un monostrato di amphiphile (3) prima di carbonizzazione mostrano un film con imperfezioni o vuoti come indicato dalle regioni neri (figura 5a). Per contro, le immagini del monostrato dopo carbonizzazione mostrano un film più omogenea con una struttura ondulata (figura 5b), anche dopo l'espansione delle barriere del trogolo Langmuir (figura 5c).I film carbonizzati possono essere rotti con la manipolazione con un ago, e le isole rotti rimangono galleggianti all'interfaccia aria-acqua (figura 5d). Questo corrobora il drasticamente aumentata stabilità meccanica dei film dopo carbonizzazione. Inoltre, micrografie SEM confermano la formazione di un sottile nanosheet carbonio con dimensioni laterali estesi (Figura 6a-d).

In conclusione, abbiamo qui presentato un nuovo metodo per preparare nanosheets di carbonio in base alla auto-assemblaggio e la successiva carbonizzazione del hexaynes anfifilici all'interfaccia aria-acqua. Questo processo produce film di carbonio funzionalizzati meccanicamente stabile che recano somiglianze con ossido di grafene ridotto nella loro struttura in carbonio. Le dimensioni laterali delle nanosheets carbonio sono limitate solo dalla zona della vasca Langmuir e campioni nanosheet dimensioni centimetro quadrato sono semplicemente preparati. In particolare, l'approccio presentato raggiunge accarbonizzazione omplete a temperatura ambiente, che la distingue significativamente da altri approcci verso nanomateriali di carbonio che in genere si basano su temperature di processo superiori a 800 ° C 18,58,59. Pertanto, gruppi funzionali chimici vengono conservati e un controllo della chimica di superficie delle nanosheets carbonio possono essere raggiunti attraverso una attenta scelta delle molecole precursori anfifiliche. Si prevede una pletora di potenziali applicazioni dalla preparazione dei supporti chemoselective per microscopia elettronica per rivestimenti protettivi, materiali per elettrodi nuovi, e membrane.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
Methyllithium lithium bromide complex (2.2 M solution in diethylether) Acros 18129-1000 air-sensitive, flammable
Zinc chloride (0.7 M solution in THF) Acros 38945-1000 air-sensitive, flammable
1,1'-Bis(diphenylphosphino)ferrocene]
dichloropalladium(II), DCM adduct 
Boron Molecular BM187
N-Bromosuccinimide Acros 10745 light-sensitive
Silver fluoride Fluorochem 002862-10g light-sensitive
n-Butyllithium (2.5 M solution in hexanes) Acros 21335-1000 air-sensitive, flammable
Sodium methanolate Acros 17312-0050
Tetrahydrofuran (unstabilized, for HPLC) Fisher Chemicals T/0706/PB17 This solvent was dried as well as degassed using a solvent purification system (Innovative Technology, Inc, Amesbury, MA, USA)
Toluene (for HPLC) Fisher Chemicals T/2306/17 This solvent was dried as well as degassed using a solvent purification system (Innovative Technology, Inc, Amesbury, MA, USA)
Acetonitrile (for HPLC) Fisher Chemicals A/0627/17 This solvent was dried as well as degassed using a solvent purification system (Innovative Technology, Inc, Amesbury, MA, USA)
Dichloromethane (Extra Dry over Molecular Sieve) Acros 34846-0010
Chloroforme (p.a.) VWR International 1.02445.1000
Pentane Reactolab 99050 Purchased as reagent grade and distilled once prior to use
Heptane Reactolab 99733 Purchased as reagent grade and distilled once prior to use
Dichloromethane Reactolab 99375 Purchased as reagent grade and distilled once prior to use
Diethylether Reactolab 99362 Purchased as reagent grade and distilled once prior to use
Geduran silica gel (Si 60, 40-60 µm) Merck 1115671000
Langmuir trough R&K, Potsdam
Thermostat  E1 Medingen
Hamilton syringe  Model 1810 RN SYR
Vertex 70 FT-IR spectrometer  Bruker
External air/water reflection unit (XA-511)  Bruker
UV lamp (250 W, Ga-doped metal halide bulb) UV-Light Technology
Brewster angle microscope (BAM1+)  NFT Göttingen
Sapphire substrates Stecher Ceramics
Quantifoil holey carbon TEM grids Electron Microscopy Sciences
Nuclear magnetic resonance spectrometer (Bruker Avance III 400) Bruker
JASCO V-670 UV/Vis spectrometer JASCO
Scanning Electron Microscope (Zeiss Merlin FE-SEM) Zeiss

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Geim, A. K., Novoselov, K. S. The rise of graphene. Nature Mater. 6, (3), 183-191 (2007).
  2. Lee, C., Wei, X., Kysar, J. W., Hone, J. Measurement of the Elastic Properties and Intrinsic Strength of Monolayer Graphene. Science. 321, (5887), 385-388 (2008).
  3. Lee, J. H., Loya, P. E., Lou, J., Thomas, E. L. Dynamic mechanical behavior of multilayer graphene via supersonic projectile penetration. Science. 346, (6213), 1092-1096 (2014).
  4. Castro Neto, A. H., Guinea, F., Peres, N. M. R., Novoselov, K. S., Geim, A. K. The electronic properties of graphene. Rev. Mod. Phys. 81, (1), 109-162 (2009).
  5. Lau, C. N., Bao, W., Velasco, J. Jr Properties of suspended graphene membranes. Mater. Today. 15, (6), 238-245 (2012).
  6. Ramanathan, T., et al. Functionalized graphene sheets for polymer nanocomposites. Nature Nanotechnol. 3, (6), 327-331 (2008).
  7. Fan, Z., Yan, J., Ning, G., Wei, T., Zhi, L., Wei, F. Porous graphene networks as high performance anode materials for lithium ion batteries. Carbon. 60, 558-561 (2013).
  8. Fiori, G., et al. Electronics based on two-dimensional materials. Nature Nanotechnol. 9, (10), 768-779 (2014).
  9. Burghard, M., Klauk, H., Kern, K. Carbon-Based Field-Effect Transistors for Nanoelectronics. Adv. Mater. 21, (25-26), 2586-2600 (2009).
  10. Avouris, P., Chen, Z., Perebeinos, V. Carbon-based electronics. Nature Nanotechnol. 2, (10), 605-615 (2007).
  11. Zurutuza, A., Marinelli, C. Challenges and opportunities in graphene commercialization. Nature Nanotechnol. 9, (10), 730-734 (2014).
  12. Novoselov, K. S., Fal'ko, V. I., Colombo, L., Gellert, P. R., Schwab, M. G., Kim, K. A roadmap for graphene. Nature. 490, (7419), 192-200 (2013).
  13. Novoselov, K. S., et al. Electric field effect in atomically thin carbon films. Science. 306, (5696), 666-669 (2004).
  14. Li, X., et al. Large-Area Synthesis of High-Quality and Uniform Graphene Films on Copper Foils. Science. 324, (5932), 1312-1314 (2009).
  15. Sun, Z., Yan, Z., Yao, J., Beitler, E., Zhu, Y., Tour, J. M. Growth of graphene from solid carbon sources. Nature. 468, (7323), 549-552 (2010).
  16. Lee, J. H., et al. Wafer-scale growth of single-crystal monolayer graphene on reusable hydrogen-terminated germanium. Science. 344, (6181), 286-289 (2014).
  17. Scott, L. T., et al. A rational chemical synthesis of C60. Science. 295, (5559), 1500-1503 (2002).
  18. Hoheisel, T. N., Schrettl, S., Szilluweit, R., Frauenrath, H. Nanostructured Carbonaceous Materials from Molecular Precursors. Angew. Chem. Int. Ed. 49, (37), 6496-6515 (2010).
  19. Schrettl, S., Frauenrath, H. Elements for a Rational Polymer Approach towards Carbon Nanostructures. Angew. Chem. Int. Ed. 51, (27), 6569-6571 (2012).
  20. Müllen, K. Evolution of Graphene Molecules: Structural and Functional Complexity as Driving Forces behind Nanoscience. ACS Nano. 8, (7), 6531-6541 (2014).
  21. Chen, L., Hernandez, Y., Feng, X., Müllen, K. From Nanographene and Graphene Nanoribbons to Graphene Sheets: Chemical Synthesis. Angew. Chem. Int. Ed. 51, (31), 7640-7654 (2012).
  22. Paraknowitsch, J. P., Thomas, A. Functional Carbon Materials From Ionic Liquid Precursors. Macromol. Chem. Phys. 213, (10-11), 1132-1145 (2012).
  23. Titirici, M. M., et al. Sustainable carbon materials. Chem. Soc. Rev. 44, (1), 250-290 (2015).
  24. Angelova, P., et al. A universal scheme to convert aromatic molecular monolayers into functional carbon nanomembranes. ACS Nano. 7, (8), 6489-6497 (2013).
  25. Zhi, L., Wu, J., Li, J., Kolb, U., Müllen, K. Carbonization of Disclike Molecules in Porous Alumina Membranes : Toward Carbon Nanotubes with Controlled Graphene-Layer Orientation. Angew. Chem. Int. Ed. 44, (14), 2120-2123 (2005).
  26. Zhi, L., et al. From Well-Defined Carbon-Rich Precursors to Monodisperse Carbon Particles with Hierarchic Structures. Adv. Mater. 19, (14), 1849-1853 (2007).
  27. Matei, D. G., et al. Functional single-layer graphene sheets from aromatic monolayers. Adv. Mater. 25, (30), 4146-4151 (2013).
  28. Szilluweit, R., et al. Low-temperature preparation of tailored carbon nanostructures in water. Nano Lett. 12, (5), 2573-2578 (2012).
  29. Schrettl, S., et al. Functional carbon nanosheets prepared from hexayne amphiphile monolayers at room temperature. Nature Chem. 6, (6), 468-476 (2014).
  30. Hoheisel, T. N., Frauenrath, H. A Convenient Negishi Protocol for the Synthesis of Glycosylated Oligo(ethynylene)s. Org. Lett. 10, (20), 4525-4528 (2008).
  31. Schrettl, S., et al. Facile synthesis of oligoyne amphiphiles and their rotaxanes. Chem. Sci. 6, (1), 564-574 (2015).
  32. Sakamoto, J., van Heijst, J., Lukin, O., Schlüter, A. D. Two-Dimensional Polymers: Just a Dream of Synthetic Chemists? Angew. Chem. Int. Ed. 48, (6), 1030-1069 (2009).
  33. Bauer, T., et al. Synthesis of Free-Standing, Monolayered Organometallic Sheets at the Air/Water Interface. Angew. Chem. Int. Ed. 50, (34), 7879-7884 (2011).
  34. Payamyar, P., et al. Synthesis of a Covalent Monolayer Sheet by Photochemical Anthracene Dimerization at the Air/Water Interface and its Mechanical Characterization by AFM Indentation. Adv. Mater. 26, (13), 2052-2058 (2014).
  35. Zheng, Z., et al. Synthesis of Two-Dimensional Analogues of Copolymers by Site-to-Site Transmetalation of Organometallic Monolayer Sheets. J. Am. Chem. Soc. 136, (16), 6103-6110 (2014).
  36. Sakamoto, R., et al. A photofunctional bottom-up bis(dipyrrinato)zinc(II) complex nanosheet. Nature Commun. 6, 6713 (2015).
  37. van Heijst, J., Corda, M., Lukin, O. Compounds bearing multiple photoreactive chalcone units: Synthesis and study towards 2D polymerization in Langmuir monolayers. Polymer. 70, 1-7 (2015).
  38. Murray, D. J., et al. Large area synthesis of a nanoporous two-dimensional polymer at the air/water interface. J. Am. Chem. Soc. 137, (10), 3450-3453 (2015).
  39. Li, J. J., Limberakis, C., Pflum, D. A. Modern Organic Synthesis in the Laboratory. Oxford University Press. New York, NY, USA. (2007).
  40. Chai, C., Armarego, W. L. F. Purification of Laboratory Chemicals. Elsevier Butterworth-Heinemann. Burlington, MA, USA. (2003).
  41. Hoheisel, T. N., et al. A multistep single-crystal-to-single-crystal bromodiacetylene dimerization. Nature Chem. 5, (4), 327-334 (2013).
  42. Brzozowska, A. M., Duits, M. H. G., Mugele, F. Stability of stearic acid monolayers on Artificial Sea Water. Colloids Surf., A. 407, 38-48 (2012).
  43. Davies, J. T., Rideal, E. K. Interfacial Phenomena. Academic Press. New York, NY, USA. (1963).
  44. Mendelsohn, R., Flach, C. R. Infrared Reflection-Absorption Spectrometry of Monolayer Films at the Air-Water Interface. Handbook of Vibrational Spectroscopy. J. Wiley. Sons: Chichester, UK. 1028-1041 (2002).
  45. Mendelsohn, R., Mao, G., Flach, C. R. Infrared reflection-absorption spectroscopy: Principles and applications to lipid-protein interaction in Langmuir films. Biochim. Biophys. Acta Biomembr. 1798, (4), 788-800 (2010).
  46. Hoenig, D., Moebius, D. Direct visualization of monolayers at the air-water interface by Brewster angle microscopy. J. Phys. Chem. 95, (12), 4590-4592 (1991).
  47. Hénon, S., Meunier, J. Microscope at the Brewster angle: Direct observation of first-order phase transitions in monolayers. Rev. Sci. Instrum. 62, (4), 936-939 (1991).
  48. Kirby, K. W., Shanmugasundaram, K., Bojan, V., Ruzyllo, J. Interactions of Sapphire Surfaces with Standard Cleaning Solutions. ECS Trans. 11, (2), 343-349 (2007).
  49. Blodgett, K. B. Films Built by Depositing Successive Monomolecular Layers on a Solid Surface. J. Am. Chem. Soc. 57, (6), 1007-1022 (1935).
  50. Langmuir, I., Schaefer, V. J. Activities of Urease and Pepsin Monolayers. J. Am. Chem. Soc. 60, (6), 1351-1360 (1938).
  51. Mendelsohn, R., Brauner, J. W., Gericke, A. External infrared reflection absorption spectrometry of monolayer films at the air-water interface. Annu. Rev. Phys. Chem. 46, (1), 305-334 (1995).
  52. Hofmeister, H., Annen, K., Laurent, H., Wiechert, R. A Novel Entry to 17a-Bromo- and 17a-Iodoethynyl Steroids. Angew. Chem. Int. Ed. Engl. 23, (9), 727-729 (1984).
  53. Kim, S., Kim, S., Lee, T., Ko, H., Kim, D. A New, Iterative Strategy for the Synthesis of Unsymmetrical Polyynes: Application to the Total Synthesis of 15,16-Dihydrominquartynoic Acid. Org. Lett. 6, (20), 3601-3604 (2004).
  54. Chalifoux, W. A., Tykwinski, R. R. Synthesis of polyynes to model the sp-carbon allotrope carbyne. Nature Chem. 2, (11), 967-971 (2010).
  55. Kaganer, V. M., Möhwald, H., Dutta, P. Structure and phase transitions in Langmuir monolayers. Rev. Mod. Phys. 71, (3), 779-819 (1999).
  56. Eda, G., et al. Blue photoluminescence from chemically derived graphene oxide. Adv. Mater. 22, (4), 505-509 (2010).
  57. Kumar, P. V., Bardhan, N. M., Tongay, S., Wu, J., Belcher, A. M., Grossman, J. C. Scalable enhancement of graphene oxide properties by thermally driven phase transformation. Nature Chem. 6, (2), 151-158 (2014).
  58. Chernick, E. T., Tykwinski, R. R. Carbon-rich nanostructures: the conversion of acetylenes into materials. J. Phys. Org. Chem. 26, (9), 742-749 (2013).
  59. Rondeau-Gagné, S., Morin, J. F. Preparation of carbon nanomaterials from molecular precursors. Chem. Soc. Rev. 43, (1), 85-98 (2014).
Preparazione di carbonio nanosheets a temperatura ambiente
Play Video
PDF DOI DOWNLOAD MATERIALS LIST

Cite this Article

Schrettl, S., Schulte, B., Stefaniu, C., Oliveira, J., Brezesinski, G., Frauenrath, H. Preparation of Carbon Nanosheets at Room Temperature. J. Vis. Exp. (109), e53505, doi:10.3791/53505 (2016).More

Schrettl, S., Schulte, B., Stefaniu, C., Oliveira, J., Brezesinski, G., Frauenrath, H. Preparation of Carbon Nanosheets at Room Temperature. J. Vis. Exp. (109), e53505, doi:10.3791/53505 (2016).

Less
Copy Citation Download Citation Reprints and Permissions
View Video

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
simple hit counter