On-Chip Isotachophoresis per separazione degli ioni e purificazione di acidi nucleici

Bioengineering
 

Summary

Isotachophoresis (ITP) è una separazione solido elettrocinetico e tecnica preconcentrazione con applicazioni che vanno dal rilevamento della tossina alla preparazione del campione. Esaminiamo i principi fisici di ITP e la metodologia di applicazione di questa tecnica per due applicazioni specifiche esempio: separazione e la rilevazione di piccole molecole e di purificazione degli acidi nucleici da lisato di coltura cellulare.

Cite this Article

Copy Citation | Download Citations

Garcia-Schwarz, G., Rogacs, A., Bahga, S. S., Santiago, J. G. On-chip Isotachophoresis for Separation of Ions and Purification of Nucleic Acids. J. Vis. Exp. (61), e3890, doi:10.3791/3890 (2012).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

Tecniche elettrocinetici sono una graffetta di applicazioni su microscala per la loro capacità unica di eseguire una varietà di processi e fluidici elettroforetica in sistemi semplici e compatti senza parti in movimento. Isotachophoresis (ITP) è una tecnica semplice e molto robusta elettrocinetico che può raggiungere 1,2 milioni di volte preconcentrazione ed efficiente separazione ed estrazione basata sulla mobilità ionica. 3 Per esempio, abbiamo dimostrato l'applicazione di ITP di separazione e rivelazione sensibile di non marcato ionici molecole (ad esempio tossine, DNA, rRNA, miRNA) con poco o nessun campione 4-8 preparazione e di estrazione e purificazione di acidi nucleici da matrici complesse compreso coltura cellulare, urina, sangue e 9-12.

ITP raggiunge focalizzazione e separazione utilizzando un campo elettrico applicato e due buffer all'interno di un sistema fluidico canale. Per analiti anionici, il principale elettrolita (LE) buffer viene scelto sale che i suoi anioni hanno una maggiore mobilità elettroforetica efficace rispetto agli anioni dell'elettrolita finale (TE) tampone (mobilità efficace descrive la velocità di deriva osservabile di uno ione e tiene conto dello stato di ionizzazione dello ione, come descritto in dettaglio da Persat et al . 13). Dopo aver stabilito un'interfaccia tra il TE e LE, un campo elettrico viene applicato in modo tale che gli ioni LE allontanarsi dalla regione occupata da ioni TE. Ioni del campione di razza intermedia mobilità efficaci prima di ioni TE, ma non può superare ioni LE, e così si concentrano presso il LE-TE interfaccia (in appresso denominata "interfaccia ITP"). Inoltre, la TE LE e aree del modulo di conducibilità rispettivamente a bassa ed alta, che stabiliscono una forte pendenza campo elettrico a livello di interfaccia ITP. Questo gradiente di campo preconcentrates specie campione come essi si concentrano. La corretta scelta dei risultati e di TE LE a messa a fuoco e la purificazione della specie bersaglio da altri non focalizzate specie e, infine, la separazione unod segregazione di specie campione.

Noi qui rivedere la ITP principi fisici alla base e discutere due modi standard di funzionamento: "picco" e "plateau" modalità. In modalità picco, relativamente diluire ioni del campione si concentrano insieme in sovrapposizione picchi stretti a livello di interfaccia ITP. In modalità plateau, ioni del campione più abbondanti raggiungere una concentrazione nello stato stazionario e segregare in adiacenti plateau-like zone ordinate per la loro mobilità effettiva. Modalità di picco e plateau derivare da la stessa fisica di base, ma rappresentano distinti regimi differenziati dalla concentrazione dell'analita iniziale e / o la quantità di tempo assegnato per l'accumulo di campione.

Per prima descritto in dettaglio un picco esperimento modello modalità e quindi dimostrare un saggio picco modalità per l'estrazione di acidi nucleici da E. coli di coltura cellulare. Concludiamo con la presentazione di un saggio modo di plateau, dove usiamo un non-traccianti di messa a fuoco (NFT) specie per visualizzare la separazione e performare quantificazione di amminoacidi.

Protocol

1. Fisica della ITP

ITP forma un confine netto in movimento tra ioni di carica simile. La tecnica può essere eseguita con campioni anionici o cationici, ma adattiamo questa introduzione alla ITP anionico e annotare gli stessi principi si applicano a ITP cationico. Abbiamo scelto buffer LE e TE LE tali che gli ioni hanno una maggiore mobilità effettiva grandezza elettroforetica. La mobilità elettroforetica efficace, μ = U / E, è la costante di proporzionalità tra campo elettrico applicato, E, e velocità di deriva ione, U. 13 Noi costituire un'interfaccia diffusa tra il LE e TE e applicare un campo elettrico diretto dal alta conduttività LE zona a bassa conducibilità TE zona. Il sistema prevede rapidamente un forte gradiente di campo elettrico all'interfaccia ITP, a causa della non uniforme profilo conducibilità. Come per il suo nome (dal greco "isos" significa "uguale", "takhos" significa "velocità"), e TE LE viaggio ioni allo stesso tempo, ve uniformelocity, come conseguenza della non-uniforme campo elettrico e la conservazione di corrente (questo è il cosiddetto "condizione di ITP", vedi Figura 1).

L'interfaccia ITP è autoaffilante: LE ioni che diffondono nell'esperienza TE zona un flusso forte restauro e ritorno nella zona di attacco (e viceversa per gli ioni TE nella zona LE). Esempi di ioni a fuoco questa interfaccia se la loro mobilità efficace nella zona TE è maggiore di quelle dei TE co-ioni, e se la loro mobilità efficace nella zona LE è inferiore a quella dei co-ioni LE (vedi Figura 1). L'auto-affilatura e concentrarsi proprietà di ITP contribuiscono alla robustezza di questa tecnica e rendere ITP relativamente insensibili ai disturbi di interfaccia (ad esempio a causa della pressione-driven flow o cambiamenti nella geometria, come contrazioni, espansioni, e si trasforma).

In modalità di picco ITP (vedi Figura 2a e Video 1-2), concentrazioni di ioni del campione sonosempre significativamente inferiore LE e TE concentrazioni di ioni e quindi contribuire trascurabile conducibilità locale. La distribuzione di ioni del campione è determinata dalla interfaccia autoaffilante tra zone adiacenti (qui il TE e LE) e il valore della mobilità campione efficace rispetto a queste zone. 14 ioni del campione più concentrarsi nella stessa regione stretta interfaccia ITP come ampiamente sovrapposizione di picchi. Le larghezze di interfaccia e di picco, così come il fattore preconcentrazione associato, scala inversamente con la corrente applicata (vedi esperimenti in Figura 2b). 14

Per sufficientemente alte concentrazioni del campione iniziale e il tempo di accumulo sufficiente, ioni del campione raggiunge un valore di concentrazione di soglia. Per completamente ionizzati specie, tale valore è determinato dalla funzione di regolazione Kohlrausch (KRF). 15 Per elettroliti deboli, è determinata dalle funzioni Alberty e Jovin. 16,17 In plateaumodalità, come illustrato in figura 3 e Video 3, ioni del campione separare e purificare in zone di concentrazione localmente uniforme e costante in un ordine determinato dalla loro effettiva mobilità. Ioni molto diluite può concentrarsi ancora in modalità di picco tra le zone di plateau. In ITP, ioni del campione può essere introdotto in una iniezione finito tra la TE e LE (vedi figura 3) o alternativamente mescolato con il TE e / o LE (vedi Figura 2). Ci riferiamo alla miscelazione nella zona TE come iniezione "semi-infinito", che può essere utilizzata per accumulare ioni analita continuo. Accumulo di campione continuo aumenta la sensibilità sia in modalità di picco e saggi di plateau. Tuttavia, le iniezioni finiti sono più comuni in modalità plateau. Ciò è probabilmente perché alte concentrazioni di analiti iniziali semi-infinito iniezione può aumentare notevolmente la conducibilità TE e minori tassi di messa a fuoco. Inoltre, la purificazione completa non è possibile in semi-infinita di iniezione (poiché non vi remains una concentrazione finito in TE).

2. Dispositivo di pulizia e preparazione

Per i saggi presentati in questo protocollo usiamo isotropicamente wet-inciso (sezione trasversale approssimativamente a forma di D) chip vetro microfluidici con cross-channel disegno (vedi Figura 1). La pulizia e la seguente protocollo di preparazione è ottimizzato per i canali di silice borosilicato e fuso, ma può anche essere utilizzata con vetro / PDMS chip. Eseguire questa procedura di pulizia prima di esperimenti per garantire run-to-run ripetibilità e la corretta applicazione di rivestimenti dinamici necessari per sopprimere flusso elettroosmotico (EOF). L'omissione di questo protocollo può causare una forte dispersione di interfaccia ITP 14.

  1. Per decontaminare il canale, riempire la Nord, Est, Sud e serbatoi con il 10-20 microlitri di candeggina al 10%, applicare il vuoto nel serbatoio Occidente per 2 min. Se si utilizza uno standard Pinza chip di caddy, il vuoto può essere efficacemente applicato semplicemente attaching l'estremità larga di una microlitri 200 (filtrato) punta della pipetta al serbatoio chip e collegando la linea di vuoto ad un tubo di 2 mm di diametro interno.
  2. Svuotare i serbatoi e risciacquare il canale (come nel passaggio 1) con idrossido di sodio 1 M per 2 min. Questo incide delicatamente le pareti del canale, ottenendo una superficie pulita borosilicato per aiutare a stabilire proprietà di superficie uniformi.
  3. Svuotare i serbatoi e pulito con acqua deionizzata (DI), quindi sciacquare il canale con LE per ~ 2 min. Durante questo periodo le proprietà superficiali e rivestimenti dinamici equilibrate all'interno del canale.

3. Fluoroforo messa a fuoco in modalità di picco ITP

  1. Preparare 1 mL LE costituito da 100 mM HCl, 200 mM tris, e 1% PVP.
  2. Preparare 1 mL TE costituito da HEPES 100 mM e 200 mM di tris. Unire 90 microlitri di TE con 10 microlitri di 1 pM Alexa Fluor 488 (AF488).
  3. Dopo aver sciacquato con LE come descritto nella parte 2, svuotare il serbatoio Occidente e pulire un paio di volte con DI oder per diluire qualsiasi LE rimanente nel serbatoio. Riempire questo serbatoio con 20 microlitri TE contenente AF488.
  4. Posizionare l'elettrodo positivo nel bacino orientale e la terra (negativo) elettrodo nel serbatoio Occidente e applicare 2 μA (corrente costante). Il picco campione migreranno ad una velocità costante dal serbatoio al serbatoio Ovest-Est (vedi figura 1) e la tensione tra questi serbatoi aumenterà come minore è la conducibilità TE riempie il canale.

4. Estrazione e purificazione di acidi nucleici da coltivate E. coli

La capacità di concentrarsi selettivamente specie ioniche rende ITP una tecnica ideale per la preparazione del campione biologico. Abbiamo purificare acidi nucleici da lisato cellulare trattato selezionando un anione posteriore con una grandezza inferiore mobilità efficace l'acido nucleico bersaglio, ma superiore a co-ionici inibitori della PCR (ad esempio detergenti anionici, proteine, e solventi organici, anche se presente in hiconcentrazione di gh). Cationico PCR inibitori (ad esempio metalli alcalini e proteine ​​cationiche e detergenti) migrano nella direzione opposta e così sono anche lasciato. ITP estrae e si concentra acidi nucleici bersaglio dal serbatoio del campione, lasciando più lenti PCR-inibitori specie dietro (vedi Figura 4).

  1. Ottenere un campione di cultura o di E. coli ad una densità superiore a 10 8 UFC / ml.
  2. Trasferire 1 ml di coltura cellulare in una cassetta di sicurezza-lock provetta e pellet per centrifugazione a 4000g per 6 min.
  3. Risospendere il pellet in 80 microlitri acqua priva di RNasi e aggiungere 10 ul di agente di lisi consistente di tricina 10 mM, 10 mM tris-bis, 2 mM EDTA, 0,1% Triton-X, e 5 mg / ml lisozima. Mescolare delicatamente e incubare per 5 minuti. a temperatura ambiente (protocollo adattato da lisi Bercovici et al. 11).
  4. Aggiungere 10 pl di idrossido di sodio 1 M per portare il pH lisato di ~ 12,5. Azionare delicatamente la pipetta su e giù finola soluzione diventa limpida, in cui lisi punto è completa.
  5. Combinare 10 pl di lisato con 90 pl di tricina 50 mM e 100 mM bis-tris. Questa soluzione può essere utilizzato come TE.
  6. Preparare 1 mL di LE consiste di 500 mM bis-tris, HCl 250 mM, 1% di PVP, e 1X SYBR Green II. Riempire il chip microfluidica con LE come descritto nella parte 3.
  7. Per estrarre l'acido nucleico purificato per analisi off-chip dopo ITP, sostituire il contenuto del serbatoio Oriente con un PCR-compatibile LE contenente 50 mM bis-tris, HCl 25 mM, e 0,1% di PVP. Applicare 1000 V tra Oriente e Occidente pozzi per iniziare l'esperimento. La corrente tra questi serbatoi diminuirà.
  8. Al termine dell'esperimento il campione eluisce nel serbatoio LE. In coincidenza con questo eluizione, il tempo contro corrente per questo sistema raggiunge tipicamente un valore di plateau (perché la resistenza è ora dominato da ioni TE uniformemente distribuiti nel canale). Mescolare delicatamente il serbatoiocontenuto di pipettaggio ripetuto ed estrarre un volume di 5 microlitri per analisi mediante RT-PCR quantitativa.

5. Separazione di amminoacidi con ITP cationico modalità plateau e non-focalizzazione tracciante (NFT) per la visualizzazione

ITP possono essere utilizzati per separare e concentrare piccoli ioni in altipiani adiacente e rilevabile tra la TE e LE. Ciò consente la rilevazione e l'identificazione sulla base delle proprietà fisico, come conducibilità locale, assorbanza UV, rilevamento della temperatura, o indice di rifrazione. Qui mostriamo un non-focalizzazione tracciante (NFT) test dove viene aggiunta una fluorescente, co-ionico specie al LE. Questa specie fluorescenti non si concentra, ma la sua concentrazione adatta ad un campo elettrico locale, rendendo così possibile la visualizzazione delle zone di plateau purificati (vedi figura 5).

  1. Preparare 1 mL LE costituito da etanolammina 100 mM, 200 mM tricina, e 1% di PVP, e 100 pM di 6G cationico Rodamina fluoroforo.
  2. <li> Preparare 1 mL TE costituito da 20 mM Tris, 40 mM tricina. Preparare campioni miscelando 90 pl di TE con 10 pl ciascuno di 50 mM di arginina e lisina 50 mM.
  3. Dispensare 20 LE ul in Occidente e serbatoi Nord e campione nel serbatoio Oriente. Applicare il vuoto al serbatoio del Sud per 1 min.
  4. Sciacquare bene con l'Oriente e sostituirlo con DI TE (TE senza campione).
  5. Applicare 500 V tra Oriente e Occidente serbatoi.

6. Risultati rappresentativi

Noi mostriamo isotachopherograms di esperimenti modalità di picco in figura 2b e esperimenti estrazione dell'acido nucleico in figura 4. In esperimenti modalità di picco con un reporter fluorescente (es. AF488, SYBR Green II), l'intensità globale fluorescenza possono essere integrati e confrontati con una curva di taratura per ottenere informazioni quantitative concentrazione. 12 Inoltre, in esperimenti di estrazione degli acidi nucleici, campione è consentito eluire in tegli LE serbatoio ed estratta con una pipetta per l'analisi mediante RT-PCR quantitativa. 10,12 Mostriamo isotachopherograms modalità plateau di separazione amminoacido in figura 5. Intensità di fluorescenza (rispetto alla LE o TE intensità zona) può essere utilizzato per l'identificazione di zona, mentre le larghezze zona di abilitazione quantificazione.

Figura 1.
Figura 1. Isotachophoresis (ITP) è una tecnica elettrocinetico utilizzata in applicazioni microfluidiche per una rivelazione sensibile e la separazione di ioni. ITP offre separazione, messa a fuoco selettiva, e capacità di preconcentrazione. Inoltre, è estremamente robusta e insensibile ai disturbi fisici causa della sua natura autoaffilante. Esempi di ioni selettivamente concentrarsi tra un elettrolita leader (LE) e finali (TE) e viaggiano attraverso il microcanale ad una velocità costante determinata dalla velocità degli ioni principali nella zona LE. Esempi di ioniconcentrarsi se la loro mobilità effettiva per elettroforesi è racchiuso tra l'effettiva mobilità degli ioni e TE LE. Lo schema rappresenta un esperimento ITP modello in cui campione si concentra continuamente tra la LE e le zone TE.

Figura 2.
Figura 2. Diluire il campione in ioni di messa a fuoco "picco modalità" ITP. a) due distinti diluito (c campione << LE c) messa a fuoco specie in modalità di picco a livello di interfaccia formata tra la LE e le zone TE. Solamente il LE e TE determinare il campo elettrico, come specie di esempio non contribuiscono in maniera significativa corrente. Ioni del campione sono mescolati con TE (in un semi-iniezione infinito) e si concentrano insieme in un picco approssimativamente gaussiana all'interfaccia ITP. Messa a fuoco criterio (indicato come disuguaglianze) si applica a specie fortemente ionizzati. b) Gli esperimenti mostrano Alexa Fluor 488 (AF488) si è concentrato in modalità di picco per una serie di correnti applicate (vedi anche Video 1). Picco larghezza del campione è inversamente proporzionale alla corrente (per trascurabile dispersione advective causa flusso elettroosmotico). 14 L'interfaccia autoaffilante è resistente alla dispersione a causa della pressione-driven flusso (vedere Video 2).

Figura 3.
Figura 3. Ioni di campione ad una concentrazione sufficientemente elevata attenzione in modalità "plateau" e governare conducibilità locale. Noi di solito introdurre ioni del campione in una iniezione finita tra la TE e LE. In questa modalità, gli ioni del campione separato e ordine in base alla loro mobilità elettroforetica efficace (vedi Video 3). Per specie fortemente ionizzato, il TE e plateau concentrazioni zone sono determinate dalla funzione di regolazione Kohlrausch (KRF, un insieme invariante inizialmente dalla zona LE). Diluire ioni continuerà a concentrarsi in modo picco tra bracketing plateau zone la loro mobilità efficace. Messa a fuoco criterion (mostrato come le disuguaglianze) si applica a specie fortemente ionizzati.

Figura 4.
Figura 4. LISATO preparazione e estrazione degli acidi nucleici con ITP modalità di picco. L'acido nucleico viene estratto da E. coli coltura cellulare utilizzando il lisozima assistita lisi alcalina e purificato da elettroforetica messa a fuoco selettiva via ITP. TE miscelato con lisato (marrone) contiene acido nucleico bersaglio (verde), proteine, e potenziali inibitori PCR-chimiche. Selezione appropriata di finale e che porta gli ioni permette di messa a fuoco selettiva di acido nucleico bersaglio, lasciando dietro di inibitori della PCR. Totale picco dell'acido nucleico ITP assume spesso un non-forma ideale, come mostrato nell'immagine qui incasso. Come dimostrazione di questo test, abbiamo estratto totale di acido nucleico da batteri gram-negativi, Escherichia coli (lisati con una soluzione di idrossido di sodio da solo), purificato dal lisato NA utilizzando ITP, raccoltiestratto il materiale genetico, ed eseguito RT-PCR analisi per verificare la purificazione successo di 16S rRNA (rosso) e 16S rDNA (verde) da coltura batterica. Negativi cicli di controllo soglia per 16S rRNA (blu) e 16S rDNA (giallo) sono stati sopra ogni 30 cicli. Abbiamo eseguito qRT-PCR utilizzando la tecnologia Power SYBR Green RNA-to-C T 1-Step Kit da Applied Biosystems con 150 nM in avanti (5'-CGGATTGGAGTCTGCAACTCG) e inversa (5'-CACAAAGTGGTAAG CGCCCTC) primer, alle condizioni raccomandate cicli termici.

Figura 5.
Figura 5. Non-focalizzazione tracciante (NFT) saggio per la separazione e rivelazione di amminoacidi non marcati. a) Schema del saggio NFT. Una iniezione finito di ioni del campione viene introdotta nel canale Oriente. Noi mescolare il LE con un fluoroforo tracciante cationico con una mobilità effettiva inferiore a quella degli ioni TE (tracciante μ <μ TE). Il fluoroforosi dice che agisce come "tracer underspeeding". Come il fluoroforo electromigrates dal LE in zone oggi occupate da altipiani campione e TE, sperimenta un campo elettrico maggiore e quindi aumenta la sua concentrazione. Questo cambiamento nella concentrazione crea passi nella isotachopherogram. b) separazione di due aminoacidi, arginina e lisina, utilizzando il saggio NFT con 6G rodammina come tracciante fluorescente underspeeding. Il picco leggera tra TE e arginina è comune in ITP, non è ben compreso, e qui non interferisce con il rilevamento o quantificare gli altipiani.

Movie supplementare 1. Clicca qui per visualizzare il filmato supplementare .

Movie supplementare 2. Clicca qui per visualizzare il filmato supplementare .

Movie supplementare 3. Clicca qui per visualizzare il filmato supplementare .

Discussion

I metodi di ITP qui presentati consentono la rilevazione rapida, sensibile e robusto e la manipolazione di molecole ioniche. La sfida principale con ITP è la scelta corretta di buffer LE e TE. In ITP anionico, si scelgono tipicamente cloruro come anione principale perché è un acido forte con elevata mobilità assoluto e quindi ha proprietà molto prevedibili. Pertanto, la scelta buffer in anionica ITP è tipicamente ridotto a scegliere un vero e proprio TE e controione. Per gli esperimenti di messa a fuoco selettiva, la scelta TE è fondamentale per l'esclusione di contaminare ioni. Nelle applicazioni in cui i contaminanti non sono presenti, in basso la mobilità TE efficace conduce a una più rapida velocità di messa a fuoco. Si consiglia di utilizzare i seguenti, relativamente ben educati anionici ioni TE: MES, MOPS, HEPES, tricina. Scelta del controione influenza sia il pH del sistema e della mobilità TE efficace. Controioni comuni sono tris (pKa 8,1) e bis-tris (pKa 6,4). Per i test che richiedono un pH inferiore o superiore, si consiglia di piridina (pKa 5,25) eetanolammina (pKa 9,5), rispettivamente. Nelle tabelle 1 e 2, per ITP anionici e cationici, rispettivamente, riassumiamo alcuni esempi buffer utili. Prendiamo HCl come ione LE anionico e sodio come cationico LE ioni e non assumiamo 100 mM forza ionica del tampone LE.

Il lettore noterà che la forza ionica tampone nei nostri protocolli (e nelle tabelle 1-2) è sempre maggiore o uguale a 10 mM. Mentre in teoria fisica di ITP vale a forza ionica inferiore a 10 mM, contaminanti naturali (ad esempio acido carbonico dalla reazione tra acqua e anidride carbonica atmosferica) vicino al livello 1 mM spesso limitano l'uso pratico di buffer a bassa forza ionica.

Notiamo che meccanismo di trasduzione del segnale non è limitato ai saggi presentati in questo protocollo. Come discusso brevemente nella parte 5, in modalità plateau purificato zone può essere rilevata tramite variazioni di conducibilità locale, assorbitori UVBance, temperatura, o di un indice di rifrazione. Nel nostro gruppo, abbiamo sviluppato un metodo che utilizza anfoliti portanti fluorescenti sensibili per la diagnosi e l'identificazione di analiti sconosciuti. 5 In esperimenti modalità di picco, sonde specifiche possono essere usati per etichettare analiti focalizzati. In un esempio, usiamo segnali molecolari - sonde oligonucleotidiche che reagiscono al momento ibridazione per la loro sequenza bersaglio - per rilevare il DNA bersaglio o molecole di RNA con elevata specificità 11,18.

Mentre ITP è relativamente robusto per dispersione causata dalla pressione-driven flusso e EOF, EOF eccessiva può portare ad una stagnazione del ITP, dove la velocità media EOF diventa uguale alla velocità ITP. 14 EOF Tale forte si verifica soprattutto in condizioni di pH elevato e bassa forza ionica. Per questo motivo, si consiglia l'uso di tamponi con pH 8 o inferiore e con forza ionica dell'ordine di 100 mm, se conveniente. Nella nostra esperienza, è il PVPrivestimento più efficace per la soppressione EOF in chips borosilicato. Tuttavia, a causa delle sue proprietà di setacciatura, PVP non può essere appropriato per alcune applicazioni, come focalizzazione DNA genomico. Negli esperimenti, si osserva che l'aggiunta di PVP può ridurre notevolmente la mobilità DNA genomico assoluto (al punto in cui non si concentra). In questi casi, un rivestimento silanolo come Sigmacote in congiunzione con un tensioattivo (per esempio Triton X-100) può anche essere efficace nel ridurre EOF 10.

TE anione (pKa -1)
Controione Buffering (pKa +1) MES (6.10) MOPS (7,20) HEPES (7.50) tricina (8.15)
etanolammina (9,50) 21,41 20,40 17,38 22,85
tris (8,08) 21,00 19,23 </ Td> 15,84 17,56
bis-tris (6.40) 18,22 10,41 7,30 5,23
piridina (5.18) 1,01 3,72 2,42 1,48

Tabella 1. Mobilità grandezza effettiva (× 10 -9 m 2 / V / s) della zona aggiustato analita puro ITP anionica in cui il LE è HCl 100 mM e 200 mM tampone controione.

TE zione (pKa +1)
Controione Buffering (pKa -1) etanolammina (9,50) tris (8,08) bis-tris (6.40) piridina (5.18)
MES (6.10) 35,57 21,96 16,39 10,45
MOPS (7.20) 35,47 20,92 9,76 3,93
HEPES (7.50) 35,35 19,97 7,77 2,88
Tricina (8.15) 34,77 16,72 4,50 1,44

Tabella 2. Magnitudine mobilità effettiva (× 10 -9 m 2 / V / s) della zona aggiustato analita puro in ITP cationico dove il LE è sodio 100 mM e 200 mM tampone controione.

Disclosures

Non abbiamo nulla da rivelare.

Acknowledgements

Riconosciamo con gratitudine finanziamenti da DARPA sponsorizzato Micro / Nano di messa a fuoco Fluidics Fundamentals (MF3) Centro con il contratto numero N66001-10-1-4003, e dal DARPA concessione N660001-09-C-2082.

Materials

Name Company Catalog Number Comments
Distilled water GIBCO, by Life Technologies 10977 RNase/DNase free
Clorox Ultra Clorox 02489CT
sodium hydroxide (NaOH) Mallinckrodt Baker Inc. 7708
hydrochloric acid (HCl) EMD Millipore HX0603-4
Trizma base (tris) Sigma-Aldrich T6066
polyvinylpyrrolidone (PVP) Polysciences, Inc. 06067 MW 1,000,000
HEPES Sigma-Aldrich H-4034
Alexa Fluor 488 carboxylic acid Invitrogen A20000
tricine Sigma-Aldrich T-9784
bis-tris Sigma-Aldrich B4429
EDTA GIBCO, by Life Technologies AM9260G
Triton-X 100 Sigma-Aldrich X100
lysozyme Sigma-Aldrich L6876
SYBR Green II Invitrogen S7564
ethanolamine Sigma-Aldrich 411000
Rhodamine 6G Acros Organics CAS 989-38-8
L-Amino Acids Sigma-Aldrich LAA21
Power SYBR Green RNA-to-CT 1-Step Kit Applied Biosystems 4389986
PCR primers Integrated DNA Technologies
Borosilicate microfluidic chip Caliper Life Sciences NS12A Supplied with or without plastic caddy
Vacuum pump Gast Manufacturing, Inc. DOA-P104-AA
Sourcemeter Keithley 2410 Constant current and constant voltage operation modes
Inverted epifluorescent microscope Olympus Corporation IX70 Use mercury lamp (Olympus) or LED (Thorlabs) for illumination
Filter cube Omega Engineering, Inc. XF115-2 Excitation/emission: blue/green
Safe-lock microcentrifuge tubes Eppendorf 022363204 1.5mL capacity
Centrifuge Eppendorf 5417C
Table 3. Specific reagents and equipment.

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Jung, B., Bharadwaj, R., Santiago, J. G. On-chip millionfold sample stacking using transient isotachophoresis. Anal. Chem. 78, (7), 2319-2319 (2006).
  2. Jung, B., Zhu, Y., Santiago, J. G. Detection of 100 am fluorophores using a high-sensitivity on-chip CE system and transient isotachophoresis. Anal. Chem. 79, (1), 345-345 (2007).
  3. Everaerts, F. M., Beckers, J. L., Verheggen, T. P. E. M. Isotachophoresis: Theory, instrumentation, and applications. Elsevier Science & Technology. (1976).
  4. Khurana, T. K., Santiago, J. G. Preconcentration, separation, and indirect detection of nonfluorescent analytes using fluorescent mobility markers. Anal. Chem. 80, (1), 279-279 (2008).
  5. Bercovici, M., Kaigala, G. V., Backhouse, C. J., Santiago, J. G. Fluorescent carrier ampholytes assay for portable, label-free detection of chemical toxins in tap water. Anal. Chem. 82, (5), 1858-1858 (2010).
  6. Bercovici, M., Kaigala, G. V., Santiago, J. G. Method for analyte identification using isotachophoresis and a fluorescent carrier ampholyte assay. Anal. Chem. 82, (5), 2134-2134 (2010).
  7. Kaigala, G. V. Miniaturized system for isotachophoresis assays. Lab Chip. 10, (17), 2242-2242 (2010).
  8. Chambers, R. D., Santiago, J. G. Imaging and quantification of isotachophoresis zones using nonfocusing fluorescent tracers. Anal. Chem. 81, (8), 3022-3022 (2009).
  9. Schoch, R. B., Ronaghi, M., Santiago, J. G. Rapid and selective extraction, isolation, preconcentration, and quantitation of small RNAs from cell lysate using on-chip isotachophoresis. Lab Chip. 9, (15), 2145-2145 (2009).
  10. Persat, A., Marshall, L. A., Santiago, J. G. Purification of nucleic acids from whole blood using isotachophoresis. Anal. Chem. 81, (22), 9507-9507 (2009).
  11. Bercovici, M. Rapid detection of urinary tract infections using isotachophoresis and molecular beacons. Anal. Chem. 83, (11), 4110-4110 (2011).
  12. Marshall, L. A., Santiago, J. G. Extraction of DNA from malaria-infected erythrocytes using isotachophoresis. Anal. Chem. 83, (24), 9715-9715 (2011).
  13. Persat, A., Chambers, R. D., Santiago, J. G. Basic principles of electrolyte chemistry for microfluidic electrokinetics. Part I: Acid-base equilibria and pH buffers. Lab Chip. 9, (17), 2437-2437 (2009).
  14. Garcia-Schwarz, G., Bercovici, M., Marshall, L. A., Santiago, J. G. Sample dispersion in isotachophoresis. J. Fluid Mech. 1, (1), 1-1 (2011).
  15. Kohlrausch, F. Über concentrations-verschiebungen durch electrolyse im inneren von lÖsungen und lÖsungsgemischen. Ann. Phys. 298, (10), 209-209 (1897).
  16. Alberty, R. A. Moving boundary systems formed by weak electrolytes. Theory of simple systems formed by weak acids and bases. J. Am. Chem. Soc. 72, (6), 2361-2361 (1950).
  17. Jovin, T. M. Multiphasic zone electrophoresis. I. Steady-state moving-boundary systems formed by different electrolyte combinations. Biochem. 12, (5), 871-871 (1973).
  18. Persat, A., Santiago, J. G. MicroRNA profiling by simultaneous selective isotachophoresis and hybridization with molecular beacons. Anal. Chem. (2011).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Usage Statistics