Continua infusione endovenosa è la Strada del trattamento scelta per arginina-vasopressina bloccante dei recettori conivaptan nei topi per studiare Stroke-evocato Cervello Edema

Medicine

Your institution must subscribe to JoVE's Medicine section to access this content.

Fill out the form below to receive a free trial or learn more about access:

Welcome!

Enter your email below to get your free 10 minute trial to JoVE!





We use/store this info to ensure you have proper access and that your account is secure. We may use this info to send you notifications about your account, your institutional access, and/or other related products. To learn more about our GDPR policies click here.

If you want more info regarding data storage, please contact gdpr@jove.com.

 

Cite this Article

Copy Citation | Download Citations

Zeynalov, E., Jones, S. M., Elliott, J. P. Continuous IV Infusion is the Choice Treatment Route for Arginine-vasopressin Receptor Blocker Conivaptan in Mice to Study Stroke-evoked Brain Edema. J. Vis. Exp. (115), e54170, doi:10.3791/54170 (2016).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

L'ictus è una delle principali cause di morbilità e mortalità nel mondo. Ictus è complicata da edema cerebrale e altri eventi fisiopatologici. Tra i giocatori più importanti per lo sviluppo e l'evoluzione di edema cerebrale ictus-evocato è l'ormone arginina-vasopressina e dei suoi recettori, V1a e V2. Recentemente, il bloccante dei recettori conivaptan V1a e V2 ha continuato ad attrarre l'attenzione come un potenziale farmaco per ridurre l'edema cerebrale dopo ictus. Tuttavia, i modelli animali che coinvolgono applicazioni conivaptan nella ricerca corsa devono essere modificati sulla base di percorsi praticabili di somministrazione. Ecco i risultati di 48 ore endovenosa continua (IV) sono confrontati con i trattamenti intraperitoneale (IP) conivaptan dopo l'ictus sperimentale nei topi. Abbiamo sviluppato un protocollo in cui occlusione dell'arteria cerebrale media è stato combinato con l'installazione del catetere nella vena giugulare per il trattamento IV di conivaptan (0,2 mg) o veicolo. Diverse coorti di animali sono stati trattati con 0,2mg in bolo di conivaptan o di un veicolo IP quotidiana. Sperimentale ictus-evocato edema cerebrale è stata valutata in topi dopo IV continuo e trattamenti IP. Il confronto dei risultati è emerso che la somministrazione IV continua di conivaptan allevia post-ischemica edema cerebrale nei topi, a differenza della somministrazione IP di conivaptan. Concludiamo che il nostro modello può essere utilizzato per i futuri studi di applicazioni conivaptan nel contesto di ictus e di edema cerebrale.

Protocol

Gli esperimenti sono stati effettuati in conformità con le linee guida del National Institutes of Health per la cura e l'uso di animali nella ricerca e sono stati approvati dal Comitato di cura degli animali e Usa Swedish Medical Center. Tutte le procedure sono state eseguite con opportune tecniche asettiche. animali da laboratorio utilizzati per lo studio erano di sesso maschile, 3 mesi di età, wild type topi C57 con il peso corporeo dal 25 al 27 g.

1. In Vivo fase di aspirazione

  1. Pre-coat il filamento con resina dentale prima dell'intervento.
    1. Tagliare un pezzo lungo 12 millimetri di filamento da una sutura 7-0 in nylon. Mescolare 2 parti di resina con 1 parte di induritore, e poi immergere immediatamente la punta del filamento nella miscela per coprire circa 1/3 della sua lunghezza. Rimuovere rapidamente e verificare che sia coperto con un cappotto superficie liscia di resina dentale.
    2. Far asciugare il filamento per 2 ore prima dell'uso.
  2. Posizionare il mouse in unn camera di induzione dell'anestesia (2 volumi L), e impostare il flusso di 1,5% isoflurano nel 25% di aria arricchita di ossigeno camera a 2 L / min andare nella camera.
  3. Lasciare che il mouse per rimanere in camera di induzione fino a completo anestetizzato, 8 come determinato dalla mancanza di risposta alla coda pizzico.
  4. Posizionare il mouse sul tavolo operatorio con un tampone riscaldato, e impostare la concentrazione di isoflurano a 1% per il mantenimento dell'anestesia consegnato spontaneamente attraverso il cono di naso.
  5. Clip capelli sulla parte anteriore e la parte posteriore del collo, e spruzzare collo con alcool. Applicare veterinaria pomata oftalmica su entrambi gli occhi.
  6. Per monitorare costantemente la temperatura corporea, utilizzare una sonda temperatura rettale collegata al display digitale durante l'intervento chirurgico.
  7. Posizionare il mouse in posizione supina, applicare la soluzione macchia 10% iodopovidone per la disinfezione, coprire con un telino sterile, e poi fare una incisione mediana lungo il collo con una dimensione di 10 bisturi chirurgico.
  8. <li> temporaneamente legare l'arteria sinistra carotide comune (CCA) con sutura 6.0 seta.
  9. Posizionare un altro legame sulla carotide esterna sinistra (ECA).
  10. Inserire una clip microvascolare sulla carotide interna (ICA).
  11. Tagliare un piccolo foro sulla carotide esterna con le forbici microvascolari. Inserire un filamento fatta 7-0 sutura in nylon rivestito con resina dentale nell'apertura della Corte dei conti, e avanzare cefalicamente, durante la rimozione del clip, fino a quando si avverte resistenza (circa 5-7 mm dal punto di biforcazione della CCA).
  12. Inserire un legame temporanea sulla carotide interna per fissare il filamento in posizione. Fare riferimento al diagramma, figura 1A. Chiudere la pelle con suture di seta, e infiltrarsi la ferita sul fronte del collo con 0,2 ml di bupivacaina 0,5%, come nel passo 2.6.
  13. Lasciare che il mouse per risvegliare dall'anestesia e riguadagnare la coscienza in una camera di recupero per 60 min. Non lasciare l'animale incustodito fino a quando non ha riacquistatocoscienza sufficiente per mantenere prona sternale.
  14. Testare il mouse per il neurologica deficit di punteggio (NDS) come segue: 0 = normale funzione motoria, 1 = flessione del busto e della zampa anteriore controlaterale sulla sponda idraulica, 2 = girando verso il lato controlaterale, ma la postura normale a riposo, 3 = appoggiandosi al controlaterale lato a riposo, 4 = nessuna attività motoria spontanea. 4,9
    1. Per il test NDS, sollevare topo per la coda e posto su una superficie piana per l'osservazione (2-3 min). In alternativa, osservare topi in camera di recupero. Escludere i topi che presentano NDS inferiore al 2 dall'esperimento a causa di insufficiente occlusione della MCA.
      Nota: tecnica laser Doppler flussimetria può essere utilizzato per confermare MCA occlusione 9-11.
  15. Re-anestetizzare l'animale dopo 60 min di recupero nella camera di induzione come sopra descritto, ri-sterilizzare la precedente incisione cutanea con soluzione scrub povidone-iodio 10%, e riaprire la ferita chirurgica sulladavanti al collo tagliando e rimuovendo la sutura di seta.
  16. Per rimuovere il filamento dalla Corte dei conti effettuare le seguenti operazioni:
    1. Posizionare una clip microvascolare sul ICA. Sciogli la sutura sul ICA e tirare il filamento fuori mentre si tiene la clip aperta.
    2. Chiudere la clip e posizionare un pareggio sul ECA prossimale al taglio.
    3. Rimuovere il morsetto e rimuovere la legatura del CCA per ripristinare il flusso di sangue al cervello. Fare riferimento al diagramma, figura 1B.

2. Installazione di IV catetere nella vena giugulare per il trattamento continuo 48 ore

Nota: procedere all'installazione del catetere subito dopo la fase 1.16.3 senza risveglio del mouse.

  1. Utilizza due diverse dimensioni di tubi flessibili: inserire il tubo interno (0,94 mm di diametro esterno, per contenere il farmaco infuso) nel tubo esterno (3,18 mm di diametro esterno, per la protezione del tubo interno).
  2. Pallacciare il mouse nella posizione prona, applicare la soluzione scrub povidone-iodio 10% per la disinfezione, e fare 1 cm un'incisione sul retro del collo con una taglia 10 bisturi chirurgico. Ruotare il mouse in posizione supina, ri-sterilizzare la parte anteriore del collo con soluzione scrub povidone-iodio 10%, e riaprire la ferita chirurgica sulla parte anteriore del collo. Tunnel il tubo sotto la pelle dal incisione fatta sul retro verso la parte anteriore del collo, e esteriorizzare dalla ferita aperta 1 cm.
  3. Rimuovere tessuto adiposo sottocutaneo dal lato sinistro della parte anteriore del collo circa 1 cm lateralmente dalla linea mediana. Individuare la vena giugulare sinistra, posizionare due legami lungo la vena 5 mm l'uno dall'altro, e un po 'allungare la vena. Fare un piccolo foro sulla vena giugulare tra i due legami con le forbici microvascolari; inserire la punta del tubo interno 5 millimetri caudalmente profondità (verso il cuore).
  4. Fissare il tubo con entrambe legami con la vena giugulare. Chiudere la pelle sulla parte anteriore del collo conuna sutura 3-0 seta. Fare riferimento al diagramma, figura 1C.
  5. Fissare il tubo alla pelle sul retro del collo con una sutura, e collegare il tubo ad una pompa microinfusion IV attraverso una girevole. Il girevole permette la libera circolazione di topi all'interno della gabbia con pieno accesso al cibo e all'acqua.
  6. Infiltrati le incisioni cutanee sulla parte anteriore e la parte posteriore del collo con 0,2 ml di 0,5% bupivacaina per prevenire il dolore post-operatorio.
    Nota: A seconda dei protocolli specifiche di polizia istituzionali, gli animali possono essere trattati con oppioidi, i FANS, o antibiotici pre e post-operatorio. Tuttavia, i trattamenti menzionati possono alterare i risultati di esito ictus ischemico (vedi la discussione sezione). 11-14
  7. Lasciare che l'animale per risvegliare nella camera di recupero, e quindi ospitare l'animale in una gabbia separata fino al punto di fine dell'esperimento. Non lasciare l'animale incustodito fino a quando non ha ripreso conoscenza sufficiente a mantenere sternaleprona.
  8. Impostare la velocità di infusione per 48 ore in continuo trattamento IV di conivaptan (0,14 mg / ml in 5% di destrosio) o un veicolo a 1,5 ml / kg / ora, 4 e iniziare l'infusione.
    Nota: La quantità totale di IV conivaptan infuso dovrebbe essere di circa 0,2 mg / topo / giorno in un volume totale di 1,44 ml.
    Nota: Eseguire iniezione intraperitoneale (IP) di conivaptan due volte al giorno con quantità totale di 0,2 mg in 1,44 ml di 5% di destrosio. Implementare iniezione IP è stato come precedentemente descritto. 15 Restrain topi afferrando la pelle della superficie posteriore del corpo e la coda. Iniettare conivaptan o di un veicolo nel quadrante in basso a sinistra dell'addome con un / 1 ago pollice 26 G / 2. 15
  9. Osservare gli animali due volte al giorno per tutta la durata dell'esperimento (48 ore). Consentire agli animali di avere pieno accesso al cibo e all'acqua. Se l'animale mostra segni di sofferenza o di dispnea consultare un veterinario. Se eutanasia è necessario per l'animale in grave distress fare riferimento al punto 3.1 di seguito, ed escludere l'animale dallo studio.

3. Valutazione della Stroke-evocata edema cerebrale al punto finale

  1. Sacrificare il mouse da un eccesso di anestetizzare con il 5% isoflurano.
  2. Utilizzare un bisturi per fare una incisione pelle sopra l'osso del cranio lungo la linea mediana, e ritrarre la pelle per esporre l'intero cranio sopra cervello. Iniziando il foro occipitale, tagliare l'osso del cranio lateralmente lungo il perimetro del cervello su ogni lato, e sollevare con attenzione senza toccare il cervello sottostante. Sever cervello dalla colonna vertebrale e nervi attaccati alla base del cranio.
  3. Rimuovere il cervello, separarlo dal bulbo olfattivo e il cervelletto, e sezionare il cervello lungo la fessura interemisferica in emisferi cerebrali ischemici e non ischemici, come descritto in precedenza. 9
  4. Valutare edema cerebrale confrontando wet-to-dry rapporti (WDR) come descritto in precedenza 4,9. pesare i tessutiprima e dopo essiccazione per 3 giorni a 100 ° C in un forno. Calcolare il contenuto d'acqua del cervello (BWC) in% H 2 O = (WT 1-asciutto. / Peso bagnato.) X 100%.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

La temperatura corporea degli animali è stata nel range fisiologico e stabile durante tutta la procedura chirurgica dell'induzione ictus. Due topi che mostravano NDS inferiore a 2 subito dopo MCAO sono stati esclusi dallo studio.

MCAO nei topi produce il volume dell'infarto nell'emisfero ipsilaterale a 48 ore. Valutazione delle fette TTC-macchiato mostra che circa il 50% dell'emisfero è affetto da infarto dopo MCAO (Figura 1D), come pubblicato da Zeynalov, E. e Dore, S., 2009. 10 L'insorgenza cerebrale ischemico provoca gravi la privazione del tessuto cerebrale di ossigeno e sostanze nutritive. Come risultato di questo ipossia tessuto cerebrale locale, neuroni e cellule gliali muoiono, che costituiscono la parte infartuata del cervello. La Figura 1D mostra topo rappresentante fettine cerebrali colpiti da infarto MCAO indotta, e dà una stima della dimensione di un infortunio.

Valutazione del contenuto di acqua cerebrale (BWC) a 48 ore dopo 60 min MCAO induzione rivelato che conivaptan IV somministrata (0,2 mg / die) riduce significativamente edema cerebrale in entrambi gli emisferi ipsilaterale e controlaterale (Figura 2A). Al contrario, IP-trattamento conivaptan da 0,2 mg in bolo giornaliera riuscito a produrre effetti positivi simili su ictus evocati edema cerebrale (Figura 2B).

Conferma dell'effetto conivaptan sul plasma e urine osmolalità è stata raggiunta in tutti gli animali sperimentali nel punto fine dell'esperimento. Conivaptan trattata IV o IP ha aumentato plasma e nelle urine è diminuita osmolalità in tutti i topi 4 valori osmolalità plasmatica nei topi sono stati i seguenti:. 313 ± 4,4 mOsm / kg (veicolo, IV) vs 355 ± 7.5 * mOsm / kg (conivaptan, IV) , come precedentemente pubblicato, 4 e 340 ± 7,7 mOsm / kg (veicolo, IP) vs.383 ± 8.8 * mOsm / kg (conivaptan, IP). Valori osmolalità dell'urina in topi sono stati i seguenti: 1210,6 ± 13,4 mOsm / kg (veicolo, IV) vs. 595,0 ± 57,4 * mOsm / kg (conivaptan, IV), come precedentemente pubblicato, 4 e 1535,0 ± 80,9 mOsm / kg (veicolo, IP) vs 242,0 ± 23,2 * mOsm / kg (conivaptan, IP). Tutti i dati presentati come media ± SEM, * p ≤0.05 rispetto al corrispondente controllo.

Figura 1
Figura 1:. Schema del modello sperimentale ictus, installazione catetere IV, e volume dell'infarto rappresentative a 48 ore dopo l'ictus posizione del filamento (mostrato in blu) pre-rivestito con resina (verde) in arteria carotide interna sinistra (ICA) durante l'occlusione (A) e il tempo di riperfusione (B). Posizione corretta della punta tubo flessibile nella vena giugulare sinistra (C). Experimental ictus nei topi produce il volume dell'infarto nell'emisfero ipsilaterale a 48 ore. I topi sono stati sacrificati 48 ore dopo MCAO e cervelli sono stati rimossi, come descritto nel protocollo (punti 3.1-3.3). Cervelli sono stati tagliati in sezioni spesse 2 mm, e colorati con TTC (D). Figura 1D è stato modificato dall'articolo originale di Zeynalov, E. e Dore, S., 2009. 10 Si prega di cliccare qui per vedere una versione più grande di questa figura.

figura 2
Figura 2: Effetti della endovenosa continua (IV) e conivaptan intraperitoneale (IP) (0,2 mg / die) trattamenti edema cerebrale ictus-evocato conivaptan trattamento IV è stato somministrato per 48 ore.. trattamento conivaptan somministrato IV ridotto edema cerebrale post-ischemico nel h ipsilaterale e controlateraleemisfero (A). Figura 2A è stato modificato dall'articolo originale di Zeynalov et al., 2015. trattamento 4 conivaptan IP per 48 ore non è riuscito a ridurre l'edema cerebrale causato da ictus sperimentale, n = 10 in ciascun gruppo. I topi sottoposti MCAO con riperfusione, come descritto nel protocollo di cui sopra (passi 1.1.1-1.15.3). Poi iniezioni IP di conivaptan (0,2 mg) sono state somministrate immediatamente, a 22 ore e 46 ore di riperfusione. I topi sono stati sacrificati; i cervelli sono stati rimossi ed essiccati in forno, come descritto nel protocollo (passi 3,1-3,4). (B) Tutti i dati sono presentati come media ± SEM, * p <0.05 vs controllo corrispondente. Clicca qui per vedere una versione più grande di questa figura.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

Questo studio ha un valore importante per la ricerca preclinica ictus. Questo studio rivela che continua infusione endovenosa di conivaptan (0,2 mg / die) dopo ictus sperimentale nei topi riduce efficacemente l'edema cerebrale dopo 48 ore di trattamento. L'effetto di iniezione IP la stessa dose di conivaptan su edema cerebrale è stato anche indagato. trattamento conivaptan da entrambe le vie IV e IP produce acquaresi nei topi, come indicato da: 1) aumento della osmolalità plasmatica leggermente al di sopra i livelli fisiologici; e 2) diminuire nelle urine osmolalità a causa del blocco del riassorbimento di acqua nel rene. Pertanto, sulla base dei risultati del trattamento, si segnala che il metodo di consegna IV ha ulteriori importanti effetti benefici sulla formazione di edema ictus-evocato.

La nostra scoperta principale è che il trattamento IV prodotto migliore effetto sulla riduzione dell'edema cerebrale rispetto alla route IP per conivaptan. Conivaptan è un combinato V1a e V2 antagonista del recettore, disponibile per uso clinico di coriponatriemia rect, il volume del sangue e di osmolalità. 16 conivaptan ha dimostrato di correggere l'iponatriemia nei pazienti con varie condizioni. 17 disponibilità clinica di conivaptan suggerisce che la sua esplorazione nel contesto di edema cerebrale può causare traduzione rapida bench-to-capezzale. L'utilizzo di sperimentali selettivi bloccanti del recettore V1a consegnati intracerebroventricolare ha dimostrato di ridurre la formazione post-ischemica edema cerebrale descritto da altri ricercatori. 3,18 Tuttavia, né il farmaco usato in quegli studi, né il percorso di trattamento per i farmaci suggerisce possibile applicazione clinica nel prossimo futuro.

Meccanismi attraverso i quali l'ischemia cerebrale e l'edema AVP causa cerebrale sono complesse. Tuttavia, alcuni giocatori molecolari importanti sono sodio e cloruro co-trasportatori 19,20 e recettori V1a che sono localizzati nelle pareti vascolari a livello di interfaccia BBB. Il V2 effetto di conivaptan blocco è responsabile per l'escrezione di excess di acqua da parte del rene e l'elevazione di osmolalità del sangue, che può anche aiutare a prevenire lo sviluppo di edema cerebrale. 21 Questi meccanismi possono essere ancora in gioco quando conivaptan viene consegnato direttamente nella circolazione per evitare le barriere di tessuto che possono ridurre la disponibilità conivaptan. Tuttavia, la giustificazione della dose e la durata del trattamento era basato su osservazioni precedentemente pubblicati. 4 Resta da stabilire se conivaptan raggiunge il sito ischemica di cervello dopo diminuisce lesioni indotte del flusso sanguigno regionale. Ha anche bisogno di essere indagato se il cervello riceve una quantità sufficiente di conivaptan a produrre gli effetti locali desiderabili, come la prevenzione di vasocostrizione bloccando i recettori V1a nelle arterie cerebrali.

Il protocollo sperimentale è stato progettato per affrontare la questione della scelta per il percorso di trattamento conivaptan. Sulla base dei risultati, lo studio fornisce un forte sostegno per la via IV di annuncio conivaptanministero. Tuttavia, fasi più critiche del protocollo dovevano essere stabilito e messo a punto al fine di rilevare differenze significative nei risultati del trattamento dopo l'ictus nei topi. Tra questi passaggi sono: 1) la durata del MCAO (60 min); 2) la dose giornaliera (0,2 mg), e la velocità di infusione (1,5 ml / kg / ora); e 3) la durata del trattamento (48 ore). Durata MCAO determina il grado dell'insulto ischemico che è estremamente importante per il protocollo perché esso ne danneggia il tessuto cerebrale. Troppo grave infortunio renderebbe difficile per l'animale di sopravvivere per 48 ore, o gli animali potrebbero diventare meno sensibili al trattamento conivaptan contro l'edema cerebrale. D'altra parte, durata MCAO meno di 60 min può essere insufficiente per indurre un insulto ischemico nel topo, e, di conseguenza, non produrrebbe edema cerebrale. La dose e la durata del trattamento sono stati scelti sulla base delle raccomandazioni della FDA per l'uso conivaptan. 16 Tuttavia, è stato riportato chela dose umana per conivaptan non era efficace nei topi per ridurre l'edema cerebrale dopo ictus. Pertanto, la dose è stata aumentata di 10 volte per i topi, che ha indotto una protezione significativa contro edema cerebrale post-ischemica. 4 L'importanza di scegliere la velocità di infusione corretto è che può incidere sul volume totale del sangue, la pressione sanguigna e l'accumulo di liquido interstiziale se il tasso supera di gran lunga il tasso suggerito. Tuttavia, le misure di volume totale del sangue e la pressione sanguigna sarebbe molto istruttivo.

l'induzione chirurgica del MCAO è una procedura invasiva e richiede precisa attenzione a tutte le fasi del protocollo, ed è importante conoscere i suggerimenti per la risoluzione per la tecnica. Alcune complicazioni chirurgiche inaspettati, come ad esempio un eccessivo sanguinamento arterioso a causa di un'arteria accidentalmente strappato ridurre il tasso di successo per l'esperimento e aumentare il tasso di mortalità. Tuttavia, emorragia venosa può essere fermato applicando una leggera pressione wesimo una spugna sterile.

Questo protocollo descrive una induzione unilaterale di ischemia cerebrale, il che implica che l'occlusione MCA è prodotto sia a destra oa sinistra MCA. Tuttavia, il protocollo può essere modificato a seconda lato preferito del chirurgo di MCA occlusione e l'installazione IV catetere. Figura 1 Diagramma illustra un disegno delle parti più critiche del procedimento MCAO, Figura 1A e B, il protocollo installazione catetere IV, figura 1C, e le fette di rappresentanza cervello di infarto cerebrale MCAO indotta al punto finale dell'esperimento (48 ore), come precedentemente pubblicati, 10 Figura 1D. Sebbene il diagramma e le fette di cervello rappresentativi implicano che la MCAO stata indotta sul lato sinistro del cervello, non prevediamo drammatiche differenze nei risultati se MCAO stata indotta sul lato destro del cervello finché coerenza in tutto il enstudio pneumatico viene mantenuta.

Durante il periodo di recupero dopo l'intervento chirurgico e l'anestesia, gli animali possono provare disagio a causa del dolore post-operatorio e deficit neurologici gravi. In molti casi, il dolore postoperatorio può essere limitata a usando solo anestetici locali come bupivacaina 0,5%. Corsa a causa di incidente cerebrovascolare negli esseri umani così come ictus sperimentale nei topi coinvolge fattori patofisiologici come l'infiammazione, infarto cerebrale e l'edema cerebrale. 9 Questi eventi fisiopatologici sono impegnate dai giocatori molecolari chiave come ciclossigenasi (COX) 13 e G-proteine ​​correlate recettori. 22 Interferenza con i percorsi molecolari che coinvolgono COX può essere causato da farmaci FANS, 13 se sono stati utilizzati in queste impostazioni. Gli oppioidi agiscono sui loro recettori che sono collegati a G-proteine ​​e 12 secondi messaggeri e possono alterare i risultati fisiopatologici di ictus, 11 e il risultatos di questo studio. Questi fattori limitano l'uso di farmaci per il dolore nei topi dopo l'intervento.

In sintesi, il nostro studio esplora la possibilità di riproporre conivaptan come un obiettivo di vasta portata. Il nostro modello animale di induzione ictus sperimentale seguito dal continuo infusione endovenosa di conivaptan ha dimostrato di produrre risultati coerenti che suggeriscono il suo uso potenziale nei pazienti con ictus. Più in particolare, abbiamo dimostrato che il modello di trattamento IV continuo di conivaptan dopo ictus per evitare danno cerebrale secondario può essere utilizzato per lo studio preclinico nei topi. Questo studio aveva lo scopo di offrire un programma alternativo di trattamento conivaptan come un ulteriore strumento per studiare edema cerebrale nei topi dopo l'ictus perché la traduzione veloce in ambito clinico può salvare la vita per i pazienti in terapia intensiva.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Gli autori non hanno nulla da rivelare.

Acknowledgments

Ringraziamo Swedish Medical Center per fornire il finanziamento e strutture. Ringraziamo anche Craig Hospital per l'uso generoso di spazio di laboratorio.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
Heated Pad K&H Manufacturing Inc 1060
Temperature Monitor with Rectal Probe Physitemp 7029
Silk Suture Spool, 6-0 Surgical Specialties Corporation SP114
Silk Suture on a Needle, 3-0 Ethicon 1684G
Nylon Suture, 7-0 Ethicon 1696G
Dental Resin Polysiloxane with Hardener Heraeus Kulzer 65817930
Microinfusion IV Pump Kent Scietific GT0897
Swivel 22GA Instech 375/22PS
Laboratory Tubing, 0.94 mm x 0.51 mm Dow Corning 508-002
Laboratory Tubing, 3.18 mm x 1.98 mm Dow Corning 508-009

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Gueniau, C., Oberlander, C. The kappa opioid agonist niravoline decreases brain edema in the mouse middle cerebral artery occlusion model of stroke. J Pharmacol Exp Ther. 282, 1-6 (1997).
  2. Krafft, P. R., et al. Etiology of stroke and choice of models. Int J Stroke. 7, 398-406 (2012).
  3. Vakili, A., Kataoka, H., Plesnila, N. Role of arginine vasopressin V1 and V2 receptors for brain damage after transient focal cerebral ischemia. J Cereb Blood Flow Metab. 25, 1012-1019 (2005).
  4. Zeynalov, E., Jones, S. M., Seo, J. W., Snell, L. D., Elliott, J. P. Arginine-Vasopressin Receptor Blocker Conivaptan Reduces Brain Edema and Blood-Brain Barrier Disruption after Experimental Stroke in Mice. PloS one. 10, e0136121 (2015).
  5. Med Lett Drugs Ther.. Conivaptan (Vaprisol) for hyponatremia. The Medical letter on drugs and therapeutics. 48, 51-52 (2006).
  6. Zhao, X. Y., et al. Effect of arginine vasopressin on the cortex edema in the ischemic stroke of Mongolian gerbils. Neuropeptides. 51, 55-62 (2015).
  7. Manaenko, A., Chen, H., Kammer, J., Zhang, J. H., Tang, J. Comparison Evans Blue injection routes: Intravenous versus intraperitoneal, for measurement of blood-brain barrier in a mice hemorrhage model. J Neurosci Methods. 195, 206-210 (2011).
  8. Adams, S., Pacharinsak, C. Mouse anesthesia and analgesia. Curr Protoc Mouse Biol. 5, 51-63 (2015).
  9. Zeynalov, E., et al. The perivascular pool of aquaporin-4 mediates the effect of osmotherapy in postischemic cerebral edema. Crit Care Med. 36, 2634-2640 (2008).
  10. Zeynalov, E., Dore, S. Low doses of carbon monoxide protect against experimental focal brain ischemia. Neurotox Res. 15, 133-137 (2009).
  11. Zeynalov, E., Nemoto, M., Hurn, P. D., Koehler, R. C., Bhardwaj, A. Neuroprotective effect of selective kappa opioid receptor agonist is gender specific and linked to reduced neuronal nitric oxide. J Cereb Blood Flow Metab. 26, 414-420 (2006).
  12. Ma, M. C., Qian, H., Ghassemi, F., Zhao, P., Xia, Y. Oxygen-sensitive {delta}-opioid receptor-regulated survival and death signals: novel insights into neuronal preconditioning and protection. J Biol Chem. 280, 16208-16218 (2005).
  13. Ahmad, M., Zhang, Y., Liu, H., Rose, M. E., Graham, S. H. Prolonged opportunity for neuroprotection in experimental stroke with selective blockade of cyclooxygenase-2 activity. Brain Res. 1279, 168-173 (2009).
  14. Meisel, C., et al. Preventive antibacterial treatment improves the general medical and neurological outcome in a mouse model of stroke. Stroke. 35, 2-6 (2004).
  15. Miner, N. A., Koehler, J., Greenaway, L. Intraperitoneal injection of mice. Appl Microbiol. 17, 250-251 (1969).
  16. Adis International Limited. Conivaptan: YM 087. Drugs in R&D. 5, 94-97 (2004).
  17. Murphy, T., Dhar, R., Diringer, M. Conivaptan bolus dosing for the correction of hyponatremia in the neurointensive care unit. Neurocrit Care. 11, 14-19 (2009).
  18. Liu, X., Nakayama, S., Amiry-Moghaddam, M., Ottersen, O. P., Bhardwaj, A. Arginine-vasopressin V1 but not V2 receptor antagonism modulates infarct volume, brain water content, and aquaporin-4 expression following experimental stroke. Neurocrit Care. 12, 124-131 (2010).
  19. Wallace, B. K., Jelks, K. A., O'Donnell, M. E. Ischemia-induced stimulation of cerebral microvascular endothelial cell Na-K-Cl cotransport involves p38 and JNK MAP kinases. Am J Physiol Cell Physiol. 302, C505-C517 (2012).
  20. O'Donnell, M. E., et al. Intravenous HOE-642 reduces brain edema and Na uptake in the rat permanent middle cerebral artery occlusion model of stroke: evidence for participation of the blood-brain barrier Na/H exchanger. J Cereb Blood Flow Metab. 33, 225-234 (2013).
  21. Walcott, B. P., Kahle, K. T., Simard, J. M. Novel treatment targets for cerebral edema. Neurotherapeutics. 9, 65-72 (2012).
  22. Shen, Z., et al. Inhibition of G protein-coupled receptor 81 (GPR81) protects against ischemic brain injury. CNS Neurosci Ther. 21, 271-279 (2015).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Usage Statistics