Sintesi di un tiolo Building Block per la cristallizzazione di un quadro di Gyroidal metallo-zolfo ossidi semiconduttori

Chemistry

Your institution must subscribe to JoVE's Chemistry section to access this content.

Fill out the form below to receive a free trial or learn more about access:

 

Summary

Qui, presentiamo una sintesi one-pot, transizione-metallo-libera dei tioli e tioesteri da alogenuri aromatici e thiomethoxide di sodio, seguita dalla preparazione dei monocristalli di una rete di metallo-dithiolene utilizzando specie tiolo generato in situ dal tioestere più stabile e trattabili.

Cite this Article

Copy Citation | Download Citations | Reprints and Permissions

He, Y., Huang, J., He, J., Xu, Z. Synthesis of a Thiol Building Block for the Crystallization of a Semiconducting Gyroidal Metal-sulfur Framework. J. Vis. Exp. (134), e57455, doi:10.3791/57455 (2018).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

Presentiamo un metodo per la preparazione di molecole tioesteri come forma mascherata del linker del tiolo e loro utilizzo per l'accesso a una rete di metallo-dithiolene semiconduttori e poroso allo stato cristallino singola altamente ordinata. A differenza i tioli autoportante altamente reattivi, che tendono a decomporsi e complicare la cristallizzazione di metallo-tiolico open frameworks, il tioestere reagisce in situ per fornire le specie tiolo, che serve a mitigare la reazione tra il unità di mercaptano e i centri di metallo e migliorare di conseguenza la cristallizzazione. In particolare, il tioestere è stato sintetizzato in una routine di uno-pentola: un aromatico bromuro (hexabromotriphenylene) ha reagito con eccesso di sodio thiomethoxide condizioni vigoroso per formare prima il prodotto intermedio thioether. Il thioether era quindi demetilato dalla thiomethoxide in eccesso per fornire l'anione tiolico che era acilato per formare il prodotto tioesteri. Il tioestere convenientemente è stato purificato mediante cromatografia su colonna standard e quindi utilizzato direttamente nella sintesi quadro, in cui NaOH ed etilendiammina servono a ripristinare in situ il tioestere al linker di tiolo per il montaggio del singolo-cristallino Pb (II)-dithiolene rete. Rispetto ad altri metodi per la sintesi del tiolo (ad es., fendendo alchil thioether utilizzando sodio metallo e liquido ammoniaca), la sintesi di tioesteri qui utilizza condizioni semplici e reagenti economici. Inoltre, il prodotto di tioestere è stabile e può essere comodamente gestiti e archiviati. Ancora più importante, in contrasto con la difficoltà generica di accesso cristallina metallo-tiolico aperto quadri, dimostriamo che usando il tioestere per in situ formazione del linker tiolo migliora notevolmente la cristallinità della a stato solido prodotto. Abbiamo intenzione di incoraggiare gli sforzi di ricerca più ampi sulle strutture metallo-zolfo tecnologicamente importante divulgando il protocollo sintetico per i tioesteri, nonché il quadro cristallino solido.

Introduction

C'è attualmente di grande interesse nell'impiegare forte, polarizzabile metallo-zolfo (ad es., metallo-tiolico) collegamenti per la costruzione di aprono materiali struttura con elettrocatalitica avanzata e proprietà conduttive1,2 , 3 , 4 , 5 , 6 , 7 , 8 , 9 , 10. oltre a promuovere l'interazione elettronica e trasporto nello stato esteso, i legami metallo-zolfo morbidi e covalenti anche impartire la migliore stabilità per applicazioni in ambienti acquosi. Tra i blocchi di costruzione attrezzata zolfo, simmetrici, multidentate policiclici aromatici elementi costitutivi come 2,3,6,7,10,11-triphenylene hexathiol (HTT)9,11,12,13 , 14 non solo fornitura altamente polarizzabili π-elettroni, ma anche offrire vantaggi distinti rispetto alla progettazione della struttura e sintesi. In primo luogo, il nucleo triphenylene rigida e simmetrica, in collaborazione con i gruppi dithiolene chelante di HTT, serve per bloccare in ioni metallici in motivi regolari incollaggio, semplificando la previsione strutturale della futura rete7, 15. insieme alla geometria rigida e aperta del linker zolfo, strutture di framework con caratteristiche di porosità sostanziale possono essere realizzate spesso allo stato solido.

Una grande sfida in assemblaggio di materiali del tiolo-attrezzata metallo orangic framework (MOF) è radicata nella sintesi delle molecole organiche del linker. In un protocollo di classico, il gruppo tioalcool doveva essere derivato dal gruppo di fenolo utilizzando il riarrangiamento di Newman-Kwart del O- aril fenossiacetico precursore16,17,18. Questo approccio, tuttavia, comporta passaggi elaborati preparative per la molecola del precursore di fenolo come pure le complicazioni potenziali di una trasformazione di fase solida ad alta temperatura. Un altro modo di fare i tioli utilizza riduttiva dealchilazione di tioeteri sotto le dure condizioni di, ad esempio, il sodio metallico in ammoniaca liquida19,20,21,22e non è compatibile con il carbossile e molte altre funzioni di donatore per la costruzione della rete.

In confronto, il protocollo presentato qui ha molteplici vantaggi: sicurezza, comodità, convenienza e compatibilità con altri gruppi funzionali (ad es., carbonitrile e pyridinyl). Riscaldando con vigore l'alogenuro aromatico generalmente poco costoso (ad es., hexabromotriphenylene) e thiomethoxide anione, l'anione thiolate è stato generato (tramite il prodotto intermedio metile thioether) e quindi acilato per dare la stalla e facile da maneggiare tioesteri prodotto-tutto in una pentola.

Descriveremo inoltre una procedura per utilizzando le molecole di tioesteri come forma mascherata del linker di tiolo per accedere a una rete di metallo-dithiolene singolo-cristallino semiconduttore e poroso. A differenza i tioli autoportante altamente reattivi, che tendono a decomporsi e complicare la cristallizzazione di metallo-tiolico open frameworks, il tioestere può essere prontamente spaccati (ad es., di NaOH o etilendiammina) in situ per fornire il specie tiolo, che serve a mitigare la reazione tra le unità di mercaptano e i centri di metallo e di conseguenza migliorare la cristallizzazione.

Questo protocollo di preparazione del tiolo/tioestere non ampiamente utilizzato da altri gruppi per il campo emergente dei quadri di metallo-zolfo, anche se dealkylations nucleofila di tioeteri arilici alchilici di anioni tiolico già sono stati ben documentati di organico chimici23,24,25,26. Proponendo questo efficiente metodo sintetico per tioesteri e loro uso per facilitare la cristallizzazione delle reti di metallo-zolfo, desideriamo promuovere ulteriori sforzi per colmare il divario intellettuale e pratico tra chimica organica sintetica e chimica dello stato solido, in modo da aiutare lo sviluppo veloce e sano dei quadri porosi.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

Attenzione: Si prega di consultare tutte le schede di sicurezza rilevanti prima dell'uso. Metil thiomethoxide disolfuro e sodio sono fortemente maleodorante e deve essere gestita in una cappa aspirante. Sodio metallico è altamente reattivo e richiede speciali misure di sicurezza contro il rischio incendio e rischi di esplosione. Oltre all'uso di una cappa aspirante, dispositivi di protezione individuale (occhiali di sicurezza, guanti, camice da laboratorio, pieno lunghezza pantaloni e scarpe chiuse) dovrebbero essere impiegati correttamente. Porzioni delle seguenti procedure coinvolgono standard, tecniche di gestione privo di aria.

1. preparazione di sodio Thiomethoxide (CH3SNa)

  1. Collegare un pallone di Schlenk 200 mL ad un collettore di gasolio sotto vuoto. Evacuare il pallone e poi backfill con N2 tre volte, tale che il pallone è riempito con una pressione di2 N leggermente positiva.
    Nota: Un metodo simile di preparazione CH3SNa è stato accennato nella letteratura, ma nessun procedure dettagliate sono state fornite27,28.
  2. Prendere un blocco di sodio metallico da serbatoio dell'olio di cherosene. Utilizzare una carta assorbente per togliere l'olio residuo sulla superficie e usare un coltello per togliere lo strato di ossido sulla superficie. Tagliare rapidamente 6,7 g di sodio metallico (0,29 mol) in piccoli pezzi (ad es., circa dimensioni di soia) e trasferire immediatamente i piccoli pezzi nel matraccio Schlenk 200 mL sotto un flusso di contatore di N2. Tappare con un setto immediatamente.
    Nota: Per ridurre l'esposizione all'aria, uno può tagliare fuori il sodio con qualche variazione della quantità di 6,7 g e regolare la quantità di THF e dimetil disolfuro secondo la quantità effettiva di sodio usato.
  3. Trasferimento 80 mL di un THF anidro, senz'aria nella boccetta tramite cannula sotto protezione2 N dalla linea di Schlenk. Prelevare mL 14,0 di solfuro dimetilico (0,158 talpe; pre-eliminato l'inceppo con N2) in una siringa e iniettarla nel pallone goccia a goccia sotto la protezione di2 N.
    Attenzione: Solfuro dimetilico è maleodorante e deve essere gestita in una cappa aspirante.
  4. Sostituire il setto con un tappo di vetro smerigliato. Mescolare la miscela di reazione a temperatura ambiente per 24 h e poi a 60 ° C per 3 h.
    Nota: La miscela di reazione è diventato viscosa sotto agitazione a temperatura ambiente; Quando riscaldato fino a 60 ° C, la miscela può essere mescolata in modo più semplice e quindi accelerare la reazione verso completamento.
  5. Con la temperatura è mantenuta a circa 60 ° C, utilizzare un flusso di N2 (0,2 L/min) per soffiare fuori la maggior parte del solvente THF e il disolfuro di dimetil in eccesso, finché non viene visualizzato un solido asciutto. Utilizzare una trappola a freddo (ad es., ghiaccio secco/acetone) per raccogliere il THF e dimetil disolfuro nel deflusso.
  6. Evacuare il restante miscela solida con un olio pompa per circa 2 h rimuovere il residuo di THF e dimetil disolfuro e poi backfill con N2 per ottenere un solido di colore giallo chiaro (19,8 g, 97%). Conservare il prodotto solido CH3SNa in un'atmosfera di azoto al buio.
    Nota: Per proteggere la pompa dell'olio di vuoto, una trappola a freddo deve essere usata durante il pompaggio.

2. preparazione del 2,3,6,7,10,11-hexoctaedri (pentanoylthio) triphenylene (HVaTT) come un linker tiolo protetta

  1. Caricare 0,664 g di CH3SNa (9.0 mmol) in un matraccio Schlenk 50 mL sotto un flusso di contatore di N2 (cioè., collegato come sopra ad un collettore di aspirazione gas sotto protezione2 N).
    Nota: CH3SNa è sensibile all'aria e assorbe facilmente l'acqua. Per ridurre al minimo l'esposizione all'aria, uno può pesare rapidamente un importo specifico e aggiungerlo al pallone e quindi regolare di conseguenza la quantità di altro reagente, 2,3,6,7,10,11-hexabromotriphenylene (HBT).
    Attenzione: Solido CH3SNa ha un odore forte e deve essere gestita in una cappa aspirante.
  2. Aggiungere 0,216 g di HBT (0,30 mmol) al pallone sotto un flusso di contatore di N2e sigillo la beuta con un setto.
  3. Trasferire 10 mL di anidro e airless 1,3-dimetil-2-imidazolidinone (DMEU) nel pallone tramite cannula sotto protezione2 N dalla linea di Schlenk.
  4. Sostituire il setto con un tappo di vetro normale e mescolare la miscela di reazione e utilizzare un bagno di sale per riscaldare fino a 240 ° C per 48 h N.2.
  5. TLC monitoraggio dello stato di avanzamento della reazione: N.2, utilizzare un contagocce di vetro per prelevare una piccola aliquota della miscela di reazione (circa 0,1 mL) e iniettare immediatamente in un campione di liquido pulito di cloruro di valeroil (circa 0,1 mL) in una plastica microcentrifuga flaconcino e poi agitare per 1 min; la miscela dovrebbe girare subito a torbida con un colore grigio-bianco. Aggiungere 0,4 mL di acqua deionizzata e 0,1 mL di acetato di etile, chiudere il tappo e agitare per pochi secondi.
    Nota: Se la reazione è stata già completata, ci non sarà tutto ciò che appare tra gli strati di acqua e acetato di etile. In caso contrario, una sostanza insolubile bianca apparirà tra i due strati.
  6. Dispensare fuori la parte superiore e usarlo per avvistare i piatti di TLC. Utilizzare 1:4 etere di acetato di etile/petrolio per sviluppare la lastra TLC. Per una reazione completa, la molecola bersaglio si presenta come un normale posto intorno Rf = 0,4 sotto una lampada UV.
  7. Spegnere il riscaldamento e prendere il pallone di reazione fuori il bagno di sale a raffreddare a temperatura ambiente e quindi utilizzare un bagno di ghiaccio per raffreddare il pallone fino a 0 ° C.
  8. Iniettare 1,5 mL di cloruro di valeroil (12,6 mmol) nel pallone goccia a goccia (per un periodo di circa 2 min) con una siringa in N2. Continuate a mescolare a 0 ° C per 2 h. Nota: l'aggiunta di cloruro di valeroil lentamente e a bassa temperatura aiuta a ridurre la generazione di sottoprodotti.
  9. Versare il composto in 50 mL di acqua ghiacciata ed estratto utilizzando acetato di etile (3 30 mL). Quindi lavare lo strato organico combinato con acqua (6 60 mL), asciugare sopra anidro MgSO4e rimuovere le sostanze volatili da un evaporatore rotante.
  10. Isolare il prodotto grezzo oleoso da cromatografia a colonna utilizzando 01:10 etere di acetato di etile/petrolio come eluente, che offre un prodotto oleoso giallo-chiaro dopo rotativo evaporazione dei solventi. Utilizzare 1:4 etere di acetato di etile/petrolio per sviluppare la piastra di TLC, Rf = 0,4. Purificare ulteriormente il prodotto oleoso mediante il passaggio di triturazione qui sotto.
  11. Aggiungere 5 mL di methanolto il prodotto oleoso e Sonicare per 2 min. raccogliere il solido biancastro risultante mediante aspirazione filtrazione (resa: 59%).

3. preparazione dei monocristalli del materiale quadro HTT-Pb

  1. Mescolare 11,4 mg di PbOAc·3H2O (0.030 mmol) in 1,0 mL di diammina dell'etilene in un flaconcino per rendere una soluzione chiara.
  2. Caricare 9,1 mg di HVaTT (0.010 mmol), 2,0 mL di metanolo pre-degassato soluzione di NaOH (70 mmol/L) e 1,0 mL della diammina dell'etilene in una fiala di 10mL vuota e Sonicare per 5 min.
  3. Aggiungere la soluzione di PbOAc alla miscela lisati mediante HVaTT. Poi la bolla la miscela di reazione con N2 per 1 min e messo sul tappo a vite per sigillare il flaconcino.
  4. Riscaldare il flacone a 90 ° C in un forno per 48 h, seguito da raffreddamento naturale a temperatura ambiente, durante la quale giallo-arancio, ottaedrici monocristalli adatti per studi di diffrazione di raggi x del singolo-cristallo si formarono (resa: 45%).
  5. Aspirazione filtrazione fuori i cristalli e lavare rapidamente con MeOH. Trasferire i cristalli con un contagocce di vetro in una fiala contenente airless MeOH (5ml) per stoccaggio a temperatura ambiente.

4. interazione di Paraquat Diiodide con cristalli HTT-Pb

  1. Utilizzare un pipetta Pasteur di vetro per ritirare alcuni grani di cristallo singolo HTT-Pb dello stock di MeOH e rilasciarlo in una capsula Petri (diametro 35 mm e profondità 10 mm). Assorbire il liquido di metanolo di tessuto o carta da filtro (o lasciare che il MeOH asciugare naturalmente) e poi cadere i cristalli di poche gocce di una soluzione acquosa di paraquat diiodide (0,1%, w/w).
  2. Osservare il colore cambiamento dei cristalli dall'occhio o sotto un microscopio.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

Lo spettro IR della molecola HVaTT (raccolto con il metodo di pellet di KBr) presenta suo assorbimento più forte alle 1.700 cm-1, in conformità con l'allungamento del carbonilico del gruppo tioestere funzionale. 1H-NMR lo spettro di HVaTT (400 MHz, CDCl3) rivela un singoletto a δ 8,47 da atomi di idrogeno aromatici, insieme a 4 multipletti da protoni alifatici: δ 8,47 (s, 6 H, CHAr), 2,75-2.72 (t, J = 7.4, 12 H, CH2), 1.81-1.77 (m, 12 H, CH2), 1,50-1.45 (dd, J = 7.4, 12 H, CH2), 1.00-0.97 (t, J = 7.3, 18h, CH3). Lo spettro di 13C-NMR di HVaTT (100 MHz, CDCl3) dispone di un picco a δ 196.52 dal carbonile, tre cime di Lavaredo (δ 132,71, 132,35, 130,02) da parte di triphenylene e 4 picchi in corrispondenza con le catene alifatiche: δ 196.52, 132,71, 132,35 , 130,02, 77.35, 77.04, 76.72, 43.56, 27,66, 22,27 e 13,83.

Spettro IR del prodotto cristallino HTT-Pb (raccolto con il metodo di pellet di KBr) indica l'assenza di carbonilico stretching (circa 1.700 cm-1) e l'alifatici C-H (2.800-3.000 cm-1) che si estende come visto nel reattivo di HVaTT. Il pattern di diffrazione di raggi x (su polveri PXRD) polvere del campione cristallino HTT-Pb così ottenuto è coerenza con la singola struttura di cristallo segnalato29, che indica la purezza di fase cristallina del prodotto HTT-Pb. I monocristalli di HTT-Pb sono anche dimostrati di essere altamente reattivo per il paraquat diiodide in acqua. Vale a dire, a contatto con una soluzione di diiodide il paraquat (ad es., 0,1% w/w), i cristalli neri all'interno di uno o due minuti, puntando a forte carica trasferire interazioni tra il quadro di HTT-Pb elettrone-ricchi e altamente elettrone-carente ospite il paraquat.

Figure 1
Figura 1 : Sintesi della molecola HVaTT. Sintesi parte da thiomethoxide hexabromotriphenylene HBT e sodio, che genera il hexaanion HTT che di conseguenza viene fatto reagire con cloruro di valeroil per formare il prodotto tioesteri, HVaTT. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Figure 2
Figura 2 : Spettri IR the della molecola precursore tioestere del HVaTT (a) e un campione come fatta di cristalli HTT-Pb. Riprodotto da riferimento 29 autorizzazione da The Royal Society of Chemistry.

Figure 3
Figura 3: 1spettro H-NMR del HVaTT. 400 MHz, CDCl3 di usando come solvente.

Figure 4
Figura 4 : 13 Spettro C-NMR del HVaTT. 100 MHz, CDCl3 di usando come solvente.

Figure 5
Figura 5 : Diffrazione a raggi x (Cu Kα, λ = 1.5418 Å) HTT-PB: (a) calcolato dalla struttura del singolo-cristallo; (b) preparata campione globale dei cristalli. Adattato da riferimento 29 con permesso da The Royal Society of Chemistry.

Figure 6
Figura 6 . Pannello (a): un singolo cristallo ottaedrico HTT-PB prima e dopo il trattamento con una soluzione di diiodide il paraquat (PDI, 0,1% p/p). Il bordo del octahedron è circa 0,4 mm. pannello (b): una panoramica del campione globale dei cristalli trattati con PDI HTT-Pb.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

La reazione tra il gruppo di bromo e l'anione thiomethoxide apparentemente prodotto in primo luogo il thioether di metile, che poi è stato demetilato dalla thiomethoxide in eccesso per fornire il prodotto di thiolate anione. Per garantire la completa conversione per l'anione tiolico desiderata (soprattutto per un substrato di PBDE come HBT), le condizioni vigorose di prolungato riscaldamento (ad es., 240 ° C oltre 48 h) con un grande eccesso di sodio thiomethoxide (ad esempio, più di tre volte le talpe dei gruppi bromo) sono essenziali. Protezione di azoto è anche necessaria per prevenire l'ossidazione delle specie tiolico dei reagenti e dei prodotti. Il passo di acilazione (ad es., cloruro di valeryl iniettare la miscela di reazione raffreddata da un bagno di ghiaccio) non solo fornisce i tioesteri come un prodotto stabile e facilmente isolatable, ma offre anche comodità nel monitorare lo stato di avanzamento della reazione. Ad esempio, una piccola aliquota della miscela di reazione può essere ritirata (sotto la protezione di2 N) e immediatamente iniettata in una soluzione di cloruro di valeryl, che può quindi essere utilizzata per TLC monitoraggio dello stato di avanzamento della reazione.

Si noti che la qualità del reagente di thiomethoxide di sodio (NaSMe) è anche fondamentale per la realizzazione della molecola HVaTT nella procedura precedente. Anche se il reagente NaSMe commerciale ha ripetutamente dimostrato affidabile, altamente efficace NaSMe campioni possono anche essere economicamente preparati in casa su una scala di grammo (come descritto nel protocollo).

Nella reazione solvothermal per la preparazione di monocristalli della rete HTT-Pb, che presenta un quadro anionico di formula [Pb3OH0,5(HTT)]1.5 -, è fondamentale utilizzare la forma estere, cioè, 2,3,6,7,10,11-hexoctaedri ( pentanoylthio) triphenylene (HVaTT), come materiale di partenza. Ad esempio, se il tiolo libero di HTT e la soluzione di2 Pb(OAc) era direttamente mescolato tra loro, una polvere amorfa è stata osservata per precipitare immediatamente, senza l'aumento distinti di cristallinità effettuata anche con il riscaldamento prolungato trattamento della miscela di reazione. Le condizioni di reazione, il reattivo di HVaTT ha subito idrolisi in situ per generare le specie tiolo HTT e così hanno funzionato come una versione mascherata del tiolo altamente reattivo building block di HTT. Di conseguenza, HVaTT serve efficacemente per attenuare il processo di formazione rete, vale a dire, rallentando la reazione fra le unità di zolfo e i Pb2 + ioni e consentendo per più ordinato prodotto cristallino a cui accedere. La formazione di grandi monocristalli di HTT-Pb (giallo-arancio ottaedrico, circa 0,3 mm) è anche causata dalle sue caratteristiche strutturali. Vale a dire, l'individuo Pb (II)-apparecchi dithiolene HTT-Pb sono integrati attraverso un µ3- oxo atomo; così, la cerniera labile di3O di Pb (rispetto le obbligazioni più intrattabile di Pb-S) come l'anello più debole della rete 3D offre più reversibilità per raggiungere lo stato cristallino singolo altamente ordinato. Tuttavia, ci aspettiamo che la cristallinità di altre reti di metallo-tiolico in generale dovrebbe beneficiare l'uso dei tioli protetti (come i tioesteri HVaTT) per forniture in situ del linker del tiolo.

Oltre ai vantaggi dei reagenti sicuri e a basso costo (ad es., confrontato con sodio metallico in ammoniaca liquida), questo protocollo offre maggiore compatibilità con altri gruppi funzionali cruciale per la costruzione della struttura. Ad esempio, la nostra esplorazione in corso dimostra che carbonitrile e pyridinyl gruppi sono generalmente tolleranti le condizioni di reazione, e tioesteri attrezzato carbonitrile e N-eterocicli possono essere preparati in modo efficiente da un protocollo simile. In condizioni alcaline, tioesteri sia il carbonitrile gruppi possono essere prontamente idrolizzati in gruppi carbossilici e del tiolo, rispettivamente, in tal modo generando linker carbossilico del tiolo-attrezzato che hanno dimostrato di essere importante per la costruzione di MOF 10,30,31,32,33,34. Le molecole di N-heterocycle tiolo-attrezzata, d'altra parte, possono essere direttamente utilizzate per coordinare con ioni metallici per la costruzione della rete, una zona di ricerca che dispone anche di un record di filone noto come pure in corso intensi studi2, 4.

La compatibilità con i gruppi estere e carbossilato, tuttavia, rimane problematica a volte. Ad esempio, gruppi estere sono generalmente trasformate in carboxylates in queste condizioni vigorosamente nucleofile (ad es., tramite dealchilazione del gruppo estere). Il gruppo carbossilato, con la sua carica negativa, tende a ostacolare l'anione thiomethoxide nel suo attacco all'etere metiltio; Inoltre, decarbossilazione è spesso osservata sotto la condizione di riscaldamento prolungato utilizzata nel protocollo. Gli sforzi di ricerca per migliorare questa situazione quindi sono veramente garantiti.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Gli autori non hanno nulla a rivelare.

Acknowledgments

Questo lavoro è stato supportato dalla Fondazione nazionale di scienze naturali della Cina (21471037), Guangdong scienza naturale fondi per illustri giovani studiosi (15ZK0307), scienza e tecnologia pianificazione progetto della provincia di Guangdong (2017A050506051) e la Consiglio di sovvenzioni di ricerca del HKSAR [GRF 11303414].

Materials

Name Company Catalog Number Comments
Bromine DAMAO CHEMICAL REAGENT FACTORY 7726-95-6 Highly toxic
Triphenylene   HWRK Chem HWG45510
Iron powder Sigma-Aldrich 12310
Nitrobenzene DAMAO CHEMICAL REAGENT FACTORY 2934
Diethyl ether  DAMAO CHEMICAL REAGENT FACTORY 48
Dichloromethane DAMAO CHEMICAL REAGENT FACTORY 3067
Sodium metal J&K WM-NMS-54-25X-50G Air sensitive
Tetrahydrofuran J&K 315353
Dimethyl disulfide INTERNATIONAL LABORATORY USA 726415
1,3-Dimethyl-2-imadazolidinone J&K 50483 Dried over 4Å sieves
Valeryl  chloride J&K 99590
Methanol Guangzhou Chemical Reagent Factory 2334
Sodium hydroxide Guangzhou Chemical Reagent Factory 1588
Ethylene diamine Riedel-de Haën 15070
Lead acetate trihydrate PEKING CHEMICAL WORKE 861218

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Zhao, Y., et al. A paramagnetic lamellar polymer with a high semiconductivity. Chem Commun. 0, (11), 1020-1021 (2001).
  2. Su, W., Hong, M., Weng, J., Cao, R., Lu, S. A semiconducting lamella polymer [{Ag(C5H4NS)}n] with a graphite-like array of silver(I) ions and its analogue with a layered structure. Angew Chem Int Ed. 39, (16), 2911-2914 (2000).
  3. Tang, X. -Y., Li, H. -X., Chen, J. -X., Ren, Z. -G., Lang, J. -P. Synthetic and structural chemistry of groups 11 and 12 metal complexes of the zwitterionic ammonium thiolate ligands. Coord Chem Rev. 252, (18-20), 2026-2049 (2008).
  4. Takaishi, S., et al. Electroconductive porous coordination polymer Cu[Cu(pdt)2] composed of donor and acceptor building units. Inorg Chem. 48, (19), 9048-9050 (2009).
  5. Kobayashi, Y., Jacobs, B., Allendorf, M. D., Long, J. R. Conductivity, Doping, and Redox Chemistry of a Microporous Dithiolene-Based Metal-Organic Framework. Chem Mater. 22, (14), 4120-4122 (2010).
  6. Low, K. -H., Roy, V. A. L., Chui, S. S. -Y., Chan, S. L. -F., Che, C. -M. Highly conducting two-dimensional copper(I) 4-hydroxythiophenolate network. Chem Commun. 46, (39), 7328-7330 (2010).
  7. Kambe, T., et al. π-Conjugated Nickel Bis(dithiolene) Complex Nanosheet. J Am Chem Soc. 135, (7), 2462-2465 (2013).
  8. Mensforth, E. J., Hill, M. R., Batten, S. R. Coordination polymers of sulphur-donor ligands. Inorg Chim Acta. 403, 9-24 (2013).
  9. Cui, J., Xu, Z. An electroactive porous network from covalent metal-dithiolene links. Chem Commun. 50, (30), 3986-3988 (2014).
  10. Sun, L., Miyakai, T., Seki, S., Dincă, M. Mn-2(2,5-disulfhydrylbenzene-1,4-dicarboxylate): A Microporous Metal-Organic Framework with Infinite (-Mn-S-)∞ Chains and High Intrinsic Charge Mobility. J Am Chem Soc. 135, (22), 8185-8188 (2013).
  11. Dong, R., et al. Large-Area, Free-Standing, Two-Dimensional Supramolecular Polymer Single-Layer Sheets for Highly Efficient Electrocatalytic Hydrogen Evolution. Angew Chem Int Ed. 54, (41), 12058-12063 (2015).
  12. Clough, A. J., Yoo, J. W., Mecklenburg, M. H., Marinescu, S. C. Two-Dimensional Metal-Organic Surfaces for Efficient Hydrogen Evolution from Water. J Am Chem Soc. 137, (1), 118-121 (2015).
  13. Xu, Z., Li, K., Fettinger, J. C., Li, J., King, M. M. A Semiconductive Coordination Network Based on 2,3,6,7,10,11-Hexakis(methylthio)triphenylene and BiCl3. Cryst Growth Des. 5, (2), 423-425 (2005).
  14. Sheberla, D., et al. High Electrical Conductivity in Ni3(2,3,6,7,10,11-hexaiminotriphenylene)2, a Semiconducting Metal-Organic Graphene Analogue. J Am Chem Soc. 136, (25), 8859-8862 (2014).
  15. Dirk, C. W., et al. Metal poly(benzodithiolenes). Macromolecules. 19, (2), 266-269 (1986).
  16. Edwards, J. D., Pianka, M. 1346. Isomerisation of 2-butyl-4,6-dinitrophenyl thiocarbamates. J. Chem. Soc. (0), 7338 (1965).
  17. Kwart, H., Evans, E. R. The Vapor Phase Rearrangement of Thioncarbonates and Thioncarbamates. J Org Chem. 31, (2), 410-413 (1966).
  18. Newman, M. S., Karnes, H. A. The Conversion of Phenols to Thiophenols via Dialkylthiocarbamates1. J Org Chem. 31, (12), 3980-3984 (1966).
  19. Wolman, Y. The Thiol Group (1974). John Wiley & Sons, Ltd. 669-684 (2010).
  20. Harnisch, J. A., Angelici, R. J. Gold and platinum benzenehexathiolate complexes as large templates for the synthesis of 12-coordinate polyphosphine macrocycles. Inorg Chim Acta. 300, 273-279 (2000).
  21. Yip, H. K., Schier, A., Riede, J., Schmidbaur, H. Benzenehexathiol as a template rim for a golden wheel: synthesis and structure of [CSAu(PPh3)]6. J Chem Soc Dalton Trans. (15), 2333-2334 (1994).
  22. Sakamoto, R., et al. pi-Conjugated Trinuclear Group-9 Metalladithiolenes with a Triphenylene Backbone. Inorg Chem. 52, (13), 7411-7416 (2013).
  23. Testaferri, L., Tiecco, M., Tingoli, M., Chianelli, D., Montanucci, M. Simple Syntheses of Aryl Alkyl Thioethers and of Aromatic Thiols from Unactivated Aryl Halides and Efficient Methods for Selective Dealkylation of Aryl Alkyl Ethers and Thioethers. Synthesis. (9), 751-755 (1983).
  24. Testaferri, L., Tingoli, M., Tiecco, M. Reactions of polychlorobenzenes with alkanethiol anions in HMPA. A simple, high-yield synthesis of poly(alkylthio)benzenes. J Org Chem. 45, (22), 4376-4380 (1980).
  25. Tiecco, M. Selective dealkylations of aryl alkyl ethers, thioethers, and selenoethers. Synthesis. (10), 749-759 (1988).
  26. Tiecco, M., Tingoli, M., Testaferri, L., Chianelli, D., Maiolo, F. Selective dealkylation of bis[alkylthio]benzenes: elimination-substitution competition with methoxide and methanethiolate ions in hexamethylphosphoric triamide. Synthesis. (6), 478-480 (1982).
  27. Wark, T. A., Stephan, D. W. Early metal thiolato species as metalloligands in the formation of early/late heterobimetallic complexes: syntheses and molecular structures of Cp2Ti(SMe)2, Cp2V(SMe)2, (Cp2Ti(µ-SMe)2)2Ni and (Ni(µ-SMe)2)6. Organometallics. 8, (12), 2836-2843 (1989).
  28. Chakraborty, P. Sodium methanethiolate. e-EROS Encycl Reagents Org Synth. 1-5 (2014).
  29. Huang, J., et al. A semiconducting gyroidal metal-sulfur framework for chemiresistive sensing. J Mater Chem A. 5, (31), 16139-16143 (2017).
  30. He, J., et al. Building thiol and metal-thiolate functions into coordination nets: Clues from a simple molecule. J Solid State Chem. 182, (7), 1821-1826 (2009).
  31. Yee, K. -K., et al. Effective Mercury Sorption by Thiol-Laced Metal-Organic Frameworks: in Strong Acid and the Vapor Phase. J Am Chem Soc. 135, (21), 7795-7798 (2013).
  32. Yee, K. -K., et al. Room-temperature acetylene hydration by a Hg(II)-laced metal-organic framework. Chem Commun. 51, (54), 10941-10944 (2015).
  33. Gui, B., et al. Tackling poison and leach: catalysis by dangling thiol-palladium functions within a porous metal-organic solid. Chem Commun. 51, (32), 6917-6920 (2015).
  34. He, J., Zeller, M., Hunter, A. D., Xu, Z. Functional shakeup of metal-organic frameworks: the rise of the sidekick. CrystEngComm. 17, (48), 9254-9263 (2015).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Usage Statistics