Profilare IgG anti-Neu5Gc in Sera umana con un assaggio microarray di Sialoglycan

Behavior

Your institution must subscribe to JoVE's Behavior section to access this content.

Fill out the form below to receive a free trial or learn more about access:

 

Summary

Un saggio di microarray sialoglycan può essere utilizzato per valutare gli anticorpi anti-Neu5Gc nei sera umani, rendendolo un potenziale analisi diagnostica ad alto rendimento per il cancro e altre malattie umane mediate dall'infiammazione cronica.

Cite this Article

Copy Citation | Download Citations

Leviatan Ben-Arye, S., Yu, H., Chen, X., Padler-Karavani, V. Profiling Anti-Neu5Gc IgG in Human Sera with a Sialoglycan Microarray Assay . J. Vis. Exp. (125), e56094, doi:10.3791/56094 (2017).

Please note that all translations are automatically generated.

Click here for the english version. For other languages click here.

Abstract

Le cellule sono coperte da un mantello di catene di carboidrati (glicani) che sono comunemente alterati nel cancro e che includono variazioni nell'espressione di acido sialico (Sia). Questi sono gli zuccheri acidi che hanno una spina dorsale di 9 carbonio e che il cappuccio vertebrare i glicani sulle superfici delle cellule. Due delle principali forme di Sia nei mammiferi sono l'acido N- acetilneuraminico (Neu5Ac) e la sua forma idrossilata, l'acido N- glycolylneuraminic (Neu5Gc). Gli umani non possono produrre Neu5Gc endogeno a causa dell'inattivazione del gene che codifica la citidina 5'monophosphate-Neu5Ac (CMP-Neu5Ac) idrossilasi (CMAH). Il Neu5Gc straniero viene acquisito dalle cellule umane attraverso il consumo alimentare di carne rossa e latticini e successivamente appare su diversi glicani sulla superficie cellulare accumulandosi principalmente sui carcinomi. Di conseguenza, gli esseri umani hanno anticorpi anti-Neu5Gc circolanti che svolgono diversi ruoli nel cancro e in altre malattie mediate da infiammazioni croniche e che stanno diventando potenziali diagnostiche e terapeutichergets. Qui descriviamo un test di microarray di Sialoglycan ad alta percentuale per valutare tali anticorpi anti-Neu5Gc nei sera umani. I glicanti contenenti Neu5Gc e le loro corrispondenti coppie di controlli (glicanti contenenti Neu5Ac), ognuno con un ammino primario di base, sono legati covalentemente a vetrini in vetro epossidico. Esempiamo la stampa di 56 diapositive in un formato a 16 pozzetti utilizzando una specifica stampante nano in grado di generare fino a 896 array per stampa. Ogni diapositiva può essere utilizzata per la visualizzazione di 16 diversi campioni di sera umani per la valutazione della specificità, intensità e diversità degli anticorpi anti-Neu5Gc. Il protocollo descrive la complessità di questo strumento robusto e fornisce una guida di base per coloro che intendono indagare la risposta all'antigene carboidrato alimentare Neu5Gc in diversi campioni clinici in un formato di matrice.

Introduction

Sias sono zuccheri acidi che coprono catene di glicamine sulle glicoproteine ​​delle superfici cellulari e sui glicolipidi nei vertebrati. L'espressione Sia è modificata nelle cellule tumorali 1 e si correlano con la progressione e / o la metastasi 2 , 3 . Due delle principali forme Sia nei mammiferi sono Neu5Ac e la sua forma idrossilata, Neu5Gc 2 . Gli esseri umani non possono sintetizzare Neu5Gc a causa di una inattivazione specifica del gene che codifica l'enzima CMAH. Questa non umana Sia mette metabolicamente in cellule umane come "sé", proveniente da alimenti ricchi di nutrienti Neu5Gc ( es. Carni rosse) 4 , 5 . Neu5Gc è presente a bassi livelli sulle superfici cellulari dell'epitelio umano e dell'endotelina, ma si accumula soprattutto nei carcinomi. Neu5Gc è riconosciuto come straniero dal sistema immunitario humorale 2 , 6 .La complessità antigenica di Neu5Gc-glicani può avvenire a più livelli, tra cui la modifica di Neu5Gc, il legame, i glicanti sottostanti e gli scaffold e la loro densità, tutti riflessi dalla complessità della risposta anticorpale anti-Neu5Gc negli esseri umani 6 . Alcuni di questi anticorpi servono come biomarcatori del carcinoma e immunoterapia potenziale 7 . L'avvento della sintesi chemoenzimatica di diversi sialicani 8 ha aperto la strada all'analisi più approfondita di tali anticorpi, facilitata dall'utilizzo della tecnologia microarray a glicole 9 , 10 . Così, con la preparazione facilitata e la manipolazione di grandi librerie di carboidrati naturali e sintetici, i microarray glicanici sono diventati una potente tecnologia ad alto rendimento per indagare le interazioni dei carboidrati con una miriade di biomolecole 10 , 11 , 12 , 13 . In un formato a matrice vengono utilizzate quantità minime di materiali e questa visualizzazione multivalente di glicani biologicamente rilevanti consente di individuare migliaia di interazioni di legame in un singolo esperimento. Importante, questa tecnologia può essere applicata anche alla scoperta dei biomarker e al monitoraggio delle risposte immunitarie nei vari campioni 7 , 12 .

La fabbricazione di microarray di glico di successo richiede la considerazione di tre aspetti importanti: il tipo di robot della stampante, la chimica di coniugazione di glicole e l'ottica di rilevazione. Per quanto riguarda la tecnica dello strumento di stampa, sono disponibili due tecniche: contatti e stampanti non a contatto. Nella stampa a contatto, 1-48 pins d'acciaio vengono immersi in una piastra di fonte multi-well contenente la soluzione di glicina e sono scoperti su diapositive di vetro funzionalizzate direttamente contattando la superficie di scivolo in vetro. La quantità di soluzione deFegato alla diapositiva è una funzione della durata persistente sulla superficie di scorrimento. Di solito, i campioni vengono prima pre-macchiati su un blocco di vetro (per raggiungere macchie omogenee) prima che siano stampate sulla superficie di scorrimento. Nelle stampanti non a contatto ( ad esempio, la stampante piezo-elettronica), i glicani vengono stampati da un capillare di vetro utilizzando segnali elettrici controllati. Il segnale elettrico può essere calibrato finemente per ottenere una stampa più precisa rispetto alla stampa a contatto. La dimensione e la morfologia dei punti sono anche relativamente più omogenei. Un ulteriore vantaggio è il riciclo del campione di nuovo alla piastra di origine dopo la stampa. Tuttavia, il principale svantaggio delle stampanti piezoelettroniche è la limitazione delle punte di stampa (4 o 8), con una durata di stampa molto lunga, che richiede particolare attenzione alla stabilità della slitta, alla temperatura, all'umidità e all'evaporazione del campione. La stampante a getto d'inchiostro non contatto richiede maggiori volumi di campionamento 14 .

10 , 11 , 12 , 13 . Per informazioni dettagliate sulla tecnologia microarray a glicina stampata per l'inaugurazioneD investigatore, fare riferimento a queste eccellenti recensioni 13 , 15 . Importante, le recenti informazioni minime necessarie per un'iniziativa per esperimenti di Glycomics (MIRAGE) descrivono le linee guida per la preparazione dei campioni 16 e per la segnalazione di dati da analisi microarray a glicole 17 per migliorare gli standard in questo campo crescente.

Qui descriviamo un protocollo dettagliato per la fabbricazione di microarray sialoglycan usando una specifica nano-stampante a contatto in un formato a 16 pozzetti. Ognuno dei glicani possiede un'ammina primaria che medierà il loro legame covalente alle vetrate in vetro epossidico. Descriviamo anche lo sviluppo e l'analisi di una sola diapositiva usando vari campioni di sera umani, anticorpi e lectini vegetali di Sia. I test di analisi microarray di Sialoglycan comportano diversi passi importanti che includono la fabbricazione, l'elaborazione, lo sviluppo e l'analisi di array. La fabbricazione dell'array richiede la pianificazione dell'arRay, preparando i glicani e la piastra sorgente, programmando la nano-stampante e stampando le diapositive. Successivamente, le diapositive vengono elaborate, sviluppate e analizzate ( Figura 1 ).

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Protocol

I campioni di sera umani sono stati ottenuti dalla banca di sangue israeliana e sono stati utilizzati in conformità con la dichiarazione di Helsinki e il consiglio di revisione istituzionale dell'università di Tel Aviv.

1. Pianificazione e layout di fabbricazione dell'array

  1. Determinare il layout della diapositiva.
    NOTA: Ogni diapositiva contiene 16 sotto-array divisi in 16 blocchi identici numerati da B1 a B16 ( Figura 1B , Figura 1A supplementare ).
  2. Determinare il layout del perno. Utilizzate quattro punte, ciascuna stampa quattro sotto-array (blocchi) per diapositiva:
    Pin 1 stampa Blocchi 1, 2, 9 e 10;
    Pin 2 stampa Blocchi 3, 4, 11 e 12;
    Pin 3 stampa Blocchi 5, 6, 13 e 14; e
    Pin 4 stampa i blocchi 7, 8, 15 e 16 ( Figura 1A supplementare ).
  3. Determinare il layout del blocco e della piastra da 384 pozzetti.
    NOTA: L'ordine in cui i glicani appaiono in ogni blocco richiede un'attenta pianificazione. In questo esempio arrAy, stampare ogni campione a quattro repliche, indicare le macchie di marcatori fluorescenti per essere posizionati nell'angolo in basso a destra (per facilitare l'analisi spot) e stampare le macchie di IgG (STD) standard a sei concentrazioni crescenti ( Figura 1B supplementare ).
    1. Per ogni punto stampato, distribuire il materiale in quattro pozzetti (uno per ogni perno) in una piastra da 384 pozzetti.
      NOTA: L'ordine dei materiali nella piastra a 384 pozzetti si basa sul layout di blocco progettato ( Figura 1B-C supplementare ).

2. Preparazione di Glycans e Source Plate

  1. Preparare il tampone di stampa a glicina (50 mL di tampone di fosfato 300 mM, pH 8,4). Pesare 58,5 mg di fosfato monosodico monoidrato (NaH 2 PO 4 .1H 2 O) e 3,9 g di disodio fosfato eptaidrato (Na 2 HPO 4 7H 2 O) in 40 mL di acqua deionizzata (DIW). Titolazione a pH 8,4 con 4 M NaOH. Regolare il volume a 50 mlD filtrare attraverso una membrana da 0,2 μm per la sterilizzazione.
  2. Preparare il buffer marker (50 mL di 187 mM tampone fosfato, pH 5). Pesare 289 mg di fosfato monosodico monoidrato (NaH 2 PO 4 .1H 2 O) e 1,94 g di disodio fosfato eptaidrato (Na 2 HPO 4 7H 2 O) in 40 mL di DIW. Titolate a pH 5 utilizzando 1 M HCl. Regolare il volume a 50 ml e filtrare attraverso una membrana da 0,2 μm per la sterilizzazione.
  3. Preparare il tampone della curva STD (50 ml di PBS-glicerolo: salina fosfato-tamponata, pH 7,4, integrata con il 10% di glicerolo da un glicerolo 100%) e filtrarlo attraverso una membrana da 0,2 μm per la sterilizzazione.
  4. Preparare ogni soluzione di glicola a 10 mM in DIW. Verificare le concentrazioni di glicole sialilate mediante rilevamento di fluorescenza sull'analisi cromatografica a liquido ad alta pressione in fase inversa 18 .
  5. Diluire ogni glicano a 100 μM in un volume totale di 100 μl di tampone di stampa glicanticoIn tubi di microcentrifuga.
  6. Preparare il colorante fluorescente contenente amine primaria. Solubilizzare Alexa 555-idrazide a 1 mg / mL con tampone marcatore e quindi diluire a 1 μg / mL in un volume totale di 1 mL.
    NOTA: qualsiasi altro colorante contenente amine contenente amine può essere utilizzato con una lunghezza d'onda appropriata in base allo scanner a scorrimento.
    NOTA: i punti di marcatura facilitano l'allineamento della griglia in ogni blocco durante l'analisi.
  7. Preparare le diluizioni della curva di IgG STD umana: preparare 0,5 mL di una soluzione di IgG umana a 160 ng / μL nel tampone della curva STD. Diluire serialmente lo stock 1: 1 sei volte per ottenere 80, 40, 20, 10, 5 e 2,5 ng / μL, tutti in buffer della curva STD con un volume totale di 200 μL ciascuno.
    NOTA: Altri isotipi Ig possono essere usati se adatti per l'esperimento ( ad es. IgA umano, IgM, IgE o Ig di un organismo diverso).
  8. Posizionare il piatto di 384 pozzetti sul ghiaccio. Utilizzando una multi-pipetta elettronica, l'aliquota 7 μL di ciascuna glicina, marcatore e curva STD IgG-4 replicareS di ciascuno - secondo il layout della piastra ( Figura 1C supplementare ). Per una migliore precisione, caricare 35 μL di ogni campione e l'aliquota 7 μL in ciascuno dei quattro pozzetti del campione. Posizionare i rimanenti 7 μl di ogni glicano nel loro tubo originale.
  9. Coprire la piastra con il parafilm e spin giù per 2 minuti a 250g e 12 ° C. Mettere la piastra a temperatura ambiente (RT), protetta dalla luce. Non scoprire la piastra prima che l'umidità della stanza raggiunga il 60-70%.

3. Programmazione del Nano-stampante

  1. Aprire il software "Microarray Manager". Utilizza la finestra "Proprietà del metodo".
  2. Impostare il layout della tabella di lavoro: scegliere la "56 diapositiva".
    NOTA: questa è una configurazione predefinita che consente la stampa di 56 diapositive. Calibrare per ogni tipo di piastra, pin e formato di stampa ( Figura 2 supplementare , passaggio 1).
  3. Selezionare "Configurazione pin"| "Pin Tool 1x4 9 mm".
    NOTA: questa è una configurazione predefinita per l'utilizzo di quattro pin ( Figura 2 supplementare , passaggio 2).
  4. Definire il tipo di pin. Calcolare e creare il tipo di pin adatto alla stampa.
    NOTA: Questo passo definisce quanti punti un pin dovrebbe stampare prima di riemergere nel campione 384-well e dovrebbe essere ottimizzato per i diversi tipi di pin e la chimica della superficie di scorrimento.
    NOTA: Quando si utilizzano i piedini 946MP3, considerare due importanti questioni: 1) ogni pin può stampare fino a 140 spot omogenei e 2) il pre-spotting è essenziale per scaricare il liquido in eccesso dalla punta del perno prima di stampare sulle diapositive. Pertanto, programmare ogni pin per stampare 20 pre-spot su un blocco di pre-stampa (ottimizzato per i pin 946MP3 su diapositive rivestite in epoxy).
    1. Calcolare il numero totale di punti stampati per campione.
      NOTA: qui, ciascun pin mette 4 punti per sotto-array (blocco); Un totale di 4 sotto-array per diapositive = 16 spot / slide. Dopo 7 diapositive, ogni perno stampa 16 punti 7 = 112. Inoltre, 20 pre-spot prima della stampa dà 132 punti / tuffo. Pertanto, il tipo di pin è definito come "946MP3-132 spot" (4 spot per campione per blocco x 4 blocchi x 7 diapositive + 20 pre-spot = 132).
    2. Crea il "Tipo di pin" ( Figura 2 supplementare , passaggio 3). Premere "Setup" (pannello sinistro del software). | "Micro Spotting Pins" | "Nuovo nome" (punti 946MP3-132). Definire il numero di punti per dip (132), il diametro spot (100 μm), l'assorbimento (0,25 μL), la distribuzione (0,7 nL) e la distanza minima del punto (100 μm). Premere "OK" | "OK."
    3. Nella finestra "Proprietà metodo", selezionare il tipo di pin creato: "946MP3-132 spot".
  5. Definire le condizioni di lavaggio. Impostare "Lavaggio prima dell'avviamento" e "Lavaggio dopo la finitura" su "Lavaggio normale" ( Figura 2 supplementare , passaggio 4).
  6. Definire l'elenco "Plate".
    NOTA: Questo è il modello di campionamento dalla piastra (l'ordine di scorrimento dalla piastra a 384 pozzetti) in base al layout della piastra. Per caricare la lastra nell'elenco delle piastre, impostare un modello di campionamento delle lastre.
    1. Crea il piatto "Campionamento di campionamento". Vai a "Modelli" ( Figura 3 supplementare ) "Campioni di campionamento". Dare un nuovo nome ( ad esempio, array JoVE) e selezionare "Inserisci". | "Fill top-bottom" | "Pin Strumento 1 x4 9 mm". Selezionare l'ordine dei pick-up ben definiti in base al layout della piastra predefinito ( Figura 1A supplementare ). Premere "OK" | "OK."
    2. Caricare il pattern di campionamento delle piastre. Fare clic sul lato destro della cella "Plate list" ( Figura supplementare Figura 3 ) "Aggiungi piastra" e selezionare il modello di campionamento della piastra corretta (la "matrice JoVE" descritta nel passaggio 3.6.1). Selezionare "Lavaggio normale". stampa"OK" | "OK."
  7. Vai alle "Piastre di campionamento" e cambia l'offset di posizione su 1 (che determina dove la piastra si trova sulla piattaforma dell'allarme).
    NOTA: La posizione offset di 0 è più vicina al bagno del sonicatore.
  8. Definire il "Microarray Print Design". Calcolare le distanze da blocco a blocco e spaziatura.
    1. Prendiamo in considerazione le dimensioni dello strumento di sviluppo che divide la diapositiva in 16 pozzetti di 7 x 7 mm, con spazi di 2 mm tra sotto-array (un totale di 9 mm tra i blocchi, figura 4 supplementare ).
    2. Considera le dimensioni della sotto-matrice.
      NOTA: la distanza tra le macchie è di 0,275 mm e ci sono 12 colonne e 18 righe in questo disegno di stampa; Le dimensioni totali sono: larghezza (11 x 0.275 mm = 3.025 mm) e altezza (17 x 0.275 mm = 4.675 mm). Calcolare la distanza orizzontale: 9 mm - (11 0.275) = 5.97 mm. Calcolare la distanza verticale: 9 mm - (17 x 0.275) = 4.325 mm. Calcola dDal lato sinistro della diapositiva: 4,33 mm + 1,07 mm = 5,5 mm. Calcolare la distanza dal lato superiore della diapositiva: 2,95 mm + 0,55 mm = 3,5 mm ( Figura 4 supplementare ).
    3. Definire i "Disegni di stampa" ( Figura 5 supplementare ). Seleziona "Modelli" | "Print Designs" | "Nuovo."
      1. Selezionare "Pin Setup" | "Pin Strumento 1 x 4 9 mm" | "Pin - 946MP3-132 punti". Nella scheda "Generale", modificare il "nome della stampa microarray" (ad esempio, "array JoVE"). Selezionare "Spot Speed" | "Replica numero" (4) | "Altezza del tocco" (0 mm) "Altezza Soft Touch" (3 mm) "Stampa a tutte le posizioni disponibili" ( Figura 5A supplementare ).
      2. Nella scheda "Microarray", scegliere la distanza orizzontale e verticale (5,9 mm e 4,325 mm dal punto 3.8.2) e il numero di microarray orizzontali e verticali (2). Selezionare "StampaMicroarray orizzontalmente "|" Print Duplicate Microarray "( Figura 5B supplementare ).
      3. Nella scheda sub-array, scegliere il numero massimo di colonne (12), il numero massimo di righe (18) e la distanza tra le colonne e le righe (275 μm) ( Figura 5C supplementare ).
      4. Nella scheda misure, scegliere la distanza dal lato sinistro della diapositiva (5.5 mm), la distanza dalla parte superiore della diapositiva (3,5 mm, calcolata nel passo 3.8.2), la larghezza dello scivolo di stampa (25 mm) , E l'altezza della slitta di stampa (75 mm) ( Figura 5D supplementare ). Premere "OK" | "OK."
  9. Fare clic sul lato destro della cella "Microarray Print Designs" e selezionare il disegno definito ("JoVE array" dal punto 3.8.3; Figura 6 supplementare ).
  10. Definire il "Slide Count" (56) e modificare il "Offset di posizione" (0). Questo determina il poLa prima diapositiva da stampare sul ponte dell'arrampatura ( Figura 6 supplementare ).
  11. Definire il "Microarray Pre-Print Design" ( Figura 6 supplementare ). Selezionare "Blocco Vetro" | "Pre-stampa 1 x pin da 4 mm".
    NOTA: Questa impostazione di spaziatura consente di ottenere 46,464 pre-spot (per tutti e 4 i pin) sul blocco di vetro, quindi 46,464 / 4 = 11.616 punti pre-per perno. Quando lo spazio sul blocco di pre-stampa era stato esaurito, la stampante si fermerà e il blocco dovrà essere ripiegato.
    NOTA: per calcolare dopo quanti campioni il blocco di pre-stampa è pieno, considerare quanto segue: ogni campione sarà preso da 8 pin-dips nella piastra di 384 pozzetti per completare 56 diapositive (7 diapositive per tuffo) e ogni tuffo Ha altri 20 pre-spot, dando un totale di 160 pre-spot per campione. Pertanto 11.616 / 160 = 72.6 campioni. Pertanto, il blocco di vetro di pre-stampa dovrebbe essere ripiegato dopo 72 campioni (per valutare il tempo di spostamento, misura hCi vorrebbe un campione per completare un percorso completo su 56 diapositive e poi moltiplicarlo per 72).
  12. Selezionare "Utilizza PrePrint Design". | "Sì" | "Scansione dei codici a barre" (No) | "Stampa singola replica" (No) ( Figura 6 supplementare ).
  13. Fai clic su "Convalida" ( Figura 6 supplementare ).
  14. Fare clic su "Salva" e salvare il metodo come un file arr. (Ad esempio, "JoVE array.arr", Figura 6 supplementare ).

4. Stampa di matrici progettate

NOTA: Tutti i passaggi devono essere eseguiti in una stanza pulita con umidità del 60-70% e con guanti e abbigliamento adeguati per la protezione

  1. Accendere la macchina nano-stampante e l'umidificatore.
  2. Per il tampone di lavaggio e l'umidificazione, riempire con acqua di DI. Svuotare la bottiglia di lavaggio (scarico) e il carbocco della trappola per umidificazione ( Figura 7A supplementare ).
  3. Impostare l'umidificatore su70% di umidità e avvio di umidificazione.
  4. Pulire tutti i pin prima della stampa. Preparare 50 ml di soluzione di pulizia (65 ° C) (15 g di reagente di pulizia a pin-tip e 50 ml di acqua di 65 ° C, mescolati accuratamente fino a quando il reagente solido si dissolve completamente).
    1. Applicare la soluzione di pulizia ad ogni punta del perno immergendo la spazzola pin (fine) nella soluzione di pulizia pin-tip e spazzolando la superficie di ogni punta del perno.
      NOTA: La soluzione di pulizia a pin-tip è corrosiva e tossica. Assicurati di indossare guanti e occhiali di protezione in qualsiasi momento quando si utilizza questa soluzione. Il contatto con i pin nella soluzione di pulizia pin-tip per più di qualche minuto può provocare danni permanenti del perno.
    2. Riempire il bagno ad ultrasuoni con 1 L di acqua distillata e inserire i perni in un rack galleggiante per la pulizia del perno nel bagno. Sonicare per 5 min e rimuovere i perni. Lasciare asciugare e strofinare delicatamente con salviette speciali in camera pulita.
  5. Aprire la stampa "Microarray Manager"Software; Al set di connessione, la spia della stampante si accende (rosso / verde). Premere "Stop" | "Cancella" | "Init" ( Figura 7B supplementare , passaggi 1-3); Il braccio della testa di stampa ripristina gli allineamenti X, Y, Z.
  6. Per caricare i perni nella testina di stampa, premere "Carica" ​​( Figura 7B supplementare , passaggio 4) e inserire i perni nella testina di stampa in base alla configurazione definita del layout dell'utensile di stampa / pin ( Figura 7C supplementare ); Questo layout utilizza 4 piedini, ciascuna stampa 4 sotto-array su ogni diapositiva per ottenere complessivamente 16 sotto-array per diapositiva ( Figura 1A supplementare ). Dopo aver posizionato i perni, premere nuovamente "Init".
  7. Montare le diapositive sul ponte di allestimento. Aprire la scatola di scorrimento e pulire ogni diapositiva soffiando gas di azoto ultra-alta purezza. Inserire il numero di diapositive desiderato sulla piattaforma di array. Tenere le diapositive con due dita negli angoli inferiori e quindi posizionare la diapositiva nella suaposizione. Tenere i due angoli di destra e spingere leggermente gli angoli sinistro finché la diapositiva non si adatta perfettamente alla sua posizione. Spingere leggermente verso l'angolo sinistro per assicurare una tenuta salda ( figura supplementare 7D ).
  8. Pulire il vetro pre-blocco con acqua distillata, etanolo al 70% e etanolo al 100% e lasciar asciugare all'aria (utilizzare solo salviette a secco). Posizionare il vetro pre-blocco nella sua posizione sul ponte.
  9. Riempire un bagno del sonicatore ( Figura 7B supplementare ). Premere su "Fill" per 55 secondi, quindi premere "OK". Scollegare il sonicatore facendo clic su "Drain" per 20 secondi e quindi premendo "OK". Ripetere il riempimento e drenare ancora una volta e riempire di nuovo per 55 s.
  10. Riempire il bagno di lavaggio ( Figura 7B supplementare ): premere "Primo" per 40 secondi, quindi premere "OK".
  11. Posizionare la piastra da 384 pozzetti con i campioni aliquotati nella sua posizione sul ponte di allestimento e rimuovere il coperchio del parafilm.
  12. Al termine della stampa, svuotare la vasca del sonicatore ( Figura 7B supplementare ) e spegnere l'umidificatore.
  13. Lasciare che le diapositive si asciugino sul ponte dell'array per 16-24 ore senza umidificazione.
  14. Immettere le diapositive con una penna di marcatura resistente al solvente / alcool e conservarle in una scatola sigillata sotto vuoto al buio.

5. Elaborazione e sviluppo delle matrici

  1. Estrarre una scivolata dalla scatola sigillata sotto vuoto e metterla in un cappuccio chimico per 5 minuti, allineato verso l'alto, per evaporare l'eccesso di liquido.
  2. Scansiona la diapositiva al guadagno più alto (950 PMT) per assicurare che tutti i punti siano stati stampati.
  3. Procedere con il blocco chimico dei gruppi epossidici sullo scivolo
    1. Preparare 50 ml di soluzione di blocco di etanolamina (0,1 M Tris-HCl, pH 8 e 0,05 M etanolamina). Mescolare 140 ml di DIW con 8,8 ml di Tris-HCl (1,7 M, pH 8) e 0,45 ml di etanolammina (16,6 M). Trasferimento a un 5Tubo di colorazione da 0 mL ( Figura 8A supplementare ) e caldo a 50 ° C.
    2. Idrata la diapositiva. Posizionare la diapositiva in un tubo di colorazione riempito con DIW, coprirlo con una pellicola e incubare per 5 minuti con scossa lenta e dolce a RT.
    3. Bloccare i gruppi epossidici reattivi sulla diapositiva. Immergere il vetrino nel tubo di colorazione da 50 ml riempito con soluzione di bloccaggio di etanolamina pre-riscaldata, coprire con la pellicola e incubare per 30 minuti con scossa lenta e dolce a RT.
    4. Scartare la soluzione di blocco dell'etanolamina nell'apposito contenitore per i rifiuti biologici e posizionare il vetrino in un nuovo tubo di colorazione pulito riempito di 50 ° C DIW. Coprire con la pellicola e incubare per 10 minuti con scossa lenta e dolce a RT.
    5. Scartare l'acqua e trasferire le diapositive su un supporto per la colorazione di vetro ( Figura 8B supplementare ). Posizionare il supporto di verniciatura in vetro in un supporto di piastra oscillante e centrifughi asciugare la slitta per 5 minuti a 200 xg e RT.
  4. Impostare un divisore e procedere con il blocco biologico.
    1. Posizionare la diapositiva su un divisore da 16 pozzetti ( Figura 8C supplementare ).
    2. Preparare la soluzione di lavaggio PBST: 50 ml di soluzione fisiologica tamponata (PBS), pH 7,4 + 0,1% di Tween-20.
    3. Preparare la soluzione di blocco biologico (PBS-OVA): 5 ml di PBS, pH 7,4 + 1% di ovalbumina di pollo (10 mg / ml).
      NOTA: La scelta del reagente bloccante è fondamentale per il successo della rilevazione di anticorpi anti-Neu5Gc. L'ovalbumina è fatta in polli che, come gli umani, non possono sintetizzare Neu5Gc, causando una mancanza di espressione di questa Sia. Per la rilevazione di Neu5Gc, anche i contaminanti minori possono ridurre notevolmente la sensibilità del saggio, a volte anche non riescono a rilevare alcuna reattività anti-Neu5Gc. Ad esempio, il reagente bloccante più comunemente usato, l'albumina del siero bovino (BSA), sebbene non glicosilato da solo, contiene contaminanti IgG bovini che trasportano le parti Neu5Gc e quindi competono conI glicati stampati quando si legano al campione con anticorpi anti-Neu5Gc 19 , 20 .
    4. Prewet i pozzetti. Utilizzando una pipetta multipli, aggiungete 200 μL di PBST nei pozzetti, posizionarli in una camera umida coperta e agitare per 5 min.
      NOTA: La camera di umidità è un vassoio di vetro con una carta bagnata bagnata, ricoperta di involucro di nylon e foglio per proteggere i campioni dalla luce.
    5. Rimuovere il PBST facendo scorrere e toccare delicatamente su un tovagliolo di carta pulito ed aliquota di 200 μL di buffer di bloccaggio PBS-OVA in ciascun pozzetto. Posizionare in una camera umida e incubare per 1 h a RT con una leggera scossa.
  5. Preparare la rilevazione primaria diluita in buffer di blocco PBS-OVA, come indicato nella Tabella 2 .
    NOTA: Per la valutazione del controllo di qualità di questo microarray sialoglycan, utilizzare diverse proteine ​​leganti Sia: Sambucus nigra lectin (SNA), isolata dalla corteccia di sambuco, dovrebbe riconoscere Sia &# 945; 26; Si prevede che Maakia Amurensis Lectin II (MALII) riconoscerà Siaα23; E il polio anti-Neu5Gc IgY è atteso riconoscere tutti i Sialoglycans contenenti Neu5Gc. Inoltre, utilizzare vari campioni di sera umani per profilare la risposta IgG anti-Neu5Gc. La concentrazione di lectine / anticorpi / sere deve essere calibrata sperimentalmente.
  6. Far scivolare il buco di blocco PBS-OVA asciutto e aggiungere 200 μL di anticorpi primari per pozzetto (volume minimo per pozzetto: 70 μL), incubare in una camera umida per 2 h.
  7. Flick asciugare il rilevamento primario e lavare 4 volte con PBST (tra il 3 ° e 4 ° lavaggio, incubare la diapositiva in PBST per 5 minuti nella camera umida). Lavare una volta con PBS.
  8. Preparare l'anticorpo secondario in PBS, come indicato nella Tabella 2 .
  9. Flick asciugare il PBS e aggiungere 200 μL di anticorpo secondario. Incubare per 1 h a RT con agitazione.
  10. Flick asciugare l'anticorpo secondario e lavare quattro volte con PBST (tra il 3Rd e 4 ° lavaggio, incubare la slitta in PBST per 5 minuti nella camera umida).
  11. Rimuovere con cautela il telaio e posizionare le diapositive in un tubo di colorazione per diapositive di 50 ml riempito con PBS e agitare per 5 min.
  12. Riempire due bagni di verniciatura a scorrimento ( Figura supplementare 8D ) con DIW, posizionare la diapositiva nel supporto di scorrimento e immergerlo all'interno del bagno. Immergere rapidamente 10 volte e poi passare al secondo bagno e immergere altri 10 volte. Incubare per 10 minuti a RT con agitazione.
  13. Scartare l'acqua e trasferire la diapositiva su un supporto per la colorazione di vetro ( Figura 8B supplementare ; lasciare scivolare l'aria in aria). Posizionare il supporto di colorazione in vetro in un supporto di piastra oscillante e centrifugare asciugare lo scivolo per 5 minuti a 200 g e RT.
  14. Scansiona la diapositiva e poi lo memorizzi in una scatola sigillata sotto vuoto al buio.

6. Analisi di array e analisi dei dati

  1. Aprire lo scanner fluorescente a scorrimento e lasciarlo caldo per 5 min. Apri ilLa scansione e l'analisi del software.
  2. Impostare i parametri di scansione ( Figura 9A supplementare ): scansione a 532 nm e potenza del 100% con guadagno di 350 PMT, con una linea in media e una posizione di messa a fuoco 0 μm. Utilizza una risoluzione di 10,0 μm pixel.
    NOTA: I parametri di scansione possono essere regolati su diversi tipi di diapositive, fluorescenza e risoluzione.
  3. Scansiona la diapositiva sviluppata. Aprire la porta dello scanner e posizionare la diapositiva all'interno, con l'array rivolta verso il basso. Avviare la scansione (verde "Play" sul menu del pannello di navigazione del software, Figura 9B supplementare ).
  4. Salvare le diapositive scansionate come file tiff.
  5. Preparare la diapositiva per l'analisi. Seleziona "Carica l'elenco di matrici" e carica il file GAL appropriato che elabora gli array in ogni blocco sulla diapositiva ( Figura 9C supplementare ).
    NOTA: il file GAL contiene informazioni relative all'identità e alla posizione (X, Y) di ciascun punto della diapositiva. Questo file può essere creatoDal software della stampante che esporta un file di testo delimitato da tabulazioni basato sulle identità dei campioni nella piastra di origine dei 384 pozzetti e il disegno di stampa definito.
  6. Impostare i parametri di allineamento e di analisi. Premere il pulsante "Opzione" nel menu del pannello di navigazione del software ( Figura 10 supplementare ).
  7. Definire i parametri di allineamento. Trova funzioni circolari, ridimensiona le funzioni durante l'allineamento con il 50 - 350%, il movimento delle funzioni limite fino a una traduzione massima di 40 μm, le funzionalità che non soddisfano la soglia di sfondo (soglia CPI 0), stimano l'avvolgimento e la rotazione quando si trovano blocchi e automatizzano la registrazione delle immagini (10 pixel) ( Figura 10 supplementare ).
  8. Definire i parametri di analisi: rapporto W1 / 532, deviazione standard normale, analisi delle funzioni assenti e sottrazione subacquea. Fai clic su "select" e quindi "Media locale di sfondo" e imposta 2 pixel da escludere e una larghezza di 3 pixel di sfondo. Premere "OK". SeT il livello di saturazione dello scanner a default ( Figura 10 supplementare ).
    NOTA: Il metodo di sottrazione di sfondo dipende dal disegno sperimentale e può essere modificato in base alle esigenze specifiche.
  9. Allinea le mappe delle funzionalità. Impostare il programma in modalità blocco (premere "B"), selezionare tutti i blocchi (Ctrl + A), posizionare le griglie di mappe di array e allineare tutti i blocchi (Alt + Shift + F7) ( Figura 11 supplementare ).
  10. Raffinare l'allineamento delle funzioni in ogni blocco. Zoom (premere "Z" per entrare in modalità zoom) nel blocco superiore sinistro, premere di nuovo "B" (modalità blocco) e premere la griglia di questo blocco. Spostare solo la griglia di questo blocco finché non si allinea perfettamente con i blocchi e premere F5 per allineare le funzioni in questo blocco selezionato. Ripetere il movimento della griglia e l'allineamento F5 finché i punti non sono perfettamente cerchiati. Fai lo stesso per ognuno dei 16 blocchi fino a quando tutte le griglie sono in atto.
  11. Analizzare e salvare i dati. Seleziona tutti i blocchi (Crtl +A) e quindi analizzare i dati (Alt + A). Salvare i risultati dell'analisi (Ctrl + U) come file .prpr.
  12. Aprire il file.gpr salvato in un programma di fogli di calcolo e analizzare l'intensità di ciascun spot sulla base della fluorescenza dopo la sottrazione di sfondo locale (F532-B532).

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Representative Results

Stampa, sviluppo e analisi di array:

La stampa di un microarray di sialoglycan con più campioni di glicina e curve di IgG di IgG in 16 blocchi differenti richiede una calibrazione approfondita per garantire che tutti i campioni siano stampati in modo uniforme possibile in tutti i 16 blocchi per diapositiva ea tutte le diapositive nella stessa stampa. Pertanto, sono necessari esperimenti di calibrazione multipli prima di determinare i parametri di stampa specifici, compresa la composizione del tampone per ciascun tipo di campione, tipo di scivolamento e fabbricazione, tipo di piastra da 384 pozzetti, livelli di umidità, volume di campionamento nella piastra di 384 pozzetti, quantità di pre -prestazione per ogni tipo di campione, concentrazioni della curva di IgG STD umana e tipo di marcatore. La durevolezza di tali diaframmi stampati di sialoglycan è stata validata per durare fino a 10 mesi in una scatola sigillata sotto vuoto al buio a temperatura ambiente. In ogni esperimento di stampa, l'uniformità èUlteriormente monitorati e convalidati attraverso esperimenti di controllo di qualità usando lectine e anticorpi leganti Sia. I protocolli di sviluppo e di scansione erano stati ottimizzati per ottenere uniformità e precisione confrontando campioni all'interno e tra diapositive dalla stessa stampa. Le diapositive sono sviluppate con il divisore da 16 pozzetti, che assicura la corretta separazione tra i blocchi, utilizzando condizioni ottimali di blocco (chimico e biologico), lavaggi e tempi di incubazione. Il rilevamento primario e secondario era stato ampiamente tarato per garantire il massimo rilevamento con sfondo minimo e legame non specifico. Dopo la scansione e l'analisi delle diapositive, i risultati dell'output sono stati trasferiti in un file di fogli di calcolo e sono stati analizzati per determinare la rilevazione in ogni punto. Ogni punto è stato sottoposto a un controllo di outlier e viene omesso se non ha raggiunto il controllo QC (se il% CV è> 20 e il punto è fuori dall'intervallo di una deviazione standard lontano dalla media dei quattro replicati). Quindi, l'intensità media del segnaleR la sottrazione di sfondo locale è stata calcolata per i punti replicati per campione per generare il relativo punto di unità di fluorescenza (RFU) per campione stampato. Una volta che l'uniformità delle curve di IgG STD è stata validata in tutti i blocchi sperimentati, i valori RFU sono stati normalizzati in ng / μL IgG, consentendo la possibilità di confrontare meglio campioni all'interno e tra gli esperimenti.

Sia-vincolante Saggio ad alta capacità:

Gli array di Sialoglycan possono essere utilizzati per rilevare determinanti ( ad es. Proteine, lectine, anticorpi, virus, ecc. ) Che legano i glicanti contenenti Sia. Per il controllo della qualità dopo la stampa, le lectine di pianta Sia-binding e anti-Neu5Gc IgY sono utilizzate 19 . SNA lega α2-6-linked Sia, MALII lega α2-3-linked Sia e anti-Neu5Gc IgY lega Sialoglycans contenenti Neu5Gc, ma non lega Neu5ASialicani 19 contenenti c, come mostrato nella Figura 2A . L'esperimento di QC mira a convalidare la stampa spot e l'identità e la mancanza di variabilità tra i blocchi stampati utilizzando i quattro diversi pin. La variabilità da blocco a blocchi viene monitorata sviluppando quattro blocchi per ogni rilevazione primaria per diapositiva e confrontando i blocchi stampati con ciascuno dei quattro pin con la stessa unità di rilevazione primaria. È poi fatto un confronto per assicurare che non siano presenti grandi differenze.

I sera umani contengono diversi anticorpi anti-Neu5Gc 6 con implicazioni per varie malattie umane 2 , 21 , 22 , 23 . Per valutare il riconoscimento di sialoglycan nel sera IgG umano, 12 sera da donatori umani sani sono stati analizzati sul microrganismo stampato sialoglycanOarray e sviluppato utilizzando IgG anti-umano etichettato con fluorescenza ( Figura 2B ). Ogni blocco stampato contiene una curva di IgG STD umana che è paragonabile ed omogenea in tutti i blocchi ( Figura 2C ). Solo dopo aver convalidato la qualità delle curve STD in ciascun blocco ( Figura 2C ) i risultati dei punti di glico normalizzati in base alla pendenza del blocco e poi moltiplicati per il fattore di diluizione. Come mostrato nella Figura 2B , tutti i sieri umani testati contengono vari livelli di IgG anti-Neu5Gc, con quasi nessun riconoscimento delle coppie abbinate di Sialoglycans contenenti Neu5Ac. Inoltre, i modelli di riconoscimento IgG anti-Neu5Gc sono molto diversi tra questi 12 differenti sieri, sia a livello di intensità che di diversità.

Figura 1
Figura 1: PanoramicaDella stampa, dello sviluppo e dell'analisi delle matrici. ( A ) Neu5Gc9Acα2-6GalNAcαProNH2 è mostrato come un rappresentante Neu5Gc-contaente Sia glicano, con una ammina primaria che viene stampata su vetrini epossidiche. ( B ) Le matrici stampate sono sviluppate con varie proteine ​​Sia-binding, seguite da rilevazione con un appropriato anticorpo secondario etichettato con fluorescenza. Ogni sotto-array può essere sviluppato individualmente. ( C ) La scansione della diapositiva in uno scanner a fluorescenza genera un'immagine che viene ulteriormente analizzata utilizzando il software dell'immagine scanner. Le sotto-array sono sovrapposte con una griglia che traccia ogni punto sugli array e la fluorescenza rilevata per ogni punto. I risultati vengono quindi trasferiti in un foglio di foglio di calcolo. Una singola matrice in un singolo pozzetto è rappresentata schematicamente. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

figura 2
Figura 2: Profili di Microarray di Sialoglycan utilizzando varie proteine ​​Sia-binding.
Le diapositive sono state sviluppate con 16 diverse unità di rilevamento primario, una in ogni blocco. ( A ) Rappresentante 3 blocchi di una diapositiva di QC che mostra i modelli di legame delle lectine Sia e MALII delle piante specifiche Sia e polio mono-specifici pollo anti-Neu5Gc IgY. I risultati sono presentati come RFU in formato heatmap per ogni singolo blocco (rosso, bianco e blu, che rappresenta il 100 °, 50 ° e 0 ° percentile, rispettivamente). ( B ) 12 sani umani sani diversi sono stati testati ad una diluizione 1: 100 e rilevati con IgG anti-huamn per profilare la reattività anti IgG IgG. I dati RFU sono stati normalizzati a ng / μL dividendo ogni valore con la pendenza della curva di IgG STD in ciascuna blE quindi moltiplicato per il fattore di diluizione. I dati sono rappresentati in formato heatmap per tutti i blocchi combinati (rosso, bianco e blu, che rappresenta te 100 °, 50 ° e 0 ° percentile, rispettivamente). ( C ) curve IgG umane di STD dei 12 blocchi sviluppati con sieri umani che erano stati utilizzati per normalizzare i dati. Clicca qui per visualizzare una versione più grande di questa figura.

Glycan ID Struttura
1 Neu5,9Ac 2 α3Galβ4GlcNAcβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
2 Neu5Gc9Acα3Galβ4GlcNAcβO (CH 2 ) 2 CH 2 </ Sub> NH 2
3 Neu5,9Ac 2 α6Galβ4GlcNAcβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
4 Neu5Gc9Acα6Galβ4GlcNAcβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
5 Neu5Acα6GalNAcαO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
6 Neu5Gcα6GalNAcαO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
7 Neu5,9Ac 2 α3Galβ3GlcNAcβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
8 Neu5Gc9Acα3Galβ3GlcNAcβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
9 Neu5,9Ac 2 α3Galβ3GalNAcOO (CH 2 ) 2 CH 2 NH 2
10 Neu5Gc9Acα3Galβ3GalNAcαO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
11 Neu5Acα3Galβ4GlcNAcβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
12 Neu5Gcα3Galβ4GlcNAcβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
13 Neu5Acα3Galβ3GlcNAcβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
14 Neu5Gcα3Galβ3GlcNAcβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
15 Neu5Acα3Galβ3GalNAcαO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
16 2) 2 CH 2 NH 2
17 Neu5Acα6Galβ4GlcNAcβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
18 Neu5Gcα6Galβ4GlcNAcβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
19 Neu5Acα6Galβ4GlcβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
20 Neu5Gcα6Galβ4GlcβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
21 Neu5Acα3Galβ4GlcβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
22 Neu5Gcα3Galβ4GlcβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
23 Neu5,9Ac 2 α6GalNAcαO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
24 Neu5Gc9Acα6GalNAcαO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
25 Neu5Acα3GalβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
26 Neu5Gcα3GalβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
27 Neu5Acα6GalβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
28 Neu5Gcα6GalβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
29 Neu5,9Ac 2 α3GalβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
30 2) 2 CH 2 NH 2
31 Neu5,9Ac 2 α6GalβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
32 Neu5Gc9Acα6GalβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
33 Neu5Acα3Galβ3GalNAcβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
34 Neu5Gcα3Galβ3GalNAcβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
35 Neu5,9Ac 2 α3Galβ3GalNAcβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
36 Neu5Gc9Acα3Galβ3GalNAcβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
Neu5,9Ac 2 α6Galβ4GlcβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
38 Neu5Gc9Ac6Galβ4GlcβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
39 Neu5,9Ac 2 α3Galβ4GlcβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2
40 Neu5Gc9Ac3Galβ4GlcβO (CH 2) 2 CH 2 NH 2

Tabella 1: Elenco dei Glycani stampati.

Primario secondario Anticorpo / Lectina Concentrazione di riserva Specificità Diluizione / concentrazione di lavoro
Rilevamento primario Biotinilata-MALII 1 mg / ml Acido sialico in collegamento α2-3 1:50, 20 μg / mL
Biotinilata-SNA 2 mg / ml Acido sialico in collegamento α2-6 1: 100, 20 μg / mL
Pollo anti-Neu5Gc IgY ND Neu5Gc Acido Sialico 1: 7.000
Serum umano 100% Numerosi epitopi 1: 100
Rilevamento secondario Cy3-streptavidina 0,75 mg / ml biotina 1: 500, 1,5 μg / ml
Cy3-anti Chicken IgY 0,75 mg / ml Pollo IgY 1: 2.000, 0.375 μg / mL
Cy3-anti IgG umano H + L 0,6 mg / ml HumaN IgG 1: 1.500, 0.4 μg / mL

Tabella 2: Elenco delle proteine ​​di rilevazione primaria e secondaria.

Figure aggiuntive: Fare clic qui per scaricare questo file.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Discussion

Una fabbricazione di microarray di glycan di successo richiede una pianificazione attenta e comprende diversi passaggi importanti nel protocollo. Questi includono: (1) pianificare i layout di blocco e piastre che definiscono tutti i parametri successivi ( ad esempio, distanze, spaziatura, quantità di campioni e stampa); (2) pulire i perni e garantire l'integrità del perno, che è fondamentale per controllare l'omogeneità spot; (3) mantenendo l'alta umidità durante la stampa, cruciale per evitare l'evaporazione del campione durante lunghe prove, che potrebbero compromettere l'omogeneità spot; (4) selezionare i parametri di allineamento e analisi corretti, che possono influenzare i risultati ( ad esempio, il metodo di sottrazione di sfondo, la soglia e la flessibilità di dimensione dello spot).

Il metodo può essere ulteriormente modificato per soddisfare specifici progetti sperimentali e obiettivi. Ad esempio, il numero di pre-spotting può essere modificato per meglio adattarsi a ogni tipo di materiale da stampare sull'array. La fase di lavaggio del perno durante la fase di lavaggioLa stampa può essere ottimizzata per adattarsi a diversi materiali stampati, con brevi o prolungati cicli di lavaggio. Inoltre, la quantità di macchie di una pin stampata per dip può essere modificata per includere più o meno punti ma richiede una calibrazione separata per ogni tipo di materiale utilizzato nell'array. Il tipo di marcatore di fluorescenza e la sua concentrazione possono essere modificati, purché contenga il gruppo chimico appropriato per la coniugazione (ad esempio, amina primaria per diapositive rivestite in epoxy). Le concentrazioni e le tipologie di curve STD possono essere estese ( ad esempio, umano / topo / altro organismo IgG, IgM, IgA, ecc .). Le condizioni del buffer possono essere ottimizzate per adattarsi a materiali diversi, preferibilmente privi di materiali con l'ammina primaria per evitare il legame non specifico all'array, che potrebbe causare un maggior livello di background. Importante, per il rilevamento ottimale di Neu5Gc, il reagente biologico bloccante deve essere esente da Neu5Gc ( ad esempio, evitare il latte BSA), in quanto ciò può ridurre il rilevamento di NeoglGc-sialoglycan e iNcrease background 19 , 20 . Le concentrazioni di rilevazione primaria e secondaria devono essere ottimizzate per evitare elevati livelli di sfondo e legame non specifico. Inoltre, i parametri di scansione ( ad esempio, potenza, guadagno e risoluzione) possono essere modificati per ridurre lo sfondo o migliorare i segnali bassi. Infine, i parametri di allineamento e di analisi possono essere modificati in modo da adattarsi ad alti livelli di sfondo oa caratteristiche diverse. Ulteriori informazioni e linee guida per quanto riguarda gli standard raccomandati per la segnalazione di dati di microarray glycan sono stati recentemente descritti dall'iniziativa MIRAGE 17 , che possono eventualmente facilitare la condivisione dei dati e l'interpretazione.

In sintesi, i microarray di glico forniscono uno strumento robusto per indagare le interazioni glycan-biomolecule e possono essere adattate a vari campioni biologici. Gli anticorpi anti-Neu5Gc svolgono diversi ruoli nella malattia umana 23 . Ad esempio, nel cancro, Gli anticorpi anti-Neu5Gc svolgono ruoli duali: da un lato, servono come potenziali biomarcatori, ma dall'altro servono come terapie potenziali 7 , 21 , 24 . Questi anticorpi contribuiscono anche all'esacerbazione dell'aterosclerosi 25 , all'efficacia del xenotrapianto 20 , 26 e all'effetto delle bioterapie glicosilate 27 . Pertanto, la profilazione degli anticorpi anti-Neu5Gc in vari campioni umani è di crescente interesse, e i test ad alto rendimento, come quello descritto qui, possono contribuire a favorire la nostra comprensione dei loro ruoli nella salute umana e nelle malattie.

Subscription Required. Please recommend JoVE to your librarian.

Disclosures

Gli autori non hanno nulla da rivelare.

Acknowledgments

Questo lavoro è stato sostenuto in parte da un premio per la ricerca della carriera di ricerca del Fondo Israel Cancer Research, una sovvenzione dell'Iniziativa Nazionale di Nanotecnologia Israeliana e della Helmsley Charitable Trust per un'Area Tecnologica Focale sulle Nanomedicine per la Theranostics Personalizzata (VP-K) e National Istituti di Salute concedono una sovvenzione R01GM076360 (a XC).

Materials

Name Company Catalog Number Comments
Primary-amine containing sialoglycans Glycohub, Inc., Davis, CA, USA (http://www.glycohub.com/services) Contact info@glycohubusa.com for compound requests Printed glycans
Monosodium phosphate monohydrate Sigma S9638 Printing buffer component
Disodium phosphate heptahydrate Sigma S9390 Printing buffer component
Phosphate buffered saline Hy-Labs BP-507/500D Printing buffer/ incubation/washing buffer
Tris-base Sigma T1503 Slide blocking reagent
Glycerol Sigma G-7893 Printing buffer component
Ethanolamine Thermo-Fisher Scientific 0700/08 Slide blocking reagent
Ovalbumin (Grade V) Sigma A5503 Slide Blocking protein
Tween-20 Sigma P7949 Slide washing detergent
Alexa 555-Hydrazide Thermo-Fisher Scientific A20501MP Marker on array
ChromPure Human IgG, whole molecule Jackson Immunoresearch 009-000-003 Printing component
Biotinylated- SNA Vector Laboratories B-1305 Plant Lectin – binding Sia-alpha2–6-linked
Biotinylated-MALII Vector Laboratories B-1265 Plant Lectin – binding Sia-alpha2–3-linked
Chicken-anti Neu5Gc IgY BioLegend 146903 Primary detection
Cy3-Streptavidin Jackson Immunoresearch 016-160-0848 Biotin binding
Cy3-anti Human IgG Jackson Immunoresearch 109-165-088 Secondary detection against human IgG
Cy3-anti Chicken IgY Jackson Immunoresearch 703-165-155 Secondary detection against chicken IgY
Human sera samples Israeli Blood Bank Primary detection
Compressed Nitrogen (Grade 5) General dusting/drying tool
Epoxy-coated slides Corning 40044 Slides
Epoxy-coated slides PolyAn 2D 104-00-221 Slides. In this type of slides the surface is more hydrophobic (compared to Coring slides) therefore the glycans Print Buffer would need to be supplemented with 0.005% Tween-20 to obtain 100 µm size spots.
384-well microtiter plate Genetix 2070 Printing plate
VWR lab marker VWR 52877-310 Slide labeling
Staining Tube ArrayIt MST Slide developing tool
Staining bath VWR 25608-904 Slide developing tool
Slides glass holders VWR 631-9321 Slide developing tool
GenePix Scanner Molecular devices 4000B Slide scanner
LM-60 NanoPrinter ArrayIt LM-60 Array printer
Pins ArrayIt 946MP3 Printing pins
ProPlate Module Grace Bio-Labs P37004 Slide developing module
Distilled water Bio-Lab 2321020500 Required for arrayer and humidifier
Electronic Multi Pippete, 8 Channel , volume range 2-125 μL Thermo-Fisher Scientific (Matrix) MA-2131 Impact2 Equalizer 384 Multi pippete for sample dispansing into 384-well plate

DOWNLOAD MATERIALS LIST

References

  1. Padler-Karavani, V. Aiming at the sweet side of cancer: Aberrant glycosylation as possible target for personalized-medicine. Cancer Lett. 352, (1), 102-112 (2014).
  2. Amon, R., Reuven, E. M., Leviatan Ben-Arye,, Padler-Karavani, S., V, Glycans in immune recognition and response. Carbohydr Res. 389, 115-122 (2014).
  3. Häuselmann, I., Borsig, L. Altered tumor-cell glycosylation promotes metastasis. Front Oncol. 4, (2014).
  4. Tangvoranuntakul, P., et al. Human uptake and incorporation of an immunogenic nonhuman dietary sialic acid. Proc Natl Acad Sci USA. 100, (21), 12045-12050 (2003).
  5. Bardor, M., Nguyen, D. H., Diaz, S., Varki, A. Mechanism of uptake and incorporation of the non-human sialic acid N-glycolylneuraminic acid into human cells. J Biol Chem. 280, (6), 4228-4237 (2005).
  6. Padler-Karavani, V., et al. Diversity in specificity, abundance, and composition of anti-Neu5Gc antibodies in normal humans: potential implications for disease. Glycobiology. 18, (10), 818-830 (2008).
  7. Padler-Karavani, V., et al. Human xeno-autoantibodies against a non-human sialic acid serve as novel serum biomarkers and immunotherapeutics in cancer. Cancer Res. 71, (9), 3352-3363 (2011).
  8. Cao, H., Chen, X. General consideration on sialic acid chemistry. Methods Mol Biol. 808, 31-56 (2012).
  9. Deng, L., Chen, X., Varki, A. Exploration of sialic Acid diversity and biology using sialoglycan microarrays. Biopolymers. 99, (10), 650-665 (2013).
  10. Liang, C. H., Hsu, C. H., Wu, C. Y. Sialoside Arrays: New Synthetic Strategies and Applications. Top Curr Chem. 367, 125-149 (2015).
  11. Song, X., Heimburg-Molinaro, J., Smith, D. F., Cummings, R. D. Glycan microarrays of fluorescently-tagged natural glycans. Glycoconj J. 32, (7), 465-473 (2015).
  12. Muthana, S. M., Gildersleeve, J. C. Glycan microarrays: powerful tools for biomarker discovery. Cancer Biomark. 14, (1), 29-41 (2014).
  13. Rillahan, C. D., Paulson, J. C. Glycan microarrays for decoding the glycome. Annu Rev Biochem. 80, 797-823 (2011).
  14. Heimburg-Molinaro, J., Song, X., Smith, D. F., Cummings, R. D. Preparation and analysis of glycan microarrays. Curr Protoc Protein Sci. 12, (10), (2011).
  15. Park, S., Gildersleeve, J. C., Blixt, O., Shin, I. Carbohydrate microarrays. Chem Soc Rev. 42, (10), 4310-4326 (2013).
  16. Struwe, W. B., et al. The minimum information required for a glycomics experiment (MIRAGE) project: sample preparation guidelines for reliable reporting of glycomics datasets. Glycobiology. 26, (9), 907-910 (2016).
  17. Liu, Y., et al. The minimum information required for a glycomics experiment (MIRAGE) project: improving the standards for reporting glycan microarray-based data. Glycobiology. (2016).
  18. Hara, S., Yamaguchi, M., Takemori, Y., Furuhata, K., Ogura, H., Nakamura, M. Determination of mono-O-acetylated N-acetylneuraminic acids in human and rat sera by fluorometric high-performance liquid chromatography. Anal Biochem. 179, (1), 162-166 (1989).
  19. Padler-Karavani, V., et al. Cross-comparison of protein recognition of sialic acid diversity on two novel sialoglycan microarrays. J Biol Chem. 287, (27), 22593-22608 (2012).
  20. Padler-Karavani, V., Varki, A. Potential impact of the non-human sialic acid N-glycolylneuraminic acid on transplant rejection risk. Xenotransplantation. 18, (1), 1-5 (2011).
  21. Samraj, A. N., et al. A red meat-derived glycan promotes inflammation and cancer progression. Proc Natl Acad Sci USA. 112, (2), 542-547 (2015).
  22. Pearce, O. M., Läubli, H. Sialic acids in cancer biology and immunity. Glycobiology. 26, (2), 111-128 (2016).
  23. Alisson-Silva, F., Kawanishi, K., Varki, A. Human risk of diseases associated with red meat intake: Analysis of current theories and proposed role for metabolic incorporation of a non-human sialic acid. Mol Aspects Med. 51, 16-30 (2016).
  24. Pearce, O. M., et al. Inverse hormesis of cancer growth mediated by narrow ranges of tumor-directed antibodies. Proc Natl Acad Sci USA. 111, (16), 5998-6003 (2014).
  25. Pham, T., et al. Evidence for a novel human-specific xeno-auto-antibody response against vascular endothelium. Blood. 114, (25), 5225-5235 (2009).
  26. Reuven, E. M., et al. Characterization of immunogenic Neu5Gc in bioprosthetic heart valves. Xenotransplantation. 23, (5), 381-392 (2016).
  27. Ghaderi, D., Taylor, R. E., Padler-Karavani, V., Diaz, S., Varki, A. Implications of the presence of N-glycolylneuraminic acid in recombinant therapeutic glycoproteins. Nat Biotechnol. 28, (8), 863-867 (2010).

Comments

0 Comments


    Post a Question / Comment / Request

    You must be signed in to post a comment. Please or create an account.

    Usage Statistics