Waiting
Login processing...

Trial ends in Request Full Access Tell Your Colleague About Jove

A subscription to JoVE is required to view this content.
You will only be able to see the first 20 seconds.

Analisi di metilazione del DNA
 
Click here for the English version

Analisi di metilazione del DNA

Overview

La metilazione a dinucleotidi CpG è una modificazione chimica del DNA ipotizzata per svolgere un ruolo importante nella regolazione dell'espressione genica. In particolare, la metilazione di cluster di siti di metilazione, chiamati "isole CpG", vicino a promotori e altri elementi regolatori genici può contribuire al silenziamento stabile dei geni, ad esempio durante processi epigenetici come l'imprinting genomico e l'inattivazione del cromosoma X. Allo stesso tempo, la metilazione aberrante di CpG ha dimostrato di essere associata al cancro.

In questo video verranno presentate le funzioni biologiche e i meccanismi della metilazione del DNA, insieme a varie tecniche utilizzate per identificare i siti di metilazione nel genoma. Esamineremo quindi le fasi dell'analisi del bisolfito, uno dei metodi più comunemente usati per rilevare la metilazione del DNA, nonché diverse applicazioni di questa tecnica.

Procedure

or Start trial to access full content. Learn more about your institution’s access to JoVE content here

La metilazione del DNA è una modificazione chimica del DNA che influenza l'espressione genica in diversi contesti cellulari. Molti ricercatori sono interessati al meccanismo e alle funzioni di questo processo, poiché l'aberrante metilazione del DNA è stata associata a malattie come il cancro.

In questo video, tratteremo i principi alla base della metilazione del DNA e i metodi per rilevarlo. Quindi, esploreremo un protocollo generale per uno di questi metodi, l'analisi del bisolfito e alcune applicazioni di questa tecnica.

Per prima cosa, diamo un'occhiata a cos'è la metilazione del DNA e come può essere rilevata.

Durante questo processo biochimico, una cellula aggiunge un tag chimico noto come gruppo metilico alle basi di citosina nel suo DNA. La maggior parte delle citosine metilacesi si trovano accanto alle basi guanine nello stesso filamento di DNA e questi nucleotidi adiacenti – e il legame fosfodiestere che li collega – sono indicati come "CpG". Sebbene la maggior parte dei CpG vertebrati siano metilati, quelli che non sono metilati tendono a verificarsi vicini nelle "isole" CpG vicino ai promotori di geni attivamente espressi e vari altri elementi di sequenza regolatoria.

Il modo in cui i cambiamenti nella metilazione del DNA contribuiscono alla regolazione genica è ancora oggetto di intense indagini. La metilazione delle isole CpG sembra essere importante per il silenziamento genico stabile e a lungo termine visto nei processi epigenetici come l'imprinting genomico, che è l'espressione specifica del genitore di origine di alcuni geni, così come l'inattivazione del cromosoma X, il silenziamento di uno dei due cromosomi X in ciascuna cellula di mammiferi femminili. La repressione dei geni critici a causa dell'aberrante metilazione delle isole CpG ha anche dimostrato di contribuire alla crescita incontrollata delle cellule, che può portare al cancro. Meccanicamente, la metilazione del DNA può contribuire al silenziamento genico impedendo ai fattori di trascrizione di associarsi ai promotori o reclutando proteine che modificano gli istoni e rimodellano la cromatina in uno stato trascrizionalmente non permissivo.

Esistono diversi metodi per rilevare lo stato di metilazione del DNA.

Una tecnica, il test HELP, coinvolge due endonucleasi di restrizione chiamate HpaII e MspI, che rispettivamente scindono solo sequenze CCGG non metilato, o sia metilato che non metilato. Confrontando i modelli di digestione prodotti da questi due enzimi, è possibile dedurre lo stato di metilazione del DNA.

Un altro metodo, chiamato immunoprecipitazione del DNA metilato o "MeDIP", utilizza anticorpi che si legano alle citosine metilatate per arricchire le sequenze di DNA metilato.

Infine, l'analisi del bisolfito viene utilizzata per distinguere la citosina metilata da quella non metilata nel DNA, effettuando una reazione chimica che converte la citosina non metilata in uracile. A seguito di questa conversione, il DNA trattato con bisolfito può essere sottoposto a PCR, sequenziato e confrontato con un genoma di riferimento. Le citosine non metilate sono quelle presenti nel riferimento, ma sostituite con timine a seguito di analisi bisolfita e PCR. Sottoponendo il DNA trattato con bisolfito alla spettrometria di massa, i ricercatori possono anche creare "epigrammi di metilazione", che rappresentano linearmente diversi CpG nel genoma e raffigurano il grado di metilazione in ciascuno di essi. Tali epigrammi sono particolarmente utili se i ricercatori desiderano confrontare i modelli di metilazione tra diversi tipi di cellule.

Diamo ora uno sguardo approfondito al protocollo per l'analisi del bisolfito.

Per iniziare, l'idrossido di sodio viene aggiunto ai preparati di DNA genomico, che vengono poi incubati a 95 ° C. Questo denatura il DNA e rende le sue basi accessibili alle successive reazioni chimiche. Il metabisolfito di sodio viene quindi introdotto nella miscela di DNA denaturato e si verificheranno due fasi di reazione chimica. Durante la prima fase, la solfonazione, un gruppo solfito viene aggiunto a una citosina non metilata per formare citosina solfonato. Quindi, durante la deaminazione idrolica, un gruppo amminico viene rimosso dalla citosina solfonato per generare uracile solfonato.

Per facilitare queste prime fasi della reazione chimica, la preparazione del DNA è ricoperta di olio minerale, che impedisce l'evaporazione e aiuta a mantenere la concentrazione di metabisolfito di sodio. La reazione viene quindi incubata a 55°C al buio. Durante questa fase, un agente per prevenire l'ossidazione, come il chinolo, viene aggiunto alla miscela.

Per raccogliere DNA modificato contenente uracile solfonato e nessun olio minerale, la miscela viene centrifugata e recuperato lo strato liquido più basso. Il DNA in questa soluzione viene quindi purificato.

Successivamente, l'idrossido di sodio viene aggiunto alla miscela di DNA, che viene quindi incubata a 37 ° C. Questo viene fatto per indurre la desolfonazione, che - come avrete intuito - rimuove il gruppo solfito dall'uracile solfonato, formando uracile e completando la reazione chimica.

Infine, la miscela viene neutralizzata con l'aggiunta di acetato di ammonio e il DNA viene raccolto mediante precipitazione di etanolo. Una volta che il DNA convertito dal bisolfito è stato purificato, viene sottoposto a PCR e sequenziamento.

Ora che abbiamo discusso la tecnica di base per l'analisi del bisolfito, diamo un'occhiata ad alcune applicazioni sperimentali.

Alcuni ricercatori utilizzano l'analisi del bisolfito per studiare l'imprinting genomico. Qui, i ricercatori hanno incrociato due ceppi di Arabidopsis con differenze genetiche, in modo da poter distinguere il DNA materno e paterno. Sono stati quindi confrontati i modelli di metilazione negli embrioni risultanti e nell'endosperma associato, o il tessuto che supporta l'embrione. Usando questo metodo, gli scienziati hanno scoperto che i CpG nell'allele materno di un gene che codifica per le proteine, MEA,tendevano ad essere metilati negli embrioni ma non metilati nell'endosperma, indicando l'imprinting tessuto-specifico.

Altri ricercatori stanno usando questa tecnica per capire come i fattori ambientali o sociali possono alterare i modelli di metilazione. Qui, i cuccioli di topo sono stati separati dalle loro madri per indurre stress e i loro tessuti cerebrali sono stati successivamente isolati. A seguito del sequenziamento del DNA trattato con bisolfito, gli scienziati hanno determinato che i modelli di metilazione in un gene che codifica per gli ormoni, AVP,sono cambiati in una specifica regione del cervello in cuccioli "separati", suggerendo un possibile meccanismo molecolare per gli effetti biologici a lungo termine della prima esperienza di vita.

Infine, molti ricercatori stanno cercando di ottimizzare l'analisi del bisolfito per facilitare il confronto dei modelli di metilazione tra singole cellule uniche. Qui, i ricercatori hanno modificato il metodo di analisi del bisolfito in modo che tutti i passaggi fossero eseguiti su singoli ovociti di topo incorporati nell'agarose, che aiutavano a proteggersi dalla perdita di DNA. Utilizzando questo metodo, i ricercatori sono stati in grado di identificare facilmente campioni di singoli ovociti che erano stati contaminati da altre cellule cercando quelli che davano più modelli di metilazione.

Hai appena visto il video di JoVE sulle analisi sensibili alla metilazione. Qui, abbiamo discusso il ruolo che la metilazione del DNA gioca nella regolazione genica, i metodi che i ricercatori usano per identificare le regioni metilate nel genoma, un protocollo generalizzato per l'analisi del bisolfito e, infine, alcune applicazioni di questa tecnica. Come sempre, grazie per aver guardato!

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Nessun conflitto di interessi dichiarato.

Get cutting-edge science videos from JoVE sent straight to your inbox every month.

Waiting X
Simple Hit Counter